-2°

Arte-Cultura

Luce del Rinascimento

Luce del Rinascimento
0

Pier Paolo Mendogni

Eccolo qui il Rinascimento nel supremo ordine razionale-geometrico di Piero della Francesca e nella bellezza luminosamente spirituale del Beato Angelico: i due aspetti della manifestazione divina nel mondo (ordine e bellezza) sintetizzati in modo sublime da Melozzo da Forlì (1438-1494) che ha tradotto i fondamentali principi della Religione nelle forme della bellezza umana, assoluta e nel contempo naturale, che raggiunge l’apice con Raffaello. Questo straordinario percorso, che ha come limiti storici in Vaticano la cappella Nicolina (1450) affrescata dall’Angelico e la stanza della Segnatura di Raffaello (1511), viene posto in evidenza nella eccezionale mostra in corso ai musei San Domenico di Forlì (fino al 12 giugno) intitolata «Melozzo da Forlì. L’umana bellezza tra Piero della Francesca e Raffaello»; l’hanno curata Daniele Benati, Mauro Natali e Antonio Paolucci ai quali si deve pure il catalogo della Silvana editoriale e della Fondazione Cassa di Risparmio di Forlì. Le opere esposte sono un centinaio e fra esse giganteggia l’affresco staccato di ben 3 metri e 70 per 3,15 che Melozzo ha realizzato a Roma tra il 1476-77 (meritandosi il titolo di «pictor papalis») e che per la prima volta dopo oltre cinque secoli è uscito dal Vaticano. Un’opera importantissima non solo per la storia dell’arte ma anche per quella della Chiesa in quanto documenta l’episodio in cui il papa Sisto IV, seduto con mozzetta e camauro rossi, nel 1475 ha nominato Bartolomeo Sacchi detto il Platina - grande umanista, bibliofilo, inginocchiato davanti a lui - prefetto della Biblioteca Apostolica Vaticana; in piedi vi sono altri quattro personaggi con al centro il cardinale Giuliano della Rovere (futuro papa Giulio II) e vicino il protonotario apostolico Raffaele Riario. L’avere affidato la responsabilità della biblioteca a un laico indica l’apertura della Chiesa verso la cultura umanistica: e questo avviene in una luminosa aula porticata, coi capitelli e i lacunari incrostati di fregi dorati, nella quale campeggiano figure che hanno volumi pierfrancescani ma fisionomie ben distinte tanto da far ritenere l’affresco una «tappa fondamentale della ritrattistica pontificia rinascimentale». La fortissima personalità di Piero è prorompente all’inizio della rassegna che si apre col silenzioso e solenne «San Giuliano» illuminato di classica immensità. Capolavoro di assoluta bellezza è la «Madonna di Senigallia» (tempera ricca di componenti oleose): la Vergine al centro della stanza ha in braccio il Bimbo benedicente e ai lati due angeli; la gravità dei volumi inseriti in una scatola prospettica è mirabilmente addolcita dal fascio di luce che penetra dalla finestra, incendia i capelli di un angelo e diffonde ovunque il suo pulviscolo dorato. Nel «San Girolamo e il devoto» Piero unisce al senso dello spazio un’attenzione ai particolari di tipo fiammingo: uno spazio dilatato che ritroviamo in Paolo Uccello (Miracolo dell’ostia profanata) e che assume aspetti surreali nell’intrigante «Pala Bertoni» di un anonimo maestro romagnolo. La monumentale Sant'Eufemia del Mantegna coniuga il robusto plasticismo con il virtuosismo dello scorcio che Melozzo ha esaltato nella volta della sagrestia di San Marco della casa di Loreto, qui riproposta tridimensionalmente. I fiamminghi, invece, non usano la prospettiva geometrica ma ottengono la profondità con la descrizione minuziosa della realtà e degli ambienti e con un’attenzione particolare alla luce come appare nelle significative opere di Giusto di Gand e Berruegete. Emozionante l’accostamento tra i volti di Cristo dell’Angelico e di Melozzo: il primo scioglie la spiritualità nella luce, il secondo la concentra nell’intensità dell’espressione e degli occhi di una liquida limpidezza. Intensità che ritroviamo nel San Marco papa benedicente, efficacemente recuperato col restauro e che ha diversi punti di contatto col San Marco evangelista, sempre di Melozzo e nella stessa chiesa romana. L’evangelista melozziano è posto a confronto con quello del Ghirlandaio ricchissimo d’oggetti descritti con brillantezza calligrafica. Irresistibilmente affascinante nelle sciolte movenze e nella perfezione ovale del volto acerbo incorniciato d’oro la Giuditta di Botticelli fa ritorno a Betulia con la testa di Oloferne, portata da un’ancella, in un limpido paesaggio di un verde casto come il rametto d’ulivo che sorregge. Colori chiari che si ritrovano nel San Sebastiano di Antoniazzo Romano (negli altri dipinti usa ancora l’oro in abbondanza) e che trionfano nella meravigliosa sala dedicata a Melozzo, dove risplendono le teste degli apostoli e degli angeli musicanti: giovani dagli occhi grandi, dai capelli biondi che l’aria gonfia in boccoli sciolti nell’azzurro cobalto dell’Empireo, specchio di un divino che si è incarnato - come osserva Paolucci - «sub specie pulchritudinis». La lezione di Melozzo in Romagna è stata raccolta da Marco Palmezzano che nella squillante Madonna in trono mostra pure influenze veneziane. A Roma vengono chiamati i migliori artisti come Perugino e Signorelli: l'Annunciazione del cortonese è caratterizzata dalla serrata fuga prospettica degli archi e dal disegno che «ritaglia» le figure. Distantissime sono le due «Annunciazioni» del Perugino «alla maniera moderna» per la scioltezza dei movimenti, il respiro ampio e naturalistico del paesaggio, la tenera luminosità che avvolge le scene. Il giovane Raffaello conclude il percorso quattrocentesco mostrandosi a 17 anni (Padre Eterno, Vergine Maria) già in grado di sviluppare un linguaggio autonomo che incanta per la fresca, luminosa felicità cromatica nel «Busto d’angelo» e per l’armoniosa raffinatezza cromatica e spirituale nel San Sebastiano, che regge la freccia del proprio martirio, inserito in un morbido paesaggio lentamente degradante.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Mirante è il nuovo amore di Ludovica Valli?

Ex tronista

Mirante è il nuovo amore di Ludovica Valli?

"Butterfly", questa volta è un trionfo

Una scena della "Madama Butterfly" andata in scena ieri alla Scala

La Scala

"Butterfly", questa volta è un trionfo

Il Taro Taro  story al Marisol

Pgn

Il Taro Taro story al Marisol Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Velluto rosso 6 dicembre

VELLUTO ROSSO

Da Shakespeare a Peter Pan: gli spettacoli da non perdere a teatro

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

rogo

allarme

Sterpaglie in fiamme, rogo a Ponte Italia

Attorno alle 22

SQUADRA MOBILE

Presi due spacciatori con la pistola

4commenti

Ospedale

Reparti soppressi, allarme al Maggiore

Sono cinque le strutture coinvolte: semeiotica, ortopedia, centro cefalee e due chirurgie. E arriva la replica dell'Ospedale

4commenti

Polizia municipale

Controlli a San Leonardo: 22 multe ad automobilisti, 2 a ciclisti non in regola

Controlli anche sui veicoli: fermate 2 auto senza assicurazione e 5 senza revisione

8commenti

Anteprima Gazzetta

Truffe, ecco come difendersi Video

Un'inchiesta di due pagine sulle truffe più frequenti

Guardia di Finanza

Incassa poco ma solo per il fisco: sequestrati beni a un evasore "seriale" di Sorbolo

3commenti

Parma Calcio

Il ds Faggiano si presenta: "Voglio un rapporto vero con la squadra" Video

1commento

Calcio

LegaPro: pari del Pordenone, Venezia primo

Guarda i risultati delle partite e la classifica aggiornata

Calestano

La lite per i confini dell'orto finisce a badilate: condannata intera famiglia

1commento

Incidente

E' ancora gravissimo il rugbista ventenne investito 

SONDAGGIO

La commessa più votata? E' Giorgia

2commenti

Parma

Nuovo percorso ciclabile fra la stazione, via Trento, via San Leonardo e via Paradigna Mappe

Ecco dove passerà la pista ciclabile

8commenti

Parma

Attentato incendiario nella sede dei sindacati di base Video

Rilievi della Scientifica in via Mattei

Alta Velocità

Italo aumenta i collegamenti di Parma con la stazione Mediopadana

3commenti

collecchio-noceto

Truffa-furto del finto soccorso stradale: nuove segnalazioni

2commenti

TRASPORTI

Nuovi autobus sulla linea 7. Più grandi e con il wi-fi

I dodici mezzi sono autosnodati, lunghi 18 metri e sono costati circa 3.5 milioni

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Renzi: perché ha perso, perché può rivincere

di Michele Brambilla

13commenti

IL DIRETTORE RISPONDE

Il panino? Non famolo strano

2commenti

ITALIA/MONDO

Governo

Renzi si è dimesso

PIACENZA

Sequestrate ville e auto a due famiglie rom

SOCIETA'

GIORNALISMO

Gramellini passa dalla Stampa al Corriere

dialetto

"Io parlo parmigiano" lancia un Lunäri... da Ufo Video

SPORT

Colombia

Disastro Chapecoense: primi arresti

promozione

Il Fidenza chiama Massimo Barbuti in panchina

CURIOSITA'  

Gazzareporter

Lavori in corso sul marciapiedi di viale Mariotti

Tg Parma

A Fidenza la pista di pattinaggio su ghiaccio più grande della provincia Video