Arte-Cultura

Linee di fredda angoscia

Linee di fredda angoscia
0

Stefania Provinciali

Attento alla ricerca di Paul Cézanne e al dibattito dell’Informale, da Morlotti a Giacometti alla Richier, Attilio Forgioli è artista da rileggere sempre con attenzione e piacere, nella costante ricerca di un incontro ideale tra evento concreto e spazio simbolico, tra azione creativa e intromissione della memoria. Caratteristiche tutte che ne hanno fatto un artista significativo per la storia dell’arte italiana degli ultimi cinquant'anni. Forgioli ha, infatti, elaborato una personale lettura del reale sviluppata nel tempo, alla luce dell’angoscia dei dipinti di Francis Bacon e della ossessione del naturale di Graham Sutherland, personalmente conosciuto durante un durante un viaggio in Inghilterra con il gallerista Ruggerini e il critico Roberto Tassi. La sequenza di 26 dipinti e di un centinaio fra pastelli a olio e disegni, tutti di proprietà dello CSAC, grazie ad una donazione incrementata nell’ultimo ventennio, con opere recenti e della prima attività, permette di ricostruirne gli aspetti essenziali della sua arte, visibili nella mostra curata da Mariapia Branchi ed aperta da oggi  (inaugurazione questo pomeriggio alle 17 presente l’artista) fino al 25 aprile, al Salone delle Scuderie, in Pilotta. La pittura di Forgioli è densa di una materia lieve, di un colore spesso freddo, di una assoluta novità rispetto alla tradizione del naturalismo; il pittore, infatti, intende raggiungere col colore un sottile equilibrio, vuole creare un tessuto che sia apparizione, memoria, dunque che vada oltre la esplicita analisi del reale. Forgioli si rivela così artista capace di rielaborare i modelli del vecchio naturalismo «padano» trasformandone la materia in memoria secondo un’operazione creativa solida, che affonda le radici in una tradizione in cui ogni opera è pensata a diversi livelli, primo fra tutti il disegno. Un approccio questo ben delineato da Arturo Carlo Quintavalle in uno dei saggi del catalogo (Electa). «...Schizza sul luogo, schizza quando gli capita di vedere qualcosa che lo colpisce, che lo coinvolge, disegna su un bloc-notes, disegna su piccoli fogli, fa uno schema, qualche volta qualcosa di più, poi torna a casa, forse, elabora il disegno in modo diverso, usando la china magari diluita e comunque puntando ancora molto sul disegno. Qui la ricerca in apparenza si interrompe e Forgioli a volte moltiplica questi disegni combinando in modo diverso le forme, montagne o isole, figure o melograni che siano. A quel punto si può passare ai pastelli oppure direttamente ai dipinti, ma questo passaggio vuole dire una trasformazione...». Passaggi pratici che lasciano un segno, già al primo approccio, fondamentali nella comprensione, nella lettura di quanto rimane di quel reale trasfuso in un segno di cromia, che si interseca nell’inseguirsi di una trama sulla tela, nel «sapore» di un’indagine sottile dentro il colore, fino a restituirci il sé dell’artista, quello che la memoria ha trasfuso, mutato, rielaborato e riprodotto, con attenzione ai significati sottesi di un naturalismo interpretato. Non è facile oggi ritrovare artisti che partono dal disegno, che si fanno travolgere da quanto il mondo offre loro, natura, figura, oggetti che siano, purché abbiano un riscontro nel proprio vivere. Ragione che vede Forgioli affrontare in momenti diversi tematiche diverse, alcune rimaste ai margini, come le litografie del gruppo «Società Nuova» di cui Forgiali fa parte e che intende proporre nei primi anni sessanta la poesia civile e impegnata, autori come Brecht e Majakovskij, nelle fabbriche. Una storia a sé che si apre sulla visione successiva, sulle più consuete tematiche sviluppate negli anni rintracciabili in alcune specifiche opere come il «Cane morto ai bordi di una strada», la striscia gialla e le membra scomposte; la «Montagna», anzi le montagne delle Alpi; i «Mesi» che scolorano, nei pastelli, in modo diverso; il «Residence», di fatto una terrazza vetrata di un condominio posto di fronte alla casa del pittore, dove i colori dei fiori mutano nelle stagioni; e poi i temi ispirati al mito dei luoghi lontani, racconti popolati da dromedari, elefanti, rinoceronti. Alla base la materia che compone il disegno, la rielaborazione delle forme, l’essenzialità del pensiero e della memoria trasmessa senza riluttanza e, infine, la pittura. Attilio Forgioli ha una solida esperienza alle spalle. Nato a Salò, frequenta i corsi di Funi e Reggiani all’Accademia di Brera diplomandosi nel 1958. Esordisce alla Galleria Alberti di Brescia nel 1953 e vince nel 1957 il VI Premio Diomira per il disegno. Lavora in ambito neofigurativo filtrando la realtà attraverso la memoria, con una materia smagrita all’interno di vaste campiture libere. Nel 1965 espone i dipinti della serie «Allegorie», ispirati alla guerra in Vietnam, alla Galleria Bergamini, con la quale inizia una collaborazione che gli consente di lasciare l’insegnamento e dedicarsi solo alla pittura. Dal 1968 ha inizio il ciclo delle «Isole» al quale strutturalmente si accostano i successivi che mettono a fuoco soggetti diversi, tutti campiti al centro del foglio o della tela, con un colore macerato, simbolo di precarietà e di prossimità al disfacimento. Dal 1971 inizia a frequentare la Valsesia, dove aveva acquistato uno studio-abitazione. La serie delle «Montagne», evoca più che rappresentare quel paesaggio, reso attraverso la memoria con una gamma cromatica dai toni spesso freddi, nel quale la cima isolata tratteggiata con segni a volte duri e spigolosi ricorda alcune versioni della «Montagna Sainte Victoire» di Cézanne.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Bertolucci: "In Ultimo tango la Schneider non era consenziente"

Maria Schneider e Marlon Brando in "Ultimo tango a Parigi"

Cinema

Bertolucci: "In Ultimo tango la Schneider non era consenziente" Video

2commenti

Belen e Cuccarini, il sexy tango infiamma la tv

televisione

Belen e Cuccarini, il sexy tango infiamma la tv

Dal 2017 WhatsApp non funzionerà più sui vecchi telefonini

social

Dal 2017 WhatsApp non funzionerà più sui vecchi telefonini

1commento

Notiziepiùlette

Ultime notizie

autovelox

CONTROLLI

Autovelox e autodetector: la mappa della settimana

Lealtrenotizie

Strazio e pianto: Ilaria muore a 30 anni

Sorbolo

Strazio e pianto: Ilaria muore a 30 anni

Referendum

I dati definitivi: il No vince con il 59,11% in Italia, nel Parmense ottiene il 52,63%

1commento

referendum

Renzi si è dimesso. Oggi da Mattarella

Stravincono i No (leggi) a quasi il 60% - Euro prima giù poi recupera - Grillo: "Subito al voto con l'Italicum" - Shock nella Ue 

3commenti

Salsomaggiore

Squilli di tromba al funerale di Lorenzo, ucciso da una malattia a 15 anni

POLFER

Bimba smarrita, poliziotta le fa da mamma

Collecchio

Pedone investito nella notte a Lemignano: è in Rianimazione

Omicidio Della Pia

La madre di Alessia: «Mia figlia? E' stata dimenticata»

1commento

comune

Il parco ex Eridania sarà "Parco della Musica"

Lega Pro

Come sarà il primo Parma di D'Aversa

Pellegrino

E' morto Fortini, il presidente della corale

Lutto

Addio a Ronchini, al «pisonär»

LA STORIA

Suor Assunta, una vocazione nata sulla spiaggia

RICERCA

I terremoti si possono prevedere? Ecco a che punto siamo

Parla l'esperto. La nuova frontiera? Imparare a leggere i segnali prima delle scosse

Collecchio

Il parcheggio del cimitero è una discarica

referendum PARMA

In provincia vince (di poco) il No. In città il Sì Risultati comune per comune

463 sezioni su 470: 52.54 il No. In città Si al 50.33%. No, record a Albareto, il Si bene a Bore

5commenti

calcio

Parma, primo allenamento con D'Aversa e il nuovo staff Foto Video

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Ci sarebbe, magari, un "grazie" da dire

di Michele Brambilla

8commenti

IL DIRETTORE RISPONDE

La verità può nascondersi ma c'è

ITALIA/MONDO

Referendum

Anziano vota e muore al seggio a Marina di Carrara

referendum

Pelù denuncia: "Ho avuto la matita cancellabile". Ma ecco perché è valida

4commenti

SOCIETA'

tv

La "trollata epica" del rapper parmigiano Bello FiGo sui profughi Video

11commenti

IL DISCO

“L'indiano” di De Andrè, 35 anni dopo

SPORT

lega pro

La Reggiana (con Pordenone e Venezia) prende il largo. Parma a 7 punti dalla vetta

4commenti

rally

Monza, quinto successo di Rossi!

MOTORI

BOLOGNA

Esplora il Motor Show in meno di un minuto Video

NOVITA'

Q2, l'Audi che farà strage di cuori (femminili)