20°

Arte-Cultura

Polifonia di voci e sentimenti

Polifonia di voci e sentimenti
0

 

di Giuseppe Marchetti

Scriveva Rilke nella «Decima elegia» (1922): «Oh che un giorno come io varchi la soglia/ onde si evade dalla conoscenza/ della terra feroce/ mi sia dato d'elevare alto un canto/ di giubilo e di osanna al coro unanime/ consenziente degli angeli». E così, sia pure in forme diverse, anche Alberto Bevilacqua, giunto a confessarsi ancora una volta in poesia - la sua inconfondibile poesia - trasforma la soglia della propria conoscenza in un dato di sperimentazione senza limiti, e affida all'emozionante «La camera segreta», ora edito da Einaudi, l'impegno e il compito della sua più compiuta espressione, una poesia che fluisce senza titoli da più orizzonti e verso molti orizzonti, come tante volte abbiamo cercato di scrivere. 
«La camera segreta» è il grande archivio dei sensi dal quale lo scrittore ha tratto, in più di mezzo secolo di attività, «e terza e nona» direbbe Dante, cioé la grazia, l'impeto, la suggestione e i timori della vita. L'archivio si apre e si rinchiude senza sosta; è, via via, polifonia di voci, volti, luoghi e sentimenti che si ordinano, e si scompigliano in un «megatempo» e in un microtempo che contengono le medesime fibre meditative. Tali fibre, i versi, le immagini, le visioni, definiscono un carattere poetico che non va confrontato con gli «ismi» degli anni nostri, bensì invece inserito in un magma di condizione umana che nasce dall'istinto e talvolta vi risprofonda immediatamente. L'istinto della nascita, in primis. E poi quello della definitiva cancellazione. E poi quello della conoscenza - termine tremendo d'avveramento, come lo era per Rilke - che non può subire smentite: «... a fiato estremo/ a caro prezzo e sangue/ non resta/ che il ricordare a strappi come ci si leva/ una benda/ da una ferita fresca». Dunque, strappata la benda con dolore, la ferita risanguina nel dettato della poesia. Riappaiono certi fantasmi: i contrappunti, toccate e fughe, piccole note di misoginia, gli amori ambigui, i dialoghi degli amanti, gli specchi dei confronti istituiti con gli altri «Maestri» di un momento o di sempre (scrittori, pittori, musicisti) e anche le meraviglie degli esempi estremi che completano e complicano le «cantiche» più familiari: « -addio, Parma/ in quella dolcezza da viale a viale/ folta d'inaudite ragazze/ ...qui le suore ci prendono/ a ore e in nome/ di Dio ci baciano sulla bocca/ così furiose da farci/ sanguinare le labbra». Eppure, non dobbiamo lasciarci incantare perché Bevilacqua stesso ci diffida con un sorriso: «- disegnata nel fango che la spora intana/ l'immortalità, mia cara,/ è solo una questione di carattere». Del resto, sempre il poeta aggiunge: «- se la nostra ora vale un millennio/ per la vita di un minerale/ che reagisce agli stimoli circostanti/ come gli animali al cibo/ traccio i segni/ di una mia possibile resurrezione/ nella polvere che ricopre questa pietra/ dura/ il tempo di un brivido il mio scagliarla lontano».
Non v'è dubbio, tuttavia, che dentro questo lungo battere di tempi e di modi una volta di più la poesia del nostro autore perfezioni quel viaggio di conoscenza che, innescato dalle raccolte degli anni Settanta, «L'indignazione»  e «La crudeltà», si è più tardi manifestato, all'inizio del nuovo secolo, con «Piccole questioni di eternità», «Tu che mi ascolti», «Poesie alla madre» e «Duetto per voce sola», spostando spesso la realtà fisica, materiale, e palpitante dei simboli e delle occasioni dagli umori della fantasia alla fantasia pura e ai legami di sangue che la governano intimamente.Non ci tragga comunque in inganno il desiderio del poeta di «fare ordine» nel caos di oggetti e sentimenti «alla rinfusa, dipinti, fotografie, disegni/ riproduzioni, immagini di ogni sorta»: il tempo forse ci sarebbe, ma Bevilacqua preferisce che tutto resti così perché sia per lui  più facile sbirciare e frugare, ma soprattutto disseppellire quell'«andare a fiuto» che sempre usa  per rendersi conto della realtà che gli sfugge e dalla quale parimenti ha bisogno. 
Se ne salva in poesia «cane cieco/ che più non vede e non sente/ né amico né nemico/ che solo muove in festa un po' di coda/ a ciò che non esiste... lascia che mi conduca/ per molecole d'emozione che dicono universali/ affinità/ col mio vedere che ormai/ è come un sottovoce della vista». In realtà, dalla «Camera segreta» tornano molti temi e stilemi che furono cari a «Vita mia» dell'85 e ai segni che in quegli anni maturarono proprio come «mia vita che da sempre mi possiedi» dentro il circo di una composta follia che sa di quiete e di disperazione allo stesso tempo. Tra i due estremi, e paradossalmente, questa poesia si è conosciuta e riconosciuta, ha predicato se stessa e le proprie fedeltà: così resiste e ci sorprende sempre nuova e provocante. 
La camera segreta 
Einaudi ed., pag. 221,  15,50

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

gazzarock

musica

Premio Gazzarock, la sfida comincia: vota il tuo artista preferito

David, Bruni Tedeschi: molta gratitudine per questo film

DAVID

La pazza gioia, Bruni Tedeschi: molta gratitudine per questo film Video

Belen in vestaglia in Qatar

Moto Gp

Belen in vestaglia in Qatar Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

«Mastroianni's»: piatti moderni, curati e fantasiosi

Foto tratta dal sito ufficiale del ristorante

CHICHIBIO

«Mastroianni's»: piatti moderni, curati e fantasiosi

Lealtrenotizie

Maxi-sequestro di armi da guerra in provincia. In manette in cinque

carabinieri

Maxi-sequestro di armi da guerra nel Parmense: volevano rubare anche la salma di Enzo Ferrari

I nomi dei sette parmigiani della banda

Londra

Gemellini borgotaresi salvano la vita alla mamma

1commento

OGGI

Imu, Tari e Cosap sbarcano in Consiglio comunale Diretta

Personaggi

Francesco Canali: "Il mio messaggio di speranza ai malati di Sla"

Il “maratoneta in carrozzina”, ha scritto un articolo per la Gazzetta, per la “sua” Gazzetta

politica

Elezioni 2017, tre gruppi si contendono il simbolo M5s

piazzale dalla chiesa

Al bar con la droga pronta per lo spaccio: fermato il pusher richiedente asilo

4commenti

Crisi

Copador, si apre la strada del risanamento

saranno famosi

Langhirano: Ettore, 7 anni e la sua super batteria Video

corte dei conti

Interviste a pagamento, assolto Villani. Condannati 6 ex consiglieri regionali

1commento

Incidente

Ubriaco travolge tre ciclisti

2commenti

Femminicidio

La madre di Alessia: «Oggi compirebbe 40 anni»

sondaggio

Le cose buone e belle di Parma? Boom di voti online

Il personaggio

Bassi: «Il Parma a Gubbio finalmente ha fatto il Parma»

Lavoro

Gli agricoltori contro l'abolizione dei voucher

paura

Rogo in un garage a Salso, distrutte 4 auto: matrice dolosa? Video

Lutto

Addio a Carlo Carli, pioniere del marketing

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Chi ha interesse a volere la realtà percepita

5commenti

LA BACHECA

Venti offerte per chi cerca lavoro

ITALIA/MONDO

pavia

Omicidio di Garlasco, archiviata l'inchiesta bis su Sempio

roma

Massacrato dal branco: fermati due fratelli. Si nascondevano da parenti

SOCIETA'

La polemica

Due ragazze indossano i leggings: United nega l'imbarco

3commenti

CONSIGLI

Incontri ravvicinati con i cinghiali? Usate la strategia del torero

1commento

SPORT

SPORT

Duathlon Kids: festa al Campus con 500 bambini e ragazzi Foto

MOTOGP

Moto: mondiale si apre all'insegna di Viñales, suo gp Qatar

MOTORI

innovazione

La Fiat 500? Adesso si può noleggiare su Amazon

Motori

Il lusso? Oggi veste il made in Italy di Alcantara