16°

Arte-Cultura

Entusiasma il genio irregolare di Tony "al matt"

Entusiasma il genio irregolare di Tony "al matt"
2

 Margherita Portelli

Con  occhi storti, dietro la cornice, guarda di tre quarti quella fiumana di persone che gli si riversa intorno e che così poco ha a che fare con il suo, di fiume. Come il lambrusco in una flute. O la zampata di una tigre coperta dalla ruota elegante di un pavone. Lui era vita, non forma. Antonio Ligabue, «al matt» di Gualtieri, che ieri è stato celebrato in grande stile alla Magnani Rocca, pare astrarsi dall’esaltazione del suo folle genio: «Questo luogo è quanto di più lontano da lui possiamo immaginare», parola di Vittorio Sgarbi. Una contraddizione, però, che è soprattutto una sfida: vinta forse in partenza con la mostra che il curatore Augusto Agosta Tota definisce, senza paura di sembrare ampolloso, «la più bella antologica mai realizzata su Ligabue». «Antonio Ligabue. La follia del genio», l’esposizione inaugurata ieri nella rinomata cornice dello scrigno d’arte di Mamiano, racconta, suddividendola in tre periodi, la vita, e l’opera, di colui che semplicisticamente è stato a lungo definito «il buon selvaggio» della pittura italiana. Circa 150 opere - lui, le sue tigri, i suoi insetti -, un esemplare excursus di tutte le diverse anime d’artista: un’ampia selezione dei suoi celebri oli, un nucleo di disegni e di incisioni, e alcune delle sue intense sculture realizzate dall’originale in argilla del Po, che lui stesso masticava a lungo perché fosse duttile.

«Ligabue è un grande artista che occupa una posizione eccentrica in una visione dell’arte in cui l’Italia è quasi totalmente assente - dichiara Vittorio Sgarbi, intervenuto all’inaugurazione -. Un pittore senza tempo, fuori dalla storia. Una verità superiore a qualsiasi regola. In lui gli animali, la foresta e il Po, una giungla popolata di tigri che sono la proiezione della sua ricerca. È il felliniano "voglio una donna" di Amarcord». Marzio Dall’Acqua ama definirlo un «dilettante di genio»: «Nella sua opera ritroviamo l’elemento fondamentale della lontananza, il paesaggio che va all’infinito e che comunica sensazioni», in quel suo ambiente di fiume, che al morire del giorno qualcuno definirebbe scarlatto. «E poi i colori intensi della sua pittura - continua Dall’Acqua -, e quella mosca che ritroviamo, spesso, a vitalizzare l’opera». Tre i periodi del pittore che rivivono nella mostra: «La produzione dal '27 al '28, disegno grafica e scultura dal '39 al '52, e l’ultima fase, dal '52 al '62» spiega Tota. «Un’antologica ricca per numero di opere e per valore artistico - le parole del presidente della Fondazione Magnani Rocca Manfredo Manfredi -. Contiamo su una straordinaria affluenza: speriamo di raggiungere le 35 mila visite». «Un altro grande regalo alla cultura parmense, che sarà di grande richiamo per il pubblico» secondo il prefetto di Parma Luigi Viana. «È entusiasmante pensare di avere, a Parma, e in contemporanea, due mostre come questa e quella di Claudio Parmiggiani al Palazzo del Governatore - accenna l’assessore comunale alla Cultura Luca Sommi -, due artisti così diversi, ma che così intensamente si sono resi protagonisti del Novecento». Presente all’inaugurazione anche Franco Maria Ricci, fra i primi a riconoscere il grande valore di Ligabue. Un valore oggi universalmente riconosciuto, anche da chi passeggia tra i suoi capolavori e candidamente ammette: «Me lo ricordo a Gualtieri, "al matt". Ero ragazza e quando lo incrociavo cambiavo marciapiede». Occhi storti, appunto. 

In edicola con la Gazzetta il catalogo della mostra, a 17,80 euro più il prezzo del quotidiano
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • pattrizia 71

    13 Marzo @ 13.13

    .....chissà perchè cambiare marciapiede......mah!!!!! io queste cose non le comprendo e non le concepisco!!!!!PERCHE' NON COMPRENDERE IL VALORE DI UN ARTISTA QUANDO E' IN VITA!!!!!!!......non ha senso tutto questo.....poi magari ieri si era in prima fila con un bicchiere di pregiato proseccho servito alla giusta temperatura tutti impellettati ad ascoltare i professoroni che tanto hanno studiato....nell'arte non c'è nulla da studiare.....RICORDATEVELO.......se è studio non è più arte........lo studio, nell'arte significa limitare......l'arte si ha dentro lo studio no.......tutti possono studiare ma nessuno può diventare artista se non lo è!!!!!.....RICORDATEVELO SIGNORI RICORDATEVELO.......MARADONA ERA MARADONA PERCHE' NATO COSI' non perchè ha studiato da calciatore.......riconoscere oggi il vero e giusto valore all'arte di ligabue, che io non definirei folle, bensì privilegiato del mondo dell'arte, è un pò come non capire se si sta mangiando cioccolata o qualcos'altro.........una domanda: anche oggi se incontrasse l'artista si cambierebbe marciapiede?......e allora .....

    Rispondi

  • oberto

    12 Marzo @ 18.37

    Un mito, è veramente il caso di dire genio e sregolatezza.

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Domenica di carnevale a Calestano con la sfilata

calestano

Domenica di carnevale a Calestano con la sfilata

Addio al gigante di «Trono di Spade»

MORTO FINGLETON

Addio al gigante di «Trono di Spade»

Amici, la Celentano dà della grassa alla ballerina che si mette a piangere

Video

"Sei grassa" e la ballerina piange: polemica ad Amici

4commenti

Notiziepiùlette

Ultime notizie

"Top500": la classifica

IMPRESE

Top500 Parma, ecco la classifica completa

Lealtrenotizie

Parma, Frattali out: arriva Davide Bassi in porta

LEGA PRO

Parma, Frattali out: in porta arriva Davide Bassi. Il Pordenone travolge il Bassano

L'estremo difensore era svincolato dall'Atalanta, nel suo passato anche Empoli e Torino

svariati casi a Parma

Ed ecco servita la truffa degli estintori (per i negozi)

1commento

il fatto del giorno

Droga, i numeri dell'emergenza Video

L'anteprima sulla Gazzetta di domani

1commento

in mattinata

Scippa in bici l'iphone ad una ragazza in via Farini: caccia al ladro

6commenti

Parma

Altri due incidenti questa mattina: quattro schianti in poche ore

1commento

INCHIESTA

Strada del Traglione: un viaggio nel degrado

8commenti

ieri sera

Pauroso incidente in Tangenziale Ovest, auto si ribalta: una donna ferita Foto

3commenti

crisi

Copador, settimana decisiva

1commento

questa mattina

Tamponamento in via Mantova: furgone nel fosso

comune

Dopo gli allagamenti: Duc, servizi ripristinati

gdf

Raccolta truffa per bimbi abbandonati: 60enne arrestato davanti al Maggiore

1commento

fotografia

Il "Mercante" secondo il fotografo Fabrizio Ferrari Gallery

comune

Casa: "Positivo il 2016, ma ci mancano 40 agenti" Tutti i numeri

L'assessore ha presentato, con i vertici dei vigili urbani i numeri e il bilancio degli interventi dello scorso anno

1commento

GAZZAREPORTER

Ancora rifiuti selvaggi a San Leonardo Fotogallery

AUTOSTRADA

A1: chiuso il casello di Parma per cinque notti consecutive

SANITA'

Scabbia, l'esperto: «In aumento altre malattie infettive»

3commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Le multe facili e quelle difficili

13commenti

EDITORIALE

Quei politici allergici alla libertà di stampa

di Filiberto Molossi

ITALIA/MONDO

MILANO

L'Italia della moda si ferma per Franca Sozzani Video

AREZZO

18enne uccide il padre: "Era quello che dovevo fare"

SOCIETA'

IL CASO

Cappato (che rischia 12 anni di carcere): "Dj Fabo è morto"

6commenti

Cinema

E' morto l'attore Bill Paxton

SPORT

Ciclismo

Grave caduta per la giovane promessa Marco Landi

rugby

L'amarezza di Villagra: "Potevamo vincere" Video

MOTORI

ALFA ROMEO

Stelvio, la nostra pagella

NOVITA'

Bmw, la nuova Serie 5 ragiona da ammiraglia