Arte-Cultura

"Stasira parlèm'ma in djalètt"

"Stasira parlèm'ma in djalètt"
0

Giuseppe Mezzadri

Da due anni su iniziativa della Famija pramzana,  subito accolta da Parma Nostra, Circolo Guareschi, Circolo Pertini, Parma Musicale e Parmaindialetto è stato dato vita alle manifestazioni «Stasira parlèm'ma in djalètt» e «Spéta ch’a m' mètt in djéta». Gli spettacoli, che hanno avuto il sostegno dell’assessore Luca Sommi, sono stati replicati in 12 quartieri della città. La gente è uscita di casa e si è divertita gustando, in un bel dialetto, poesie, canzoni, battute e spassose scenette. Per chi fosse curioso di conoscere meglio i protagonisti proverò a descriverli seppure in modo anche un po' scherzoso. Anna Dall’Argine, presidente della «Famija pramzana», che recita da tantissimi anni, nemmeno lei sa ormai quanti sono, in dialetto e non, ha avuto il merito di fare collaborare associazioni che solitamente sono impegnate ciascuna sui propri obiettivi. A Renzo Oddi, presidente di «Parma Nostra», associazione in qualche misura «concorrente», il merito di avere accettato con entusiasmo. Discorso che vale anche per le altre associazioni. Il collante è stato l’amore per la nostra parlata, le nostre tradizioni e il desiderio di tenerle vive e di tramandarle.
I protagonisti: Mariangela Bazoni, insegnante di musica alla media Parmigianino, è direttrice del coro «Quator stagión» ed anche di un coro formato da suoi giovani scolari conosciuti come «Maryangel» (gli angeli di Mariangela) che ha in repertorio canzoni in dialetto e in italiano. Mariangela canta, balla e recita benissimo. Recita le poesie a memoria e questo le consente di interpretarle con tutto il corpo mani comprese. Giorgio Capelli, ex insegnante, è un componente del complesso degli «Snakes». Con felice espressione, da Sartorio è stato definito «menestrello parmigiano». Canta e suona che è un piacere ascoltarlo. Adatta testi musicali a rime, che compone con facilità, in dialetto parmigiano. Gigi Frigeri l’ho conosciuto più di cinquant'anni fa quando entrambi cominciammo a recitare con Bruno Lanfranchi. Lui aveva talento e ha continuato diventando una colonna del nostro teatro dialettale. Gigi non si è lasciata sfuggire l’occasione di tornare a recitare, dopo una pausa, seppure declamando soltanto poesie. A lui va l’abbraccio di tutti coloro che hanno goduto in tanti anni delle sue recitazioni. Claudio Cavazzini, detto il «gigante buono», presidente del circolo «Guareschi» è l’unico che non si preoccupa dei microfoni perché con la sua voce non ne ha bisogno. L’ha incorporato. Pur non avendo che poca esperienza di recitazione si è tuffato con entusiasmo e ha nuotato con vigore. Enrico Maletti l’ho conosciuto quando ha iniziato a recitare all’Oratorio del San Benedetto ancora con le braghe corte. Ha un repertorio completo di poesie dialettali che sa recitare in modo ineccepibile con una abilità che tradisce l’esperienza teatrale. Quotato traduttore in dialetto, ha due siti internet «Parma in dialetto» e «Parmaindialetto.blogspot.com». Quando Anna presenta gli attori, alludendo alla statura, lo presenta sempre come il piccolo ma grande Maletti. E' una buona forchetta e compensa quello che manca in altezza sviluppandosi in orizzontale.
Ermes Ghirardi è il presidente del circolo «Pertini» dove porta avanti con capacità l’eredità di Angiolino Melegari, fondatore del circolo e di cui ho goduto l’amicizia. Ermes ha supplito all’inesperienza del non avere mai recitato con l’impegno e la determinazione. Maurizio Landi, grafico, scenografo, attore della compagnia della «Famija Pramzana», caratterista di rango, ha saputo rendere divertenti anche scenette dal testo modesto. Il pubblico si «sbragava» dal ridere grazie alla sua mimica eccellente. Come la Wanda Osiris ama arrivare all’ultimo minuto tenendo i colleghi con il cuore in «spincolone». Oltre agli amici di cui sopra è doveroso citare Cristina Cabassa, maestra di scuola materna in pensione che, non stanca di aver lavorato tanto con i bambini, ama ancora insegnare ad alcuni di loro, particolarmente interessati, poesie e scenette in dialetto. In alcune serate dello spettacolo ha inserito, graditissimi, Giulia, Riccardo e Marco. Seppure con brevissime apparizioni abbiamo avuto il piacere, l’anno scorso, di avere la bravissima Ettorina Cacciani e quest’anno Rosetta Grassi che ha declamato il suo spassoso monologo «La sén'na dal partì». Chi ha tenuto a bada questa armata in tutto ciò che concerne l’organizzazione, i contatti e la logistica è stata la bravissima e paziente Elena Di Dato, detta «O Vesuvio», che unisce la simpatia napoletana ad un’efficienza quasi tedesca. Poi ci sono anch’io che con falsa modestia mi sono messo per ultimo. Il mio ruolo è stato quello di dire una battuta tra un intervento e l’altro. Per meglio riuscire in questo compito ho inventato «Scorsamära», personaggio molto parmigiano che è piaciuto al pubblico.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Bertolucci: "In Ultimo tango la Schneider non era consenziente"

Maria Schneider e Marlon Brando in "Ultimo tango a Parigi"

Cinema

Bertolucci: "In Ultimo tango la Schneider non era consenziente" Video

1commento

Dal 2017 WhatsApp non funzionerà più sui vecchi telefonini

social

Dal 2017 WhatsApp non funzionerà più sui vecchi telefonini

1commento

Scompare frase parodia, per il web è censura

televisione

Heather Parisi e quell'elogio delle rughe che ha conquistato il web Video

Notiziepiùlette

Ultime notizie

In vigore il dl Fisco; Equitalia, 1 milione di accessi

ECONOMIA

In vigore il dl Fisco; Equitalia, 1 milione di accessi

Lealtrenotizie

Renzi si è dimesso. Oggi da Mattarella

referendum

Renzi si è dimesso. Oggi da Mattarella

Stravincono i No (leggi) a quasi il 60% - Euro ai minimi da 20 mesi: peggio che dopo la Brexit - Grillo: "Subito al voto con l'Italicum" - Shock nella Ue 

Sorbolo

Strazio e pianto: Ilaria muore a 30 anni

Omicidio Della Pia

La madre di Alessia: «Mia figlia? E' stata dimenticata»

Lega Pro

Come sarà il primo Parma di D'Aversa

PERSONAGGIO

Suor Assunta, una vocazione nata sulla spiaggia

Collecchio

Il parcheggio del cimitero è una discarica

Pellegrino

E' morto Fortini, il presidente della corale

POLFER

Bimba smarrita, poliziotta le fa da mamma

Lutto

Addio a Ronchini, al «pisonär»

referendum

Renzi si dimette: "La sconfitta è mia. L'esperienza del mio governo finisce qui"

Stravincono i No (leggi) a quasi il 60% - Euro ai minimi da 20 mesi: peggio che dopo la Brexit - Grillo: "Subito al voto con l'Italicum" - Shock nella Ue 

2commenti

referendum PARMA

In provincia vince (di poco) il No. In città il Sì Risultati comune per comune

463 sezioni su 470: 52.54 il No. In città Si al 50.33%. No, record a Albareto, il Si bene a Bore

2commenti

Torrile

Incidente a Bezze: auto finisce fuori strada, un ferito grave

lega pro

La Reggiana (con Pordenone e Venezia) prende il largo. Parma a 7 punti dalla vetta

Granata, friulani e veneti: successi importanti

4commenti

calcio

Parma, primo allenamento con D'Aversa e il nuovo staff Foto Video

youtube

"Esplora Parma", il nuovo video di Giulio Cantadori

RICERCA

I terremoti si possono prevedere? Ecco a che punto siamo

Parla l'esperto. La nuova frontiera? Imparare a leggere i segnali prima delle scosse

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Ci sarebbe, magari, un "grazie" da dire

di Michele Brambilla

7commenti

IL DIRETTORE RISPONDE

La verità può nascondersi ma c'è

ITALIA/MONDO

USA

Sente un tonfo e va in soffitta: c'è il cadavere del nipote scomparso da 2 anni

referendum

Pelù denuncia: "Ho avuto la matita cancellabile". Ma ecco perché è valida

4commenti

SOCIETA'

tv

La "trollata epica" del rapper parmigiano Bello FiGo sui profughi Video

10commenti

IL DISCO

“L'indiano” di De Andrè, 35 anni dopo

SPORT

rally

Monza, quinto successo di Rossi!

Basket

Basket, serie A: Brindisi schianta Sassari, ok Caserta

MOTORI

BOLOGNA

Esplora il Motor Show in meno di un minuto Video

NOVITA'

Q2, l'Audi che farà strage di cuori (femminili)