-2°

STORIA

Caporetto, il disastro che portò alla riscossa

Il colpo d'ariete sul fronte avvenne con l'artiglieria e il lancio di gas

Caporetto, il disastro che portò alla riscossa
Ricevi gratis le news
0

L’XI battaglia dell’Isonzo (agosto 1917) s’era conclusa con un leggero progresso italiano. Intendiamoci: non una vittoria, solo qualche aggiustamento di prima linea. La situazione s’era calmata, tanto che nella testa di tanti militari di truppa s’era diffusa l’idea che, tutto sommato, andava bene così. Incombevano l’autunno e la stagione fredda, presagi d’una tregua di fatto, almeno sino a primavera.

Già in quel momento, la guerra aveva «consumato» circa mezzo milione di vite umane, oltre a un numero maggiore di feriti, sparsi per gli ospedali di tutto il Nord. Alcuni, quelli meno gravi o quelli che necessitavano di lunghe e difficili riabilitazioni, erano arrivati addirittura in Toscana e in Piemonte. Invece, il destino ci stava preparando la peggiore delle sorprese. Che non avrebbe dovuto essere una sorpresa, almeno per gli alti comandi, alla testa dei quali c’era il maresciallo Luigi Cadorna, piemontese di Pallanza sul lago Maggiore. Infatti, il fronte dell’Est, dopo la dissoluzione dell’impero russo, era risultato vincente per le potenze centrali (Germania, impero austro-ungarico e alleati) che avevano conquistato con tecniche innovative Riga, dilagando nei paesi baltici. Truppe ben temprate dalla guerra, galvanizzate dal successo sul difficile terreno del confronto con i soldati russi (fallita l’offensiva voluta dal governo Kerenskj), erano ora pronte ad affluire in Italia per rafforzare lo schieramento austriaco che aveva saputo contenere le spinte italiane, tutte realizzate con la sanguinosa tecnica del «logoramento». All’alba, precedute dall’artiglieria, le truppe, al richiamo dei fischietti degli ufficiali uscivano dalle proprie trincee e correvano verso le linee nemiche.

La prima schiera era di certo abbattuta dalle mitraglie, sicché c’erano pronte una seconda e una terza schiera, che si facevano largo sui cadaveri dei commilitoni prima di fare le stessa medesima fine. Gli italiani (51 divisioni contro 19 austriache) s’erano attestati rimanendo, però, uno schieramento offensivo. Credevano che li aspettasse una lunga tregua non dichiarata. Occorre dire che, mentre francesi, inglesi, tedeschi e austriaci avevano organizzato turnazioni rapide (i soldati rimanevano in prima linea due o tre giorni per essere poi sostituiti), gli italiani affrontavano periodi di almeno di due settimane, in condizioni terribili, visto che non c’erano servizi igienici e la trincea era il luogo nel quale si mangiava, si dormiva e si facevano i bisogni.

Rappresentazione questa che ben segnala quale fosse l’atteggiamento dei comandi nei confronti di coloro che, malauguratamente a ragione, venivano definiti «carne da cannone». Finché non arriva il fatale 23 ottobre. Il nostro comando annuncia che «truppe tedesche combattono con quelle austriache sul fronte italiano». E in effetti 7 divisioni del Reichsheer s’erano aggiunte alle austroungariche (diventate nel frattempo 26) costituendo la XIV Armata. Proprio quel 23 inizia l’offensiva. Era stata preceduta da una ricognizione del maresciallo Otto von Below, l’ufficiale tedesco che aveva preso in mano il comando del fronte italiano. Era stato accompagnato dal tenente Erwin Rommel, uno specialista delle nuove tattiche belliche fondate sul «movimento» (che si contrapponevano e rendevano inefficace il trinceramento e la guerra di posizione). Avevano deciso che l’offensiva si svolgesse su più linee contemporaneamente. A contrastarli la II Armata, al comando del generale Luigi Capello, schierata a semicerchio convesso e quindi estremamente vulnerabile nei lati (quello montano e quello vallivo).

Il colpo d’ariete si consumò contro Plezzo e Tolmino utilizzando l’artiglieria e il lancio di gas. Qui la concentrazione delle forze (imprevista dai nostri) fu invertita, creando la superiorità numerica dei nemici: 15 divisioni del nemico ne affrontarono 6 italiane. In poche ore, non più di 16, si ebbe la rotta degli italiani aggrediti su quattro direttrici: gli attaccanti dilagarono nella pianura friuliana. Molti gli errori. Il primo, operato da Capello, l’artiglieria a ridosso della prima linea.

Lo sfondamento isolò i cannoni che, poi, dovettero essere abbandonati al nemico. Nella zona di Tolmino, sotto il XXVII corpo d’armata al comando di Pietro Badoglio, si verificò uno degli sfondamenti principali: molte le accuse rivolte al discusso generale. Le accantoniamo: la sconfitta ha pochi genitori. Va detto che la sciagurata rotta di Caporetto fu, alla fine e nonostante tutto, una grande prova di forza nazionale.

Armando Diaz succeduto a Cadorna alla testa delle forze armate adottò una linea ragionevole, individuando nel Piave il luogo sul quale attestarsi per bloccare l’avanzata del nemico. Dopo lo sbandamento e il terrore, infatti, gli italiani – con l’aiuto di 6 divisioni francesi e di 5 britanniche, affluite in prima linea in meno di dieci giorni- seppero ritrovare in se stessi la forza di riorganizzarsi e di resistere, preparando la rivincita e, infine, la vittoria. Il crogiolo nel quale si dissolsero tante vite umane, definito dal papa Benedetto XV «l’inutile massacro», doveva continuare ad ardere. Ma Caporetto fu una battaglia perduta. Solo una battaglia.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

La laurea di Valentina: ecco chi c'era alla festa

PGN

La laurea di Valentina: ecco chi c'era alla festa Foto

Nadia Toffa

Nadia Toffa

TELEVISIONE

Nadia Toffa racconta i momenti del malore. Stasera in onda alle "Iene"

Fedez in piazza Garibaldi. Ma per non più di 9mila

capodanno

Fedez in piazza Garibaldi. Ma per non più di 9mila

14commenti

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Torta di stelline

LA PEPPA

La ricetta natalizia - Torta di stelline

Lealtrenotizie

Un uomo cl 54, tratto in arresto per il reato di atti persecutori

salsomaggiore

Perseguita l'ex convivente e le incendia l'auto: arrestato 63enne

IL FIDANZATO

«Giulia, sei stata il mio cielo stellato»

INCIDENTI

Frontale sulla provinciale per Medesano: due feriti, uno è grave

Aveva 52 anni

Addio a Filippo Cavallina

Cordoglio in città e nella Valtaro per l'improvvisa scomparsa

1commento

dopo l'alluvione

Don Evandro: "A Lentigione la luce ha vinto sulle tenebre: grazie volontari!"

Il dopo alluvione

Colorno, in via Roma sarà un Natale al freddo

WEEKEND

La domenica ha il sapore dei mercatini. Natalizi, ovviamente L'agenda

carabinieri

Altre 37 dosi fiutate dal cane antidroga nei cespugli di viale dei Mille

8commenti

salute

Oculistica, premiata la ricerca targata Parma

Gara

La grande sfida degli anolini

2commenti

San Polo d'Enza

Spaccate a tempo di record: altri 4 colpi "intestati" alla banda, uno a Montechiarugolo

Centro storico

Giardini di San Paolo tra chiusure e rifiuti

3commenti

calcio

Contro il Cesena il Parma deve accontentarsi

Al Tardini il primo 0-0 dell'anno

MAGGIORE

Ematologia, nuovi laboratori per la ricerca sulle staminali

FIDENZA

Città in lacrime per Andrea Amadè

LUTTO

Busseto ha perso il dolce sorriso di mamma Chiara: aveva 41 anni

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Le cose della vita (e quelle del palazzo)

di Michele Brambilla

CHICHIBIO

«Trattoria I Du Matt», cucina parmigiana di qualità

di Chichibio

2commenti

ITALIA/MONDO

correggio

Intervenne per sedare una lite e venne "pestato": 6 denunciati

il caso

La salma di Vittorio Emanuele III è arrivata a Vicoforte Foto

SPORT

nuoto

Europei, bis d'oro dell'Italia: prima Dotto e poi Orsi

FORMULA 1

Gunther Steiner: «Dallara Haas, piccoli progressi»

SOCIETA'

STATI UNITI

Ultimo volo del Boeing 747: tramonta l'era del jumbo

IL DISCO

Guerre stellari tra solennità e disco music

MOTORI

NOVITA'

Alpine A110 Premiere Edition, risorge un marchio storico

DUE RUOTE

La prova: Ducati Multistrada 1260