15°

Arte-Cultura

Bargnòcla e il suo papà

Bargnòcla e il suo papà
0

 di Egidio Bandini

 

Caro pubblico, io vi devo salutare, perché mi hanno ingaggiato per un grande spettacolo meraviglioso, dove mi pagano bene. Io vi lascio tutti, e questi qui con me vanno avanti per loro conto, ormai sono già bravi e vanno loro. Mi vogliono da solo, è quello il bello. Sarò un protagonista e un signor protagonista, perciò io adesso vi devo lasciare. Là sarà un grande spettacolo, e io penso, chissà, che molta gente verrà pure ad assistere». 
Questo diceva Italo Ferrari il 19 gennaio 1961 ai suoi bambini, che lo seguivano sempre in quel teatrino a due passi dalla chiesa dell’Annunciata, nel cuore di Parma vecchia, in occasione del suo ultimo spettacolo: «I due anelli magici». Morirà il 9 marzo e, fra poco, saranno cinquant’anni. Burattinaio e poeta, Italo Ferrari era uomo di grande cultura, che superò una vita dura e seppe imporsi al pubblico attraverso un lungo lavoro di affinamento, sia dei personaggi che dei testi, spesso tratti anche da famose opere teatrali. Figlio di contadini, Italo nacque a Fossa di Roccabianca, anche se in una sua lettera si legge: «Il 27 aprile del 1877 feci il mio ingresso nel mondo. La  mia famiglia di contadini abitava nel villaggio di Casalfoschino, in quel di Sissa, nella provincia di Parma». 
Costretto dal padre a fare il ciabattino, ben presto il giovane Ferrari scoprì l’amore per il teatro di figura, seguendo gli apettacoli di Arturo Campogalliani, ma le prime esibizioni, con un teatrino di fortuna e le maschere fatte di carta incollate in qualche modo sui paletti che serivano a sostenere le viti, non furono certo entusiasmanti, così Italo decise di dover imparare il mestiere e si mise a seguire Francesco Rimini Campogalliani, il grande burattinaio che spopolava con Sandrone e Fasolino nelle piazze e nei teatri dell’Emilia. Da Campogalliani Ferrari imparò talmente bene, da diventare il suo erede e continuarne le fortune, decidendo di camminare con le proprie gambe o, meglio di volare «con le mie ali», come amava ripetere. Nel 1914 creò la sua maschera più famosa: Bargnòcla, ispirandosi al suo primo datore di lavoro, Vladimiro Favalesi, il ciabattino o, meglio, il «cibàc» dell’Oltretorrente che era soprannominato Bargnoclòn. 
Erano infatti le maschere, i personaggi il vero capolavoro di Italo e di suo figlio, le «teste di legno» che nascevano dalle loro stesse mani, come ripeteva Giordano Ferrari: «Prima le creo in creta, poi le scolpisco con i caratteri somatici caricaturali, come attraverso una lente deformante. Si passa poi a preparare il costume studiando i toni di colore in modo che non stonino con quelli degli altri pupazzi, cercando così di creare un mosaico il più perfetto possibile. A ciò va aggiunta la cosa più importante: la voce». Voce che per Italo Ferrari era anche poesia: questi sono i versi conclusivi di una delle sue ultime composizioni in dialetto parmigiano: «Mo c’la vaga la rasa in’do la vol – serchémma ‘d fär dal ben e d’jopri bon’ni – godemës col mond chi in fin ch’as pol – e quand gnirà la fén dil nostri lon’ni – con l’amor ch’jaremma pianté ded sà – a faremma ‘l vias pù ben pr’ander ded’là – ecco, la rasa dal temp la va, la va. Se ne vada, la lancetta dove vuole – cerchiamo di far del bene e opere buone – godiamoci questo mondo finché possiamo – e quando arriverà la fine delle nostre lune – con l’amore che avremo coltivato di qua – faremo meglio il viaggio per passare di là – ecco, la lancetta del tempo va e va». Rimane da sottolineare che il Museo Giordano Ferrari – Castello dei burattini, sorto a Parma negli anni 2000, che ospita la collezione di burattini, marionette, copioni, manifesti e diari, raccolti da Giordano e Gimmi Ferrari nel corso di tanti anni, è la struttura museale più visitata della città. Quindi, in occasione del cinquantesimo anniversario della morte di Italo Ferrari, occorrerà dare il giusto valore a questa tradizione culturale del teatro di figura e della parmigianità, magari con un altro grande Festival dei burattini, come quello che si è visto per le strade di Parma l’estate scorsa e accantonando definitivamente l’idea, di cui si è sentito parlare in questi mesi, di trasferire in periferia il Castello dei burattini. Lasciamo Bargnòcla e compagnia in città: è lì che devono stare, come stavano nel teatrino accanto all’Annunziata, per continuare a divertire ed incantare i bambini di tutte le età, compresi quelli con i capelli bianchi. Perché, amava ripetere Italo Ferrari: «Finché ci saranno bambini, ci saranno i burattini!». 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

«Leone di Lernia, non mollare»

E' grave

«Leone di Lernia, non mollare»

Canale 5, Ceccherini abbandona l'Isola dei Famosi

Foto Ansa

isola dei famosi

Ceccherini litiga con Raz Degan e se ne va. Televoto: sms risarciti

1commento

Velluto rosso

VELLUTO ROSSO

Il rugby irrompe in scena. E arriva il "bello" Sergio Muniz

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Il Carnevale della Pappa

LA PEPPA

Ricette in video: Nodini dell'amore per carnevale Video

di Paola Guatelli

Lealtrenotizie

Chiede i soldi all'ex amante per non pubblicare foto "compromettenti": 28enne parmigiana patteggia

Estorsione

Chiede soldi all'ex amante per non pubblicare foto "compromettenti": 28enne parmigiana patteggia

Marche

Due parmigiane fra le macerie per salvare le opere d'arte: "Situazione inimmaginabile"

Giustizia

Tar in via di estinzione? I ricorsi calano del 20% all'anno Video

Intervista: Sergio Conti, presidente del Tar di Parma, fa il punto nel giorno dell'apertura dell'anno giudiziario

2commenti

Allarme

Quei 40 bambini «scomparsi» dalle classi

6commenti

Parma

La Corte dei Conti contesta a Pizzarotti la nomina del Dg del Comune

Lo ha annunciato il sindaco su Facebook: "Esposto di un esponente dei Pd. Sono tranquillo"

2commenti

PARMA

Si fa prestare lo scooter e scippa tre anziane: arrestato giovane indiano

Una delle vittime, cadendo, è finita al Maggiore con il bacino fratturato e oltre un mese di prognosi

5commenti

Bassa

Furti a Mezzano Superiore: nel mirino anche l'asilo e il circolo Anspi Video

Il caso

Rifiuti e videopoker nel parco

L'INCHIESTA

Maxi traffico di auto, chiesti 88 rinvii a giudizio

il caso

Legionella, nuovo incontro pubblico alla Don Milani

La trasmissione di TvParma "Lettere al direttore" seguirà l'evento

1commento

parma calcio

Parma, lotta di nervi col Venezia. Lucarelli: "Attenzione alla Feralpi" Video

TG PARMA

Corniglio: un tir resta bloccato fra le case Video

Sicurezza

A Pilastro spuntano i dossi

15commenti

tg parma

Pesticidi nel Po: dati preoccupanti, trovate anche sostanze proibite

Pubblicato un dossier Ispra

parmense

Commercialista dalla vita agiata ed evasore totale: incastrato dalla Finanza

10commenti

Sindacato

Cgil Parma, gli iscritti superano quota 76.000

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Le deprimenti liti dei politici

11commenti

EDITORIALE

L'avventura di un giorno senza telefonino

di Patrizia Ginepri

ITALIA/MONDO

TARANTO

Assolto dall'accusa di omicidio: scarcerato dopo 20 anni

METEO

In arrivo pioggia e temporali nel fine settimana

SOCIETA'

ALIMENTAZIONE

Frutta e verdura: 10 porzioni al giorno per salvare 7,8 mln di vite l'anno

Fotografia

Scatti al bar per impersonare... la quotidianità

SPORT

Calcio

I play-off di Lega Pro: ecco come funzionano

Mondiali

Sci nordico: Pellegrino vince l'oro

MOTORI

ALFA ROMEO

Stelvio, il Suv del Biscione. Da 50.800 euro Video

motori

Ecco Stelvio, il primo suv Alfa Romeo Video