21°

Arte-Cultura

Vescovi di fine Medioevo

Vescovi di fine Medioevo
0

 «Parma medievale. Poteri e istituzioni», terzo volume della monumentale opera storica Storia di Parma, edita da Monte Università Parma Editore per volontà della Fondazione Monte di  Parma, Università degli Studi di Parma e Banca Monte Parma, illustra la storia della nostra città dal periodo dell’alto medioevo e analizza le dinamiche del potere laico e temporale, i conflitti e le situazioni belligeranti tra centro urbanizzato e territorio agreste, i profili dei personaggi che hanno contribuito allo sviluppo della città, dai vescovi alle famiglie signorili. Il saggio di  Gianluca Battioni presente nel volume si intitola «Istituzioni ecclesiastiche e vita religiosa nei secoli XIV XV».   

Fra i nove vescovi che si susseguono nel governo della diocesi di Parma dal 1323 al 1499 meritano di essere ricordati almeno Ugolino Rossi, fra Bernardo da Carpi, Delfino Della Pergola e Gian Giacomo Schiaffenati.
Ugolino Rossi, vescovo di Parma per ben cinquantaquattro anni, dal 1323 al 1377, è uno degli artefici delle fortune della famiglia che nel secolo successivo darà alla luce il celeberrimo Pier Maria: per questo non c'è vicenda politica, locale o nazionale, che non annoveri Ugolino fra i suoi personaggi. E non solo vicenda strettamente politica: il ricco epistolario di Francesco Petrarca, arcidiacono della cattedrale di Parma in quegli anni, ha tramandato ai posteri le tensioni fra il vescovo ed il poeta, forse anche per gli ottimi rapporti che intercorrevano fra il Petrarca ed i rivali dei Rossi, i da Correggio.
 La cattedrale di Parma deve al vescovo Rossi la fusione della sua campana «nuova», soprannominata appunto «Ugolina» per distinguerla dal «Baione», la campana grossa che il fondatore del battistero, il cardinal Gherardo Bianchi, aveva donato alla cattedrale nel 1291. E grazie ai raffinati codici liturgici che il Rossi donò alla sua diocesi il nome di Parma risuona ancora oggi in tutte le biblioteche del mondo che li conservano.
Il vescovato di fra Bernardo da Carpi, un francescano già docente di teologia nelle Università di Ferrara e di Bologna, è ben più breve, solo tredici anni, dal 1412 al 1425, ma merita di essere ricordato per almeno due motivi. E’ l'ultimo vescovo eletto dal capitolo cattedrale, secondo la prassi medievale, e non imposto dalle autorità civili o nominato d’autorità dal pontefice, come ormai accadeva. E’ l'ispiratore di un testo pubblicato nel 1417 e che ogni parmense che sappia un po' di latino e che voglia conoscere le istituzioni ecclesiastiche e la vita religiosa della sua diocesi nel pieno e tardo medioevo dovrebbe leggere: l’Ordinarium Ecclesie Parmensis, che il suo «moderno» editore, il dottissimo Luigi Barbieri, fornì di note di superba erudizione filologica e storica quando lo editò, per i tipi di Fiaccadori, nel 1866.
Il successore di fra Bernardo è Delfino Della Pergola, un chierico di Gubbio nominato vescovo di Parma per le pressioni del signore della città, Filippo Maria Visconti, e per i meriti del padre, il condottiero ducale Angelo Della Pergola. Nei trentotto anni del suo vescovato (1425-1463), Delfino manifesta una personalità travolgente, forgiata anche dalla sua intensa partecipazione al concilio di Basilea (abbondantemente attestata dagli atti del concilio), determinata nella salvaguardia e nel recupero dei diritti e dei doveri del vescovo nel governo temporale e spirituale della sua diocesi: la convocazione di un sinodo diocesano, prassi assai rara in quegli anni travagliati per la Chiesa, è uno dei meriti che Delfino può vantare.Gian Giacomo Schiaffenati, di nobile famiglia milanese, è il primo della lunga serie di cardinali che siederanno sulla cattedra vescovile di Parma fino alla seconda metà del Cinquecento. Pupillo di Sisto IV, che lo impone a Parma nel 1482, morirà a soli quarantasette anni nel 1497, senza mai aver visto la sua diocesi, secondo la prassi, allora assai diffusa, della non-residenza: ma a Parma aveva inviato a predicare il futuro fondatore del nostro Monte di Pietà, fra Bernardino da Feltre; a Parma aveva promosso la fondazione della Confraternita dell’Annunciazione della Beata Vergine, modellata su quella romana istituita nella chiesa di S. Maria sopra Minerva, che anni dopo promuoverà la costruzione della chiesa della Steccata; e pochi sanno, malgrado un bell'articolo del 1925 del senatore Giovanni Mariotti, che la via «dell’Arco di Parma», che ancor oggi si trova dirimpetto a Castel Sant'Angelo, deve il suo nome allo splendido palazzo che questo vescovo di Parma abitava a Roma.
GIANLUCA BATTIONI
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Velluto rosso

VELLUTO ROSSO

Settimana di grandi classici. Con grandi sorprese Video

gazzarock

musica

Premio Gazzarock, la sfida comincia: vota il tuo artista preferito

Bar Refaeli  è di nuovo incinta

gossip

Bar Refaeli è di nuovo incinta

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Tenuta del Buonamico: c'è un bel Fortino,speziato ed elegante

IL VINO

Tenuta del Buonamico: c'è un bel Fortino, speziato ed elegante

di Andrea Grignaffini

Lealtrenotizie

Cade per un malore: 42enne muore il giorno dopo il matrimonio

Luzzara

Cade per un malore: 42enne muore il giorno dopo il matrimonio

Delicato intervento al cervello al Maggiore di Parma: Barbara Cocconi, barista, ha lavorato a Montecchio, Boretto, Brescello

Consiglio comunale

In arrivo riduzioni per Cosap, dehor e tassa sui rifiuti

Spaccatura Pd, Torreggiani contro Dall'Olio

10commenti

Londra

Gemellini borgotaresi salvano la vita alla mamma

1commento

assemblea

Zebre rugby: Pagliarini si dimette, la Falavigna presidente

polizia municipale

Incidente tra tre auto a Chiozzola: due feriti

anteprima gazzetta

Arsenale in casa per la banda che voleva rubare la salma di Ferrari

carabinieri

Maxi-sequestro di armi da guerra nel Parmense: volevano rubare anche la salma di Enzo Ferrari

I nomi dei sette parmigiani della banda

6commenti

Personaggi

Francesco Canali: "Il mio messaggio di speranza ai malati di Sla"

 Il “maratoneta in carrozzina” ha scritto un articolo per la “sua” Gazzetta

5commenti

32a giornata

Parma-Maceratese anticipata alle 18.30 (domenica 2 aprile)

piazzale dalla chiesa

Al bar con la droga pronta per lo spaccio: fermato il pusher richiedente asilo

12commenti

saranno famosi

Langhirano: Ettore, 7 anni e la sua super batteria Video

1commento

politica

Elezioni 2017, un gruppo solo in corsa per il simbolo M5S

Solo gli "Amici di Beppe Grillo" hanno presentato richiesta entro i termini

3commenti

Incidente

Ubriaco travolge tre ciclisti

2commenti

corte dei conti

Interviste a pagamento, assolto Villani. Condannati 6 ex consiglieri regionali

2commenti

Crisi

Copador, si apre la strada del risanamento

2commenti

sos animali

Bocconi avvelenati: nuovo allarme in via Capelluti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Chi ha interesse a volere la realtà percepita

5commenti

EDITORIALE

L'ora della Brexit. Non sarà indolore

di Aldo Tagliaferro

ITALIA/MONDO

traffico

Scontro pullman-tir sul raccordo tra l'A1 e l'A14: 40 feriti

Bode

Furto del secolo a Berlino? Rubata moneta d'oro da guinness dei primati

1commento

SOCIETA'

studio

Cucina: i libri di ricette sono pieni di errori sulla temperatura di cottura

manchester

"Ingombri la strada", il ciclista s'infuria e reagisce Video

SPORT

Amichevole

La Nazionale batte l'Olanda

Il personaggio

Bassi: «Il Parma a Gubbio finalmente ha fatto il Parma»

MOTORI

innovazione

La Fiat 500? Adesso si può noleggiare su Amazon

Motori

Il lusso? Oggi veste il made in Italy di Alcantara