-2°

Arte-Cultura

Martini, il maestro di Toschi

Martini, il maestro di Toschi
Ricevi gratis le news
0

Giuseppe Martini

Sono per maledire come faccio spesso d’aver avuta dalla natura tanta inclinazione a sì bell'Arte, Arte divina, la quale mi ha causato tanti dispiaceri da ridurmi fino all’orlo del sepolcro, come è noto a tutti, e che sempre continua a lacerarmi il cuore per non poter ottenere mai il più tenue compenso». A quale compenso si riferisse Biagio Martini si può immaginarlo, la direzione dell’Accademia di Belle Arti di Parma che sarà poi assegnata - con suo scorno - all’allievo Paolo Toschi, ma quanto di quella infelicità fosse dipesa anche dal suo carattere basterebbero a dirlo le risentite questioni nelle quali si aggrovigliava e i ritardi nella consegna dei dipinti e la ambizioni frustrate per un posto al sole nel ristretto scenario della città. Eppure le gratificazioni non gli erano mancate: pittore di corte nel 1801, limpide vittorie ai concorsi dell’Accademia parmense nel 1781, 1787 e 1791, accademico a Firenze nel 1795, professore nell’Accademia di Parma a trentaquattro anni, una fama di disegnatore delicato e armonioso, una reputazione di pittore che a un certo punto rasentò i massimi livelli in Italia, ciò che formò intorno a lui un vero e proprio cenacolo di devozione. Tutto questo evidentemente non bastava a Biagio, uomo compiaciuto e dal temperamento inappagato, vera causa di quella fama di pigrizia a cui contribuì l’infinita vicenda della pala per i Cappuccini, commissionatagli nel 1799 per sostituire quella di Carracci trafugata dai francesi, e ancora incompiuta dopo quarant'anni. Ma è ovvio che in vicende come queste giocava soprattutto l’orgoglio, che non significa solo autostima ma anche ansia di prestazione. Era nato a Parma due secoli e mezzo fa, il 3 febbraio del 1761 (ma a lungo credette di essere del 1763), figlio di Carlo, caffettiere in Pescheria Vecchia, e aveva seguito in Accademia i corsi di due pezzi da novanta come Gaetano Callani e Pietro Melchiorre Ferrari, dai quali aveva imparato insieme al fratello Giuseppe - sia chiaro, nessuna parentela dei due con chi scrive - tutto quello che si sarebbe potuto imparare in un centro periferico come Parma. Il resto lo fece il viaggio romano fra 1795 e '98, radicando in lui, specie dopo la folgorazione per la pittura di Batoni, una sorta di neoclassicismo enciclopedico, citazionistico del passato. Comincia da allora a proliferare nelle figure di Biagio una ridda di dejà-vu: il Raffaello dell’Incendio nelle "Ninfe", l’Aiace ellenistico nel disegno di "Bruto che mostra la testa di Pompeo", Carracci nello schizzo dell’"Assunta" ora in Palatina, dove il vescovo in preghiera è praticamente il sacerdote che comunica il San Girolamo di Domenichino; fino all’acme dell’"Incontro di Paolo III con Carlo V" dipinto nel 1827 per Maria Luigia, ora a Busseto, nel quale ti appaiono fugaci Masaccio, Masolino, Parmigianino, Bedoli. "Io però sono d’avviso che i nostri antichi tanto rispettabili, cioè prima che si introducesse la grande facilità e la troppa pratica, in parte altro avevano mecanismo di noi, poiché adesso si suda a copiarli" scriveva all’allievo e confidente Michele Plancher, e sarà anche per questo che finì per caldeggiare i soliti precetti: "Consulta ben bene la natura. Questa è stata il maestro di Tiziano, Giorgione, Correggio, Vandyc, Rubens, Paolo, etc. etc. e poi senza che io ce lo dica, lo dicono tante opere stampate; e lo dice la ragione istessa". Su queste convinzioni si esercitò il suo magistero in Accademia, che, durante l’interruzione didattica negli anni napoleonici, proseguì privatamente a casa propria sostituendosi all’Accademia, e pretendendo poi che quell'atteggiamento monopolistico verso i colleghi gli venisse riconosciuto con le ricostituzioni accademiche del 1816. Comincia qui la sua amarezza, in anni pur gloriosi per lui specialmente dopo la prestigiosa assegnazione dell’incarico di recupero dei dipinti parmigiani deportati da Napoleone. Il parco allievi fu poi di tutto rispetto: oltre al Toschi, anche Giovani Battista Callegari, Giovanni Tebaldi, Antonio Isaac, e soprattutto Francesco Scaramuzza e Giovanni Battista Borghesi, al quale trasmetterà i proprî pregi e difetti, ben riconoscibili nel disegno di Biagio con la "Strage dei Niobidi" (da confrontare con il sipario del Regio di Borghesi).

Del resto, il Biagio Martini più interessante non è il celebrato imitatore di Parmigianino e Correggio, noto da certi disegni o in teste dipinte con formidabile sfumato o nella "Natività" in Galleria, e lui lo sapeva: "veramente bisognerebbe che io fossi colorista per dar consigli, e se fossi colorista non starei a Parma". E infatti il colore morbido non di rado fatica a coniugarsi con la magniloquenza corale - lui pure che aveva rifiutato il neoclassicismo alla David - dispiegata sia nei dipinti di curriculum ("Madonna" del Duomo di Fidenza, "Martirio dei Ss. Gervaso e Protaso" in Annunciata) sia nelle vedute, come la Piazza del Duomo o la Festa in Piazza Grande, ove oltre a tradire l’uso della macchina ottica si perde qualche proporzione di figure. Altro è il Biagio Martini che oggi ci intriga. È quello ombroso e inquietante dei disegni, festini popolari dove serpeggia una sensualità torbida, come nel disegno in Galleria nel quale fra canti e balli irrompono gli sferoidi posteriori di una polposa ragazzotta. O quello hoffmanniano della vecchia che si specchia il deretano e del vecchio che orina, e quell'altro di spirito lunare se non negromantico, la "Morte di Socrate", che fa occhiolino al Canova pittore: figure oblunghe, teste mostruosamente piccole, panneggi avviluppati a un passo dal creare fantasmi, luce che stride sinistra, e l’inquietante compostezza di alcune figure periferiche che hanno un ché di füssliano. Vedovo di Costanza, figlia del grande pittore Baldrighi, Biagio passerà gli ultimi anni a brontolare e curarsi gli acciacchi che lo obbligheranno a diradare i corsi, sostituito dal Tebaldi, e poi al pensionamento nel 1829. Non che la sua ambizione si fosse quetata. Brigò anzi per avere la medaglia dell’Ordine Costantiniano, e allo scopo si era preparato anche uno stemma: troncato, al primo d’oro alle due corone d’alloro al naturale, al secondo d’azzurro alla stella a cinque raggi d’argento. Alla fine il cavalierato di prima classe arrivò, il 10 aprile 1840, ma poté goderselo poco: alle 8 e 30 del 26 agosto gli fu fatale un’indigestione di cocomero.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

La laurea di Valentina: ecco chi c'era alla festa

PGN

La laurea di Valentina: ecco chi c'era alla festa Foto

Nadia Toffa

Nadia Toffa

TELEVISIONE

Nadia Toffa racconta i momenti del malore. Stasera in onda alle "Iene"

Fedez in piazza Garibaldi. Ma per non più di 9mila

capodanno

Fedez in piazza Garibaldi. Ma per non più di 9mila

14commenti

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Torta di stelline

LA PEPPA

La ricetta natalizia - Torta di stelline

Lealtrenotizie

Un uomo cl 54, tratto in arresto per il reato di atti persecutori

salsomaggiore

Perseguita l'ex convivente e le incendia l'auto: arrestato 63enne

IL FIDANZATO

«Giulia, sei stata il mio cielo stellato»

INCIDENTI

Frontale sulla provinciale per Medesano: due feriti, uno è grave

Aveva 52 anni

Addio a Filippo Cavallina

Cordoglio in città e nella Valtaro per l'improvvisa scomparsa

1commento

salute

Oculistica, premiata la ricerca targata Parma

Il dopo alluvione

Colorno, in via Roma sarà un Natale al freddo

dopo l'alluvione

Don Evandro: "A Lentigione la luce ha vinto sulle tenebre: grazie volontari!"

carabinieri

Altre 37 dosi fiutate dal cane antidroga nei cespugli di viale dei Mille

9commenti

WEEKEND

La domenica ha il sapore dei mercatini. Natalizi, ovviamente L'agenda

Gara

La grande sfida degli anolini

2commenti

San Polo d'Enza

Spaccate a tempo di record: altri 4 colpi "intestati" alla banda, uno a Montechiarugolo

PARMA

Autovelox e autodetector: il calendario dei controlli

Centro storico

Giardini di San Paolo tra chiusure e rifiuti

3commenti

calcio

Contro il Cesena il Parma deve accontentarsi

Al Tardini il primo 0-0 dell'anno

tg parma

Furti in due abitazioni a Colorno Video

FIDENZA

Città in lacrime per Andrea Amadè

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Le cose della vita (e quelle del palazzo)

di Michele Brambilla

CHICHIBIO

«Trattoria I Du Matt», cucina parmigiana di qualità

di Chichibio

2commenti

ITALIA/MONDO

REGNO UNITO

Brexit? Adesso la maggioranza degli inglesi non la vuole più

libano

Diplomatica inglese violentata e uccisa

SPORT

FORMULA 1

Gunther Steiner: «Dallara Haas, piccoli progressi»

nuoto

Europei, tris d'oro dell'Italia: prima Dotto e poi Orsi

SOCIETA'

Cus Parma

Minibasket: la carica dei 100 al Palacampus Fotogallery

STATI UNITI

Ultimo volo del Boeing 747: tramonta l'era del jumbo

MOTORI

IL TEST

Mazda CX-3, l'eleganza del crossover

MOTO

Bici o moto? La prova di Bultaco Albero 4.5