14°

Arte-Cultura

Il racconto della domenica - Il sogno di Stanislao Cosmi

0

di Gianni Croci

Stanislao Cosmi, letterato e narratore dopo la sua abituale - si fa per dire, in quanto il lavoro di un artista è come il lesso di prima scelta: si trova soltanto nelle macellerie che trattano carne di qualità e Stanislao Cosmi era scrittore che apparteneva ai primi - fatica con carta e penna, sentiva sintomi di stanchezza alla testa, ai muscoli della dita e delle mani e le braccia in quell'unico movimento erano dure e fissate come l'apertura di un compasso, i piedi e le gambe come ingessati. Il sangue gli fluiva dalle vene incostante, una sorgente pesante da guidare per il corpo e far giungere in tutte le arterie che le servivano per dare forza e calore alle parole che doveva immortalare sul foglio bianco. Il lavoro di Stanislao Cosmi non era né facile né poco faticoso. Per tirare fuori un raccontino da quotidiano c'era da sudare mille camicie e alla fine non era tanto sicuro che piacesse non tanto a sé stesso ma anche a chi doveva esaminarlo, leggerlo e pubblicarlo. Sapeva per la lunga esperienza nella scrittura che si poteva scrivere di tutto e su tutto, ma ci voleva orecchio, forma e stile, linguaggio pulito e non da birreria, bisognava trovare frasi vere, pulite, della pulizia che sa trasmettere l'arte.
In quanto a Stanislao Cosmi non era stato mai anemico né tantomeno stitico e quando prendeva in mano la penna le parole parevano sciogliersi, anche se a ogni riga la fatica si faceva pesante e la testa iniziava a sentire tutto il peso di una nuova storia che stava per nascere con i dubbi e le paure che la creazione si portava dietro come viatico di un dono che stava racchiuso nella magia della parola e ogni altra definizione per Stanislao Cosmi erano semplicemente balle. Puttanate di qualche intellettuale di periferia.
Stanislao Cosmi aveva lavorato tutta la mattina, il racconto era andato avanti, ma a metà pomeriggio aveva accusato la stanchezza della fine del giorno, il rilassamento delle idee e un assopimento del cervello che perdeva il filo della narrazione per trovarsi con la sfarinatura di un soggetto a cui mancavano una bracciata di righe per essere portato a termine. Sì, il finale non era mai così semplice come si crede, qualcosa deve accadere o in mancanza di un colpo di scena bisogna lavorare sulla semplicità di una riga che lasci il lettore in pace con se stesso e il mondo. Insomma, scrivere è come fare il pane in casa, un pizzico di sale in più o in meno rovina il sapore e il gusto, la gioia di pulirsi la bocca e di essere soddisfatti.
Stanislao Cosmi aveva messo giù la penna e alzatosi dalla sedia era andato a sedersi sulla poltrona nera in finta pelle - regalo di sua moglie Santina e della figlia Carlotta - per riposarsi dalla fatica e rivedere in una schermata del cervello ciò che, fino a quel momento, aveva scritto.
Dalla finestra aperta filtrava un'asola di luce mentre il sole si nascondeva dietro la prima ombra della sera e il catalogo dei fermenti del giorno andava esaurendosi nella tiepida passione di Stanislao Cosmi, nella scrittura che giorno dopo giorno gli portava in premio una nuova storia, una pagina o anche una sola riga. Gli bastava non perdere il vizio. Non farsi trovare con le mani in tasca. Stanislao Cosmi si era assopito. Aveva chiuso gli occhi e mentre dormiva con la testa appoggiata allo schienale della poltrona, sognava, era preda di un terribile terremoto che gli faceva franare la libreria, sotto la quale stava la poltrona, sulla sua povera e innocente testa senza alcuna pietà. Si sentiva stordito. Non riusciva a svegliarsi e il caos lo teneva sotto il giogo di quella terribile e inattesa calamità, vittima della sua creatività ...Si ritrovò col cervello intontito e la paura che ancora lo teneva per il bavero come una povera preda predestinata: oggi o domani.  

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Musica alla Latteria dal Beccio

pgn

Musica alla Latteria dal Beccio Foto

Morto il fratello dell'inviato Valerio Staffelli

Striscia la notizia

Morto il fratello dell'inviato Valerio Staffelli

«Ok il prezzo è giusto», alla presentatrice cede il vestito in diretta tv

Australia

Cede il vestito in diretta: esce il seno

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Collezionismo e antiquariato di nuovo protagonisti a Parma

L'EVENTO

Mercanteinfiera protagonista
a Parma

Lealtrenotizie

Successo per la Verdi Marathon: 2.200 partecipanti, sole e... Verdi sul palco

Bassa

Successo per la Verdi Marathon: 2.200 partecipanti, sole e... Verdi sul palco Foto

Malattie

Tre ragazzi con la scabbia alle superiori

8commenti

agenda

Una domenica con i mille colori del Carnevale

Borgotaro

Discute con una coppia, torna armato di coltello: un ferito nel parapiglia

Marocchino bloccato dai carabinieri 

7commenti

SALSOMAGGIORE

Addio a Renzo Tosi, il re della focaccia di Natale

1commento

CALCIO

A Salò un Parma affamato Diretta dalle 16,30

Manca Baraye, squalificato: al suo posto dovrebbe giocare Scaglia

Borseggio

«Tenetevi i soldi, ma ridatemi la foto del nipotino»

1commento

CURIOSITA'

Cartello «anti-rudo» al Campus

SORBOLO

Se n'è andato Giuliano Rosati, poliedrico e infaticabile

IL CASO

Sorbolo, contro furti e degrado il controllo si fa correndo

Nasce il progetto «Arrestiamoli»: lo sperimentano il sindaco e due runner

Sos animali

Cinque cuccioli cercano casa

viabilità

Il calendario e la mappa degli autovelox della settimana

Parma

Carnevale, carri e maschere dal Battistero alla Cittadella Foto Video

Spettacoli

Agnese Scotti: «Il mio teatro è fisico»

lutto

Collecchio piange Massimiliano Ori, lo sportivo dall'animo gentile

Aveva 51 anni

1commento

EVENTO

I 70 anni della Famija Pramzana

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Auguri Giorgio Torelli, un parmigiano speciale

di Michele Brambilla

IL DIRETTORE RISPONDE

Le multe facili e quelle difficili

6commenti

ITALIA/MONDO

Esplosione

Catania, crolla palazzina: morta un'anziana, una bimba di 10 mesi in coma 

Sant’Ilario

Rubava il telefono ai giocatori di videopoker: denunciato 35enne

WEEKEND

FIERE

E' iniziato Mercanteinfiera: curiosità fra gli stand Foto

45 anni fa: il disco

Catch bull at four - Quando Cat Stevens cantava in latino

SPORT

Coppa del mondo

Sci: Peter Fill vince il SuperG. Argento per gli azzurri nel Team sprint

lega pro

La Reggiana vince e si fa sotto. Il Gubbio si allontana

MOTORI

ALFA ROMEO

Stelvio, il Suv del Biscione. Da 50.800 euro Video

NOVITA'

Bmw, la nuova Serie 5 ragiona da ammiraglia