Arte-Cultura

Shoah, orrore in «diretta»

Shoah, orrore in «diretta»
Ricevi gratis le news
0

Christian Stocchi

Come le voci di un coro della tragedia greca, giungono, ancora oggi, alle nostre orecchie, le parole prima incredule, poi turbate, quindi sconvolte degli ebrei italiani che vissero (e purtroppo morirono in gran numero) in quei terribili anni dal 1938 al 1945. Ora Mario Avagliano e Marco Palmieri hanno raccolto un cospicuo numero di lettere e di diari in un volume pubblicato da Einaudi «Gli ebrei sotto la persecuzione in Italia». Il libro si concentra sul punto di vista delle vittime: a loro la parola, a noi il compito di ascoltare. Si tratta di riflessioni vive e forti, che escono dalla quotidianità di tanti uomini e donne: non possono certamente lasciare indifferente il lettore. Come rileva Michele Sarfatti nella prefazione, queste pagine «descrivono in diretta tutti i momenti salienti dell’antisemitismo di Stato italiano»: dapprima la «persecuzione dei diritti» (1938-1943), poi la «persecuzione delle vite» (1943-1945). Il Lager nazista toglierà tutto, anche carta e penna, ai deportati. Ma rimarranno, comunque, la memoria e la testimonianza dei sopravvissuti. Negli anni Trenta gli ebrei in Italia non superavano l’uno per mille della popolazione. Erano meno di 60mila considerando anche i profughi che provenivano dalla Germania e dall’Europa centro-orientale. Le leggi razziali li colsero di sorpresa: erano orgogliosamente integrati nella società italiana e la minaccia della persecuzione non era ritenuta concreta e realizzabile. Da alcune di queste testimonianze emerge l’incredulità rispetto al fatto che l’Italia, antica culla di civiltà, potesse covare nel suo seno l’orrore dell’antisemitismo. Le reazioni furono diverse. Molti decisero, quindi, di emigrare. La posizione degli ebrei presto si aggravò, con l’ingresso in guerra dell’Italia e l’impennarsi del clima d’odio. Ecco allora che si verificarono discriminazione sempre più forti, ci furono aggressioni; si registrarono anche distruzioni, profanazioni e danneggiamenti di sinagoghe. Di lì all’internamento degli ebrei il passo fu breve. E lo sconcerto, l’impossibilità di accettare quanto avveniva erano sentimenti che emergevano anche dalle lettere. «Grande è stato lo sbandamento nel seno delle famiglie, nel lavoro, nelle amicizie» annota Elio Salmon (20 maggio 1943). Non mancarono nemmeno casi di suicidio, come quello di Emilio Foà, che, perso il lavoro, nel 1939 si tolse la vita per salvare la famiglia dalla persecuzione (la moglie era cattolica).  Nel 1943 la caduta del fascismo diede subito speranza a molti ebrei. Tuttavia, la situazione precipitò: ci furono eccidi e retate di massa. «La politica (e la pratica) di sterminio sistematico degli ebrei in Italia - puntualizzano i curatori, che sottolineano come l’Italia fosse entrata nel ''cono d’ombra'' della Shoah - prese il via nelle ore successive all’annuncio dell’armistizio e proseguì senza soluzione di continuità fino ai giorni della sconfitta militare del nazifascismo». Questo periodo registrò, peraltro, la partecipazione di vari ebrei ai movimenti di liberazione («Io sono ebreo, comunista e partigiano» spiega orgogliosamente Pino Levi Cavaglione in una riflessione del 16 gennaio 1944). La caccia all’uomo era un autentico incubo. Si respirava un clima di terrore: «Le spiate - annota Silvia Forti il 18 ottobre 1943 - sono un pericolo sempre incombente». Dopo l’orrore della deportazione e dello sterminio, ecco il dovere della memoria. Le ultime pagine sono dedicate all’immediato dopoguerra. E non a caso è proprio Primo Levi a porre, quasi simbolicamente, verso la fine del libro, l’estremo sigillo su questo volume. «Comprendo purtroppo assai bene la terribile sensazione di vuoto che ti circonda: - confessa Levi a un interlocutore il 6 dicembre 1945 - solo adesso ci rendiamo esattamente conto di quanto abbiamo perduto». Quella sensazione di vuoto accompagnò a lungo i reduci del Lager. Come un fantasma sinistro e beffardo, che non se ne voleva andare.
Gli ebrei sotto la persecuzione in Italia
Einaudi, pag. 390,15,00

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

La fotogallery del concerto della Mannoia

TEATRO REGIO

La fotogallery del concerto della Mannoia

Leonessa Kira abbraccia il suo salvatore

animali

La leonessa rivede l'uomo che l'ha salvata

1commento

Elena Novaresi: una carriera partita da «Amici»

Fidenza

Elena Novaresi: una carriera partita da «Amici»

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Scopri il tuo oroscopo 2018 con Gazzafun

ASTRI

Scopri il tuo oroscopo 2018 con Gazzafun

Lealtrenotizie

Piene, la situazione migliora. In serata riapre il ponte di Sorbolo. Le immagini di Colorno "allagata"

Danni e disagi

Piene, la situazione migliora. Riaperto il ponte di Sorbolo. Le immagini di Colorno "allagata"

Bonaccini: "Chiederemo al governo lo stato d'emergenza". Coldiretti: "Danni per milioni di euro"

maltempo

Strade provinciali, "emergenza finita in montagna". Ancora 5.000 senza corrente elettrica

I danni del vento al campeggio di Rigoso Video

1commento

emergenza

Colorno, una decina di evacuati e danni alla Reggia. Piazza e garage allagati Video 1-2 - Le foto

Sommerso anche il cortile della Reggia

2commenti

meteo

La pioggia si "sposta" al Sud. E da venerdì nuova ondata di freddo

piena

Ecco com'è ridotta Lentigione: il video dall'elicottero

STORIA

Parma, le alluvioni e le piene del Novecento

L'evento più drammatico e disastroso resta lo straripamento del Po nel 1951

tg parma

Colorno sott'acqua, i cittadini: "Non si poteva evitare?" Video

1commento

piena

Viarolo, auto in balia delle acque. Escluse persone all'interno

incidente

17enne investito sulla tangenziale a Sanguigna: è in Rianimazione

1commento

Brumotti

Arriva "Striscia la Notizia", fuggi fuggi di pusher in Pilotta e a San Leonardo Le foto

31commenti

copermio

Salvataggio in gommone di tre persone e un cane bloccati in un capannone Video

anteprima gazzetta

L'alluvione e il black-out nel Parmense: danni, disagi, paura e storie

IL CASO

Via Cavour, 17enne aggredito e rapinato dal «branco»

8commenti

TRASPORTI

Tep, revocato lo sciopero del 14 dicembre

social

Esondazioni e black-out: è derby di solidarietà tra Parma e Reggio

piena

Il sindaco di Sorbolo: "I cittadini non si mettano in pericolo: via dagli argini" Video

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

I bitcoin spiegati a tutti. Ecco perché sono da maneggiare con cura

di Aldo Tagliaferro

LA BACHECA

Venti nuove offerte di lavoro

ITALIA/MONDO

lutto

Addio a Everardo Dalla Noce: da "Tutto il calcio minuto per minuto" alla Borsa

luzzara/suzzara

Ha ucciso i due figli e tentato il suicidio: le condizioni migliorano

SPORT

COPPA ITALIA

L'Inter spezza le reni al Pordenone (ai rigori)

parma 1913

Giorgino e Coly, risoluzione consensuale del contratto Video: il gol nel derby

5commenti

SOCIETA'

ospedale

A casa dopo 57 giorni il 15enne in arresto cardiaco salvato al Maggiore

4commenti

Aveva 104 anni

Erminio Sani, l'ultimo maggiordomo

MOTORI

VOLKSWAGEN

La Polo? Con 200 Cv diventa GTI Fotogallery

MOTO

La prova: Kawasaki Z900RS