11°

26°

Arte-Cultura

"Cristo dalla parte degli sconfitti"

"Cristo dalla parte degli sconfitti"
0

Giovanna Chirri

Gesù risorto «non è un cadavere rianimato» ma «vita nuova», la sua risurrezione è una «possibilità che interessa tutti e apre un nuovo genere di futuro». «La fede cristiana sta o cade con la verità della testimonianza secondo cui Cristo è risorto dai morti», le mani di Gesù «restano distese sul modo, come un tetto che ci protegge». Questo l’approdo della ricerca di Papa Ratzinger che, insoddisfatto del Gesù storico – tanto perduto nel passato da sembrare una nebulosa, – si è incamminato alla ricerca di uno «sguardo» e di un «ascolto» del Gesù dei Vangeli per poterlo presentare come «persona» con la quale è possibile un «incontro» un vero «rapporto personale». Una ricerca continuata con determinazione anche una volta eletto Papa, concretizzata nel «Gesù di Nazaret», della quale viene presentato oggi il secondo volume, «Dall’ingresso a Gerusalemme fino alla risurrezione». Edito dalla Lev in sette lingue, un milione 200 mila copie di tiratura iniziale, 300 mila in italiano, già esaurite, con altre 400 mila già prenotate, le circa 380 pagine sono uno sforzo intelligentemente ostinato di conciliare fede e ragione, di scovare il «Gesù reale» attingendo sì alla ricerca storica e critica, ma soprattutto tentando una «introspezione» di Cristo-persona attraverso gli episodi storici della sua vita: «Ci sarà un motivo per cui Dio ha scelto per papa un professore», aveva osservato Benedetto XVI nel libro-intervista con Peter Seewald. Ed ecco il «Gesù di Nazaret». Tanti i compagni di questo viaggio, tra cui l’amatissimo Romano Guardini, il connazionale Walter Kasper, l’ex allievo Christoph Schoenborn, il francese Albert Vanhoye esegeta della «Lettera agli Ebrei», i protestanti Pannenberg e Ringleben, ovviamente Rudolf Bultmann, il «demitizzatore» dei racconti evangelici. La ricostruzione del Papa acquisisce i risultati della ricerca storico-critica. In particolare è scrupolosissima per quanto riguarda le testimonianze della risurrezione. Benedetto XVI muove dalla domanda se «in quanto persone moderne possiamo dare credito» alle testimonianze della risurrezione», anche se «il pensiero ''illuminato'' dice di no». La sua risposta è invece affermativa: «Nella sua audacia e novità l’annuncio apostolico prende vita dalla forza impetuosa di un avvenimento che nessuno aveva ideato e che andava al di là di ogni immaginazione». I racconti, tra cui quelli sul sepolcro vuoto e la apparizione di Emmaus, sono anche «poco abili», ulteriore prova questa della loro affidabilità: se avessero inventato, i testimoni avrebbero fatto meglio, in particolare circa la «corporeità» e il modo di relazionarsi a loro di Gesù dopo la risurrezione. Tra i tentativi più riusciti di compiere una vera e propria introspezione sul Gesù dei Vangeli c'è senz'altro il capitolo sulla preghiera nel Gestsemani. Immedesimandosi nel Gesù reale, Benedetto XVI cerca di cogliere l’angoscia di Cristo – che «ha sperimentato l’ultima solitudine, tutta la tribolazione dell’essere uomo» – e la lotta in lui tra la volontà personale e la volontà di Dio. Accettando la volontà di Dio, Cristo ha «capovolto la storia», per tutti gli uomini, e lo ha fatto «mettendosi dalla parte degli sconfitti della storia». I discepoli che si addormentano, invece, manifestano quell«'intorpidimento dell’anima» che neppure vede più «tutta l’ingiustizia e tutta la sofferenza che devastano la terra» e alla fine «conferisce al maligno un potere nel mondo». Anche per i cristiani di oggi, spiega, occorre «vigilanza» contro questo intorpidimento dell’anima. Nel comprendere invece «gli abissi dell’anima» di Gesù sulla croce, nel suo «grido di abbandono», per Benedetto XVI sono stati più bravi i padri della Chiesa che certa «teologia recente», che ha scelto un «approccio troppo limitato e individualistico»: il grido di Gesù è anche «di tutti i giusti che soffrono». Nel capitolo sul processo c'è l’esame di come la parola «ochlos» che significa innanzitutto semplicemente una quantità di gente, la «massa» sia potuta diventare passando dal racconto di Marco a quello di Matteo, «tutto il popolo», con una «amplificazione fatale nelle sue conseguenze». Molto antigiudaismo nei secoli si è fondato su questa maledizione di Matteo, 27,25: «il suo sangue cada su noi e i nostri figli». «Il sangue di Gesù – ricorda papa Ratzinger – non viene versato ''contro'' qualcuno, ma è sangue versato per ''molti'', per tutti». Così la frase che ha aizzato l’odio contro il popolo ebraico «non è maledizione», ma significa che «tutti abbiamo bisogno della forza purificatrice dell’amore». Forse questa frase, – più che le affermazioni sulla non responsabilità degli ebrei nella crocifissione, già acquisita dalla Chiesa con la dichiarazione conciliare Nostra Aetate, – ha fruttato più di altre a papa Ratzinger il plauso del mondo ebraico internazionale, politico e religioso, fino al messaggio personale che gli ha inviato il premier israeliano Benyamin Netanyahu. Dal racconto del processo a Gesù una riflessione per l’oggi: «Pilato accantona la domanda sulla verità», come succede «quando il potere dei forti diventa dio di questo mondo», e come quando «la conoscenza della verità funzionale» produce «cecità per la verità stessa». Infine una raccomandazione: «Il mistero dell’espiazione non deve essere sacrificato a nessun razionalismo saccente». Cristo ha ottenuto «l'espiazione per il mondo», con lui «il rapporto di Dio con il mondo si è rinnovato», si è «realizzata la riconciliazione».

Gesù di Nazaret
Lev, pag. 380, €20,00

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Insinna insulta i concorrenti: "Avevamo 7 dementi, ha giocato una nana"

striscia la notizia

Insinna insulta i concorrenti di "Affari tuoi": infuria la polemica Video

2commenti

Prometteva la vittoria a Miss Mondo in cambio di sesso: smascherato da "Striscia la notizia"

MISS MONDO

Chiedeva sesso in cambio della vittoria: smascherato da "Striscia la notizia" Foto

Game of thrones 7

Game of Thrones

"La grande guerra è arrivata"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Candidati: lancio Chiara

SPECIALE ELEZIONI 

Candidati sindaci, 15 risposte su Parma in 2' I video

di Chiara Cacciani

6commenti

Lealtrenotizie

Uno scandalo sessuale nel passato del nuovo prete

Roncole Verdi

Uno scandalo sessuale nel passato del nuovo prete

2commenti

calcio

Gian Marco Ferrari, dalle giovanili del Parma alla Nazionale

La denuncia

Asili e materne, graduatorie col «trucco»

2commenti

Intervista al dG

Fabi: «Così rilancerò il Maggiore»

Lutto

«Camelot» se n'è andato a 59 anni

2commenti

sorbolo

A caccia di Igor? No, l'elicottero misterioso sulla Bassa è di Enel

Sport Paralimpici

Giulia, pesce combattente

Lega Pro

Parma, e adesso la Lucchese

1commento

MEDESANO

Pellegrini 2.0: una app sulla via Francigena

Busseto

Addio a Scrivani: ha insegnato a guidare a  generazioni

Criminalità

Le «ronde elettroniche» funzionano. Già 260 i parmigiani coinvolti

4commenti

LEGA PRO

Play-off: il Parma giocherà con la Lucchese

Sondaggio: i nostri lettori speravano nei toscani o nella Reggiana. In caso di passaggio del turno, i crociati incontrerebbero la vincente di Pordenone-Cosenza

12commenti

lega pro

Paolo Grossi: "Lucchese, sorteggio benigno" Video

Il Parma verso la Lucchese, guidata in panchina l'ex laziale Lopez, che ha sostituito Galderisi

2commenti

VERSO IL VOTO

Legalità, Alfieri lancia la sfida del certificato 335

E' il documento nel quale sono trascritti gli eventuali carichi pendenti

3commenti

TRAVERSETOLO

I ragazzini fanno i vandali, il sindaco: "Pagheranno le famiglie"

1commento

VIA COSTITUENTE

Colpiscono il gestore del supermercato con una catena: due donne arrestate per rapina

3commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

La balla dei soldi pubblici ai giornali

di Michele Brambilla

3commenti

EDITORIALE

Loro criminali paranoici. Noi troppo deboli e divisi

di Paolo Ferrandi

1commento

ITALIA/MONDO

ISLANDA

Turista italiano 20enne muore in un incidente in bici

LONDRA

Voto Gb: dopo Manchester Labour rimonta ancora, -5% da Tory

SOCIETA'

MILANO

La danza dell'amore dei serpenti. In un parco pubblico

cinema

Festival di Cannes: curiosità dalla Croisette Foto

SPORT

Moto

Rossi, notte serena all'ospedale

playoff ritorno

Parma - Piacenza 2 - 0: gli highlights del match Video

1commento

MOTORI

il test

Nuovo Discovery, in missione per conto di Land Rover

IL TEST

Tiguan, come prima più di prima