Arte-Cultura

Scrittori del Rinascimento

Scrittori del Rinascimento
0

Anna Ceruti Burgio

In questi ultimi tempi, con le importanti mostre del Correggio e del Parmigianino, si è valorizzata la cultura parmense del Rinascimento: i loro capolavori sono nati in un contesto raffinato, in cui umanesimo, poesia e pittura si fondevano in un crogiuolo creativo unico. Quest’anno ricorre il cinquecentesimo anniversario della morte di due scrittori molto importanti e conosciuti in quel periodo, anche se oggi passati un po' nell’oblio: Andrea Baiardi e Jacopo Caviceo, autori di due opere che potrebbero definirsi «best seller» del Cinquecento, rispettivamente il «Filogine», romanzo in versi e il «Peregrino», una sorta di feuilleton in prosa. Entrambi contribuirono a creare quel clima culturale che influenzò i grandi pittori (basti citare il substrato umanistico presente nella Camera di San Paolo). Il «Filogine» è opera del diplomatico, poeta e uomo d’armi Andrea Baiardi (nato prima del 1459 e morto nel 1511), discendente da una famiglia che aveva annoverato figure di spicco; Andrea, che partecipò attivamente alla vita politica cittadina in un periodo movimentato, fu uomo di fiducia prima di Ludovico il Moro (che lo aveva creato «cavaliere aurato») e poi dei Francesi; ospitò nella sua casa nei pressi di San Vitale personaggi molto importanti e partecipò a missioni diplomatiche e al ritorno di una di esse morì improvvisamente. Autore anche di Rime per la maggior parte inedite, il Baiardi deve la sua fama al citato «Filogine», sottotitolato «Trattato amoroso» o «Libro d’arme e d’amore». Un’opera in ottave che, in un contesto storico contemporaneo all’autore, fa rivivere lo spirito dei grandi poemi cavallereschi, il sogno di un mondo ormai scomparso ma presente nell’idealizzazione e nella fantasia. Il protagonista è un riflesso autobiografico del Baiardi: il parmigiano Adriano, abile giostratore e diplomatico, si innamora di Narcisa, a cui resta fedele nonostante sia ammirato da tutte le più belle dame, e, dopo varie peripezie e missioni in Francia, la sposa. Gli amori di Adriano e Narcisa fanno da cornice a un insieme di cronache mondane tardo quattrocentesche, dove compaiono usi e costumi reali e personaggi storici del tempo, e alle quali fa da sfondo anche la nostra città, esaltata per il bel vivere e i monumenti (sul «Filogine» e sui suoi rapporti con la «parmigianità» rimando ai saggi ad esso dedicati nel mio volume «Studi sul Quattrocento parmense», Pisa, Giardini, 1988, nonché al più recente «Parma rinascimentale e ducale», Parma, Tecnografica, 1996). Il Baiardi recentemente è stato rivalutato come probabile ispiratore di un leit motiv del Parmigianino, il «collo lungo» della famosa Vergine e di altre sue figure, presente nelle rime baiardesche. L'amore è il tema fondamentale pure del «Peregrino» di Jacopo Caviceo , romanzo in prosa che divenne la lettura prediletta della gioventù dorata rinascimentale; una love story, insomma, che narra la patetica vicenda di un giovane, dal simbolico nome di Peregrino (anche in questo caso un riflesso autobiografico). Il Caviceo (nato a Parma nel 1443 e morto a Montecchio nel 1511) fu frate, umanista e avventuriero; dopo aver studiato a Bologna e aver preso gli ordini sacri, si recò a Roma facendo il predicatore. Venne però imprigionato per le sue abitudini licenziose e fuggì viaggiando fino a Costantinopoli; tornato a Roma, uccise un sicario mandato contro di lui, ma fu assolto dal Papa. Venne poi a Parma, dove divenne uomo di fiducia di Pier Maria Rossi che lo inviò come Legato a Venezia, in seguito fu vicario generale a Ferrara e Firenze, per morire infine a Montecchio in Emilia. Il protagonista del suo romanzo, innamorato della bella Genevera che gli viene negata perché appartenente a una famiglia rivale, affronta vari pellegrinaggi e avventure (tra cui addirittura una discesa agli Inferi) in Italia e in terre d’oltremare, per poi poter finalmente sposare la sua amata, la quale però muore poco dopo le nozze. La trama, ricca di colpi di scena, diventa un pretesto per continue digressioni letterarie, dialoghi di tipo filosofico, orazioni giuridiche, brani epistolari, inserimenti di fatti e figure contemporanee. La fortuna del «Peregrino», la cui lettura oggi non è certo agevole, deriva probabilmente dall’aver assunto, agli occhi dei suoi contemporanei, la valenza di una summa dello scibile del tempo, conciliando la tradizione umanistica con la cultura volgare, in un stile composito, linguisticamente sperimentale ,un misto di latinismi, toscanismi e settentrionalismi, con spiccata tendenza ai diminutivi. Il Caviceo vi raccolse tutti i motivi erotici e culturali dell’ambiente cortigiano, tanto che qualcuno ha voluto riconoscere nel «Peregrino» un omaggio (evidente nel titolo), a quella Bianca Pellegrini che fu amata dal protettore dell’autore, Pier Maria Rossi e che fu destinataria delle decorazioni pittoriche della celebre camera aurea del castello di Torrechiara, in cui è effigiata appunto in veste di pellegrina. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

I 100 anni di Kirk Douglas

Youtube

I 100 anni di Kirk Douglas Video

Rosy Maggiulli torna... in pista

Monza

Rosy Maggiulli torna... in pista

Guns N' Roses all'autodromo di Imola

Il 10 giugno

Guns N' Roses all'autodromo di Imola

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Terremoto: cosa rischia Parma

TERREMOTO

Ma Parma quanto rischia?

1commento

Lealtrenotizie

Arriva la sala scommesse, scoppia la polemica

SAN LEONARDO

Arriva la sala scommesse, scoppia la polemica

Raid notturno

All'asilo di San Prospero rubati i soldi per l'altalena

Solidarietà

Sisma, il cuore di Parma c'è

PENSIONI

Novità sul ricongiungimento dei contributi

Palanzano

Sandra, la «musicista» delle campane

Progetto

L'auditorium a Busseto? Per ora non si fa

Lega Pro

Oggi Parma-Bassano

Salsomaggiore

Addio a Lorenzo, aveva solo 15 anni

LEGA PRO

D'Aversa per la panchina, ballottaggio Sensibile-Faggioni per il ds. E' questione di ore Video

gazzareporter

Scia e aerei: mistero nel cielo di Parma Video

4commenti

incidente

Auto si ribalta a Fidenza: un ferito grave

Anteprima Gazzetta

Terremoto: l'aiuto di Parma

Domani si parla anche di San Leonardo, di coca a Sorbolo, di un incredibile furto a un asilo

parma senza amore

Dieci frigoriferi (con materasso e rifiuti) sul marciapiede di via Boraschi

9commenti

vandali in azione

Manomettono il defibrillatore in piazza: presi (grazie a un cittadino)

2commenti

Sorbolo

Addio a Roberta Petrolini, la voce della Cri

cantieri e eventi

Come cambia la viabilità a Parma in settimana 

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

LETTERE AL DIRETTORE

Una piccola storia nobile

2commenti

EDITORIALE

Dal sexting al ricatto: pericoli on line

di Filiberto Molossi

1commento

ITALIA/MONDO

francia

Parigi, tutti salvi. Il rapinatore in fuga

PISA

Bimba di 6 anni muore soffocata da una spugna a scuola

WEEKEND

IL CINEFILO

I film della settimana, da Sully a Agnus Dei  Video

VERNISSAGE

90 anni di Arnaldo Pomodoro: la sua arte invade Milano

SPORT

ERA IL 2005

Rosberg, quel giorno a San Pancrazio...

1commento

SERIE A

Il Napoli travolge l'Inter di Pioli: 3 a 0

MOTORI

NOVITA'

Q2, l'Audi che farà strage di cuori (femminili)

BOLOGNA

Le ragazze
del Motor Show Fotogallery