14°

Arte-Cultura

Lager e olocausto: orrore dietro casa

Lager e olocausto: orrore dietro casa
0

Lisa Oppici

Mentre purtroppo vengono meno i testimoni diretti (la partigiana Mirka se n'è andata pochi giorni fa) di una stagione d’orrore da non dimenticare mai, le voci vive di anni duri di dolore, di sopraffazione, di inumanità e di morte, per fortuna la ricerca storiografica «mette nero su bianco», fissando su carta quel tempo e i suoi drammi e dando un contributo forte al mantenimento e alla trasmissione della memoria. E spesso colma, la storiografia, lacune che potrebbero anche diventare voragini, se trascurate. Va letto in questa chiave il nuovo volume di Marco Minardi, direttore dell’Istituto storico della Resistenza e dell’Età contemporanea (Isrec) di Parma, che con «Invisibili. Internati civili nella provincia di Parma 1940-1945» riempie di fatto un vuoto storiografico contribuendo (con questa come con diverse altre sue pubblicazioni) a recuperare un tassello - importante, di peso - della vicenda di quegli anni. Il volume, pubblicato da Clueb nella collana «Parma contemporanea» dell’Isrec e realizzato con il contributo della Fondazione Cariparma e dell’Assessorato al Benessere alla Creatività giovanile del Comune, sarà presentato oggi alle 17 nella Sala Conferenze dell’Isrec (vicolo delle Asse, 5) da Lorenzo Bertucelli dell’Università di Modena e Reggio Emilia. L’iniziativa, organizzata da Isrec, Comune e Provincia, rientra nel programma della Giornata della memoria 2011. «A fine luglio del 1940, poco più di sei settimane dopo la dichiarazione di guerra alla Francia e al Regno Unito, i primi prigionieri varcarono i cancelli dei due campi di concentramento per civili aperti nel Parmense, i castelli di Montechiarugolo e di Scipione di Salsomaggiore. Erano stati allestiti in tutta fretta dalla Prefettura nel corso dei mesi precedenti per accogliere, al momento dell’entrata in guerra dell’Italia, civili di nazionalità nemica e ''apolidi''». Anche il Parmense ospitò dunque campi di concentramento e luoghi d’internamento: appunto i castelli di Montechiarugolo e Scipione e, tra 1943 e 1944, una struttura all’interno del complesso termale di Monticelli, posti da cui molti partirono - spediti nei campi di sterminio e di lavoro del Reich - per non tornare più. Lì stavano uomini, donne, bambini, ebrei, cattolici, protestanti, jugoslavi e francesi, britannici e tedeschi, polacchi e italiani: persone ritenute «pericolose», forti di un antifascismo più o meno militante, ma anche cittadini stranieri confinati là solo perché «sudditi di paesi nemici», tutta gente che «anziché accoglienza, rifugio, possibilità di studiare, di lavorare, di vivere, di salvarsi dalle persecuzioni», nel nostro Paese ha trovato «un destino ingiusto di prigionia e persecuzione». Nel complesso furono almeno 1362.Minardi li cerca tutti. Li cerca e riporta quello che trova (talvolta lacerti di storie, talvolta solo nomi) provando così a far riaffiorare una porzione a dir poco dimenticata della nostra storia, mai emersa davvero dopo la fine della guerra (soppiantata da altri ricordi e da altri argomenti) e per certi versi oggetto di un’autentica rimozione. Ecco dunque una delle motivazioni forti di «Invisibili», che «mira a ricostruire un tessuto, a ripercorrere itinerari, a restituire qualche frammentaria traccia che permetta di riportare alla luce, se non nella loro originaria chiarezza, almeno nei nomi, nelle voci, nei destini, più di mille persone». Persone, gli internati civili, che «rappresentano l’invisibile sociale, la non appartenenza». Quattro anni di ricerche, molte fonti consultate: dai fascicoli personali della Questura alle lettere e alle testimonianze orali; tessere di un mosaico composito che Minardi si è fatto carico di ricostituire in primis per dare corpo a «una memoria collettiva più giusta», per gettar luce su un pezzo di storia del Parmense pressoché sconosciuto ai più. Sette capitoli densi più due elenchi preziosi, che d’ora in poi saranno punto di riferimento sul tema («Elenco degli internati civili nei campi di concentramento e degli internati liberi nella provincia di Parma, 1940-1945» e «Elenco degli ebrei italiani e stranieri arrestati nel Parmense e deportati nei campi del Reich»), in un libro che, come sempre in Minardi, parla tanto di persone, e guarda (ricostruisce) la storia attraverso le vite di uomini e donne. È una scelta precisa, che ancora una volta risulta perfetta: la scelta di una «storiografia umana». A quegli uomini e a quelle donne non solo privati della libertà ma dimenticati, cancellati, sepolti, Minardi ridà fiato e voce: accoglienza, quasi.

Invisibili. Internati civili nella provincia di Parma
Clueb/Isrec, pag. 310, € 30,00

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Velluto rosso

VELLUTO ROSSO

Il rugby irrompe in scena. E arriva il "bello" Sergio Muniz

Angelina Jolie mangia insetti con i figli

curiosità

Angelina Jolie ai fornelli: mangia insetti coi figli Video

1commento

arsenal

inghilterra

Mangia il panino in panchina. E il Sutton lo licenzia Video

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Lavagna, la droga e il troppo amore

EDITORIALE

I figli, la droga e una mamma "condannata" per troppo amore

di Carlo Brugnoli

13commenti

Lealtrenotizie

Commercialista dalla vita agiata ed evasore totale: incastrato dalla Finanza

parmense

Commercialista dalla vita agiata ed evasore totale: incastrato dalla Finanza

2commenti

vigili

Sicurezza e giovani, Noè: "Nessun allarme" Video

Nel 2016 400 interventi del Nucleo antiviolenza per tutelare donne e minori

1commento

processo aemilia

Traffico di yacht e gruppi russi: quegli incontri a Parma della 'ndrangheta Tg Parma

Scuola

Iscrizioni: scientifico e tecnici, il «sorpasso»

il caso

Legionella, domani nuovo incontro pubblico alla Don Milani

1commento

Salute

Studio Efsa: 25mila morti all'anno in Europa per la resistenza dei batteri agli antibiotici

L'Italia è fra i Paesi più a rischio

Trasporto pubblico

Busitalia ha già un nome: Mauro Piazza

11commenti

Langhirano

Bimbo di due anni cade dalla finestra

1commento

langhirano

Camion ribaltato a Cascinapiano: Massese chiusa per due ore Foto

Caritas

Parma, un «esercito» di poveri

1commento

Lega Pro

Parma, che attacco sarà senza Baraye

COSMETICA

Davines, crescita in doppia cifra

carabinieri

Collecchio, ecco come sono stati incastrati i rapinatori della Cariparma

7commenti

procura

Bryan, nato senza gambe: chiesta l'archiviazione dell'indagine per lesioni colpose

FIDENZA

Crac Di Vittorio, primi rimborsi

agroalimentare

Falsi prosciutti Dop: indagati, perquisizioni. Consorzio "Parma": "Noi parte lesa"

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Le deprimenti liti dei politici

7commenti

EDITORIALE

L'ottusa burocrazia che blocca l'Italia

di Gian Luca Zurlini

ITALIA/MONDO

Civitavecchia

Donna sparisce su una nave da crociera: fermato il marito

BIELLA

Crolla la copertura di un pilastro, muore una bambina

SOCIETA'

modena

Travestito da water, era alla guida completamente ubriaco

3commenti

Palermo

Blitz dei carabinieri, i rom rispondono cantando Bello Figo

5commenti

SPORT

RUGBY

Palazzani: "Sei Nazioni, un'emozione unica. Zebre: domenica c'è l'Ulster" Video

LEGA PRO

Parma-Samb 4-2:
il film del match Video

MOTORI

LA RIO in pillole

Nuova Kia Rio, lancio sabato 25: da 10.900 euro

SUPERCAR

Ferrari 812 Superfast,
la nuova berlinetta da 800 Cv