18°

Arte-Cultura

Collodi, non solo Pinocchio

Collodi, non solo Pinocchio
0

Maria Pia Forte

Se Manzoni aveva bisogno di andare a «risciacquare i panni in Arno», non era così per Carlo Lorenzini, alias Collodi, nato e morto a Firenze (1826-1890): l’Arno, ossia la lingua toscana parlata, purissima come acqua sorgiva, scorreva nelle sue stesse vene. Con tale scoppiettante freschezza che, immergendosi nelle sue pagine, non si vorrebbe mai più uscirne, deliziati dalle sue parole mai scontate, mai appesantite da tradizioni paludate, vogliose di giocare anche quando l’argomento si fa serio. Questo accade leggendo i due primi libri, sui 14 pianificati - l’uno contenente «Un romanzo in vapore. Da Firenze a Livorno. Guida storico-umoristica» e «I misteri di Firenze. Scene sociali» a cura di Roberto Randaccio e con prefazione rispettivamente di Michèle Merger e Andrea Camilleri; il secondo, «Macchiette», curato da Fernando Molina Castillo, con introduzione di Renato Bertacchini e prefazione di Ernesto Ferrero -, pubblicati dall’editore Giunti nell’ambito dell’Edizione Nazionale delle Opere di Carlo Lorenzini. Un’iniziativa scaturita dalla Fondazione Nazionale Carlo Collodi di cui è presidente Vincenzo Cappelletti e col sostegno del ministero per i Beni e le Attività culturali e della Regione Toscana, che intende liberare questo multiforme autore dalla camicia di forza di favolista, sia pur incomparabile, che l’universale successo delle «Avventure di Pinocchio» (prossimo volume a uscire, con prefazione del Nobel Mario Vargas Llosa) gli ha cucito addosso. Giusto che ciò avvenga nel 150° anniversario dell’Unità, e non solo perché egli fu volontario nelle prime due Guerre d’Indipendenza, ma anche per il suo apporto fondamentale alla letteratura italiana e alla formazione della lingua vivace e moderna che oggi usiamo.  
Ne parlo con Daniela Marcheschi, presidente della Commissione scientifica dell’Edizione Nazionale e membro della Fondazione Collodi: è stata questa docente di Italianistica, studiosa di Letterature scandinave e di Antropologia dell’arte, poetessa, critica e nume tutelare per 25 anni di Giuseppe Pontiggia, a resuscitare il Lorenzini narratore arguto e satirico, giornalista di denuncia sociale, pedagogo con originali testi per la scuola. Non a caso ne ha curato diverse opere e il Meridiano Mondadori a lui dedicato.  
«Un amore divampato -  racconta - quando negli anni Ottanta m'imbattei nel rarissimo ''Un romanzo in vapore'' e mi accorsi che non era soltanto una guida turistica con informazioni sui luoghi attraversati e osservazioni sulle strade ferrate o sulla rivoluzione innescata dal treno, sul modello del ''Viaggio sentimentale'' di Sterne, ma era anche parodia dei romanzi di George Sand. Scoprii così il Collodi non solo narratore per bambini, ma scrittore a tutto tondo proteso verso un’originalissima innovazione nella letteratura».
Leggendo questo Collodi si è trascinati dalla sua ironia, dallo sguardo acuto con cui vede quel che altri non vedono.
Collodi conquista col suo realismo che permeerà anche «Pinocchio», la capacità di cogliere le più profonde e non sempre nobili pulsioni dell’uomo. Quando, nel '49, cominciò a scrivere testi umoristici per gli adulti, c'era una robusta scuola europea di scrittori che con l’umorismo esercitavano una sferzante critica dei mali della società: da Leopardi a Baudelaire giovane, da Balzac a Dickens. In Italia, però, col tempo vinse l’idea di una letteratura molto seriosa. Critici ed élites borghesi preferirono il verismo e i libri di Collodi furono giudicati troppo lontani dal vero ! Quei libri che invece fotografavano, sul filo dell’ironia, ipocrisie e mancanza di modernità di una società che manteneva la donna in uno stato d’inferiorità, impedendole di emanciparsi, di un Paese affetto da clientelismo e velleitarismo politico, con un’aristocrazia parassitaria, un popolo rassegnato e inerte e una borghesia incapace di assumere le responsabilità di dirigenza. Collodi si dedicò allora a un progetto culturale e civile di portata gigantesca: la fondazione di una letteratura per l’infanzia italiana. E con «Pinocchio» è stato capace di parlare al mondo intero.
Dietro il suo stile brillante e scorrevole c'era un pignolo lavoro di cesello?  
Impressiona la modernità della sua lingua. Lingua dell’uso, Manzoni docet; ma mentre Manzoni guarda molto alla tradizione letteraria, lui stilizza il parlato. Per ottenere questo risultato, si correggeva e ricorreggeva con attenzione, curando sintassi e scelta del vocabolario.
Collodi fu anche un animoso giornalista.  
Il giornalismo gli permetteva di condurre una battaglia culturale per costruire un’Italia migliore, europea. Fondò i giornali umoristici «Il Lampione» e «Lo Scaramuccia». Fu inoltre un vivace animatore, con memorabili cronache teatrali, letterarie e musicali, del giornale di Milano «L'Italia musicale», e con i suoi «pezzi»  politici, frizzanti e pungenti, fu una delle grandi firme del «Fanfulla». Le idee progressiste e la dirittura morale non gli resero la vita facile. Fu un uomo in anticipo sui suoi tempi: nel «Romanzo in vapore» osserva come il motto degli Americani «il tempo è moneta» stia già contagiando il Vecchio Continente. Anche come critico musicale e d’arte fu il primo a capire la specificità di Rossini, e lo stesso accadde con i Macchiaioli.
Fu, al fondo, un pessimista?
Un pessimista attivo, come Leopardi: non rinunciava a combattere. Era un uomo tutto d’un pezzo, il nipote racconta che aveva un piglio quasi da vecchio militare. Eppure seppe godersi la vita ed era famoso per essere un «tombeur de femmes».
Un romanzo in vapore. Da Firenze a Livorno. Una guida storico umoristica.  I misteri di Firenze - Giunti, pag. 507, 35,00
Macchiette - Giunti, pag. 309, 30,00

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Antonio Banderas, ho avuto un infarto ma sto bene

Cinema

Antonio Banderas: "Ho avuto un infarto. Ora sto bene"

Nozze indiane, fascino e colori al castello di Tabiano Foto Il video

Salsomaggiore

Nozze indiane, fascino e colori al castello di Tabiano Foto Il video

3commenti

Sembra ieri 1/1: 1984 - In piazza della Pace l'ippopotamo Pippo

TV PARMA

Sembra ieri: 1985 - Il "nuovo" Ponte Italia

1commento

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Premio Gazzarock 2017: sono aperte le iscrizioni

MUSICA

Premio Gazzarock 2017: sono aperte le iscrizioni

Lealtrenotizie

Il Parma torna alla vittoria: 4-1 a Gubbio. E' al secondo posto in classifica

LEGA PRO

Il Parma vince 4-1 a Gubbio e sale al secondo posto Foto

Gol di Calaiò e Nocciolini; autorete dei padroni di casa e infine gol di Iacoponi. Infortunio muscolare per Giorgino

Gubbio-Parma

Il Parma ha capito gli errori commessi: il commento di Pacciani Video

curiosità

Coppa Cobram: quando Parma prende la "bomba" e pedala Fantozzi-style Le foto

Falcone-Borsellino

Cagnolina trova la marijuana al parco e la mangia: salva per miracolo

6commenti

l'agenda

Domenica tra mercatini golosi, castelli e... la Coppa di Fantozzi

l'appello

La figlia del partigiano Ras: "Vorrei trovare la famiglia di Parma che lo ospitò" Video

1commento

Viale Barilla

Lite tra giovani, ma chi ha la peggio è un vigile

6commenti

Dai lettori

"Borgo delle Colonne e piazzale D'Acquisto: parcheggi selvaggi ma niente multe di notte" Foto

esclusiva

Raffaele Sollecito: «La mia vita riparte da Parma»

Il delitto di Meredith, il processo, l'assoluzione, il rapporto con Amanda. Ecco l'intervista completa

16commenti

Langhirano

La torta delle paste rosse: la storia di un paese in una ricetta

La storia

Madre e figlio si laureano lo stesso giorno

1commento

Il commosso addio di Collecchio a Graziella

Collecchio

Ladri incappucciati messi in fuga dai residenti  

1commento

podisti

Tutti i protagonisti della Manarace di Fontevivo Foto

ospedale

Radioterapia, arrivano nuove tecnologie

Le testimonianze dei pazienti: "Così sconfiggiamo la paura"

commemorazione

Un anno senza Mario il clochard: il quartiere lo ricorda pensando agli "ultimi" Foto

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Chi ha interesse a volere la realtà percepita

EDITORIALE

L'esempio di Londra contro il terrorismo

di Francesco Bandini

ITALIA/MONDO

A10

Tir si ribalta e uccide due operai: arrestato il camionista Foto Video

rimini

Cadavere di donna in trolley al porto. E' la cinese sparita durante crociera?

WEEKEND

la peppa

La ricetta della domenica - Tartine fiorite

cinema

Weekend ricco al cinema: i due consigli del CineFilo Video

SPORT

formula 1

Trionfo rosso: Vettel domina il Gp d'Australia. Hamilton secondo

motomondiale

Speciale Vecchi “leoni” e giovanotti rampanti iniziata la caccia al titolo di Marquez

MOTORI

innovazione

La Fiat 500? Adesso di può noleggiare su Amazon

NOVITA'

Non solo Suv: ecco le nuove berline e wagon del 2017