Arte-Cultura

Parma dal fascismo alla Liberazione

Parma dal fascismo alla Liberazione
0

Fiorenzo Sicuri
Si è aperta in febbraio e si concluderà il 27 marzo a Palazzo Pigorini la mostra dedicata a Parma durante il regime fascista, la guerra civile e la resistenza. I manifesti comunali esposti illustrano numerosi e salienti passaggi rilevanti delle vicende cittadine durante il fascismo; a essi si aggiungono i volantini clandestini dell’antifascismo parmense e i giornali ciclostilati delle brigate partigiane. Le bacheche col ricco repertorio di periodici, libri e opuscoli testimoniano anch’esse un'epoca, i suoi miti, i suoi gusti e i suo ricordi. E inframmezzati a ciò si mostrano alcuni pezzi del Museo del Risorgimento parmense, allestito fra il 1929-1931 presso la Scuola di Applicazione di Fanteria in giardino ducale ed oggi non visibile. Le foto o i ritratti dei protagonisti delle istituzioni locali, del fascismo e dell’antifascismo, arricchiscono il quadro dell’epoca: fra queste, alcune foto inedite e un ritratto di Guido Picelli, provenienti dagli archivi moscoviti dell’ex Urss.
La sezione riservata   alle arti figurative illustra l’arte a Parma durante il regime, con un percorso in tre parti, dedicate al ritratto, alle arti plastiche e decorative, e alla produzione più strettamente legata all’ufficialità e alla propaganda di regime. Documentano la prima parte esempi riferibili ad artisti di grande talento e di largo successo amatoriale, quali Latino Barilli, Amedeo Bocchi, e Donino Pozzi, che preferirono circoscriversi in una dimensione del tutto personale che, se non fu competitiva con le grandi ricerche del Novecento, non avvertì nemmeno le suggestioni della retorica imperante. Per la scultura e le arti decorative sono esposti alcuni pezzi di artisti accomunati dal senso di un eletto e speciale artigianato e da un déco accattivante, come attestano nella scultura la bellissima testa di Bichi di Luigi Froni o la Venere con Amore di Alberto Bazzoni, l’inedita serie di otto animali a «cera perduta» di Renato Brozzi, o la straordinaria coppia di Leonesse di Pietro Carnerini.
 L’ultima parte propone un’arte ormai avviata verso destini monumentali, legata alla glorificazione della nuova romanità imperiale o alla richiesta di consenso mediante tematiche propagandate dal regime: la Maschera di Mussolini, di Froni; i modellini in gesso della culla offerta al neonato Romano Mussolini dalla Federazione degli Artigiani e della Campana per la torre del Municipio di Addis Abeba, realizzati da Brozzi; i dipinti di Martino Jasoni, ispirati ai temi dell’elargizione di farina alle famiglie più povere (Il pacco delle opere assistenziali, 1934) e dei discorsi del duce alla radio (Ascoltando il discorso di Verona, 1938). Infine, le inedite e monumentali formelle della Via Crucis realizzate da Carnerini per la cattedrale di Bengasi.
La sezione dedicata  alle trasformazioni urbane offre l’opportunità di conoscere, attraverso foto, progetti e documenti poco noti un periodo particolarmente intenso dal punto di vista costruttivo e la storia di alcune delle strutture più significative della città sorte fra il 1927 ed il 1941. Dal completamento del Lungoparma Mariotti e Toscanini, tra il 1928 ed il 1934 con l’abbattimento di un’ala della Pilotta, delle Beccherie della Ghiaia e delle case di via Romagnosi, sino alla ricostruzione del Ponte di Mezzo (1932-34) e al complesso progetto di risanamento del quartiere Oltretorrente, dotato, nel giro di otto anni di oltre 2.600 nuove abitazioni con nuove fognature e servizi.
 A questo periodo si deve ascrivere anche l’elaborazione del nuovo piano regolatore cittadino (1933-1938) destinato a divenire operativo solo dopo il conflitto, e di cui è visibile un inedito progetto; la Casa del Balilla, con palestre, piscina e cinema (1934); gli archivi della Banca Commerciale Italiana (1941), la nuova Centrale del Latte (1933-1934) e i padiglioni della Mostra delle Conserve (1939-1941) in Parco Ducale. Da non perdere: i disegni inediti del progetto non realizzato del 1935 dell’architetto Gino Robuschi, e il progetto e le foto del fungo dell’acquedotto di Via Solari (1930), i bozzetti per le decorazioni interne del Palazzo del Governatore (1935) e le solari tavole a colori del complesso sportivo di Piazzale Volta.
La sezione musicale mostra manifesti e fotografie che illustrano i due principali teatri cittadini dell’epoca: il prestigioso Regio Teatro (poi durante la Rsi ribattezzato Teatro Nazionale Giuseppe Verdi, per togliere quel «regio» che ai fascisti, dopo l’otto settembre 1943, sembrava una provocazione) e il più popolare Teatro Reinach che nel 1939, portando un nome ebraico, in conseguenza delle leggi razziali fu ribattezzato Teatro Nicolò Paganini. E i protagonisti musicali dell’epoca, fra cui il massimo esponente parmense della musica del tempo, Ildebrando Pizzetti, accademico d’Italia. La giornata del risparmio, allora iniziata, trova una sua apposita collocazione in una sala attrezzata coi manifesti e gli opuscoli di propaganda, i vecchi salvadanai d’epoca, le foto a illustrazione delle iniziative della Cassa di Risparmio.
Ultima sezione, ma non la minore. Per la prima volta si affaccia nelle mostre dell’Istituzione Biblioteche la proiezione di sequenze cinematografiche, in cui si segnalano:  immagini di cineamatori parmigiani; reperti dell’Istituto Luce, che mostrano il lavoro delle operaie della fabbrica di profumi Ducale o gli esercizi ginnico-militari nel campo del Convitto Nazionale Maria Luigia; l’arrivo delle truppe alleate nella provincia e la sfilata delle brigate partigiane per la liberazione della città nel maggio 1945; immagini del regista Antonio Marchi e del fotografo Luigi Vaghi. Si concludono così le mostre di carattere storico sulla città che l’Istituzione Biblioteche ha iniziato nel 2005 e che hanno ripercorso il cammino compiuto dalla nostra comunità dall’Unità d’Italia al 1945: in sostanza, la storia di Parma durante la monarchia dei Savoia.
 Interi periodi trascurati o dimenticati sono così riemersi e la ricchezza della storia contemporanea della città è apparsa nella sua interezza, come attestano i ricchi e corposi cataloghi. Sia infine consentito di sottolineare l’impegno del consiglio di amministrazione dell’Istituzione Biblioteche e del suo presidente, Luciano Mazzoni, che hanno voluto concludere in tal modo l’intera iniziativa. E, insieme, l’opera del direttore dell’Istituzione, Giovanni Galli, che è stato l’animatore e l’artefice operativo, con l’aiuto dei suoi collaboratori, dell’intera serie di mostre.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Bertolucci: "In Ultimo tango la Schneider non era consenziente"

Maria Schneider e Marlon Brando in "Ultimo tango a Parigi"

Cinema

Bertolucci: "In Ultimo tango la Schneider non era consenziente" Video

1commento

Dal 2017 WhatsApp non funzionerà più sui vecchi telefonini

social

Dal 2017 WhatsApp non funzionerà più sui vecchi telefonini

1commento

Scompare frase parodia, per il web è censura

televisione

Heather Parisi e quell'elogio delle rughe che ha conquistato il web Video

Notiziepiùlette

Ultime notizie

In vigore il dl Fisco; Equitalia, 1 milione di accessi

ECONOMIA

In vigore il dl Fisco; Equitalia, 1 milione di accessi

Lealtrenotizie

Renzi si è dimesso. Oggi da Mattarella

referendum

Renzi si è dimesso. Oggi da Mattarella

Stravincono i No (leggi) a quasi il 60% - Euro ai minimi da 20 mesi: peggio che dopo la Brexit - Grillo: "Subito al voto con l'Italicum" - Shock nella Ue 

Sorbolo

Strazio e pianto: Ilaria muore a 30 anni

Omicidio Della Pia

La madre di Alessia: «Mia figlia? E' stata dimenticata»

Lega Pro

Come sarà il primo Parma di D'Aversa

PERSONAGGIO

Suor Assunta, una vocazione nata sulla spiaggia

Collecchio

Il parcheggio del cimitero è una discarica

Pellegrino

E' morto Fortini, il presidente della corale

POLFER

Bimba smarrita, poliziotta le fa da mamma

Lutto

Addio a Ronchini, al «pisonär»

referendum

Renzi si dimette: "La sconfitta è mia. L'esperienza del mio governo finisce qui"

Stravincono i No (leggi) a quasi il 60% - Euro ai minimi da 20 mesi: peggio che dopo la Brexit - Grillo: "Subito al voto con l'Italicum" - Shock nella Ue 

2commenti

referendum PARMA

In provincia vince (di poco) il No. In città il Sì Risultati comune per comune

463 sezioni su 470: 52.54 il No. In città Si al 50.33%. No, record a Albareto, il Si bene a Bore

2commenti

Torrile

Incidente a Bezze: auto finisce fuori strada, un ferito grave

lega pro

La Reggiana (con Pordenone e Venezia) prende il largo. Parma a 7 punti dalla vetta

Granata, friulani e veneti: successi importanti

4commenti

calcio

Parma, primo allenamento con D'Aversa e il nuovo staff Foto Video

youtube

"Esplora Parma", il nuovo video di Giulio Cantadori

RICERCA

I terremoti si possono prevedere? Ecco a che punto siamo

Parla l'esperto. La nuova frontiera? Imparare a leggere i segnali prima delle scosse

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Ci sarebbe, magari, un "grazie" da dire

di Michele Brambilla

7commenti

IL DIRETTORE RISPONDE

La verità può nascondersi ma c'è

ITALIA/MONDO

USA

Sente un tonfo e va in soffitta: c'è il cadavere del nipote scomparso da 2 anni

referendum

Pelù denuncia: "Ho avuto la matita cancellabile". Ma ecco perché è valida

4commenti

SOCIETA'

tv

La "trollata epica" del rapper parmigiano Bello FiGo sui profughi Video

10commenti

IL DISCO

“L'indiano” di De Andrè, 35 anni dopo

SPORT

rally

Monza, quinto successo di Rossi!

Basket

Basket, serie A: Brindisi schianta Sassari, ok Caserta

MOTORI

BOLOGNA

Esplora il Motor Show in meno di un minuto Video

NOVITA'

Q2, l'Audi che farà strage di cuori (femminili)