15°

Arte-Cultura

Vernizzi, il sentire domestico

Vernizzi, il sentire domestico
0

di Mariagrazia Villa

Una nostalgia inestinguibile, che scorre nell’alveo della vita, anche le più felici. Quel desiderio di tornare alla casa di ogni desiderio, quell'origine di unità, perfezione e amore da cui tutti arriviamo. Quella commovente fitta di altrove e di bellezza che lascia indifesi e magnifici d’umanità, mentre un giorno segue l’altro.
È questa l’eredità del pittore parmigiano Renato Vernizzi. Alla sua opera, spesso tralasciata da una critica inconsapevole della grandezza custodita in un introverso sentire domestico, incline ai turbamenti dell’essere più che alle turbolenze dell’apparire, è dedicata un’imponente opera editoriale in tre volumi: «Renato Vernizzi. Catalogazione generale del percorso pittorico».
Edita da Mup Editore in collaborazione con Fondazione Monte di Parma, sarà presentata domani, alle 10.30, nella Sala delle Feste di Palazzo Sanvitale. All’incontro, aperto dai saluti di Gilberto Greci, Presidente di Fondazione Monte di Parma, e Maurizio Dodi, Presidente di Mup Editore, interverranno i curatori del volume, Elena Pontiggia e Luca Vernizzi, e i critici d’arte Alberto Agazzani e Gianni Cavazzini.
Al termine, si terrà l’inaugurazione e la visita guidata della mostra «Renato Vernizzi. Gli esordi negli anni Venti e l’esplosione della luce e del colore con le ricerche del chiarismo», allestita nella Sala Polifunzionale del Museo Amedeo Bocchi in Palazzo Sanvitale.
Il catalogo generale racconta, in oltre milleduecento pagine, il percorso umano e artistico dell’artista, lungo quasi mezzo secolo d’attività, dal 1923 al 1972, raccogliendo e documentando la sua vastissima produzione in dipinti, disegni, opere grafiche e stampe, in maniera cronologica e con grande attenzione filologica. I tre volumi, stampati con perizia tipografica, rappresentano la prima opera di catalogazione completa del lavoro di Vernizzi sulla base di un’accurata e aggiornata ricognizione bibliografica ed espositiva. L’autorevolezza e l’esperienza dei curatori ha permesso di acquisire la documentazione di 2.836 opere, che rendono la pubblicazione uno strumento essenziale di conoscenza per critici e storici dell’arte, collezionisti e appassionati.
Nato a Parma nell’Oltretorrente nel 1904, Vernizzi ha lavorato molti anni a Milano e meditato con tutta l’ampiezza della dedizione sulle ragioni della pittura: attento sismografo delle correnti più d’avanguardia del Novecento, dagli echi novecentisti alle diafane atmosfere chiariste, dalle influenze fauviste ed ensoriane a un naturalismo padano che sarà poi l’ultimo per Arcangeli, non ha mai tradito la propria vocazione ad afferrare l’impressione che lascia il profumo della vita, sempre screziato dalla malinconia di un rimpianto sottile e spesso inconsapevole, attraverso il disegno, il colore e la luce. Con una commozione che fiorisce prima del sapere e una singolare libertà di pensiero e d’espressione, come risulta evidente nel secondo Dopoguerra, quando, in un clima ormai dichiaratamente antifigurativo, Vernizzi continua con i suoi abituali ritratti a famigliari e amici, d’acutissimo scandaglio psicologico, e riannoda addirittura i fili con l’Olimpo, ripensando a divinità come Velasquez, Goya o Manet.
L'esposizione che affianca il progetto editoriale, aperta fino al 24 aprile (orari: dal martedì alla domenica, 10.30-13.00; ingresso gratuito), è la prima del ciclo «Aspettando il Museo Renato Vernizzi», in programma da marzo a giugno nella Sala Polifunzionale del Museo Amedeo Bocchi («Renato Vernizzi. Il Dopoguerra: una stagione di rinnovata energia espressiva», dal 30 aprile al 22 maggio 2011; «Renato Vernizzi. Gli anni Sessanta: l’approfondimento interiore dell’immagine e della geometria compositiva», dal 28 maggio al 26 giugno 2011).
Esposte alcune delle opere descritte nel primo volume del catalogo generale, dalla magistrale eleganza cromatica di «Donna che legge» (1928) alla fragile geometria esistenziale di «Giardino in primavera» (1932), dalla fresca infanzia luminosa de «I fratellini» (1945) all’entusiasmo un po' in bilico dell’adolescenza in «Ragazzo in bicicletta» (1933).
Il Museo intitolato al pittore, che troverà la sua collocazione definiva nelle sale di Palazzo Sanvitale, ora in fase di restauro, nasce dalla generosa donazione di duecento delle sue più belle opere da parte dei figli Luca e Isabella alla Fondazione Monte di Parma nell’ottobre 2009.
Una casa per Vernizzi, dunque. Ma anche per ciascuno di noi, a ricordo dell’eterna, lancinante, universale nostalgia di casa.

Renato Vernizzi.  Catalogazione
generale del percorso pittorico
(a cura di Elena Pontiggia e Luca Vernizzi)
Mup Editore, pag. 1.238, euro 380,00
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Nozze indiane, fascino e colori al castello di Tabiano Foto Il video

Salsomaggiore

Nozze indiane, fascino e colori al castello di Tabiano Foto Il video

3commenti

Sembra ieri 1/1: 1984 - In piazza della Pace l'ippopotamo Pippo

TV PARMA

Sembra ieri: 1985 - Il "nuovo" Ponte Italia

1commento

Le serate special al Cafè 47

Era qui la festa

Le serate special al Cafè 47

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Premio Gazzarock 2017: sono aperte le iscrizioni

musica

Premio Gazzarock 2017: sono aperte le iscrizioni

Lealtrenotizie

Cagnolina trova la marijuana al parco e la mangia: salva per miracolo

Falcone-Borsellino

Cagnolina trova la marijuana al parco e la mangia: salva per miracolo

Viale Barilla

Lite tra giovani, contuso un vigile

La storia

Madre e figlio si laureano lo stesso giorno

Spettacoli

Andrea Pucci: «La mia vita tutta da ridere»

Radioterapia

Novità in arrivo e testimonianze dei pazienti

Volontariato

Le cento donazioni di Cherubino

Langhirano

La torta delle paste rosse: la storia di un paese in una ricetta

Collecchio

Suona l'allarme, ladri messi in fuga dai vicini

LANGHIRANO

Frontale a Pilastro, nessun ferito grave

soccorso alpino

Pietra di Bismantova, il ferito è un 43enne di Carpi Il video del salvataggio

Cede un chiodo durante la ferrata: cade nel dirupo

musica

Inaugurato il Centro Toscanini: guarda chi c'era Fotogallery

1commento

CULTURA

Porte aperte all'Ospedale vecchio: tutti in coda con il FAI Fotogallery

Giornate di primavera: domenica si visita l'Università

Dopo l'assoluzione

Raffaele Sollecito: «La mia vita riparte da Parma»

"Vivo a Barriera Bixio, lavoro e ho buoni amici"

14commenti

Tg Parma

Tariffa rifiuti in aumento? Federconsumatori: "Una beffa" Video

1commento

allarme

Piazzale Lubiana, trovata polpetta con chiodi: chiusa l'area cani

4commenti

polizia

Emergenza furti: razzia di vestiti nella notte allo Spip Video

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Chi ha interesse a volere la realtà percepita

EDITORIALE

Truffe, anziani e soldi sotto il materasso

di Carlo Brugnoli

1commento

ITALIA/MONDO

stanotte

Torna l'ora legale: ricordarsi di mandare avanti le lancette

TREVISO

Si rovescia il pedalò: annega 18enne. Salva la fidanzata

WEEKEND

FOODBLOGGER

Video-ricetta: la tartare di tonno e stracciatella secondo Eleonora Rubaltelli

cinema

Weekend ricco al cinema: i due consigli del CineFilo Video

SPORT

Motogp

Qualifiche annullate, griglia basata sulle libere: Vinales in pole, Rossi lontano

Rugby

Il Munster passa al "Lanfranchi", Zebre battute

MOTORI

NOVITA'

Non solo Suv: ecco le nuove berline e wagon del 2017

restyling

Mercedes, ora la GLA è più alta e più connessa