Arte-Cultura

Dalla Russia con Deineka

Dalla Russia con Deineka
0

 di Pier Paolo Mendogni

 

L'anno della cultura russa in Italia si è aperto con una mostra altamente significativa al Palazzo delle Esposizioni di Roma (fino al 1° maggio): quella di «Aleksandr Deineka.  Il maestro sovietico della modernità», curata da Matteo Lafranconi, Irina Vakar e Elena Voronovic come il catalogo Skira. Aleksandr Deineka (1899 - 1969) è stato uno degli artisti più apprezzati durante gli anni del regime comunista in quanto ne ha saputo interpretare lo spirito con la rappresentazione  di una gioventù e di un proletariato vigorosi e ottimisti nel futuro e l’ha fatto con opere di un’eccellente qualità in cui il monumentalismo delle figure si ammorbidisce nella rasserenante luminosità del paesaggio. 
Superata la fase più acuta delle contrapposizioni politiche, oggi si può guardare con un certo distacco storico alle vicende artistiche dell’Urss per un discorso critico approfondito che sappia cogliere differenze e qualità di linguaggio fra chi andava in un’unica direzione in quanto anche l’arte doveva essere al servizio del regime comunista per illustrarlo e propagandarlo.
Il rischio, in queste situazioni, è quello della banalizzazione illustrativa che Aleksandr Deineka ha evitato grazie alla sua forte, spiccata personalità come dimostrano gli ottanta lavori esposti che abbracciano tutto il suo percorso dagli anni Venti agli anni Sessanta e che comprendono dipinti, disegni, sculture e mosaici: una varietà che dimostra la versatilità del personaggio. 
«Deineka - ha scritto il critico Abram Efros, dopo la sua prima mostra a Mosca nel 1935 - è un combattivo, una delle personalità più inquiete dell’arte sovietica. Direi che è il più contemporaneo degli artisti sovietici. I suoi quadri e i suoi disegni non hanno bisogno di date. Le sue forme e i suoi soggetti parlano da soli. Deineka non sa contenersi. E’ un pittore dell’attualità. Le sue impressioni sono acute e durevoli». 
Quindi un artista che sapeva distinguersi per l’originalità del suo linguaggio semplice e dinamico, costituito da grandi piani che dialogano coi volumi, con la «belle forme» e dai vivaci elementi compositivi di una nitida, brillante cromia.
Nelle prime grandi tele degli anni Venti il tema dominante è quello del proletariato operaio celebrato nell’imponenza delle forme, nella pienezza della sua dignità: uomini e donne forti, sicuri di sé, fiduciosi nell’utilità del loro lavoro per il progresso del paese; i minatori chiacchierano in attesa di scendere nelle viscere della terra; due donne di una gioiosa prestanza campeggiano in primo piano «Sul cantiere di un nuovo reparto» e alle loro spalle l’intreccio dei telai di ferro apre una straordinaria spazialità. 
La «Difesa di Pietrogrado» è un’alta sintesi epica con i feriti che passano in alto sul ponte mentre sotto, in un biancore raggelante, sfilano lavoratori col fucile in spalla. 
Lo sport comincia ad apparire negli anni Trenta: ragazze impegnate in una corsa campestre, sciatori colti con una dinamica dall’eco futurista. Splendido per limpida luminosità e felice vitalità «Sul balcone» con una ragazza nuda. 
Alla gioiosità sovietica si contrappone la tristezza dell’Occidente capitalista: «Disoccupazione a Berlino» dove il realismo si accentua espressionisticamente. Il proletariato avanza sicuro nel progresso dell’industria, dell’edilizia («Chi prevale?) e dello sport con ragazze e ragazzi sani e robusti che giocano a pallone, nuotano, fanno ginnastica al mattino.
Un viaggio all’estero nel 1935 porta Deineka negli Stati Uniti, a Parigi e a Roma dove esegue dipinti e disegni. I giovani neri sono i protagonisti dei quadri americani mentre a Parigi lo attirano le donne: una disinvolta signorina seduta al caffé con davanti un bicchiere di vino, una seducente signora che sta truccandosi per uscire («Notte», splendido). A Roma è affascinato dai monumenti e dalla luce, dai palazzi e dallo stadio dei marmi. 
Quando rientra esegue alcuni capolavori di grande respiro come la kolchoziana che, vestita di rosso vermiglio, percorre in bicicletta una verdissima campagna; la «modella» sdraiata nuda di schiena su un divano di caldo velluto rossoviolaceo che contrasta col bianco lucore delle case innevate. 
Con «Futuri aviatori» rientra nella tematica cara al regime ma è un’opera di rara bellezza per il contrasto tra il solare e solido primo piano delle tre figure di schiena, il blu cobalto di un mare courbetiano e l’azzurro del cielo solcato da un aereo leggero. La guerra aleggia nella «Regione di Mosca: Novembre 1941» e coinvolge i cittadini con imprese eroiche (La difesa di Sebastopoli).
Nel dopoguerra la vita riprende. Grandiosi mosaici celebrano la «Mungitrice», il «Soldato dell’armata rossa»; le gesta sportive sono fissate nel bronzo e in dipinti dove ragazze e ragazzi dai capelli biondi corrono sotto cieli azzurrini solcati da nubi leggere. 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Bertolucci: "In Ultimo tango la Schneider non era consenziente"

Maria Schneider e Marlon Brando in "Ultimo tango a Parigi"

Cinema

Bertolucci: "In Ultimo tango la Schneider non era consenziente" Video

2commenti

Belen e Cuccarini, il sexy tango infiamma la tv

televisione

Belen e Cuccarini, il sexy tango infiamma la tv

Dal 2017 WhatsApp non funzionerà più sui vecchi telefonini

social

Dal 2017 WhatsApp non funzionerà più sui vecchi telefonini

1commento

Notiziepiùlette

Ultime notizie

autovelox

CONTROLLI

Autovelox e autodetector: la mappa della settimana

Lealtrenotizie

Strazio e pianto: Ilaria muore a 30 anni

Sorbolo

Strazio e pianto: Ilaria muore a 30 anni

Referendum

I dati definitivi: il No vince con il 59,11% in Italia, nel Parmense ottiene il 52,63%

1commento

referendum

Renzi si è dimesso. Oggi da Mattarella

Stravincono i No (leggi) a quasi il 60% - Euro prima giù poi recupera - Grillo: "Subito al voto con l'Italicum" - Shock nella Ue 

3commenti

Salsomaggiore

Squilli di tromba al funerale di Lorenzo, ucciso da una malattia a 15 anni

POLFER

Bimba smarrita, poliziotta le fa da mamma

Collecchio

Pedone investito nella notte a Lemignano: è in Rianimazione

Omicidio Della Pia

La madre di Alessia: «Mia figlia? E' stata dimenticata»

1commento

comune

Il parco ex Eridania sarà "Parco della Musica"

Lega Pro

Come sarà il primo Parma di D'Aversa

Pellegrino

E' morto Fortini, il presidente della corale

Lutto

Addio a Ronchini, al «pisonär»

LA STORIA

Suor Assunta, una vocazione nata sulla spiaggia

RICERCA

I terremoti si possono prevedere? Ecco a che punto siamo

Parla l'esperto. La nuova frontiera? Imparare a leggere i segnali prima delle scosse

Collecchio

Il parcheggio del cimitero è una discarica

referendum PARMA

In provincia vince (di poco) il No. In città il Sì Risultati comune per comune

463 sezioni su 470: 52.54 il No. In città Si al 50.33%. No, record a Albareto, il Si bene a Bore

5commenti

calcio

Parma, primo allenamento con D'Aversa e il nuovo staff Foto Video

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Ci sarebbe, magari, un "grazie" da dire

di Michele Brambilla

8commenti

IL DIRETTORE RISPONDE

La verità può nascondersi ma c'è

ITALIA/MONDO

Referendum

Anziano vota e muore al seggio a Marina di Carrara

referendum

Pelù denuncia: "Ho avuto la matita cancellabile". Ma ecco perché è valida

4commenti

SOCIETA'

tv

La "trollata epica" del rapper parmigiano Bello FiGo sui profughi Video

11commenti

IL DISCO

“L'indiano” di De Andrè, 35 anni dopo

SPORT

lega pro

La Reggiana (con Pordenone e Venezia) prende il largo. Parma a 7 punti dalla vetta

4commenti

rally

Monza, quinto successo di Rossi!

MOTORI

BOLOGNA

Esplora il Motor Show in meno di un minuto Video

NOVITA'

Q2, l'Audi che farà strage di cuori (femminili)