17°

32°

Arte-Cultura

Un eroe della guerra ai briganti

Un eroe della guerra ai briganti
Ricevi gratis le news
0

Giuseppe Martini

Taverna Acinello era dogana delle transumanze nel tratturo dell’alta valle del Sauro, un pugno di chilometri a nord di Aliano: una chiostra di colline basse fa da scorta agli ulivi che un tempo furono dei principi Colonna e oggi si affacciano a ciuffi sulla strada, quando non è lo zoccolo di una montagnola a far da parapetto muschioso. Per il resto il cielo è largo e larghi i campi coltivati, la collina argillosa e tutt'altro che impraticabile, ma aspra e brulla che se speri di cavarci un nascondiglio ti viene da rimpiangere la pianura. O meglio, loro, i briganti di questa fetta di Lucania, sapevano trovare la caverna tagliata nel tufo o la selva giusta per imboscarsi e far la posta ai soldati sprovveduti dell’esercito piemontese mandati allo sbaraglio a sistemare una resistenza contadina manipolata da troppi interessi. I loro avversari non la sapevano ancora così lunga. Ed è in quell'ansa del Sauro che il 10 novembre 1861 cadde la prima vittima dell’esercito piemontese nella lotta contro il brigantaggio, Icilio Pelizza, un ragazzo di Parma, figlio di un orefice di Strada San Francesco (ora via Bixio), con i crismi dell’eroe riconosciuto dagli stessi avversari: un "valoroso capitano che animava i suoi bravi piemontesi colle parole e coll'esempio" annoterà anni dopo nella propria autobiografia il capo del brigantaggio lucano, Carmine Crocco detto Donatello, "il terrore di Basilicata", spalle immense, cappellaccio alto, barbone nero e occhi roventi. E da eroe avrebbe voluto morire Pelizza che, conscio di guidare una truppa sparuta e reduce da cento chilometri a piedi da Melfi a Stigliano, la sera prima aveva giurato di non volere cader vivo nelle mani dei briganti "o saprò morire come si conviene". Di quei soldati inesperti del terreno, Pelizza era il comandante. Al fonte battesimale aveva ricevuto un nome che era già un programma di vita, Icilio Epaminonda Fermo Libero Severo, a tredici anni si era iscritto al Collegio Militare ducale diventando sottotenente dell’esercito ducale nel 1853, dopo la recrudescenza disciplinare seguìta ai fatti del '48, e luogotenente dell’esercito piemontese nel 1859, passando l’anno dopo a capitano con il 62° reggimento, di stanza a Napoli e poi a Benevento, da dove provenne il richiamo contro le scorrerie delle bande di Crocco e dei suoi luogotenenti Caruso, Tortora, Coppa e Ninco Nanco, che infestavano il Materano.
La loro tecnica era sempre la stessa: attacco improvviso ai palazzi dei signorotti di paese, che venivano saccheggiati e incendiati, talvolta rapendo qualche riccastro a scopo di estorsione; gli altri, se non erano scappati, venivano uccisi con crudeltà. Dopo aver colpito Trivigno, Calciano e Garaguso, la banda di Crocco era scesa fino a Salandra, dove il giovedì prima aveva bruciato vivo il nobile Celerino Spaziante e sbaragliato un centinaio di piemontesi, con il supporto di una parte del popolino. Molti cittadini erano del resto convinti che i briganti non altro facessero che combattere quei da sempre odiati proprietari terrieri supportati da un governo ora ancora più lontano che aveva introdotto leggi inique. A loro volta nelle file del brigantaggio si radunavano com'è noto uomini dalle più disparate storie e finalità, contadini e pastori, preti apostati, avventurieri, evasi, ex militari borbonici, tutti delusi dal nuovo governo sabaudo che secondo loro non faceva che perpetrare lo stato di ingiustizia sociale del disastrato regime borbonico. Il risultato fu il fenomeno complesso che solo da pochi anni si è cominciato ad acquisire con maggior consapevolezza critica in termini d’inconciliabile alterità con la cultura del nuovo Stato. Anche Crocco aveva una storia del genere. Già incarcerato per aver ammazzato un tizio che voleva violentare sua sorella, era scappato di galera, sperando in un futuro migliore si era messo prima con i garibaldini e poi con i briganti. Si era così trovato a capo di non meno di quattrocento uomini, ai quali si era aggiunto da qualche settimana l’agitatore catalano José Borjes, ex partigiano antinapoleonico spedito dal Comitato Borbonico di Marsiglia per sostenere la lotta antipiemontese. Gli avevano detto che avrebbe trovato un esercito disciplinato e soldi per organizzare la resistenza, trovò invece un brigante, Crocco, che lottava per sopravvivere e non aveva intenzione di lasciargli il comando delle truppe. I due divergevano per metodi e finalità di lotta. Tanto che secondo Giordano Bruno Guerri nel suo recente studio sul brigantaggio non fu Crocco, come si è sempre detto, ma il "generale" Borjes a mettere a punto la tattica d’attacco ai bersaglieri e fanti piemonesi che la mattina del 10 novembre 1861 si erano riuniti a Corleto Perticaria con la Guardia Nazionale: gli uomini di Ninco Nanco mettono in fuga la Guardia e gli altri circondano il resto del reggimento, che indietreggia al Mulino di Acinello. A quel punto, rischiando il tutto per tutto, Pelizza ordina lo sfondamento alla baionetta. Fu il più aspro corpo a corpo nella guerra al brigantaggio. Nicola Chiaramonte, ex Guardia Nazionale, dirà anni dopo che Pelizza menò colpi disperati con sciabola e revolver. Ce la stava quasi facendo.Divergenti le fonti sul modo in cui morì. Poco importa cioè che sia stato Borjes a sparargli in fronte o un brigantello sedicenne strisciato fin dietro a un cespuglio a piazzargli un proiettile di un’oncia e mezzo in petto, come scriverà Crocco. Pelizza era ormai un eroe del Risorgimento: per lo storiografo Eugenio Massa "morì incuorando i soldati", un’immagine improbabile che sa di teatro d’opera, ma di certo, come usavano fare i briganti, gli venne staccata la testa come trofeo. Sarà proprio Borjes a frenare l’accanimento sulle salme e a ordinarne la riconsegna alle autorità di Corleto per il riconoscimento: "abbiamo ucciso quaranta individui, tra i quali un luogotenente che è morto da eroe". Nel cavo di una quercia a Montepiano fu trovata la sua sciabola, che Chiaramonte donò al Comune di Parma. Il Comune a sua volta inserirà più tardi il nome di Pelizza in una lapide a ricordo dei caduti del Risorgimento sul pilastro sud-ovest dei Portici del Grano. Nel dicembre 1861 a Corleto Perticara furono ricomposti i resti del capitano, morto da eroe a ventinove anni e mezzo precisi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Biciclette e corsie per gli autobus: il «carosello» dei segnali stradali

la curiosità

Biciclette e corsie per gli autobus: il «carosello» dei segnali stradali

2commenti

Rinoceronte ancora in finale al Talent Show "Eccezionale veramente"

tg parma

Rino Ceronte ancora in finale al talent show "Eccezionale veramente" Video

La D’Urso in barca con Gerard Butler: è amore?

gossip

La D’Urso in barca con Gerard Butler: è amore?

Notiziepiùlette

Samuele Turco suicida in carcere
delitto san prospero

Samuele Turco suicida in carcere

Ultime notizie

Arriva Guidolin ed è festa

SPECIALE PARMA

L'ultima B: arriva Guidolin ed è festa

di Alberto Dallatana

Lealtrenotizie

Ecco Lorena, Miss Parma 2017

IL CONCORSO

Ecco Lorena, Miss Parma 2017

24enne, barista, viene da Borgotaro

Ospedale

Bimba di 8 mesi inala pezzo di peperoncino: intervento salvavita al Maggiore

La piccola, residente nel Reggiano, è stata operata da Maria Majori

1commento

anteprima gazzetta

Perché il caso Turco fa ancora discutere

Allarme truffe anche al supermercato

pinzolo

Parma, prime indicazioni anti-Bari per D'Aversa Video

Dopo due amichevoli alcuni giocatori hanno dimostrato di essere già in forma

parma

Schiaffi e pugni per rubare la borsetta a una 29enne: nigeriano arrestato

7commenti

baganzola

Terzo furto al Pronto Carni, in azione tre uomini dell'Est Video

1commento

montechiarugolo

Pronti a colpire, arrivano i carabinieri: ladri in fuga nei campi

omicidio di natale

Delitto di San Prospero, per Alessio Turco probabile rito abbreviato Video

allarme

Il garante: "Carcere di Parma, 2 suicidi in 3 mesi"

2commenti

La relazione

Per la perizia Turco non si voleva suicidare

MADREGOLO

Torneo Bruno Ollari: senza arbitro si gioca meglio. E non si litiga

via Anselmi

E' fuori pericolo la 60enne ustionata in via Anselmi - Video: dentro l'appartamento distrutto

IL CASO

Colorno, bravate notturne in piscina. E scattano le denunce

cantiere

Al via in agosto la riqualificazione di piazza della Pace

4commenti

tv parma

Corsa al rettorato: Maria Careri, chimica, è la sesta candidata Video

RITROVAMENTO

Lungo le rive del Po spunta pure la testa di un bisonte

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL CASO

Samuele Turco, la tragedia e la pietà Video-editoriale

di Michele Brambilla

3commenti

EDITORIALE

Salso, l'avvenire non è dietro le spalle La risposta del sindaco

di Paolo Ferrandi

ITALIA/MONDO

MAFIA CAPITALE

Carminati lascia via Burla: trasferito in carcere Oristano

Monte Argentario

La comandante dei vigili spara al figlio 17enne ucidendolo e poi si toglie la vita

SPORT

nuovi acquisti

Dezi: "Per me è importante avere la fiducia del Parma" Video

mondiali nuoto

Pazzesca Pellegrini, impresa in rimonta: è oro. "Vorrei fare la velocista" Foto

SOCIETA'

Spettacoli

Angelina Jolie rompe il silenzio su Brad Pitt Video

SONDAGGIO

Da bagolón a bagolone: come cambia il dialetto dei giovani

1commento

MOTORI

anniversario

Pajero One/Hundred, Mitsubishi festeggia il secolo di vita

il video

Tutto in 44 secondi: un’intervista a 300 km/h sulla nuova Jaguar XJR575 Video