-5°

Arte-Cultura

Quando l'etica irrompe nella vita

Quando l'etica irrompe nella vita
0

Laura Ugolotti
Che cosa sarebbe successo se alle 19.35 del 9 febbraio 2009 Eluana Englaro si fosse svegliata? Ve lo siete mai chiesti? Se lo è chiesto Stefano Sgambati, giovane scrittore romano, che di mestiere «fa» il giornalista e dalla risposta che si è dato è nato un racconto, «Il Paese bello», che è diventato anche il titolo del suo primo libro (Intermezzi editore, 156 pag, 11 euro).
Non è una risposta scientifica la sua, e d’altra parte Sgambati non è uno scienziato. Anzi probabilmente nulla è più lontano della scienza dal suo modo di leggere la vita. E' una risposta che è narrazione; surreale - ma neanche tanto - e catastrofica ipotesi di come avrebbe potuto reagire l’Italia davanti ad un simile evento. Ricorda un po' le novelle di Rodari, la capacità di Sgambati di dare vita a personaggi strani, a dialoghi fuori dalle righe; eppure, leggendo «Il Paese bello», si ha l’impressione che la realtà non sia poi così lontana. E nel «Paese bello», che è l’Italia in cui oggi viviamo, in cui - come negarlo? - i valori si sono completamente capovolti, si affacciano al davanzale della riflessione morale  sette temi: frustrazioni legate alla ripetitività della vita quotidiana, omosessualità, dipendenza, violenza, corruzione, disoccupazione, religione intesa come lente di ingrandimento sui problemi etici. Sette aspetti del nostro tempo che Sgambati snocciola così, come fossero grani di un rosario, in altrettanti racconti. Bazzecole, cosucce da niente; solo i temi cruciali dell’esistenza. Amore, morte, sesso, religione. Temi universali che Sgambati tratta in punta di piedi - ma mai in modo superficiale - e tuttavia lasciando impronte ben definite. Con i suoi sette racconti ci intrappola in un labirinto in cui si mescolano «non senso» e quotidianità; ci conduce per mano, senza mai essere invadente, e ci racconta il suo - uno dei tanti, uno dei possibili - punto di vista sull'Italia e sugli italiani.
Lo fa con un’ironia sottile e mai banale; con un cinismo tanto utile e pratico quanto macchiato di una sensibilità fuori dall’ordinario, con uno stile che trasuda un talento forse non ancora arrivato al suo apice, ma sicuramente promettente.
Lo fa in modo sapiente, utilizzando la parola giusta al momento giusto; gioca con la grammatica e il dizionario come un esperto prestigiatore con i trucchi di scena. «Mi sollevai pure io e ci ritrovammo seduti sui due bordi del letto, dandoci le spalle nella penombra del giorno fatto da poco». Lo fa con un’amarezza che di politicamente corretto ha davvero poco, ma non rinuncia a strapparci un sorriso, e ci lascia intendere che, forse, anche dal peggiore dei finali è possibile imparare qualcosa. Tra le pagine de «Il Paese bello» si può trovare di tutto. C'è lo spazio per arrabbiarsi, per scuotere la testa in segno di resa, per innamorarsi, per commuoversi, per ridere e per interrogarsi.
Tra le pagine de «Il Paese bello» si può trovare lo stesso paradosso che c'è tra la vita e morte, tra la razionalità e la passione, tra la rassegnazione e l’ottimismo (ma non dite a Stefano Sgambati che è un ottimista: vi risponderebbe che non è vero, e forse ha ragione). Tra le pagine de «Il Paese bello» c'è anche tanto del cuore dello scrittore; un cuore che a tratti, tra un respiro e l’altro, si mette a nudo e spostando l’inquadratura ci racconta un po' di sé. Tra un racconto e l’altro, infatti, Sgambati ha inserito degli «intermezzi»: scritture personali ripescate dal suo vecchio blog «Noartri.net» (ormai chiuso) che, da una parte, ci permettono di prendere fiato prima di iniziare una nuova storia e, dall’altra, ci conducono in un mondo parallelo, altrettanto ricco di spunti. Il tormento dell’irrisolvibile - per molti - cubo di Rubik, il sorriso di Meg Ryan in «Harry ti presento Sally», il suicidio di David Foster Fallace, «celebrato», con la lettura dei suoi racconti, da tre amici barricati dietro ai vetri appannati di una macchina, in una sera di fine estate. Pezzi di vita che, come acuti, arricchiscono la sinfonia.
«Il Paese bello» è stato pubblicato già da diversi mesi e di recente Sgambati ha trovato il modo di pubblicare il suo secondo libro, «I bar di Roma», edito da Castelvecchi. Di strada ne ha fatta, in questo periodo,  e probabilmente ancora ne farà. Ma «Il Paese bello» è una tappa importante che  meritava di essere segnalata.
Il Paese bello - Intermezzi, pag. 156,11,0
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Rigopiano: Charlie Hebdo, nuova (brutta) vignetta. Con risposta

polemica

Rigopiano: Charlie Hebdo, nuova (brutta) vignetta. Con risposta

"Cold Chairs": un inno alla vita"!

musica

Bataclan, da Collecchio l'omaggio dei "The Lemon Flavour" Video

Edoardo Bennato: «Sono sia Peter Pan che Capitan Uncino»

Intervista

Edoardo Bennato: «Sono sia Peter Pan che Capitan Uncino»

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Velluto rosso

VELLUTO ROSSO 

Prosa e Lirica, risate e emozioni a teatro: il meglio della settimana

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

«Eri la mia vita». Lo strazio dei familiari

La morte di Filippo

«Eri la mia vita». Lo strazio dei familiari

TESTIMONIANZA

«Preso a calci e pugni per divertimento»

Weekend

Una domenica tra musica e fuoristrada: l'agenda

La storia

Rocco e Giulia, salumieri a Innsbruck

TRAFFICO METEO NEWS

Buongiorno Parma!

Traffico-Meteo-News: tutte le informazioni utili prima di uscire di casa

PEDEMONTANA

Polizia municipale, multe in aumento

GRANDE FIUME

Il Po in secca? Attrazione per i turisti

Protezione civile

I volontari parmigiani al lavoro nelle Marche

Lega Pro

Parma tra novità e cerotti

Cinema

Caschi made in Parma per «Alien»

Langhirano

Filippo, le lacrime e il colore dei ricordi sulla bara bianca

2commenti

bedonia

Violenze sul padre per anni, arrestato un 40enne Video

commozione

Langhiranese: un minuto di silenzio per Filippo Video

commemorazione

Il liceo Bertolucci si prende per mano: "Ciao Filippo"

elezioni

Pizzarotti, è ufficiale: "Mi ricandido" Video . Dall'Olio si ritira: "Sostengo Scarpa"

13commenti

Polemica

«Sulla legionella ci hanno preso in giro»

4commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

La neve, le parole e gli Uomini

EDITORIALE

Trump, il presidente del «Prima l'America»

di Paolo Ferrandi

ITALIA/MONDO

Stati Uniti

Una marea rosa contro Trump invade le città americane Video

Libia

Tripoli: autobomba vicino all'ambasciata italiana

WEEKEND

CINEMA

Da "Arrival" a "Qua la zampa": i film della settimana Video

IL DISCO

Avalon, un sound sofisticato e una copertina leggendaria

1commento

SPORT

sport

Il Coni premia i suoi campioni parmigiani: le foto

Sport Invernali

Il cielo è azzurro a Kitzbühel: Paris fa l'impresa

MOTORI

IN PILLOLE

Dacia Sandero Stepway
model year 2017

ANTEPRIMA

Rivoluzione Micra: Nissan cambia tutto