Arte-Cultura

Scrittrice alla ricerca della verità

Scrittrice alla ricerca della verità
0

In occasione dell'arrivo a Parma delle ceneri di Francesca Sanvitale, la Biblioteca Palatina, gli assessorati alla Cultura del Comune e della Provincia, il Comune di Fontanellato, il Museo Glauco Lombardi, l'Accademia parmense di Belle Arti, i famigliari, gli amici e conoscenti ricorderanno la scrittrice con una cerimonia domani alle 11 alla Galleria Petitot della Biblioteca Palatina.
La morte di Francesca Sanvitale ci ha tolto una delle voci più diverse  e stranianti della narrativa nostra contemporanea: la voce di una scrittrice che non pretendeva d'esser letta come testimone soltanto del proprio tempo e del proprio sentire, ma piuttosto come verificatrice della curiosità moderna (dall'Illuminismo in poi, per intenderci) indirizzata verso l'ambiguità delle tante facce e dei tanti occhi della mente con cui osserviamo il reale. Se  n'era accorto Geno Pampaloni sino dal 1972 quando presentando per Vallecchi il primo romanzo di Francesca «Il cuore borghese» aveva scritto:  «E' un romanzo di idee,  un Bildungsroman, il cui vero protagonista è l'intellettuale moderno, laico, che da Leopardi in poi cerca la  verità del proprio interrogarsi». Fedele, sia pure con giusti e differenti distinguo, a questa situazione umana e letteraria, Francesca ha dipanato adagio e con estrema fermezza il proprio interrogarsi, ora ponendosi al centro delle vicende narrate, ora celandosi dietro personaggi e azioni che profilavano l'attualità degli individui sopra contrastanti profili di «presenti» e di «passati» accomunati da pensieri (le «idee» di Pampaloni) di   figure-simboli. La Sanvitale arriva   alla narrativa da un impeto sottile e controllato che nasce da letture prestigiose. Si possono  fare i  nomi di Hoffmansthal, di Mann e di Musil senza troppe esitazioni, e si può  benissimo accennare alla straordinaria capacità della scrittrice, ultima erede di una illustre e nobile famiglia parmense, di immedesimarsi  nel delirio della realtà, sia essa quella del restauratore Hiroshi de «L'inizio è in autunno» ('08), sia  quella del romanzo storico «Il figlio dell'impero» (1993) che è forse uno degli esempi più alti del come si possa fare narrativa affidandosi  alle meraviglie delle tensioni umane, sociali, politiche, religiose e sentimentali. Non è un caso che la Sanvitale avesse scelto di tradurre per Einaudi nell'89 «Diavolo in corpo» di Raymond Radiguet. Più devota a  Gide che a Manzoni, dunque, Francesca Sanvitale ci ha insegnato (ogni romanzo è una «lezione») che la storia e le storie possono (o, addirittura, debbono) contraddirsi senza avanzare giustificazioni. E l'esempio più lucido  l'avemmo nel 1980 quando Einaudi pubblicò «Madre e figlia» vicenda di un amore colpevole  che dà origine ad una lunga sequenza di fatti minori e minimi alla luce di una esasperata solitudine.  Alla condizione della donna la Sanvitale rivolge un'attenzione quasi  ossessiva, non ha bisogno  di proclami e di girotondi, ma  il suo appello  va sino in fondo, sino  al cuore «borghese» di un tempo passato, e da lì risale verso le tensioni dell'oggi che le due donne patiscono dentro i loro misteriosi affetti e inconfessabili coinvolgimenti. Attentissima ai traffici della nostra società - ma senza gli allarmismi  codificati di parrocchie e di cellule - Francesca compie  tra  la fine del secolo  e il primo decennio del Duemila quella vasta osservazione generale della  realtà che fisserà poi in «Camera ottica» ('99)  a supremo riassunto della propria lettura  storica,  mentre concepisce lentamente la trama del romanzo «L'ultima casa prima del  bosco» che vedrà la luce  nel 2003 segnando il passaggio dalla condizione oculatissima dell'ascolto alla implacabile ricerca del già vissuto. Giovanni Raboni, recensendo questo romanzo avanzò  una immagine calzante legata al protagonista  Giacomo Impronta: «la sua condizione è simile a quella di chi emerga da un'amnesia totale e provenga da un altro pianeta... un conglomerato di memorie, ossia il polveroso ma intatto archivio del condominio nel quale vive». L'idea del condominio è nuova. Francesca la sente quale limite e stimolo, la vuole superare, ma ne ha paura, ce la indica ma ne patisce i «sussulti ingenui» come scriveva ancora Raboni, e le violenze dell'immaginazione. Epperò, oltre i contenuti, gli stili della Sanvitale, cioè il suo inconfondibile saper scrivere,  un'altra lezione levigatissima e letterariamente affascinante, che ella trasse dal suo maestro De Robertis, un sentimento di poesia, si potrebbe dire, che non viene mai meno, che affiora dalle pagine molto accurate nelle quali anche il pathos è trattenuto, sorvegliato e poeticamente asciutto, immerso nell'analisi dei comportamenti e delle parole. Tanto, quindi,  la sua memoria  e la sua opera sono rimaste e rimangono in noi, e tanto è il nostro rimpianto per l'amicizia e la sapienza delle sue parole che danno un'ombra alla pacatezza e alla leggerezza della vita ferendole dolcemente per interne e impalpabili corrispondenze.


 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Aniston rifila un "due di picche" a Pitt

invito a cena

Aniston rifila un "due di picche" a Pitt

Marito e moglie si incontrano per caso in villa di scambisti: scoppia rissa

ARICCIA

Marito e moglie si incontrano per caso in villa di scambisti: scoppia rissa

Bertolucci, Maria sapeva tutto tranne uso del burro

giallo "Ultimo tango"

Bertolucci: "Maria sapeva tutto tranne del burro"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

autovelox

CONTROLLI

Autovelox e autodetector: la mappa della settimana

Lealtrenotizie

Rianimato dall'amico dopo essere stato investito: è gravissimo

Dramma

Rianimato dall'amico dopo essere stato investito: è gravissimo

PARTITI

La resa dei conti nel Pd e le elezioni

Cassazione

Omicidio Guarino, le motivazioni dell'ergastolo

Psicologia

Bebè, il buon sonno incomincia dal lettone

ACCADEMIA

Maria Luigia e la fucina delle arti

Io parlo parmigiano

Un calendario tutto da ridere

Lutto

Borgotaro piange il maresciallo Bernardi

collecchio-noceto

Truffa-furto del finto soccorso stradale: nuove segnalazioni

parma calcio

Vagnati Ds: lo "accoglie" D'Aversa: "Felice di averlo al mio fianco"

AL REGIO

Virginia Raffaele «ladra di facce»

BASSA

Lutto a Sorbolo per la morte di Ilaria, uccisa da una malattia a 30 anni

il fatto del giorno

Referendum e dimissioni: "Non è la fine politica di Renzi"

traversetolo

Ucciso da forma di Parmigiano: condannato il produttore della "spazzolatrice"

Galà e premiazioni

Cus: parata di campioni e di sorrisi Fotogallery

TRAFFICO METEO NEWS

Buongiorno Parma!

Traffico-Meteo-News: tutte le informazioni utili prima di uscire di casa

Analogie

Il Parma sulle orme del "miracolo" Fiorentina 2002?

Cambio d'allenatore, innesti di mercato: da metà classifica alla B. Era il 2002. E c'era Evacuo

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

il direttore risponde

Il panino? Non famolo strano

la bacheca

44 opportunità per trovare un lavoro

ITALIA/MONDO

Governo

Mattarella chiede a Renzi di congelare le dimissioni: "Bilancio da approvare"

cagliari

Uccise i genitori adottivi, 28enne si impicca in carcere

SOCIETA'

televisione

Belen e Cuccarini, il sexy tango infiamma la tv

musica

La canzone di Natale di Radio Dj. Torna Elio e...c'è Valentino Video

SPORT

16a giornata

Parma - Bassano 1-1 Gli highlights

secondo allenamento

D'Aversa, subito alle prese con le assenze in difesa Video

MOTORI

GRUGLIASCO

Prodotta la Maserati numero centomila

NOVITA'

Q2, l'Audi che farà strage di cuori (femminili)