20°

36°

Arte-Cultura

Alba, dalla parte di lei

Alba, dalla parte di lei
Ricevi gratis le news
0

 Giuseppe Marchetti

Non è ricordato quanto meriterebbe, nei manuali e nelle storie della Letteratura italiana del Novecento, il nome di Alba De Cèspedes. E dunque accogliamo con piacere la proposta che Mondadori ci offre, nei Meridiani, dei suoi «Romanzi», riediti a cura e con un saggio di notevole impegno critico di Marina Zancan, che ha anche coordinato il lavoro di Sabina Ciminari, Laura Di Nicola e Monica Cristina Storini per le «Notizie sui testi», mentre l'apparato bibliografico lo si deve alle cure di Laura Di Nicola.
Nata nel 1911 (il Meridiano corona quindi un secolo), Alba De Cèspedes è uno di quegli un po' strani soggetti letterari che non appartengono ai classici generi, ma in qualche modo li sovrastano e li sorpassano se così possiamo dire, divenendo elementi di confronto e di paragone tra diverse espressioni, stili e contenuti narrativi. Nel Meridiano ora pubblicato son raccolti quattro romanzi: «Nessuno torna indietro» (1938), «Quaderno proibito» (1952), «Nel buio della notte» ('76) e l'ancora incompiuto e rimasto inedito «Con grande amore». Dopo aver pubblicato dal Carabba di Lanciano una raccolta di racconti che s'intitola «Concerto» nel '37, Alba raggiunge un meritato successo con il suo primo romanzo «Nessuno torna indietro» l'anno dopo, ma la censura fascista lo blocca, come blocca nel '41 la stampa dei racconti «Fuga» che ripropongono con molta chiarezza il problema della libertà - quella delle donne, in particolare - e la natura dell'introspezione che, mediante l'uso dei ricordi, si riappropria via via delle occasioni della vita in un drammatico teatro di voci, luoghi ed emozioni.
Ecco il mondo della De Cèspedes, il suo mondo raffinato e un poco ambiguo, tipico in realtà della condizione scrittoria novecentesca che la scrittrice mutuava dal proprio ambiente borghese e aristocratico: ambiente che i romanzi del Meridiano presentano con una straordinaria sottolineatura di stile, di memoria e di persuasione affettiva che Alba convoglia in una prosa seducente, ricca di fermenti solariani, ma anche di apporti nordamericani e francesi che la giovane, vissuta a lungo a Cuba, Parigi e Washington dove la portava la carica di ambasciatore del padre, aveva assorbito naturalmente. Di spirito antifascista, Alba collaborò  a Radio Bari e, dopo la fine della guerra fondò una delle più importanti e nuove riviste culturali italiane, «Mercurio» che durò quattro anni dal '44 al '46 con le collaborazioni e gli interventi di Alvaro, Montale, Bontempelli, Moravia, Saba, Brancati e altri scrittori di primo piano. «Nessuno torna indietro» e «Quaderno proibito» (due opere della «romanziera nota per la sua condotta libertina», come la definiva un documento della Polizia fascista nel '41) restano tra i suoi romanzi più efficaci a testimonianza del suo amore per il mondo femminile e le forti frustrazioni che esso deve subire per giungere anche alle più semplici e legittime istante di emancipazione. Del resto, la De Cèspedes appartiene di diritto a quel ricco territorio della narrativa «al femminile» come si dice che comprende Fausta Cialente, Anna Banti, Clotilde Marghieri, Gianni Manzini, Paola Masino, Lalla Romano, Dolores Prato, Laudomia Bonanni, Maria Bellonci, Anna Maria Ortese ed Elsa Morante: una bella pattuglia di feconde narratrici e di straordinarie testimoni di quella nostra narrativa che attraversò con inattaccabile convinzione umana e letteraria il Ventennio fascista, la seconda grande guerra e gli anni della ricostruzione.
Particolare interesse poi riveste per noi, oggi, la lettura del romanzo incompiuto «Con grande amore» che salda l'esperienza più propriamente letteraria all'altra, non meno convinta, «del mondo osservato dallo sguardo interiore di una donna» - scrive la curatrice - uno sguardo che penetra oltre le facili rivelazioni della realtà per toccare «con lucidità impietosa, ma senza resa, la crisi della civiltà occidentale» - scrive ancora la curatrice - pur ricordando il proposito di Alba: «Io voglio, con ciò, rimanere per sempre con mio nonno e con i miei fratelli cubani». In questa fedeltà si radica la misura e l'intensità di una scrittura che riassorbe completamente la vita restituendone con pienezza e convinzione assolute tutti i drammi e le situazioni, che compariranno nuovamente nel romanzo «La bambolona» del '67 non compreso in questo Meridiano, ma tuttavia in quegli anni dominato da una tensione morale netta, precisa e disinvoltamente intrisa di limpida ironia, pure se certe pagine - scriveva Pancrazi già nel '49 - «danno l'impressione di una scrittura vivida ma troppo corrente».
Romanzi - Mondadori ed., pag. 1750, 65

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

La Cina dice no a Justin Bieber per "cattivo comportamento"

Musica

La Cina dice no a Justin Bieber per "cattivo comportamento"

Suicida Chester Bennington, cantante dei Linkin Park

Musica

Suicida Chester Bennington, cantante dei Linkin Park Video

Barbara Weldens

Barbara Weldens

FRANCIA

La cantante Barbara Weldens muore folgorata durante un concerto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Ecco la Summer Promo: la Gazzatta a soli 45cent al giorno!

ABBONAMENTO DIGITALE

Ecco la Summer Promo: la Gazzetta a soli 45 cent al giorno!

Lealtrenotizie

Coda di 7 chilometri fra Campegine e Parma, uscita consigliata a Reggio per chi arriva da Bologna

Code nella zona Est di Parma

Autostrada

Bisarca perde due auto in A1: traffico in tilt per ore. Traffico: code in Autocisa

Traffico sostenuto nel pomeriggio

incidente

Scontro fra una moto, due auto e un camion in via Traversetolo: un ferito grave

Delitto San Leonardo

Solomon incontra il papà: "Non volevo ucciderle"

8commenti

CALCIO

Coppa Italia: il Parma inizia in trasferta con il Bari. Si gioca il 6 agosto

via picasso

"Sosta" al bar Tato nella notte: il ladri svuotano tre slot machine

L'amarezza del proprietario: il video

1commento

carabinieri

Pusher in viale Vittoria: un lettore fotografa il blitz La sequenza

tg parma

Operato alla testa, il sindaco di Varsi resta in Rianimazione Video

Parma

Vinicio Capossela insieme alla Filarmonica Toscanini: le foto della serata 

IL CASO

Ramiola, taglia i cavi per far tacere le campane

4commenti

fisco

Ingrosso di elettronica: maxi-frode da 60 milioni. Anche Parma coinvolta

Accoglienza

Ma cosa fanno i profughi? Ecco la loro giornata tipo

5commenti

Scurano

Il camionista: «Così ho evitato una tragedia»

Personaggi

Dal Crazy Horse alla laurea

1commento

Felino

Soldi nelle slot invece che ai figli: condannato

2commenti

COMUNE

Un caso di dengue a Parma: disinfestazione in via Imbriani e al Barilla Center

Tecnici in azione per tre notti

1commento

parma calcio

I 40 anni di capitan Lucarelli: speciale Gazzetta Video

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL CASO

La lezione di papà Fred Video-editoriale

1commento

EDITORIALE

Borsellino e la giustizia che dobbiamo ai giovani

di Filiberto Molossi

1commento

ITALIA/MONDO

Auto

Rischio cartello in Germania, crollo dei titoli in Borsa

grecia

Scossa di 6,7: due turisti morti e 200 feriti a Kos Foto Video

SPORT

parma calcio

Qui Pinzolo: la foto-cronaca del primo giorno di allenamenti

Ciclismo

Tour de France: il norvegese Hagen vince in Provenza

SOCIETA'

MANTOVA

Amiche muoiono per un incidente in scooter. Quell'ultimo video su Fb

Era qui la festa

Sorbolo: facce da... girone dei golosi Foto

MOTORI

EMISSIONI

Anche Audi gioca d'anticipo: interventi su 850mila diesel

MERCEDES

Classe X, la Stella attacca il segmento dei pick-up