13°

23°

Arte-Cultura

Libertà, la caduta dietro l'angolo

Libertà, la caduta dietro l'angolo
Ricevi gratis le news
0

L'ultimo, attesissimo romanzo di Jonathan Franzen («Libertà», Einaudi - già libro del 2010 oltreoceano, con tanto di copertina del Time che a tutt'oggi era toccata solo ad autori del calibro di Joyce, Nabokov, Salinger o Updike...) comincia, se non proprio dalla fine, comunque da una fine: già dalle prime righe veniamo infatti a conoscere quella che è stata la parabola di Walter Berglund, il generoso, sorridente, intraprendente impiegato «in carriera» della 3M che, giovane pater familias, a inizio Ottanta aveva per così dire posto la prima pietra del quartiere residenziale di Ramsey Hill, St Paul, Minnesota, spendendo pochissimo per la ristrutturazione della villetta vittoriana in cui trasferirsi con moglie e figli. Siamo nel Midwest degli States: la scena è grosso modo la stessa del precedente e sopravvalutato romanzo del cinquantaduenne narratore americano, «Le correzioni». E’ andata male, a Walter: e i suoi antichi, «buoni vicini» - i Berglund sono emigrati da un paio d’anni a Washington - apprenderanno dal New York Times degli affari non proprio onorevoli che lo hanno trascinato nei guai per una pericolosa «connivenza con l’industria del carbone ai danni dei contadini». Il lettore de «Le correzioni» avrà intuito che non solo la scena è la stessa: ma anche il cuore del romanzo non batte molto lontano di lì. Franzen sembra avere un debole per la caduta. E in particolare per quella caduta nel buco senza fondo dell’esistenza, che il culto del decoro, delle buone maniere, dell’apparire, ma anche del denaro, del successo e del potere, tenta invano di colmare: mentre, tutt'al più, riesce soltanto a nascondere per qualche tempo. La differenza è che, qui, Walter e sua moglie Patty sono brillanti, entusiasti, democratici, ecologisti, e cercano di crescere i loro due figli secondo i principi della più illuminata mentalità liberal (vedremo, almeno in un caso, con che risultati); Patty, in particolare, sembra animata da un fervore contagioso, che vorrebbe trascinare nel suo cono di luce tutto quanto la sfiora - e invece scatena gelosie e velenosi sospetti. Così la vita di Patty a Ramsey Hill è stata complicata da un’inossidabile conflittualità con la sua vicina di casa, Merrie Paulsen, che le pianta continuamente nel fianco spinose accuse di superficialità e protagonismo, mentre il di lei marito finisce neanche tanto segretamente per infatuarsene (ma non sarà con lui che Patty tradirà Walter: capitolerà invece con quel che per Walter è l’odiosamato compagno di una vita, il rocker Richard Katz; e sulle velleità trasgressive di certo rock, che parte incendiario per spegnersi goffamente snaturato, Franzen mostra di saperla lunga assai). Ce n'è già a sufficienza per capire che l’idillio è incrinato. Andrà ulteriormente in pezzi quando Joey, il figlio che Patty magnifica più di ogni altra cosa al mondo, dopo un furioso litigio con Walter si trasferirà armi e bagagli, appena adolescente, a casa di una sua coetanea, la cui madre è quanto di più antitetico al magico mondo di Patty si possa immaginare. I fallimenti non vengono mai dal nulla. Così Franzen (e con lui il lettore) comincia a scendere nell’Acheronte dei protagonisti: lo muove, e ne cava pepite di atro splendore. Quanto più scende, tanto più finisce per convincersi e convincerci di una verità elementare: in questo tragico imbroglio non si dà libertà che non rischi di capovolgersi, anche senza volerlo, nel carcere dell’infelicità assoluta. Ciascuno di noi sarà pure animato dalle migliori intenzioni (non lo era comunque Bush, ci dice Franzen, quando cercava di mascherare la sete di conquista dietro gli specchietti della sua Enduring Freedom): ma qualcosa, nel meccanismo della realtà, porta queste intenzioni al conflitto, i figli a deludere i genitori i genitori a deludere i figli, gli amici a tradirsi, marito e moglie a separarsi - e possiamo realizzare i nostri sogni (come quello di Walter, che accetta di contribuire al disboscamento delle montagne in Virginia per ottenere in cambio la salvaguardia della dendroica cerulea, un uccellino la cui specie è in via di estinzione) solo sporcando irrimediabilmente la nostra coscienza. Partire dalla consapevolezza di questa scandalosa fragilità e dell’abisso che la costeggia, rinunciando a riempirsi la bocca delle più nobili ma vacue astrazioni, non sarà il primo passo per allontanarsi, almeno di qualche millimetro, dall’orlo dell’abisso? «Libertà» non è affatto il Grande Romanzo Americano di cui si va a caccia da tempo. Sicuramente è un romanzo troppo lungo, e troppo gremito, più che di volti e situazioni, di parole e di dialoghi. Tutti parlano, parlano, parlano incessantemente (come Patty nelle due lunghe «sedute» autobiografiche in terza persona che costituiscono i fuochi di questa smisurata ellissi in forma di racconto): come se il frastuono delle parole potesse coprire il silenzio assordante di ogni fallimento. Senza scomodare Tolstoj («Guerra e Pace» viene qui convocato in un relais tanto ossequioso quanto imbarazzante), lo Yates di «Revolutionary Road», l’Updike di «Coppie» e soprattutto il Roth di «Pastorale americana» restano modelli irraggiungibili. Manca, a Franzen, il tocco supremo capace di stregarci e di struggerci. E soprattutto gli manca il «sentimento del tempo»: cosa singolare, in un narratore che ami immergersi in storie così lunghe. Ma è uno dei pochi, dei pochissimi della sua generazione - non è più così Dave Eggers, non è mai stato così David Foster Wallace - a possedere quella mirabile capacità di orchestrazione, quel soffio concreto e possente in grado di saldare insieme quotidianità e destino, di cui si nutre, sempre, l’arte del romanzo.
Libertà -  Einaudi, pag. 622,  22,00

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

2commenti

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Tutto pronto per gli Stones a Lucca. Mozzarella compresa Le set list del tour

OGGi

Gli Stones a Lucca: mandateci le vostre foto

Grande Fratello doccia

televisione

Doccia "hot" della "piccola" Belen: ascolti alle stelle e polemiche

2commenti

Laura, la prima sposa single d'Italia: abito, festa e viaggio di nozze

Brianza

Laura, la prima sposa single d'Italia: abito, festa e viaggio di nozze Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

La parola all'esperto

ECONOMIA

Torna "La parola all'esperto". Inviate i vostri quesiti

Lealtrenotizie

Venezia-Parma 0-0: i padroni di casa attaccano

serie B

Venezia-Parma 0-0: i padroni di casa attaccano

Debutta Germoni dal primo minuto

carabinieri

Giallo a Guardasone: arsenale in un dirupo

tg parma

Profughi a San Michele Tiorre, in arrivo i primi otto Video

3commenti

incidenti

Camion perde tubo, auto schiacciata: quattro feriti Foto

Schianto in viale Villetta: in tre all'ospedale

borgotaro

A casa coi genitori, disoccupati e spacciatori: arrestati due fratelli

droga

San Paolo, arrestato il pusher dei giardinetti

1commento

disperso

Fungaiolo non fa rientro a casa: ricerche da ieri sera tra Bardi e il Piacentino

INCHIESTA

La Massese resta piena di pericoli

2commenti

weekend

Tra porcini, stinco e giardini incantati: l'agenda del sabato

fidenza

Ruba sul treno: inseguito e bloccato da un altro straniero

POLIZIA

Al setaccio le strade della droga

1commento

DELITTO DI BASILICAGOIANO

Il giudice: «Habassi colpito e seviziato per un'ora»

BORGOTARO

Laminam, tornano i cattivi odori

bambini

Giocampus Day: è qui la festa (con Paltrinieri) Foto

SALSO

Addio all'imprenditore Nando Bellini

lettere al direttore

Come sardine sul Fornovo-Parma

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

GAZZAFUN

Dalla margherita alla "frutti di mare": vota le 10 pizze più buone

EDITORIALE

La Catalogna e il ritorno delle piccole patrie

di Paolo Ferrandi

ITALIA/MONDO

sisma

Terremoto in Messico: il bilancio è di 293 morti, 8 sono stranieri

uragani

Maria: cede una diga a Portorico, evacuazione di massa

SPORT

motogp

Aragon, seconde libere: Rossi 20° Domina Pedrosa

STATI UNITI

E' morto il pugile Jake La Motta, "Toro Scatenato"

SOCIETA'

tg parma

La Pilotta svela i suoi spazi segreti Video

Il disco compie 50 anni

"Days of future passed", il capolavoro dei Moody Blues che ispirò anche i Nomadi

MOTORI

LA NOVITA'

Al volante della nuova Volvo XC60. Ecco come va

auto&moda

Jaguar E-Pace, Debutto con Palm Angels Fotogallery