13°

23°

Arte-Cultura

Alba, dalla parte di lei

Alba, dalla parte di lei
Ricevi gratis le news
0

 Giuseppe Marchetti

Non è ricordato quanto meriterebbe, nei manuali e nelle storie della Letteratura italiana del Novecento, il nome di Alba De Cèspedes. E dunque accogliamo con piacere la proposta che Mondadori ci offre, nei Meridiani, dei suoi «Romanzi», riediti a cura e con un saggio di notevole impegno critico di Marina Zancan, che ha anche coordinato il lavoro di Sabina Ciminari, Laura Di Nicola e Monica Cristina Storini per le «Notizie sui testi», mentre l'apparato bibliografico lo si deve alle cure di Laura Di Nicola.
Nata nel 1911 (il Meridiano corona quindi un secolo), Alba De Cèspedes è uno di quegli un po' strani soggetti letterari che non appartengono ai classici generi, ma in qualche modo li sovrastano e li sorpassano se così possiamo dire, divenendo elementi di confronto e di paragone tra diverse espressioni, stili e contenuti narrativi. Nel Meridiano ora pubblicato son raccolti quattro romanzi: «Nessuno torna indietro» (1938), «Quaderno proibito» (1952), «Nel buio della notte» ('76) e l'ancora incompiuto e rimasto inedito «Con grande amore». Dopo aver pubblicato dal Carabba di Lanciano una raccolta di racconti che s'intitola «Concerto» nel '37, Alba raggiunge un meritato successo con il suo primo romanzo «Nessuno torna indietro» l'anno dopo, ma la censura fascista lo blocca, come blocca nel '41 la stampa dei racconti «Fuga» che ripropongono con molta chiarezza il problema della libertà - quella delle donne, in particolare - e la natura dell'introspezione che, mediante l'uso dei ricordi, si riappropria via via delle occasioni della vita in un drammatico teatro di voci, luoghi ed emozioni.
Ecco il mondo della De Cèspedes, il suo mondo raffinato e un poco ambiguo, tipico in realtà della condizione scrittoria novecentesca che la scrittrice mutuava dal proprio ambiente borghese e aristocratico: ambiente che i romanzi del Meridiano presentano con una straordinaria sottolineatura di stile, di memoria e di persuasione affettiva che Alba convoglia in una prosa seducente, ricca di fermenti solariani, ma anche di apporti nordamericani e francesi che la giovane, vissuta a lungo a Cuba, Parigi e Washington dove la portava la carica di ambasciatore del padre, aveva assorbito naturalmente. Di spirito antifascista, Alba collaborò  a Radio Bari e, dopo la fine della guerra fondò una delle più importanti e nuove riviste culturali italiane, «Mercurio» che durò quattro anni dal '44 al '46 con le collaborazioni e gli interventi di Alvaro, Montale, Bontempelli, Moravia, Saba, Brancati e altri scrittori di primo piano. «Nessuno torna indietro» e «Quaderno proibito» (due opere della «romanziera nota per la sua condotta libertina», come la definiva un documento della Polizia fascista nel '41) restano tra i suoi romanzi più efficaci a testimonianza del suo amore per il mondo femminile e le forti frustrazioni che esso deve subire per giungere anche alle più semplici e legittime istante di emancipazione. Del resto, la De Cèspedes appartiene di diritto a quel ricco territorio della narrativa «al femminile» come si dice che comprende Fausta Cialente, Anna Banti, Clotilde Marghieri, Gianni Manzini, Paola Masino, Lalla Romano, Dolores Prato, Laudomia Bonanni, Maria Bellonci, Anna Maria Ortese ed Elsa Morante: una bella pattuglia di feconde narratrici e di straordinarie testimoni di quella nostra narrativa che attraversò con inattaccabile convinzione umana e letteraria il Ventennio fascista, la seconda grande guerra e gli anni della ricostruzione.
Particolare interesse poi riveste per noi, oggi, la lettura del romanzo incompiuto «Con grande amore» che salda l'esperienza più propriamente letteraria all'altra, non meno convinta, «del mondo osservato dallo sguardo interiore di una donna» - scrive la curatrice - uno sguardo che penetra oltre le facili rivelazioni della realtà per toccare «con lucidità impietosa, ma senza resa, la crisi della civiltà occidentale» - scrive ancora la curatrice - pur ricordando il proposito di Alba: «Io voglio, con ciò, rimanere per sempre con mio nonno e con i miei fratelli cubani». In questa fedeltà si radica la misura e l'intensità di una scrittura che riassorbe completamente la vita restituendone con pienezza e convinzione assolute tutti i drammi e le situazioni, che compariranno nuovamente nel romanzo «La bambolona» del '67 non compreso in questo Meridiano, ma tuttavia in quegli anni dominato da una tensione morale netta, precisa e disinvoltamente intrisa di limpida ironia, pure se certe pagine - scriveva Pancrazi già nel '49 - «danno l'impressione di una scrittura vivida ma troppo corrente».
Romanzi - Mondadori ed., pag. 1750, 65

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

2commenti

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Tutto pronto per gli Stones a Lucca. Mozzarella compresa Le set list del tour

OGGi

Gli Stones a Lucca: mandateci le vostre foto

Grande Fratello doccia

televisione

Doccia "hot" della "piccola" Belen: ascolti alle stelle e polemiche

2commenti

Laura, la prima sposa single d'Italia: abito, festa e viaggio di nozze

Brianza

Laura, la prima sposa single d'Italia: abito, festa e viaggio di nozze Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

La parola all'esperto

ECONOMIA

Torna "La parola all'esperto". Inviate i vostri quesiti

Lealtrenotizie

Borgotaro, quattro feriti in uno scontro camion-auto. Schianto in viale Villetta: in tre all'ospedale

incidenti

Camion perde tubo, auto schiacciata: quattro feriti Foto

Schianto in viale Villetta: in tre all'ospedale

INCHIESTA

La Massese resta piena di pericoli

2commenti

POLIZIA

Al setaccio le strade della droga

1commento

weekend

Tra porcini, stinco e giardini incantati: l'agenda del sabato

DELITTO DI BASILICAGOIANO

Il giudice: «Habassi colpito e seviziato per un'ora»

BORGOTARO

Laminam, tornano i cattivi odori

Calcio

Parma, riscatto a Venezia?

1commento

SALSO

Addio all'imprenditore Nando Bellini

Fontanellato

Addio a Spinazzi, agricoltore all'avanguardia

AL «GULLI»

In passerella le miss «Over 80»

1commento

nel pomeriggio

Cade in bici in via Garibaldi: ottantenne ricoverato in gravi condizioni Video

tg parma

Viadotto sul Po chiuso, il Governo vaglia la fattibilità del ponte di barche Video

5commenti

Università

Cambiamento climatico: a Parma + 1,8° dagli anni '60 Video

anteprima gazzetta

Massese, i mesi passano e nulla cambia: resta pericolosa

gazzareporter

Strada allagata in via Gramsci

Pilotta

Verdi Off, le emozioni di Brilliant Waltz Video - 2

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

GAZZAFUN

Dalla margherita alla "frutti di mare": vota le 10 pizze più buone

EDITORIALE

La Catalogna e il ritorno delle piccole patrie

di Paolo Ferrandi

ITALIA/MONDO

sisma

Terremoto in Messico: il bilancio è di 293 morti, 8 sono stranieri

uragani

Maria: cede una diga a Portorico, evacuazione di massa

SPORT

motogp

Aragon, seconde libere: Rossi 20° Domina Pedrosa

STATI UNITI

E' morto il pugile Jake La Motta, "Toro Scatenato"

SOCIETA'

Il disco compie 50 anni

"Days of future passed", il capolavoro dei Moody Blues che ispirò anche i Nomadi

CHICHIBIO

«Bagno Gelosia», il pesce secondo tradizione

MOTORI

LA NOVITA'

Al volante della nuova Volvo XC60. Ecco come va

auto&moda

Jaguar E-Pace, Debutto con Palm Angels Fotogallery