-4°

Arte-Cultura

Terra, Sos apocalisse

Terra, Sos apocalisse
0

Maria Pia Forte

Una mattina d’inverno il mondo scopre che è finita ogni riserva di petrolio, carbone e gas. Niente più corrente elettrica, e in breve il gelo, la paralisi di uffici, fabbriche e ospedali e l’esaurimento delle scorte alimentari cominciano a seminare la morte. Le ricchezze non servono più; anzi, sono contadini e montanari quelli che riescono a cavarsela meglio. Pochi mesi, e tre quarti dell’umanità sono sterminati.  E’ questa «La fine del mondo storto» immaginata da Mauro Corona (Mondadori, 160 pagine, 18 euro), scultore del legno e autore di una quindicina di libri di successo, scalatore, frequentatore di boschi nei quali, «fasciato» dagli alberi, si sente in armonia con se stesso. La storia non è nuova - «Questo libro, come tutti i miei libri, non ha pretese letterarie, ho voluto solo che la gente si domandasse: se capita una cosa simile, cosa faccio?»,  dice questo montanaro di Erto, paesino che fu colpito dal colpevole disastro del Vajont nel 1963 -, ma originali sono le riflessioni sulle «storture» dello stile di vita occidentale, gravide di tragedie a venire.   Sessant'anni, potenti muscoli, barba e lunghi capelli sale e pepe, schivo (se si è adattato ad andare in Tv è solo perché «altrimenti i libri non si vendono, e io avevo quattro figli da tirar su, ma adesso che i figli sono laureati e io mi sono fatto un mercato, basta col fare il pagliaccio televisivo!»), di una rudezza tuttavia gentile, malgrado il successo non ha mai pensato di lasciare i suoi monti: «Non è che faccio il buon selvaggio - ci tiene a precisare, - ho letto due camion di libri e conosco la letteratura universale. E’ che nella natura mi trovo bene, cammino, scalo le montagne, in questo periodo faccio la legna, e non perché ne abbia bisogno: ne ho per dieci anni di legna, ma mi piace. Sono come l’uccello dei boscaioli canadesi in una leggenda di Borges, che vola
va all’indietro perché non gli interessava sapere dove stesse andando, ma ricordare il luogo da cui era partito».  

Pensa veramente che uno scenario come quello da lei descritto incomba su di noi?
Non accadrà domani, ma se finisse il petrolio, cosa faremmo ? L’uomo è così sciocco che ha puntato tutto sull'industria trascurando la terra. Se ci mettessimo a coltivare tutta la terra del pianeta avremmo tutti da mangiare e da bere, e del tempo libero. Magari dovremmo rinunciare a qualche comodità e a viaggiare, ma condurremmo una vita sana, ed è questo che conta veramente, perché alla fine siamo un pugno di cenere, la vita è brevissima, ed è assurdo sprecarla tra ansie e nevrosi. Siamo dei pazzi furiosi in fuga senza fine, come dice il titolo di un libro di Joseph Roth. Per andare dove ? Basta fermarsi mezzo secondo in più a un semaforo, e subito tutti si attaccano al clacson. Ma che gente è ? Ci vorrebbe proprio una sana ventata di fine del mondo storto. Siamo totalmente dipendenti dalla tecnologia, basta vedere quanti aggeggi elettrici ci sono in ogni casa: sbucciapatate, grattaformaggio, sbattiuova... Perché non usiamo la grattugia, che basta darle un colpetto ed è pulita ? Più un uomo è vuoto e più cerca giocattoli che gli riempiano l’esistenza. Ma quel che è peggio è che c'è un calo di cuore, una crudeltà nuova: se vedono una persona per terra, la scavalcano. Un tempo c'era un po' di pietà, un senso della fede, oggi non più.

Un altro grande problema è che non sappiamo più usare le mani.
Stiamo perdendo la capacità di cavarcela con le mani. Qui da noi due coniugi sono morti di freddo in un bosco, d’inverno, con meno 18, perché non sono riusciti ad accendere un fuoco, benché avessero due accendini. Se capitasse quello che immagino nel libro, gli abitanti delle città sarebbero inermi come uccellini nel nido.

Il suo libro, dopo aver fatto sperare in un rinsavimento dell’umanità sopravvissuta, si conclude con un pessimismo assoluto: non appena torna un certo benessere, ricominciano furbizie, furti, litigi, smania di potere. Non c'è dunque speranza che l’uomo metta mai giudizio?
L'uomo non sarà mai felice perché non sa accontentarsi, vuole sempre qualcosa di più. Paradossalmente, l’uomo sta in pace solo quando ha paura della morte.

La scuola, lei dice, dovrebbe insegnare «le lingue della terra», ossia a seminare, accendere un fuoco, orientarsi nei boschi e così via.
Io non sono contro la tecnologia e che la si insegni a scuola, ma bisognerebbe che si chiamassero a insegnare anche contadini, artigiani e guide alpine, in modo che i bambini imparino a coltivare un orto, come funzionano le stagioni, a riconoscere piante e funghi commestibili e le erbe che guariscono, e cosa potrebbe capitargli nella natura, perché ci si può perdere anche nei dintorni di una città.

Lei conduce una vita in armonia con i principi che professa. E’ riuscito a trasmettere le sue conoscenze ai suoi figli?
I miei figli sanno fare la legna, coltivare l’orto, camminare, scavare, riparare un motore. Ma non mi basta pensare solo ai miei figli, per questo sono stato in più di cento scuole, da Torino a Trieste, addirittura sono andato a contar le fiabe negli asili. E’ ora che i bambini crescano senza pensare che il tonno è buono solo se si taglia col grissino. Il tonno può essere tagliato anche con la manèra, l’ascia.  

Come scrive i suoi libri?  
A mano, su quaderni neri a righe che compro a Verona da una ditta artigianale. Vuol mettere la scrittura a mano! In un manoscritto resta una traccia di noi, una goccia di sudore, una macchia di vino. Passa un’umanità dentro la mano.

La fine del mondo storto
Einaudi, pag. 160, € 18,00

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

White Lion: i latini a Pilastro

Pgn Feste

White Lion: i latini a Pilastro Foto

Eugenie Bouchard fra tennis e scatti sexy

Australian Open

Eugenie Bouchard fra tennis e scatti sexy Foto

Acquisto auto nuova: le 6 soluzioni più efficaci

CONSIGLI

Acquistare un'auto nuova: le 6 soluzioni più efficaci

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Velluto rosso

VELLUTO ROSSO 

Prosa e Lirica, risate e emozioni a teatro: il meglio della settimana

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

30enne parmigiano aggredito e rapinato da una baby gang in centro

tg parma

Trentenne parmigiano aggredito e rapinato da una baby gang in centro

6commenti

Il fatto del giorno

Legionella: la rabbia del quartiere Montebello

3commenti

Polizia

Salta il furto di rame nella centrale di Vigheffio: arrestati due romeni

Sequestrato tronchese gigante

8commenti

Incidente Cascinapiano

Filippo sarà vestito da calciatore: a Langhirano il funerale 

Parma

Metano e gpl per auto: arrivano gli ecoincentivi

3commenti

Parma

Rapina in villa a Marore: falsi vigili svuotano una cassaforte

2commenti

Parma

L'odissea di un giardiniere: «Con il mio Euro2 non posso lavorare»

25commenti

Parma

Fa "filotto" di auto parcheggiate in via della Salute Foto

Nei guai un extracomunitario che guidava in stato di alterazione

15commenti

Sport

Il Parma Calcio avrà la gestione dello stadio Tardini per 8 anni

1commento

Fidenza

Meningite, la 14enne è uscita dalla rianimazione: è fuori pericolo

Parla l'infettivologo sul recupero. La madre della ragazza: «Sono felice. Grazie ai medici e a tutti»

Neve e terremoto

Partiti altri mezzi e volontari da Parma per l'Italia centrale Foto

Il Soccorso Alpino è impegnato ad Arquata del Tronto

2commenti

Parma

Camion in fiamme: problemi in tangenziale nel pomeriggio

Tg Parma

Polizia Municipale: festa del patrono all'insegna della lotta al degrado Video

1commento

Parma

Legionella: la causa del contagio resta sconosciuta

Esclusi l’acquedotto pubblico, la rete delle derivazioni dall’acquedotto stesso, l'irrigazione del campo sportivo e gli impianti della "Città di Parma"

6commenti

Calcio

Presentato Frattali, nuovo portiere del Parma Video

Mercato: Faggiano promette sorprese per la settimana prossima

colorno

La messa di don Mazzi per ricordare Filippo

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Quei «no» che non sappiamo più dire ai figli

6commenti

EDITORIALE

Un morto nell'Italia dello scaricabarile

di Paola Guatelli

ITALIA/MONDO

Rigopiano

Cinque estratti vivi, cinque ancora da salvare: i soccorsi continuano nella notte

Mondo

Trump: ''Da oggi l'America viene prima'' Video

WEEKEND

CINEMA

Da "Arrival" a "Qua la zampa": i film della settimana Video

IL DISCO

Avalon, un sound sofisticato

1commento

SPORT

Sport

MotoGP: tutti i piloti Foto

MERCATO

Evacuo, trattative congelate

MOTORI

IN PILLOLE

Dacia Sandero Stepway
model year 2017

ALFA ROMEO

Stelvio, ci siamo. Il Suv è già ordinabile Fotogallery