Arte-Cultura

Vescovi di fine Medioevo

Vescovi di fine Medioevo
Ricevi gratis le news
0

 «Parma medievale. Poteri e istituzioni», terzo volume della monumentale opera storica Storia di Parma, edita da Monte Università Parma Editore per volontà della Fondazione Monte di  Parma, Università degli Studi di Parma e Banca Monte Parma, illustra la storia della nostra città dal periodo dell’alto medioevo e analizza le dinamiche del potere laico e temporale, i conflitti e le situazioni belligeranti tra centro urbanizzato e territorio agreste, i profili dei personaggi che hanno contribuito allo sviluppo della città, dai vescovi alle famiglie signorili. Il saggio di  Gianluca Battioni presente nel volume si intitola «Istituzioni ecclesiastiche e vita religiosa nei secoli XIV XV».   

Fra i nove vescovi che si susseguono nel governo della diocesi di Parma dal 1323 al 1499 meritano di essere ricordati almeno Ugolino Rossi, fra Bernardo da Carpi, Delfino Della Pergola e Gian Giacomo Schiaffenati.
Ugolino Rossi, vescovo di Parma per ben cinquantaquattro anni, dal 1323 al 1377, è uno degli artefici delle fortune della famiglia che nel secolo successivo darà alla luce il celeberrimo Pier Maria: per questo non c'è vicenda politica, locale o nazionale, che non annoveri Ugolino fra i suoi personaggi. E non solo vicenda strettamente politica: il ricco epistolario di Francesco Petrarca, arcidiacono della cattedrale di Parma in quegli anni, ha tramandato ai posteri le tensioni fra il vescovo ed il poeta, forse anche per gli ottimi rapporti che intercorrevano fra il Petrarca ed i rivali dei Rossi, i da Correggio.
 La cattedrale di Parma deve al vescovo Rossi la fusione della sua campana «nuova», soprannominata appunto «Ugolina» per distinguerla dal «Baione», la campana grossa che il fondatore del battistero, il cardinal Gherardo Bianchi, aveva donato alla cattedrale nel 1291. E grazie ai raffinati codici liturgici che il Rossi donò alla sua diocesi il nome di Parma risuona ancora oggi in tutte le biblioteche del mondo che li conservano.
Il vescovato di fra Bernardo da Carpi, un francescano già docente di teologia nelle Università di Ferrara e di Bologna, è ben più breve, solo tredici anni, dal 1412 al 1425, ma merita di essere ricordato per almeno due motivi. E’ l'ultimo vescovo eletto dal capitolo cattedrale, secondo la prassi medievale, e non imposto dalle autorità civili o nominato d’autorità dal pontefice, come ormai accadeva. E’ l'ispiratore di un testo pubblicato nel 1417 e che ogni parmense che sappia un po' di latino e che voglia conoscere le istituzioni ecclesiastiche e la vita religiosa della sua diocesi nel pieno e tardo medioevo dovrebbe leggere: l’Ordinarium Ecclesie Parmensis, che il suo «moderno» editore, il dottissimo Luigi Barbieri, fornì di note di superba erudizione filologica e storica quando lo editò, per i tipi di Fiaccadori, nel 1866.
Il successore di fra Bernardo è Delfino Della Pergola, un chierico di Gubbio nominato vescovo di Parma per le pressioni del signore della città, Filippo Maria Visconti, e per i meriti del padre, il condottiero ducale Angelo Della Pergola. Nei trentotto anni del suo vescovato (1425-1463), Delfino manifesta una personalità travolgente, forgiata anche dalla sua intensa partecipazione al concilio di Basilea (abbondantemente attestata dagli atti del concilio), determinata nella salvaguardia e nel recupero dei diritti e dei doveri del vescovo nel governo temporale e spirituale della sua diocesi: la convocazione di un sinodo diocesano, prassi assai rara in quegli anni travagliati per la Chiesa, è uno dei meriti che Delfino può vantare.Gian Giacomo Schiaffenati, di nobile famiglia milanese, è il primo della lunga serie di cardinali che siederanno sulla cattedra vescovile di Parma fino alla seconda metà del Cinquecento. Pupillo di Sisto IV, che lo impone a Parma nel 1482, morirà a soli quarantasette anni nel 1497, senza mai aver visto la sua diocesi, secondo la prassi, allora assai diffusa, della non-residenza: ma a Parma aveva inviato a predicare il futuro fondatore del nostro Monte di Pietà, fra Bernardino da Feltre; a Parma aveva promosso la fondazione della Confraternita dell’Annunciazione della Beata Vergine, modellata su quella romana istituita nella chiesa di S. Maria sopra Minerva, che anni dopo promuoverà la costruzione della chiesa della Steccata; e pochi sanno, malgrado un bell'articolo del 1925 del senatore Giovanni Mariotti, che la via «dell’Arco di Parma», che ancor oggi si trova dirimpetto a Castel Sant'Angelo, deve il suo nome allo splendido palazzo che questo vescovo di Parma abitava a Roma.
GIANLUCA BATTIONI
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Oscar: 'La forma dell'acqua' accusata di plagio

cinema

Accuse di plagio per il film "La forma dell'acqua", candidato a 13 Oscar

Polvere bianca in una lettera a Harry e Meghan 

LONDRA

Polvere bianca in una lettera a Harry e Meghan 

David Garrett

David Garrett

TEATRO REGIO

Cancellato il concerto di David Garrett

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Gene Gnocchi, Pirandello e la danza

VELLUTO ROSSO

La settimana a teatro, da Pirandello alla danza Video

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

Vendeva cocaina in viale dei Mille: giovane pusher arrestato. Ma è subito libero

POLIZIA

Vende cocaina in viale dei Mille: giovane pusher arrestato. Ma è subito libero

Il giudice ha convalidato l'arresto e ha disposto la scarcerazione in attesa del processo, fissato per il 23 marzo

13commenti

PARMENSE

Neve anche a quote basse, pioggia in città Invia le tue foto

A Corniglio, 20 centimetri di neve

INCIDENTI

Incidente a Tortiano: disagi e deviazioni in mattinata. Scontro in piazza a Soragna

Auto fuori strada in A15: un ferito

COMUNE

Varato un piano triennale di opere pubbliche: investimenti per 134 milioni Video

I punti principali del programma di lavori pubblici: le interviste del TgParma

CORTE DEI CONTI

Nomina del direttore generale, Pizzarotti e Giorgi citati in giudizio

1commento

Terremoto

Scossa di magnitudo 3.3 a Castelnovo Monti. "Avvertita anche a Traversetolo"

Commenti sui social: c'è chi ha avvertito la scossa anche nella Val d'Enza parmense

Viale Piacenza

10eLotto, in otto vincono 160mila euro

LUTTO

Addio al ragionier Bandini

borgotaro

Caso Laminam: Oggi l'incontro al tavolo tecnico senza il comitato

GAZZAREPORTER

Incidente nella rotatoria del Petitot Foto

CALCIO

Verso Parma-Venezia, parla Gazzola: «Vincere per ripartire»

2commenti

Noceto

In piazza Lunardi residenti ostaggio delle fogne

amarcord

Le «innominabili case» (chiuse) che popolavano Parma: la mappa Foto

1commento

squadra mobile

Preso il rapinatore (seriale?) con roncola della sala scommesse Il video del blitz

Castell'arquato

Aggredisce moglie e figlio con chiave inglese: trasportati in fin di vita al Maggiore

lettera aperta

Elezioni, le cinque richieste di Pizzarotti ai candidati

5commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

VADEMECUM

Elezioni del 4 marzo: come votare correttamente

5commenti

GAZZAFUN

Come è bella Parma! Scegli il tuo posto all'aperto preferito!

ITALIA/MONDO

Modena

"Il contratto non prevede di spostare i letti, i bimbi dormano in terra"

12commenti

STATI UNITI

Florida: personale armato di fucile a scuola dopo la strage

SPORT

olimpiadi

Medaglia di bronzo per Arianna Fontana

SPORT

Formula Uno: la Mercedes svela la vettura W09

SOCIETA'

SCIENZA

Renata Tebaldi conservata per l'eternità al Polo Nord

GAZZAREPORTER

Balli e divertimento al Newyork di Sissa Foto

MOTORI

ANTEPRIMA

Volvo, ecco la nuova V60 Fotogallery

motori

Ferrari: ecco la 488 Pista, sarà presentata a Ginevra