21°

Arte-Cultura

I "fabbricanti di sogni" visti da Ferdinando Lauretani

I "fabbricanti di sogni" visti da Ferdinando Lauretani
0

Stefania Provinciali

Un regista si scopre guardando i suoi film più volte, analizzandoli, lasciandosi coinvolgere dallo scorrere della pellicola, dalle scelte narrative e formali che portano a individuare i significati e il tempo di un’opera. Un territorio tematico che va ampliandosi di fronte alla personalità di Ferdinando Lauretani, regista, coautore di programmi Rai, docente di cinema e, fin dalla giovinezza, artista versatile, allievo dello scultore Pietro Corradi. In 4  anni di lavoro Lauretani ha realizzato una serie di sculture dedicate ai «Fabbricanti di sogni» del cinema italiano, 15 opere, di cui 13 in marmo e 2 in terracotta, fino al 10 marzo, alla Galleria Centro Steccata. Un itinerario che racchiude l’animo e l’arte dei più importanti registi del nostro Paese, quasi un film, pur nella unicità dell’espressione scultorea, così da suggerire un «mondo a parte», in cui esigenze diverse di rappresentazione, arti figurative e visive, si incontrano. Le figure di grandi protagonisti del cinema del '900 si «misurano», così, in un mondo fatto di realtà e simbologie nel desiderio di racchiudere in una unica immagine la «voce» e l’arte di quel personaggio, attraverso il gesto e la sua rappresentazione. Ecco allora farsi strada Roberto Rossellini e la filosofia dell’attesa, Michelangelo Antonioni in un’oscillazione di stupore dinanzi alla sua enigmatica luminosa rivelazione, Fellini e la poetica della luce, ma anche registi viventi come Bernardo Bertolucci e l’istrionico Roberto Benigni. E’ un primo approccio anche se, dal punto di vista puramente formale, non mancano altri modi d’intendere queste sculture. Bisogna guardare alla «limpidezza» del marmo di Carrara, alle forme da leggere nella loro «assoluta» tridimensionalità in cui si fa strada l’intento dell’autore. Non è la perfezione o la certezza della composizione che salta all’occhio bensì la «voce narrante» che, con quel pizzico di ironia necessario, scava nei difetti e nelle virtù per raccontare il cinema attraverso l’uomo, fra simboli che sono indizi, fra ricordi che prendono forma, fra gesti che interpretano un destino, fantastico o reale. E non si cerchi l'approccio immediato con una riconoscibilità fisionomica, anche se va sottolineato che sempre traspare, quello che interessa all’autore delle sculture è l’espressione di un mondo di sogni, il «motore immobile» che sta dietro alle storie, alla vita narrata nei film. In questo contesto il marmo di Carrara si rivela materia «illusoria» di sogni, pur nella fissità delle immagini., affidate al segno scavato di un volto, all’abbraccio di un corpo, alla mano che indica l’amplesso, all’ironia di un gioco, in un insieme di combinazioni da intendere nel loro complesso più che in una lettura formale, dettata dalle esigenze compositive, della scultura. «Ci sono un nugolo di registi che sono passati nella galassia del cinema italiano come meteore: una o due opere e poi scomparsi per sempre. E le loro opere non sempre erano inguardabili. A questi signori registi anonimi ho dedicato un po' del mio tempo» dice l’autore, da buon fabbricante di sogni, quelli suoi e quelli degli altri.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Sembra ieri 1/1: 1984 - In piazza della Pace l'ippopotamo Pippo

TV PARMA

Sembra ieri: 1985 - Il "nuovo" Ponte Italia

Highlander: San Patrick's

Pgn

Highlander: San Patrick's, le foto della festa

Premio Gazzarock 2017: sono aperte le iscrizioni

musica

Premio Gazzarock 2017: sono aperte le iscrizioni

Notiziepiùlette

Ultime notizie

«Mastroianni's»: piatti moderni, curati e fantasiosi

Foto tratta dal sito ufficiale del ristorante

CHICHIBIO

«Mastroianni's»: piatti moderni, curati e fantasiosi

Lealtrenotizie

Raffaele Sollecito: «La mia vita riparte da Parma»

Dopo l'assoluzione

Raffaele Sollecito: «La mia vita riparte da Parma»

"Vivo a Barriera Bixio, lavoro e ho buoni amici"

3commenti

allarme

Piazzale Lubiana, trovata polpetta con chiodi: chiusa l'area cani

1commento

Autosole

L'ambulanza tampona, il paziente a bordo trasferito sull'elicottero

AGENDA

Un weekend alla scoperta dei castelli

Il candidato

Laura Cavandoli: Il centrodestra si divide

1commento

Profughi

«Lasciati senza cibo per 7 giorni»

5commenti

TRAFFICO

Baganzola, accesso alle fiere al rallentatore. Code per chi arriva dall'A1

Formaggio

La grana del grana

Salsomaggiore

Nozze indiane, fascino e colori al castello di Tabiano

Sentenza

Multa ingiusta, Equitalia condannata

Autostrada

Auto sbanda in A1: muore un 53enne, traffico in tilt per ore Video

Diversi chilometri di coda anche tra Fidenza e Fiorenzuola verso Milano a causa di un altro incidente

Testimonianza

Bloccata in coda in A1: "Ho spento la macchina, attesa senza fine"

6commenti

Bedonia

Domani riapre la stagione di pesca

PARMA

Suonava in Pilotta: multato per la terza volta il fisarmonicista Giovanni 

19commenti

gazzareporter

Fontanini o.... Corcagnano?

ANTEPRIMA GAZZETTA

Raffaele Sollecito si trasferisce a Parma: intervista esclusiva Video

Accusato con Amanda Knox dell'omicidio Kercher, Sollecito è stato assolto. Ha scelto di vivere a Parma

4commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Chi ha interesse a volere la realtà percepita

EDITORIALE

Truffe, anziani e soldi sotto il materasso

di Carlo Brugnoli

ITALIA/MONDO

stanotte

Torna l'ora legale: ricordarsi di mandare avanti le lancette

Treviso

Il giudice girerà armato: "Lo Stato non c'è, devo difendermi"

2commenti

WEEKEND

cinema

Weekend ricco al cinema: i due consigli del CineFilo Video

IL DISCO

Nasce il fenomeno Sex Pistols

SPORT

Formula 1

La prima pole è firmata Hamilton

Mondiali

l'Italia batte l'Albania (2-0)

MOTORI

prova su strada

Kia Niro, il «nativo ibrido»

anteprima

Nuova Ferrari GTC4Lusso, il test drive Fotogallery