15°

Arte-Cultura

Alba, dalla parte di lei

Alba, dalla parte di lei
0

 Giuseppe Marchetti

Non è ricordato quanto meriterebbe, nei manuali e nelle storie della Letteratura italiana del Novecento, il nome di Alba De Cèspedes. E dunque accogliamo con piacere la proposta che Mondadori ci offre, nei Meridiani, dei suoi «Romanzi», riediti a cura e con un saggio di notevole impegno critico di Marina Zancan, che ha anche coordinato il lavoro di Sabina Ciminari, Laura Di Nicola e Monica Cristina Storini per le «Notizie sui testi», mentre l'apparato bibliografico lo si deve alle cure di Laura Di Nicola.
Nata nel 1911 (il Meridiano corona quindi un secolo), Alba De Cèspedes è uno di quegli un po' strani soggetti letterari che non appartengono ai classici generi, ma in qualche modo li sovrastano e li sorpassano se così possiamo dire, divenendo elementi di confronto e di paragone tra diverse espressioni, stili e contenuti narrativi. Nel Meridiano ora pubblicato son raccolti quattro romanzi: «Nessuno torna indietro» (1938), «Quaderno proibito» (1952), «Nel buio della notte» ('76) e l'ancora incompiuto e rimasto inedito «Con grande amore». Dopo aver pubblicato dal Carabba di Lanciano una raccolta di racconti che s'intitola «Concerto» nel '37, Alba raggiunge un meritato successo con il suo primo romanzo «Nessuno torna indietro» l'anno dopo, ma la censura fascista lo blocca, come blocca nel '41 la stampa dei racconti «Fuga» che ripropongono con molta chiarezza il problema della libertà - quella delle donne, in particolare - e la natura dell'introspezione che, mediante l'uso dei ricordi, si riappropria via via delle occasioni della vita in un drammatico teatro di voci, luoghi ed emozioni.
Ecco il mondo della De Cèspedes, il suo mondo raffinato e un poco ambiguo, tipico in realtà della condizione scrittoria novecentesca che la scrittrice mutuava dal proprio ambiente borghese e aristocratico: ambiente che i romanzi del Meridiano presentano con una straordinaria sottolineatura di stile, di memoria e di persuasione affettiva che Alba convoglia in una prosa seducente, ricca di fermenti solariani, ma anche di apporti nordamericani e francesi che la giovane, vissuta a lungo a Cuba, Parigi e Washington dove la portava la carica di ambasciatore del padre, aveva assorbito naturalmente. Di spirito antifascista, Alba collaborò  a Radio Bari e, dopo la fine della guerra fondò una delle più importanti e nuove riviste culturali italiane, «Mercurio» che durò quattro anni dal '44 al '46 con le collaborazioni e gli interventi di Alvaro, Montale, Bontempelli, Moravia, Saba, Brancati e altri scrittori di primo piano. «Nessuno torna indietro» e «Quaderno proibito» (due opere della «romanziera nota per la sua condotta libertina», come la definiva un documento della Polizia fascista nel '41) restano tra i suoi romanzi più efficaci a testimonianza del suo amore per il mondo femminile e le forti frustrazioni che esso deve subire per giungere anche alle più semplici e legittime istante di emancipazione. Del resto, la De Cèspedes appartiene di diritto a quel ricco territorio della narrativa «al femminile» come si dice che comprende Fausta Cialente, Anna Banti, Clotilde Marghieri, Gianni Manzini, Paola Masino, Lalla Romano, Dolores Prato, Laudomia Bonanni, Maria Bellonci, Anna Maria Ortese ed Elsa Morante: una bella pattuglia di feconde narratrici e di straordinarie testimoni di quella nostra narrativa che attraversò con inattaccabile convinzione umana e letteraria il Ventennio fascista, la seconda grande guerra e gli anni della ricostruzione.
Particolare interesse poi riveste per noi, oggi, la lettura del romanzo incompiuto «Con grande amore» che salda l'esperienza più propriamente letteraria all'altra, non meno convinta, «del mondo osservato dallo sguardo interiore di una donna» - scrive la curatrice - uno sguardo che penetra oltre le facili rivelazioni della realtà per toccare «con lucidità impietosa, ma senza resa, la crisi della civiltà occidentale» - scrive ancora la curatrice - pur ricordando il proposito di Alba: «Io voglio, con ciò, rimanere per sempre con mio nonno e con i miei fratelli cubani». In questa fedeltà si radica la misura e l'intensità di una scrittura che riassorbe completamente la vita restituendone con pienezza e convinzione assolute tutti i drammi e le situazioni, che compariranno nuovamente nel romanzo «La bambolona» del '67 non compreso in questo Meridiano, ma tuttavia in quegli anni dominato da una tensione morale netta, precisa e disinvoltamente intrisa di limpida ironia, pure se certe pagine - scriveva Pancrazi già nel '49 - «danno l'impressione di una scrittura vivida ma troppo corrente».
Romanzi - Mondadori ed., pag. 1750, 65

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Medesano: al Bar sport come in Cina

pgn

Medesano: al Bar sport come in Cina Foto

Antonio Banderas, ho avuto un infarto ma sto bene

Cinema

Antonio Banderas: "Ho avuto un infarto. Ora sto bene"

Nozze indiane, fascino e colori al castello di Tabiano Foto Il video

Salsomaggiore

Nozze indiane, fascino e colori al castello di Tabiano Foto Il video

3commenti

Notiziepiùlette

Ultime notizie

«Mastroianni's»: piatti moderni, curati e fantasiosi

Foto tratta dal sito ufficiale del ristorante

CHICHIBIO

«Mastroianni's»: piatti moderni, curati e fantasiosi

Lealtrenotizie

Fidenza: donna trovata morta in piazza Gioberti, è giallo

I carabinieri in piazza Gioberti dove è stato rinvenuto il corpo

Ultim'ora

Fidenza: donna trovata morta in piazza Gioberti, è giallo

Bologna

Prostituta uccisa a colpi di pistola: confessa un 55enne di Parma

Francesco Serra si era invaghito della 30enne romena Ana Maria Stativa, trovata senza vita a casa sua

LEGA PRO

Il Parma sbanca Gubbio 4-1. Recuperati 2 punti al Venezia

In gol Calaiò, Nocciolini e Iacoponi. Infortunio muscolare per Giorgino. Crociati terzi a 8 punti

1commento

curiosità

Coppa Cobram: quando Parma prende la "bomba" e pedala Fantozzi-style Le foto

La storia

Madre e figlio si laureano lo stesso giorno: "Un segno del destino" 

Valeria Vicini si è laureata in Scienze politiche e delle relazioni internazionali, il figlio Leonardo Ranieri in Scienze dell’architettura

1commento

Intervista esclusiva

Raffaele Sollecito: «Ho scelto Parma per lavoro»

Il delitto di Meredith, il processo, l'assoluzione, il rapporto con Amanda. Ecco l'intervista completa

20commenti

TRAVERSETOLO

Sotto il parcheggio del Conad c'è un insediamento preistorico?

Parma

Autovelox e autodetector: ecco dove saranno i controlli dal 27 al 31 marzo

Parma

Cagnolina trova la marijuana al parco e la mangia: salva per miracolo

6commenti

Langhirano

La torta delle paste rosse: la storia di un paese in una ricetta

Viale Barilla

Lite tra giovani, ma chi ha la peggio è un vigile

7commenti

Il commosso addio di Collecchio a Graziella

SOS ANIMALI

Cani da adottare Foto

l'appello

La figlia del partigiano Ras: "Vorrei trovare la famiglia di Parma che lo ospitò" Video

1commento

Dai lettori

"Borgo delle Colonne e piazzale D'Acquisto: parcheggi selvaggi ma niente multe di notte" Foto

ospedale

Radioterapia, arrivano nuove tecnologie

Le testimonianze dei pazienti: "Così sconfiggiamo la paura"

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Chi ha interesse a volere la realtà percepita

EDITORIALE

L'esempio di Londra contro il terrorismo

di Francesco Bandini

ITALIA/MONDO

A10

Tir si ribalta e uccide due operai: arrestato il camionista Foto Video

rimini

Cadavere di donna in trolley al porto. E' la cinese sparita durante crociera?

SOCIETA'

la peppa

Tartine fiorite

centro giovani

"Noi che....": così si raccontano i giovani di Parma Il video

1commento

SPORT

MOTOGP

vince Vinales dopo una "battaglia" con Dovizioso. Rossi terzo

formula 1

Trionfo rosso: Vettel domina il Gp d'Australia. Hamilton secondo

MOTORI

innovazione

La Fiat 500? Adesso di può noleggiare su Amazon

NOVITA'

Non solo Suv: ecco le nuove berline e wagon del 2017