-3°

Arte-Cultura

Entusiasma il genio irregolare di Tony "al matt"

Entusiasma il genio irregolare di Tony "al matt"
2

 Margherita Portelli

Con  occhi storti, dietro la cornice, guarda di tre quarti quella fiumana di persone che gli si riversa intorno e che così poco ha a che fare con il suo, di fiume. Come il lambrusco in una flute. O la zampata di una tigre coperta dalla ruota elegante di un pavone. Lui era vita, non forma. Antonio Ligabue, «al matt» di Gualtieri, che ieri è stato celebrato in grande stile alla Magnani Rocca, pare astrarsi dall’esaltazione del suo folle genio: «Questo luogo è quanto di più lontano da lui possiamo immaginare», parola di Vittorio Sgarbi. Una contraddizione, però, che è soprattutto una sfida: vinta forse in partenza con la mostra che il curatore Augusto Agosta Tota definisce, senza paura di sembrare ampolloso, «la più bella antologica mai realizzata su Ligabue». «Antonio Ligabue. La follia del genio», l’esposizione inaugurata ieri nella rinomata cornice dello scrigno d’arte di Mamiano, racconta, suddividendola in tre periodi, la vita, e l’opera, di colui che semplicisticamente è stato a lungo definito «il buon selvaggio» della pittura italiana. Circa 150 opere - lui, le sue tigri, i suoi insetti -, un esemplare excursus di tutte le diverse anime d’artista: un’ampia selezione dei suoi celebri oli, un nucleo di disegni e di incisioni, e alcune delle sue intense sculture realizzate dall’originale in argilla del Po, che lui stesso masticava a lungo perché fosse duttile.

«Ligabue è un grande artista che occupa una posizione eccentrica in una visione dell’arte in cui l’Italia è quasi totalmente assente - dichiara Vittorio Sgarbi, intervenuto all’inaugurazione -. Un pittore senza tempo, fuori dalla storia. Una verità superiore a qualsiasi regola. In lui gli animali, la foresta e il Po, una giungla popolata di tigri che sono la proiezione della sua ricerca. È il felliniano "voglio una donna" di Amarcord». Marzio Dall’Acqua ama definirlo un «dilettante di genio»: «Nella sua opera ritroviamo l’elemento fondamentale della lontananza, il paesaggio che va all’infinito e che comunica sensazioni», in quel suo ambiente di fiume, che al morire del giorno qualcuno definirebbe scarlatto. «E poi i colori intensi della sua pittura - continua Dall’Acqua -, e quella mosca che ritroviamo, spesso, a vitalizzare l’opera». Tre i periodi del pittore che rivivono nella mostra: «La produzione dal '27 al '28, disegno grafica e scultura dal '39 al '52, e l’ultima fase, dal '52 al '62» spiega Tota. «Un’antologica ricca per numero di opere e per valore artistico - le parole del presidente della Fondazione Magnani Rocca Manfredo Manfredi -. Contiamo su una straordinaria affluenza: speriamo di raggiungere le 35 mila visite». «Un altro grande regalo alla cultura parmense, che sarà di grande richiamo per il pubblico» secondo il prefetto di Parma Luigi Viana. «È entusiasmante pensare di avere, a Parma, e in contemporanea, due mostre come questa e quella di Claudio Parmiggiani al Palazzo del Governatore - accenna l’assessore comunale alla Cultura Luca Sommi -, due artisti così diversi, ma che così intensamente si sono resi protagonisti del Novecento». Presente all’inaugurazione anche Franco Maria Ricci, fra i primi a riconoscere il grande valore di Ligabue. Un valore oggi universalmente riconosciuto, anche da chi passeggia tra i suoi capolavori e candidamente ammette: «Me lo ricordo a Gualtieri, "al matt". Ero ragazza e quando lo incrociavo cambiavo marciapiede». Occhi storti, appunto. 

In edicola con la Gazzetta il catalogo della mostra, a 17,80 euro più il prezzo del quotidiano
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • pattrizia 71

    13 Marzo @ 13.13

    .....chissà perchè cambiare marciapiede......mah!!!!! io queste cose non le comprendo e non le concepisco!!!!!PERCHE' NON COMPRENDERE IL VALORE DI UN ARTISTA QUANDO E' IN VITA!!!!!!!......non ha senso tutto questo.....poi magari ieri si era in prima fila con un bicchiere di pregiato proseccho servito alla giusta temperatura tutti impellettati ad ascoltare i professoroni che tanto hanno studiato....nell'arte non c'è nulla da studiare.....RICORDATEVELO.......se è studio non è più arte........lo studio, nell'arte significa limitare......l'arte si ha dentro lo studio no.......tutti possono studiare ma nessuno può diventare artista se non lo è!!!!!.....RICORDATEVELO SIGNORI RICORDATEVELO.......MARADONA ERA MARADONA PERCHE' NATO COSI' non perchè ha studiato da calciatore.......riconoscere oggi il vero e giusto valore all'arte di ligabue, che io non definirei folle, bensì privilegiato del mondo dell'arte, è un pò come non capire se si sta mangiando cioccolata o qualcos'altro.........una domanda: anche oggi se incontrasse l'artista si cambierebbe marciapiede?......e allora .....

    Rispondi

  • oberto

    12 Marzo @ 18.37

    Un mito, è veramente il caso di dire genio e sregolatezza.

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

La viadanese Gaia in finale a X Factor

talento

La viadanese Gaia in finale a X Factor

Miriam Leone valletta a Sanremo

verso il festival

Miriam Leone valletta a Sanremo

Kim Kardashian divorzia?

Gossip

Kim Kardashian divorzia?

1commento

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Ristoranti - La Zagara

CHICHIBIO

Ristoranti - La Zagara: cucina, pizza e dolci di qualità

di Chichibio

Lealtrenotizie

Terremoto nell'appennino reggiano: scossa di magnitudo 4.0

terremoto

Trema l'Appennino reggiano: scossa 4.0 Video

Colorno

451 anolini mangiati: è record Ultimo piatto: il video

roccabianca

Tamponamento e frontale sul ponte Verdi: due feriti, uno è grave Video

lega pro

Parma, sorriso finito: subito al lavoro per il Teramo Video

vigili del fuoco

Garage in fiamme a Sissa

Paura

Spray al peperoncino in discoteca

Comune

Bilancio: ecco tutti gli interventi previsti nel 2017 assessorato per assessorato

1commento

reggiana-parma

Il derby...indossa la maglietta granata

Langhirano

Trovato il ladro con il machete

1commento

la storia

Don Stefano, un prete con l'armatura da football americano Video

tg parma

Risorse province, allarme dopo il no alla riforma e la finanziaria

gazzareporter

Sacchi della spazzatura in piazzale Santa Rita Fotogallery

CAVALCAVIA

Via Mantova, presto un nuovo guard rail

3commenti

PEDEMONTANA

Allarme povertà, sussidi per 150 famiglie

1commento

LIBRO

Sopra Le Aspettative, la vita oltre la Sla

17a giornata

D'Aversa, buona la prima: 1-0 e 3 punti d'oro a Bolzano Guarda il gol - Fotogallery

Nocciolini: "Stesso Parma, ma con più grinta", Scavone: "Bene, ma la strada è lunga" (Video)Pacciani: "Vittoria sofferta ma meritata" (Videocommento) - D'Aversa: "Primo tempo sofferto, poi la squadra ha tenuto" (Video)Lega Pro, risultati e classifica (guarda)

3commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Il panino? Non famolo strano

2commenti

VELLUTO ROSSO

Da Shakespeare a Peter Pan: gli spettacoli da non perdere a teatro

di Mara Pedrabissi

ITALIA/MONDO

roma

Trovato il corpo della studentessa scomparsa: investita mentre inseguiva i ladri

SPAZIO

Usa, è morto l'astronauta John Glenn

SOCIETA'

Londra

E' morto Greg Lake, la voce di Emerson, Lake and Palmer

STRAJE'

"Costretta" a fare ricerca all'estero. Il sogno di Maria Chiara: tornare a Parma Video

1commento

SPORT

Storie di ex

Fiorentina avanti in Europa grazie a Chiesa jr.

TG PARMA

I Corrado acquistano il Pisa. Giuseppe: "Sogno sfida col Parma in A" Video

MOTORI

novità

Dal cilindro di Toyota esce C-HR, il Suv per tutti

MOTORI

Suzuki, il grande ritorno di Ignis