20°

33°

Arte-Cultura

Officina parmigiana terzo millennio - Il paesaggio è stato d'animo: Valerio Varesi

Officina parmigiana terzo millennio - Il paesaggio è stato d'animo: Valerio Varesi
Ricevi gratis le news
0

Officina Parmigiana è il termine che indica il gruppo di intellettuali di Parma negli anni '50-'60, così felicemente battezzato da Pasolini, che riconobbe in loro uno dei più vivaci movimenti poetici del secolo scorso. E da oggi gazzettadiparma.it inizia il suo viaggio nella "Officina parmigiana" del terzo millennio, ovvero nella produzione letteraria contemporanea che nasce a Parma. Un altro tassello, insieme alle recensioni che potete mandare a Yes we book  e ad altre iniziative che seguiranno, per costruire un nostro virtuale "Scaffale Parma", perchè il web - il nostro web - non vuole essere solo qualcosa di rapido e superficiale, ma ha l'ambizione di essere anche un mezzo per promuovere la cultura, e a maggior ragione quella che si lega alle nostre radici.

VALERIO VARESI

Il paesaggio è stato d’animo - di Cristina Pedretti


La nebbia fumigava irrequieta accarezzando con le sue ali grigie il parabrezza.

«Dentro la fiumana nera sembra di essere soli al mondo» rifletté Angela. «Credi che sia questo a fare paura?»

«Siamo sempre soli al mondo, ma senza esserne consapevoli. La nebbia ce lo fa solo ricordare», replicò il commissario fissando di fronte a sé.

È una filosofia amara quella del commissario Soneri, il personaggio nato dalla penna di Valerio Varesi e diventato nome noto nella narrativa gialla italiana contemporanea. Con il volto dell’attore Luca Barbareschi è stato anche presentato al pubblico televisivo nelle tre stagioni della serie “Nebbie e delitti” (in onda su Raidue dal 2005 al 2009). Eppure, come si può cogliere dalle battute qui riportate (tratte dall’ultimo romanzo di Varesi, “È solo l’inizio, commissario Soneri”, edizioni Frassinelli 2010) c’è molto più di un’indagine da risolvere e di un mistero da chiarire, nelle vicende dell’ispettore parmigiano.

Valerio Varesi (classe 1959) è nato a Torino da genitori parmensi e dall’età di tre anni è vissuto nella nostra città; si è laureato in filosofia a Bologna e ha iniziato a Parma la carriera giornalistica che lo ha portato nel 1990 a lavorare nella redazione bolognese di Repubblica. Nel ’98 esce il suo primo romanzo “Ultime notizie di una fuga” (edizioni Mobydick), ispirato alla vicenda della famiglia Carretta, in cui compare per la prima volta il personaggio di Soneri: il genere poliziesco/noir affascina Valerio, soprattutto per la valenza sociale che può assumere. Analizzando le cause di un crimine infatti, possono emergere, oltre alle problematiche dei singoli implicati, le condizioni sociali del contesto in cui tale crimine è stato compiuto, condizioni che, in una certa misura, ne hanno permesso l’attuazione. Si delinea così, attraverso le inchieste di Soneri (ambientate a Parma e zone limitrofe), il profilo di un autore profondamente innamorato della propria terra e proprio per questo deciso a criticare tutto ciò che la intacca, la cambia, la rovina.

Questa chiacchierata con Valerio Varesi si svolge ai piedi del Battistero, nel cuore di Parma, in un freddo pomeriggio di gennaio, tra biciclette che sobbalzano sull’acciottolato, voci di passanti e musiche di un nostrano artista di strada: è solo l’inizio, commissario Soneri! (vedi: video prima parte)

La nebbia è elemento costante e caratterizzante delle storie di Soneri. Questo accade perché Varesi, oltre a descrivere con cura i paesaggi nei suoi racconti, li sente come correlativo oggettivo delle emozioni dei personaggi: la nebbia è incertezza, mistero, disperazione, incapacità, paura. Nella nebbia l’uomo si confonde, perde il contatto con la realtà, è costretto ad abbandonare l’uso dei sensi (fallaci, in quanto annebbiati) e ad acuire l’intelletto, a guardare dentro di sé perché è di sé l’unica coscienza possibile. Metafora di quell’intrigo difficile da dipanare che può essere un’indagine di polizia, ma che è anche la nostra condizione umana, la nebbia che avvolge Soneri è la compagna silenziosa che insegna a diffidare delle apparenze e ad assaporare i momenti di schiarite: il buon cibo, ad esempio, nutrimento del corpo che sa rinfrancare l’anima; l’affetto di una persona cara, “anestesia dai cattivi pensieri”; ed anche la bellezza della propria città, o forse proprio lo spirito della città a cui ci si sente d’appartenere, e che resta immutato nonostante le delusioni affiorate col tempo. (vedi: video seconda parte)

Varesi sente con forza l’attaccamento a Parma, di cui ama le memorie storiche, il patrimonio culturale, le tradizioni: da giornalista (ha iniziato alla redazione della Gazzetta di Parma) ha potuto conoscere grandi personalità nostrane, a partire dal poeta Attilio Bertolucci, che ha avuto tante volte il piacere di intervistare. Il fermento culturale è ancora vivo nella nostra città, ed è importante conservare quei valori che hanno reso Parma grande nella storia; anche per questo il prossimo libro di Varesi sarà dedicato a un episodio realmente accaduto nel nostro territorio ai tempi delle lotte partigiane. Per un po’, dunque, Soneri starà a riposo; ma i paesaggi dipinti dal suo creatore si delineeranno ancora, velati di nebbia emiliana. (vedi: video terza parte)

OFFICINA PARMIGIANA TERZO MILLENNIO - Puntate precedenti:

1) PIER LUIGI BACCHINI


 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

D'Alessio-Tatangelo, "siamo in crisi"

gossip

D'Alessio-Tatangelo ammettono: "Siamo in crisi"

Fra emozioni e record: paracadutisti si lanciano da 4.500 metri nei cieli emiliani

REGGIO EMILIA

Fra emozioni e record: paracadutisti si lanciano da 4.500 metri nei cieli emiliani Foto

Ecco i tormentoni dell'estate, Despacito al primo posto

musica

Ecco i tormentoni dell'estate raccontati da Simonetta Collini Video

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Ecco la Summer Promo: la Gazzatta a soli 45cent al giorno!

ABBONAMENTO DIGITALE

Ecco la Summer Promo: la Gazzetta a soli 45 cent al giorno!

Lealtrenotizie

Schiacciato dal muletto: muore un 74enne

gaione

Schiacciato dal muletto: muore un 74enne

1commento

polizia

Trova online passaggio in auto fino a Parma: studentessa molestata

3commenti

tg parma

Identificato l'aggressore che ha colpito un 47enne a forbiciate Video

VARANO

Mangiano pollo avariato, studenti intossicati

MASSACRO

Solomon, decine di colpi sui corpi anche dopo la morte

carabinieri

Con la scusa di un selfie rapina studente in via D'azeglio: arrestato

6commenti

Inchiesta bollette

Luce, acqua e gas: storie di ordinaria vessazione

weekend

Feste campestri, cavalli e silent party: l'agenda del sabato

Testimonianze

Notte di paura per i parmigiani a Kos

polizia municipale

Autovelox, speedcheck e autodetector: i controlli della settimana

Soragna

I residenti contrari all'arrivo dei profughi

2commenti

Auguri capitano

Parma, il Parma, la famiglia: i 40 di Lucarelli

1commento

autostrada

Frana tra il casello di Parma e il bivio A1-A15: rallentamenti

Fortuna

Fidentino gratta e vince 100 mila euro

IL CASO

Ramiola, taglia i cavi per far tacere le campane

8commenti

Noceto

Quella croce che protegge la valle di Cella

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL CASO

La lezione di papà Fred Video-editoriale

di Michele Brambilla

1commento

EDITORIALE

Borsellino e la giustizia che dobbiamo ai giovani

di Filiberto Molossi

1commento

ITALIA/MONDO

il caso

E il Comune di Sesto riceve la fattura per la salma di Amri: 2.160 euro

3commenti

Terremoto

Scossa di magnitudo 3.6 fra Veneto e Lombardia

SPORT

parma calcio

I 40 anni di capitan Lucarelli: speciale Gazzetta Video

parma calcio

Qui Pinzolo: la foto-cronaca del primo giorno di allenamenti

SOCIETA'

IL DISCO

Deep Purple, dal Giappone con furore

salsomaggiore

Un mondo di spaventapasseri: Case Giarone in festa Foto

MOTORI

NOVITA'

Opel Insignia GSi, berlina per veri intenditori

MERCEDES

Classe X, la Stella attacca il segmento dei pick-up