22°

34°

Arte-Cultura

Rondani, poeta garibaldino

Rondani, poeta garibaldino
0

 In questo periodo di celebrazioni per i centocinquanta anni dell’Unità d’Italia, merita un ricordo anche il nostro concittadino Alberto Rondani, poeta e 

patriota, di cui, tra l’altro, ricorre il centenario della morte, avvenuta l’11 gennaio del 1911. Le sue rime patriottiche godettero, infatti, di grande notorietà a suo tempo, per poi cadere nell’oblio, ma furono in seguito rivalutate, assieme alla figura del poeta, dai critici, fra cui i parmigiani Emilia Rizzi e Jacopo Bocchialini.
Alberto Rondani nacque nel 1846 da Emilio e Maddalena Kollenz in una casa di Piazza Grande (l'odierna Piazza Garibaldi); la sua famiglia vantava antiche origini aristocratiche; suoi parenti erano il famoso entomologo Camillo e Gian Battista, arciprete di Mezzano de' Rondani. I suoi parenti erano ferventi patrioti, tanto che ebbero diversi guai con la giustizia ducale per il loro atteggiamento liberale: ad esempio l’arciprete, dalla sua parrocchia sul Po al confine con la Lombardia, aiutava a far arrivare e distribuire manifesti mazziniani. Anche la cultura era diffusa in casa Rondani; l’entomologo Camillo si dilettava di comporre poesie in dialetto, il sacerdote scriveva inni religiosi, mentre il padre verseggiava in italiano e latino.
Cresciuto in questo clima culturale, Alberto dimostrò un talento precoce; a dieci anni venne ammesso all’Istituto di Belle Arti e contemporaneamente frequentò le scuole classiche, dove fu elogiato dal professore per la composizione di un sonetto, mentre a sedici anni arrivò secondo al premio di pittura con un disegno. Dopo avere ottenuto ottimi voti all’esame finale del Liceo, si iscrisse all’Università di Parma, uscendone però dopo pochi mesi per iscriversi all’Accademia Militare di Torino, che prometteva rapidi avanzamenti di carriera, ma ne uscì sdegnato in quanto dopo la guerra aveva prolungato i corsi per tre anni.
Nel 1869 si abilitò all’insegnamento presso l’Università di Pavia e iniziò un periodo di collaborazione come critico letterario e artistico presso la "Gazzetta d’Italia". Nel 1870 scrisse sulla Esposizione Nazionale di Belle Arti di Parma e in seguito recensì altre mostre tenutesi a Parma, Milano, Parigi, Vienna, Monaco, illustrando inoltre la pittura di artisti del tempo, come Induno, De Wittis, Michetti, Morelli. Fu nominato dapprima professore all’Istituto Tecnico di Vigevano, ottenendo poi il trasferimento all’Istituto Tecnico di Parma, mentre continuava la sua attività giornalistica con riviste quali "Nuova Antologia", "Rivista Europea", "L'Art", "L'Illustrazione Italiana" e altre. Nel 1878 venne nominato professore di letteratura e storia dell’arte al Regio Istituto d’Arte, che cercò strenuamente di difendere dalla soppressione.
 Contemporaneamente all’insegnamento si dedicava intensamente alla poesia e pubblicava varie raccolte di poesia: Versi (1871), di ispirazione zanelliana, Affetti e meditazioni (1875) di influenza carducciana, Voci dell’anima (1876 e 1883) e la fortunata serie di sonetti civili, che culminarono in Savoia e Caprera (1883-1884), e canti sparsi (1889-1906). Ebbe un successo che fece inserire sue poesie nelle antologie e molti suoi sonetti vennero tradotti in tedesco, greco, inglese e spagnolo. Tra i suoi numerosissimi scritti ricordiamo anche le raccolte Saggi di critiche letterarie (1880) e Scritti d’arte (1874). Letterariamente i suoi numi tutelari furono lo Zanella e il Tommaseo; per il Bocchialini la sua poesia discende dalla scuola del Monti, del Foscolo, mediata dal Carducci e dal Revere, da cui mutuò la forma impeccabile del sonetto. Il suo messaggio è di fede e di consapevolezza civile, unite a un romanticismo patriottico risorgimentale; fervente garibaldino, cantò l’Italia unita e fu devoto ai Savoia. 
Non riuscì però a inserirsi nelle vette della poesia nazionale, anche per il suo carattere asciutto e la manifesta insofferenza per i critici letterari; a quarantacinque anni si sposò con Giuseppina Ricci, di nobile origine come lui (il titolo di "nobile" fu sempre ambito dal Rondani), ed ebbero quattro figli, due maschi e due femmine. Da quel momento visse per la famiglia, quasi isolato, avendo come ideali la religione, la famiglia e la patria; coltivò tuttavia alcune amicizie, come quella di Onorato Occioni, che ricopri la cattedra di eloquenza all’Università di Parma da lui rifiutata in quanto non amava parlare in pubblico. Amò la solitudine: "solitudin non è stato d’amore, ma d’odio o sdegno o di malinconia, perciò col mio pensier col mio dolore vo pellegrin...".
Ebbe il culto del Manzoni, che andò a trovare poco prima che morisse: davanti al grande scrittore cadde in ginocchio, baciandogli le mani; anche la sua salute cominciò a declinare, a seguito di una nefrite. Subì un intervento chirurgico che gli salvò la vita nel 1904, ma da allora soffrì molti disturbi fisici; morì l’11 gennaio del 1911 e la municipalità espose sul palazzo del Comune la bandiera abbrunata, tributandogli inoltre solenni funerali. Fu a lui intitolato subito il piazzale dei Cappuccini, in Oltretorrente, sul quale si affacciava la casa in cui abitò dal 1861 al 1911 (una lapide lo testimonia sulla facciata).
La sua poesia purtroppo cadde nella dimenticanza, ma in seguito è stata rivalutata per il piglio risoluto e il rigore formale dei suoi sonetti, nonché per la sua severa e nobile concezione del messaggio poetico.
ANNA CERUTI BURGIO
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

La scimmia nuda balla (nell'acqua)

Mondo

La scimmia nuda balla (nell'acqua) Video

fori imperiali

degrado

Sesso (degrado) ai Fori imperiali davanti ai turisti: è polemica

Elisabetta Gregoraci al Win City fa il pieno di selfie

gossip parmigiano

Elisabetta Gregoraci al Win City fa il pieno di selfie Gallery

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Da ovest a est il meglio degli itinerari in montagna

La presentazione dei volumi in vendita in abbinamento con la Gazzetta di Parma

NOSTRE INIZIATIVE

Da ovest a est il meglio degli itinerari in montagna

Lealtrenotizie

Caldo e siccità, è allarme rosso anche nel Parmense

emergenza

Caldo e siccità, è allarme rosso anche nel Parmense Video - La mappa 

METEO

La Protezione civile E-R: "Allerta temporali per domenica"

Previsti forti precipitazioni su pianura, fascia collinare, e rilievi occidentali

ballottaggio

Parma al voto per decidere il nuovo sindaco Video: le info

corniglio

Signatico: si ribalta con la Jeep, grave un ottantenne

calcio

Il Parma si tuffa nel mercato: Faggiano punta Bianco e Piccolo. Cassano spera Video

arresto

Taccheggiatore picchia l'addetto alla sicurezza dell'Ovs per scappare

2commenti

FURTI

Ladri in azione in un'azienda di via Borsari: rubati 400kg di barre d'acciaio

fidenza

Catena di soccorsi e affetto sava un capriolo investito Gallery

traffico intenso

Autocisa: dopo una mattinata difficile, coda esaurita

Al Campus

Ladri in azione a Biologia e Fisica

3commenti

L'AGENDA

Il primo sabato d'estate da vivere nel Parmense

DUE FOSCARI

Busseto piange il ristoratore Roberto Morsia

Langhirano

I 5 stelle contro il fuoriuscito: proteste in consiglio

Fidenza

Ballotta, un restyling da 200mila euro

Suore

Due vietnamite diventano Orsoline

Lutto

Colorno piange Cadmo Padovani

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Il Parma è l'esempio per la rinascita della città

di Michele Brambilla

2commenti

EDITORIALE

Accoglienza senza limiti. Un rischio per tutti

di Francesco Bandini

1commento

ITALIA/MONDO

Ramiseto

Ciclista muore dopo una caduta nel Reggiano

Pil

Cgia: cresce il divario Nord-Sud. Nel Meridione, uno su due a rischio povertà

2commenti

SOCIETA'

il disco

“Amused to death”, ha 25 anni il disco di Roger Waters

ferrovie

Lavori sulla Bologna-Rimini, sabato 24 e domenica 25. Ripercussione sui collegamenti con la Riviera Romagnola.

SPORT

FORMULA 1

A Baku la Mercedes torna super. Le Ferrari inseguono

motori

Moto, Olanda: Zarco in pole, quarto Valentino Rossi

MOTORI

anteprima

Volkswagen, la sesta Polo è diventata grande

SERIE SPECIALE

695 Rivale Abarth: lo scorpione sullo yacht...