-3°

Arte-Cultura

L'opera di Fellini nella chiesa di Sant’Anna di Busseto

L'opera di Fellini nella chiesa di Sant’Anna di Busseto
Ricevi gratis le news
0

di Chiara Burgio
funzionario storico dell'arte della Soprintendenza Beni Architettonici e Paesaggistici per le province di Parma e Piacenza

Un grido di allarme sullo stato di gravissimo degrado in cui versa la chiesa di Sant’Anna di Busseto, dopo il crollo della seconda e terza campata della volta, avvenuto lo scorso mese di agosto, si è di recente aggiunto  agli appelli già lanciati negli ultimi anni per la sua salvaguardia da associazioni  e studiosi, sempre sulle colonne di questo giornale. Costruita nella prima metà del XVII secolo dirimpetto all’ingresso del Camposanto, la chiesa si trova in stato di abbandono dagli anni Cinquanta del Novecento, allorché venne chiusa al culto - ma non sconsacrata - ed adibita ad usi impropri (magazzino e ricovero attrezzi) dall’amministrazione comunale, che ne è proprietaria. Alcune delle opere superstiti, risalenti ai secc. XVII e XVIII, che la adornavano, vennero trasferite presso il Museo Civico di Busseto, tra cui meritano di essere segnalati il dipinto raffigurante ”Incontro di S.Anna con S.Gioacchino”, già collocato sull’altare maggiore, copia da Andrea Mainardi detto il Chiaveghino (1590), ed un “S.Giovanni Battista”, ascrivibile alla cerchia di Bernardino Campi.
Le brevi note che seguono vogliono dar conto di un aspetto, ad oggi sconosciuto, delle  vicende artistiche di questo significativo monumento, che per secoli ha svolto un’importante funzione nella vita religiosa cittadina, ed integrare quanto tramandato dallo storico bussetano Emilio Seletti. Documentazione inedita conservata presso l’archivio della Parrocchia di San Bartolomeo - gentilmente messaci a disposizione dal parroco Monsignor Stefano Bolzoni e segnalataci dall’archivista dott. Cristiano Dotti - attesta che nel 1898, nell’ambito di importanti lavori di ristrutturazione realizzati a spese del Comune, venne eseguita dall'allora dilettante giovane, Fellini Cesario Bussetano la decorazione, che copre interamente le pareti e la volta dell’aula. Seppure in pessimo stato di conservazione, l’opera di Fellini risulta in parte ancor’oggi leggibile: nella navata utilizza il trompe l’oeil, per disegnare cappelle con tendaggi,  per ornare gli  altari delle due cappelle laterali (della B.V.Addolorata a sin., e dei Santi Crispino e Crispiniano a ds.) con cornici dipinte dai contorni mistilinei e ampie volute laterali, mentre nel coro-presbiterio realizza una finta architettura neogotica, in cui predomina il blu cobalto e l’oro del cielo stellato nella volta, che rafforza l’illusione pittorica di un organismo architettonico molto più lungo di quello esistente. Non manca, inscritta in un  medaglione, la dedicazione della chiesa a Sant’Anna, in corrispondenza dell’arcone che inquadra l’ingresso all’area presbiteriale, fortunatamente conservatosi, decorato con motivi a cassettoni. Il Fellini  fu anche incaricato di dipingere ad olio la cassa in legno che ospitava l’organo (oggi non più esistente), costruito nel 1861 da Cesare Gianfrè di Piacenza, e ad acquerello la tenda che la chiudeva, nonché la cantoria in cotto.
Cesario Fellini (1876-1949) è figura di artista ed architetto pressoché sconosciuta alle fonti bibliografiche, ma molto noto nel territorio di Massa, dove ha lasciato numerose ed importanti testimonianze. Abbiamo tratto i cenni biografici, che qui riportiamo, dalla relazione dell’avvocato e studioso locale Dino del Giudice - che ringraziamo per la cortese disponibilità - da lui presentata nel maggio 2009 in occasione dell’intitolazione a Fellini della sala presidenziale dell’Istituto d’arte “Felice Palma” di Massa.
Nato a Busseto il 21 aprile del 1876, Cesario Fellini si trasferì a Massa ai primi del ‘900, impiegandosi come insegnante nell’Istituto d’arte e iniziando un’intesa attività nel campo della progettazione sia pubblica che privata, che ha contribuito a definire il volto della città di Massa e della vicina Marina, con villini e hotel sul lungomare  di gusto liberty , tra cui citiamo l’Hotel Italia (1920-22), e in località Bondano, l’imponente Villa delle Piane (1920-27). 
A Massa si devono a lui la nuova facciata del Duomo (1925-’30), l’ampliamento del Santuario della Madonna dei Quercioli (1929) e la progettazione della Fontana Monumentale del Littorio di Piazza Puccini, oggi Piazza della Liberazione (1928), costruita al centro del nuovo asse viario dell’Aurelia. Fellini raggiunse la fama internazionale con l’intervento di progettazione di tutti gli altari e decori interni della Basilica del SS.Rosario a Buenos Aires (1930-’34) (di cui il figlio Pierpaolo conserva le pregevoli tavole acquerellate in scala 1:10 ), e del Santuario Nazionale di santa Rosa di Lima, realizzati senza mai recarsi in America Latina, a riprova della sua geniale ed innata capacità di disegnatore ed acquerellista, già manifestata in gioventù nelle decorazioni eseguite nella chiesa di Sant’Anna di Busseto .
A conclusione, ci pare di poter affermare che un altro elemento si aggiunge a quelli già conosciuti a testimoniare l’importanza di questo antico luogo di culto della città di Busseto, nonché di memoria Verdiana: la riscoperta di un’opera giovanile di un bussetano illustre in campo nazionale e internazionale.
Chiara Burgio
Funzionario storico dell’arte della Soprintendenza Beni Architettonici e Paesaggistici per le province di Parma e Piacenza.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

NT

LE IENE

Nadia Toffa si commuove in tv: "Mi ha stupito l'affetto della gente" Video

Incassi esplosivi per Star Wars

CINEMA

Incassi esplosivi per Star Wars

La laurea di Valentina: ecco chi c'era alla festa

PGN

La laurea di Valentina: ecco chi c'era alla festa Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Domani l'inserto economia: focus sull'Ape Social

GAZZETTA

L'inserto economia: focus sull'Ape Social

Lealtrenotizie

Arresti carabinieri

PARMA

Sorpreso su un'auto rubata, fa cadere un carabiniere e tenta la fuga: arrestato 41enne

A casa del pregiudicato albanese c'erano arnesi da scasso, profumi e cosmetici, probabilmente rubati

PARMA

I ladri fuggono a mani vuote: l'appartamento è già stato svaligiato 40 giorni fa

In via Orzi, una coppia sorprende un ladro in camera e lo fa fuggire

MEZZANI

Magazziniere rubava cosmetici in ditta: arrestato 28enne

Il giovane è stato condannato a un anno e sei mesi, con pena sospesa

VOLANTI

Chiede a un'anziana di custodire i suoi gioielli e la deruba

Una giovane, di corporatura robusta e con un trucco vistoso, è riuscita a entrare nell'appartamento di un'anziana in via Emilia est

BASSA

Alluvione, 5 giorni dopo: Colorno e Lentigione viste dal cielo Foto

Foto aeree di Fabrizio Perotti (Obiettivo Volare)

GUASTALLA

Si schianta al limite del coma etilico: denuncia e multa da 10mila euro per un 24enne

Il giovane aveva un tasso alcolico di oltre 4 volte superiore il limite consentito: per lui, addio a patente e auto

GUSTO

Gara degli anolini: trionfa la Rosetta La classifica

In lizza dieci gastronomie della città: la panetteria di via XXII Luglio si aggiudica la vittoria

7commenti

IL CASO

Invalida al 100%, con la pensione minima, si trova una retta Asp di 650 euro

RIQUALIFICAZIONE

Ex Star, tra passato e futuro: il progetto del giovane architetto Nicola Riccò

L'idea in una tesi di laurea

LUDOPATIA

Gioco d'azzardo, allarme a Parma: spendiamo in media 1.525 euro a testa (neonati compresi)

4commenti

Tradizioni

I «castradòr» e il Natale nelle stalle

1commento

IL FIDANZATO

«Giulia, sei stata il mio cielo stellato»

Prevenzione

Lesignano investe sulla sicurezza

Aveva 52 anni

Addio a Filippo Cavallina

Cordoglio in città e nella Valtaro per l'improvvisa scomparsa

1commento

Serie B

Il Parma alla ricerca del gol perduto

E giovedì c'è la partita con il Bari

FIDENZA

Salsesi e fidentini protagonisti al programma tv «Le Superbrain»

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Le cose della vita (e quelle del palazzo)

di Michele Brambilla

CHICHIBIO

«Trattoria I Du Matt», cucina parmigiana di qualità

di Chichibio

2commenti

ITALIA/MONDO

APPENNINO

Il divano prende fuoco: muore un'anziana a Villa Minozzo

LIBANO

Diplomatica violentata e uccisa: arrestato un uomo

SPORT

FORMULA 1

Gunther Steiner: «Dallara Haas, piccoli progressi»

Cus Parma

Minibasket: la carica dei 100 al Palacampus Fotogallery

SOCIETA'

RICERCA

Matrimonio: per calabresi e siciliani è per sempre

salute

Oculistica, premiata la ricerca targata Parma

2commenti

MOTORI

IL TEST

Mazda CX-3, l'eleganza del crossover

MOTO

Bici o moto? La prova di Bultaco Albero 4.5

1commento