Arte-Cultura

Oggi il "mal d'Africa" è qui

Oggi il "mal d'Africa" è qui
0

Tiziano Marcheselli

Il mal d’Africa non è una tradizione letteraria, poetica o folcloristica: il mal d’Africa, con tutte le possibili varianti e le conseguenze a seconda della sensibilità degli individui, esiste veramente, ed è qui, a testimoniarlo di persona, la pittrice Morena Negri, che espone in mostra personale fino al 16  febbraio nell’Antica Farmacia San Filippo Neri, nell’ambito di Art’Emilia, in vicolo San Tiburzio 5.
Il titolo della mostra è «Anime selvagge» e il filo conduttore è ben preciso: i soggetti sono tutti animali africani; soprattutto leoni e leonesse, ma anche zebre ed elefanti, bufali e ghepardi, raccontati nei momenti più significativi della loro giornata, dall’abbeverata alla lotta per la sopravvivenza, dall’attesa prima della caccia alle scene di gruppo, dove tutto può cambiare in un attimo.
«Mi sono avvicinata alla pittura nel 1995, frequentando a Parma la Scuola d’arte Canforini - dice la Negri - e quello che iniziò come uno svago, si rivelò per me una vera passione; la pittura come diverso strumento di espressione per le mie emozioni più forti. Sono un’appassionata viaggiatrice, adoro conoscere popoli e culture diverse, perdermi in luoghi senza tempo; vivo il viaggio come un profondo arricchimento interiore. Sono proprio i ricordi e le esperienze di viaggio, immagini indelebili nella mia mente, a essere soggetto dei miei ultimi lavori. Nel 2006 mi avventurai in Africa per la prima volta e da quel momento me ne innamorai. Tutt’oggi vivo con la costante nostalgia di quei luoghi così autentici, cercando, appena mi è possibile, di ritornarvi. Con questo mio ultimo lavoro desidero esprimere la bellezza, l’energia e la potenza della natura selvaggia, per trasmettere anche solo un riflesso delle emozioni che l’Africa sa donare a chi la ama tanto come me».
È sicuramente una dichiarazione di poetica importante, che sconfina con l’arte, e diventa un tutt’uno quando analizziamo questi dipinti (alcuni anche di grandi dimensioni, come obbligano le enormi dimensioni del paesaggio africano) realizzati con amore, con le leonesse che, mentre si dissetano, ti guardano negli occhi.
«Qui in Africa - dice sempre la pittrice - la mente può tornare ad essere libera, libera di volare». E così il dialogo continua anche a distanza, coinvolgendo pure lo spettatore che, attraverso questi dipinti che appaiono come un quadro unico, unico di disegno e di colore, riesce a introdursi in un’atmosfera affascinante, quella di terre lontane e poco abitate, di tramonti struggenti, di ritorno al primitivo (non dimentichiamo che artisti come Picasso e Brancusi hanno attinto a piene mani dall’antica scultura africana).
«Amo perdermi nelle terre africane - dice ancora la Negri - vivere con i ritmi della natura, cogliere ogni momento e ogni sfumatura che lo stupefacente regno animale generosamente mi concede». Una personale, quindi, di notevole coerenza e, dal punto di vista della tecnica, di qualità, anche se l’artista sa impegnarsi pure in altri soggetti e usa il disegno, la matita, la penna, il carboncino, per creare un’«ossatura» ai propri dipinti. Una personale che rappresenta una ventata d’aria pulita nel bel mezzo della società dei cellulari e dei computer, falsa e meccanicistica.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Dal 2017 WhatsApp non funzionerà più sui vecchi telefonini

social

Dal 2017 WhatsApp non funzionerà più sui vecchi telefonini

La trollata epica del rapper di Parma sui profughi

tv

La "trollata epica" del rapper parmigiano Bello FiGo sui profughi Video

3commenti

20enne si schianta a folle velocità mentre fa diretta Fb

usa

Si schianta a velocità folle: in diretta Facebook Video

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Terremoto: cosa rischia Parma

TERREMOTO

Ma Parma quanto rischia?

1commento

Lealtrenotizie

Vendono iPhone: ma è una truffa

Carabinieri

Vendono iPhone: ma è una truffa

RICERCA

Prevedere i terremoti: a che punto siamo

l'agenda

Atmosfere natalizie e sapori della tradizione: cosa fare oggi

TRAFFICO METEO NEWS

Buongiorno Parma!

Traffico-Meteo-News: tutte le informazioni utili prima di uscire di casa

MISSIONARI

Saveriani, da sempre tra gli ultimi

PERSONAGGI

Gandini, il pistard d'oro eroe di Melbourne

Calcio

Brodino per il Parma

Intervista

Virginia Raffaele: «Ecco perché i miei personaggi fanno ridere»

Salsomaggiore

«Lorenzo, un ragazzo speciale»

Fidenza

La giunta: «L'aggregazione aiuterà il Solari»

Il nuovo allenatore

D'Aversa: "Mi hanno chiesto di giocare a calcio". Il suo staff

L'intervista: "Ora miglioriamo giorno per giorno. Ritroviamo la serenità" (Video) - Ferrari: "Scelti non i nomi, ma gentre che avesse "fame"" (Video) - Lunedì o martedì l'annuncio del nuovo ds: è una corsa a tre

4commenti

dal tardini

Il Parma va sotto, poi si rialza: 1-1 col Bassano. E finale incandescente Foto

Anche al Tardini un minuto di raccoglimento per la Chapecoense (Video

2commenti

al mercato

Sorpreso a rubare, ferisce con un cutter i titolari di un banco in Ghiaia Foto

6commenti

sala baganza

Preso il 18enne che faceva da pusher ai ragazzini della Pedemontana

degrado

Nuove luci e marciapiedi più larghi e "vivibili": così sarà via Mazzini Foto

17commenti

via toscana

Urta due auto in sosta e poi fugge: è caccia al conducente

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Un po' più di mezzo bicchiere

EDITORIALE

Dal sexting al ricatto: pericoli on line

di Filiberto Molossi

1commento

ITALIA/MONDO

alessandria

Ruba fidanzatino a figlia, condannata per violenza sessuale

CALIFORNIA

Incendio al concerto: si temono 40 vittime

WEEKEND

IL CINEFILO

I film della settimana, da Sully a Agnus Dei  Video

VERNISSAGE

90 anni di Arnaldo Pomodoro: la sua arte invade Milano

1commento

SPORT

SERIE A

La Juve domina: battuta l'Atalanta (3-1)

formula uno

Mercedes: dopo il ritiro di Rosberg, Alonso tra le ipotesi

SOCIETA'

salerno

"Novemila euro alla Arcuri per accendere l'albero di Natale"

1commento

rifiuti abbandonati

Via Anedda e la montagna di scatole (cinesi) Foto

2commenti