-2°

Arte-Cultura

Polifonia di voci e sentimenti

Polifonia di voci e sentimenti
0

 

di Giuseppe Marchetti

Scriveva Rilke nella «Decima elegia» (1922): «Oh che un giorno come io varchi la soglia/ onde si evade dalla conoscenza/ della terra feroce/ mi sia dato d'elevare alto un canto/ di giubilo e di osanna al coro unanime/ consenziente degli angeli». E così, sia pure in forme diverse, anche Alberto Bevilacqua, giunto a confessarsi ancora una volta in poesia - la sua inconfondibile poesia - trasforma la soglia della propria conoscenza in un dato di sperimentazione senza limiti, e affida all'emozionante «La camera segreta», ora edito da Einaudi, l'impegno e il compito della sua più compiuta espressione, una poesia che fluisce senza titoli da più orizzonti e verso molti orizzonti, come tante volte abbiamo cercato di scrivere. 
«La camera segreta» è il grande archivio dei sensi dal quale lo scrittore ha tratto, in più di mezzo secolo di attività, «e terza e nona» direbbe Dante, cioé la grazia, l'impeto, la suggestione e i timori della vita. L'archivio si apre e si rinchiude senza sosta; è, via via, polifonia di voci, volti, luoghi e sentimenti che si ordinano, e si scompigliano in un «megatempo» e in un microtempo che contengono le medesime fibre meditative. Tali fibre, i versi, le immagini, le visioni, definiscono un carattere poetico che non va confrontato con gli «ismi» degli anni nostri, bensì invece inserito in un magma di condizione umana che nasce dall'istinto e talvolta vi risprofonda immediatamente. L'istinto della nascita, in primis. E poi quello della definitiva cancellazione. E poi quello della conoscenza - termine tremendo d'avveramento, come lo era per Rilke - che non può subire smentite: «... a fiato estremo/ a caro prezzo e sangue/ non resta/ che il ricordare a strappi come ci si leva/ una benda/ da una ferita fresca». Dunque, strappata la benda con dolore, la ferita risanguina nel dettato della poesia. Riappaiono certi fantasmi: i contrappunti, toccate e fughe, piccole note di misoginia, gli amori ambigui, i dialoghi degli amanti, gli specchi dei confronti istituiti con gli altri «Maestri» di un momento o di sempre (scrittori, pittori, musicisti) e anche le meraviglie degli esempi estremi che completano e complicano le «cantiche» più familiari: « -addio, Parma/ in quella dolcezza da viale a viale/ folta d'inaudite ragazze/ ...qui le suore ci prendono/ a ore e in nome/ di Dio ci baciano sulla bocca/ così furiose da farci/ sanguinare le labbra». Eppure, non dobbiamo lasciarci incantare perché Bevilacqua stesso ci diffida con un sorriso: «- disegnata nel fango che la spora intana/ l'immortalità, mia cara,/ è solo una questione di carattere». Del resto, sempre il poeta aggiunge: «- se la nostra ora vale un millennio/ per la vita di un minerale/ che reagisce agli stimoli circostanti/ come gli animali al cibo/ traccio i segni/ di una mia possibile resurrezione/ nella polvere che ricopre questa pietra/ dura/ il tempo di un brivido il mio scagliarla lontano».
Non v'è dubbio, tuttavia, che dentro questo lungo battere di tempi e di modi una volta di più la poesia del nostro autore perfezioni quel viaggio di conoscenza che, innescato dalle raccolte degli anni Settanta, «L'indignazione»  e «La crudeltà», si è più tardi manifestato, all'inizio del nuovo secolo, con «Piccole questioni di eternità», «Tu che mi ascolti», «Poesie alla madre» e «Duetto per voce sola», spostando spesso la realtà fisica, materiale, e palpitante dei simboli e delle occasioni dagli umori della fantasia alla fantasia pura e ai legami di sangue che la governano intimamente.Non ci tragga comunque in inganno il desiderio del poeta di «fare ordine» nel caos di oggetti e sentimenti «alla rinfusa, dipinti, fotografie, disegni/ riproduzioni, immagini di ogni sorta»: il tempo forse ci sarebbe, ma Bevilacqua preferisce che tutto resti così perché sia per lui  più facile sbirciare e frugare, ma soprattutto disseppellire quell'«andare a fiuto» che sempre usa  per rendersi conto della realtà che gli sfugge e dalla quale parimenti ha bisogno. 
Se ne salva in poesia «cane cieco/ che più non vede e non sente/ né amico né nemico/ che solo muove in festa un po' di coda/ a ciò che non esiste... lascia che mi conduca/ per molecole d'emozione che dicono universali/ affinità/ col mio vedere che ormai/ è come un sottovoce della vista». In realtà, dalla «Camera segreta» tornano molti temi e stilemi che furono cari a «Vita mia» dell'85 e ai segni che in quegli anni maturarono proprio come «mia vita che da sempre mi possiedi» dentro il circo di una composta follia che sa di quiete e di disperazione allo stesso tempo. Tra i due estremi, e paradossalmente, questa poesia si è conosciuta e riconosciuta, ha predicato se stessa e le proprie fedeltà: così resiste e ci sorprende sempre nuova e provocante. 
La camera segreta 
Einaudi ed., pag. 221,  15,50

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Malore alle prove del concerto: operato Al Bano

Roma

Al Bano operato dopo un malore: "Paura passata, il cuore sta ballando"

Poligoni

Polygons

Il cucchiaio del futuro da 1milione di $. Non ancora in vendita

2commenti

Chiara Ferragni regina Instagram 2016, in top Papa e Fedez

2016

La Ferragni regina di Instagram. Secondo? Vacchi. C'è il Papa

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Velluto rosso 6 dicembre

VELLUTO ROSSO

Da Shakespeare a Peter Pan: gli spettacoli da non perdere a teatro

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

Incidente in Autocisa. Nebbia: visibilità 110 metri in A1 Traffico in tempo reale

Nebbia in A1 (foto d'archivio)

Traffico

Pericolo nebbia: visibilità 80 metri fino a Bologna in A1 Tempo reale

Scontro fra due auto: statale 63 chiusa per due ore nel Reggiano, 4 feriti

via d'azeglio

Un coro di no per la chiusura del supermercato Videoinchiesta

In arrivo una sala slot? (Leggi)

1commento

TRAVERSETOLO

Ladri in azione a colpi di mazza nel negozio. Poi la fuga

1commento

raccolta firme

La Cittadella si illumina con l'albero di Natale Video

Per ribadire il "no" alla chiusura del chiosco

Poviglio

Fanno esplodere il bancomat: filiale semidistrutta, caccia all'uomo fra Parma e Reggio  Video

2commenti

Parma

Elvis e Raffaele hanno celebrato l'unione civile: "Ora siamo una famiglia"

Cerimonia nella Palazzina dei matrimoni con il vicesindaco

1commento

ospedale

Day hospital oncologico: nuova organizzazione

convegno

Migranti, Pizzarotti in Vaticano: "Comuni lasciati soli" Video

4commenti

derby

Reggiana-Parma: in vendita i biglietti (4.200)

LETTERE

Bello FiGo e i luoghi comuni

2commenti

Rugby

Zebre sconfitte dal Tolosa e... dalla nebbia. Partita sospesa dopo 63 minuti

viabilità

Ecco dove saranno gli autovelox la prossima settimana

1commento

Parma

Cachi in città: raccolte 180 cassette in un giorno Foto

1commento

Gazzareporter

I "magnifici 13"

1commento

Sorbolo

Sedicenne terribile autore di due «spaccate»

15commenti

Fidenza

Ubriaco si schianta contro un albero. Poi la bugia: "Rapito e costretto a bere" 

4commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Quando le notizie false diventano un'epidemia

di Paolo Ferrandi

IL DIRETTORE RISPONDE

Quelli che «Io? Mai stato renziano»

4commenti

ITALIA/MONDO

crisi

Mattarella: "Governo a breve. Prima del voto armonizzare le leggi"

cremona

Presepe negato, la diocesi: "E' tutto un malinteso"

WEEKEND

IL CINEFILO

Da "Captain Fantastic" a "Non c'è più religione": i film della settimana

45 ANNI DOPO

Tarkus, il capolavoro di Emerson Lake & Palmer

SPORT

Parma Calcio

D'Aversa: "Vinta una partita, non risolto i problemi". I convocati

sci cdm

Goggia 2ª in gigante Sestriere, vince Worley

MOTORI

AL VOLANTE

I consigli utili per guidare nella nebbia

4commenti

novità

Dal cilindro di Toyota esce C-HR, il Suv per tutti