Arte-Cultura

Matisse "rinascimentale"

Matisse "rinascimentale"
Ricevi gratis le news
0

 di  Pier Paolo Mendogni

 

Aquattro secoli di distanza a Firenze davanti alle tombe Medicee -  maestoso sacrario struggente di una cosmica melancolia - Matisse (1869 - 1954) ha incontrato Michelangelo ed è rimasto folgorato. Era il 1907  quando l'artista - ormai affermatosi a Parigi nel gruppo dei Fauves - ha deciso di compiere un viaggio di studio nell’Italia centrale, dove ha assorbito la lezione del grande maestro ma nel modo in cui i geni sanno fare, ossia prendendone il succo più puro: quella terza dimensione che lo ha portato a strutturare i suoi nudi, disegnati o dipinti, in «sculture viventi». Si carica così di suggestioni evocative la mostra «Matisse. La seduzione di Michelangelo» in corso a Brescia al Museo Santa Giulia (fino al 12 giugno), curata da Claudia Beltramo Ceppi Zevi, come il voluminoso catalogo splendidamente illustrato della Giunti. Per molti potrà essere una scoperta, una felice rivelazione e un motivo di riflessione questo legame fra il fiorentino e il francese dipanatosi per anni tanto che nel 1918, quarantanovenne, Matisse da Nizza scriveva «Sono ritornato studente... disegno la Notte e la modello: cerco di impadronirmi della concezione chiara e complessa che è alla base delle costruzioni di Michelangelo». E in mostra c'è il disegno dell’Aurora caratterizzato da forti contorni che danno vigore a una soda plasticità mirabilmente accentuata da ombre leggere. Della «amata» Notte michelangiolesca è esposto un calco in gesso «Scusami - scriveva a Gustave Marquet che l’aveva invitato a recarsi a Marsiglia - ma non posso raggiungervi perché sono qui trattenuto da una donna. Passo con lei tutto il mio tempo e non credo che mi muoverò da qui per tutto l’inverno... Fortunatamente questa donna è un calco da Michelangelo e si chiama la Notte». E sulla scia di questa «liaison» troviamo lo «Studio di nudo disteso» (1910) con la gamba sinistra piegata col ginocchio alzato e il braccio destro piegato dietro la testa, tradotto nel 1935 nel celebre Nudo rosa, nonché diverse sculture in bronzo raffiguranti nudi distesi. La Battaglia dei centauri, scolpita da Michelangelo nel 1490-92 (qui c'è il calco in gesso), ha ispirato i disegni eseguiti per illustrare il volume Poesie di Mallarmé ma anche movimenti di danza di una atletica dinamicità rintracciabili ne «La danza armonia blu» e negli Studi per la danzatrice di Baltimora. Ma è lo Schiavo (morente o dormiente), in piedi - meraviglioso nella armoniosa bellezza anatomica del corpo al quale il braccio sinistro alzato e ripiegato dietro il capo conferisce una palpabile vibrante tensione dei muscoli, addolcita dal capo ricciuto, leggermente piegato verso destra, con gli occhi chiusi e un lieve sorriso sensuale - che lascia un’eco in numerosi capolavori di Matisse, il quale lo studia in vari disegni, lo include nella tela del «Pianista e giocatori di dama» (1924) e lo rielabora in altri dipinti tra cui il «Busto in gesso» (1919) e le diverse Odalische, viste durante il viaggio in Marocco e che nella luce e nel colore segnano un anello di congiunzione con Delacroix, suo costante punto di riferimento per l’importanza assunta con lui dal colore quale mezzo d’espressione: idea che sta alla base dell’estetica romantica e del Fauvismo. Delacroix, infatti, affermava che «il contorno dà il grande stile» e rifiutava «le mezze tinte». Nelle Ragazze in giardino (1919) Matisse riesce a dare profondità senza l’aiuto della prospettiva e la ricchezza di una pittura fatta con tante distinte «tessere» crea una specie di mosaico bizantino che si integra con la densa struttura della giovane vestita di bianco, stesa sul sofà. «Matisse - osserva Carlo Fagioli - sembra a volte praticare sintesi che, se assunte sul piano della teoria estetica, sembrano irrealizzabili.  E’ qui, nell’intreccio apparentemente impossibile tra culture artistiche oppositive quali l’arte bizantina e Michelangelo, che Matisse rivela tutto il suo genio originale a cui deve un posto unico nella storia dell’arte moderna, pari solo a Picasso». Negli ultimi anni la forma viene sempre più sintetizzata - come nella Natura morta, interno rosso a Venezia (1946) - fino a raggiungere un’altissima concentrazione pittorica nei papiers découpés di una fantasiosa poeticità, dove le forme semplici e scandite si giustappongono in un gioioso equilibrio cromatico e spaziale. Si va verso una ricerca astratta in cui luce e colore sono «un tutt'uno in perfetto accordo».

 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Belen (look sexy) e il battesimo delle polemiche

social

Belen (look sexy) e il battesimo delle polemiche

Un'onda che sembra arrivare dal film Point break

Portogallo

Onde gigantesche come nel film Point break

Ignazio Moser

Ignazio Moser

DADAUMPA

Moser, dal GF a Parma: «Qui sto bene, ho tanti amici»

Notiziepiùlette

Ultime notizie

«Timocenko», soprattutto pizza per tutti i gusti

CHICHIBIO

«Timocenko», soprattutto pizza per tutti i gusti

di Chichibio

1commento

Lealtrenotizie

Parma, quelle bande di ragazzini violenti

Emergenza

Parma, quelle bande di ragazzini violenti

1commento

59 ANNI

San Secondo piange Paola, l'angelo dei disabili

PARMA

Addio a Giacomo Azzali, una vita per l'anatomia: aveva 89 anni

PEDONE SICURO

Nuove «Zone 30» in città nel 2018. La mappa

Salsomaggiore

«Serhiy è scomparso: chi l'ha visto?»: l'appello degli amici

FONTEVIVO

Ubriaco alla guida crea scompiglio a Case Rosi

DIPENDENZA

Una sera con i Narcotici Anonimi

Municipale

Gli autovelox dal 22 al 26 gennaio Dove saranno

INTERVISTA

La regista Emma Dante: così in scena la bruttezza diventa bellezza

emilia romagna

Elezioni, i candidati del M5S nella nostra circoscrizione: c'è un parmense

Due parmigiani, invece, tra i candidati supplenti

inchiesta

Borseggi sull'autobus, è emergenza: "Bisogna essere ossessionati"

6commenti

incidente

Schianto tra due auto nel pomeriggio a Fontevivo: due donne ferite

posticipo

L'Avellino espugna Brescia tra mille emozioni La classifica di serie B

carabinieri

Video pedopornografico sul cellulare: arrestato lui, denunciato l'amico che l'ha inoltrato

2commenti

BUROCRAZIA

Parma: strade pronte, ma chiuse da mesi (o anni)

Da via Pontasso a Ugozzolo: ci sono cavalcavia e strade asfaltate in città che inspiegabilmente resatano interdette al traffico

4commenti

3 febbraio

Il ministro a Parma: maestre e maestri diplomati contestano

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Perché Mattarella ha ragione sul voto

di Michele Brambilla

L'ESPERTO

Imu: cosa succede se il figlio lavora all'estero

di Daniele Rubini*

ITALIA/MONDO

praga

Rogo in hotel, l'attore Alessandro Bertolucci: "Salvo ma ho visto morire due persone"

violenze su minori

Abusi su due figlie: il "mostro" smascherato da un tema scolastico è il papà

SPORT

tennis

Seppi saluta Melbourne, Nadal e Cilic ai quarti

GAZZAFUN

Cremonese - Parma 1-0: fate le vostre pagelle

SOCIETA'

AUTO

Revisione, tempi, costi e controlli: cosa c’è da sapere. Arriva il certificato

gazzareporter

Dall'Appennino alle Alpi

MOTORI

la pagella

Nissan Qashqai DCI 130 CV: i nostri voti

LA MOTO

Yamaha MT-09 SP: la prova