10°

22°

Arte-Cultura

E i maccheroni unirono l'Italia

E i maccheroni unirono l'Italia
Ricevi gratis le news
0

Andrea Grignaffini

Una lingua, una cucina, una nazione: 2011 come anno di ricorrenze. Centenari e centocinquantesimi si intersecano durante lo scorrere di questi primi mesi. Unità d’Italia a unificare, se non talvolta a dividere, gli animi, a ricordare una storia, quella del nostro Risorgimento, che ha condotto la penisola sotto i colori di una medesima bandiera.
Un secolo invece è trascorso dalla scomparsa del più celebre gastronomo italiano, dilettante per così dire, ma intensamente amante e cultore della nostra tradizione culinaria. Pellegrino Artusi (morto il 30 marzo 1911) è di Forlimpopoli: le sue origini sono fortemente romagnole, la sua passione è la letteratura, tant’è che gli sforzi e gli studi sono sempre mirati alla realizzazione di grandi opere di critica letteraria.
Una biografia di Ugo Foscolo e una critica a trenta lettere di Giuseppe Giusti non saranno mai riconosciute nel mondo dotto degli umanisti, il grande salto di qualità avverrà solo quando l’altra sua profonda passione, la cucina, diventerà materiale di studio. Laureato in lettere alla facoltà di Bologna, l’Artusi si trasferirà con la famiglia a Firenze, e a 45 anni, si dedicherà ai suoi maggiori interessi: in questi anni riuscirà a ultimare le sue tre opere, tra cui la fondamentale «La Scienza in cucina e l’Arte di mangiar bene».
 Resa evidente dal titolo la mentalità positivistica che imperversava in quegli anni, il ricettario rappresenta un caso particolare per la storia editoriale italiana. Rifiutato dalla stampa, le prime pubblicazioni avvengono grazie allo stesso autore, che se ne occupa direttamente. Primissima copia è quella risalente al 1881 e il successo pare  immediato: 475 ricette di partenza arriveranno alla soglia di 790 nel 1909 con la tredicesima edizione. Un incredibile caso letterario, i suoi punti di forza erano e sono universalmente riconosciuti. Successivo a una classicissima tradizione (pensiamo a quella d’oltralpe di Escoffier) a cui i cuochi si rifacevano per una cucina di precisione, l’arte della tecnica e del dosaggio millimetrico, «La Scienza in cucina e l’Arte di mangiar bene» rappresenta il punto di svolta, sia per il pubblico, sia per i contenuti che, in modo fondamentale, per il linguaggio. Non più per gli specializzati, non soltanto per gli addetti del mestiere, il ricettario artusiano esprime il punto di incontro tra le classi sociali: nasce come borghese, si incrocia con il popolare.  L’enorme valore che si dà al testo è largamente dovuto alla sua capacità intrinseca di sapersi trovare uno spazio tra i due livelli, le ricette sono per entrambi, le materie prime sono fruibili, le preparazioni piuttosto agili. Nessun codice è prestabilito, solo un linguaggio in grado di unificare, grazie al tono vivace e coinvolgente. L’Artusi si rivolge alle donne, le vere padrone della casa, in un momento nel quale ancora i ruoli non erano stati rivisitati; le regine della cucina si approcciano alle ricette ben volentieri, perché oltre alla semplice esecuzione, l’Artusi ripropone delle brevi novelle domestiche che coinvolgono il lettore, lo assorbono nel mondo gastronomico della cucina familiare. I valori trasmessi sono quelli dell’igiene, dell’economia, del buon gusto, della salute, i capisaldi di una vita «corretta».
«Il miglior maestro è la pratica», a dirlo l’autore, a sostenere la sua tesi è l’intero suo pubblico. Tant’è che per la sperimentazione delle sue ricette lo scrittore interpella due cuochi «di casa», non degli chef di mestiere. L’ultimo valore fondante è anche quello storicamente con maggior rilevanza: l’unificazione della lingua italiana e la diffusione di una cultura nazionale anche dal punto di vista gastronomico. Piero Camporesi scrive, nella sua edizione critica del 1970: «L’importanza dell’Artusi è notevolissima e bisogna riconoscere che ''La Scienza in cucina'' ha fatto per l’unificazione nazionale più di quanto non siano riusciti a fare i ''Promessi Sposi''». Una grandissima operazione unitaria, grazie all’assemblaggio di ricette provenienti dall’intera penisola, connotate da un forte influsso dell’autore che si destreggia tra il suo essere romagnolo-bolognese, ma anche toscano-fiorentino di acquisizione. Poche ricette dal Sud, tante dal Nord, alcune esageratamente elaborate, altre quasi precursori di un’attuale tendenza contemporanea. Insomma, una raccolta di stili, di tradizioni, di storie famigliari. Un discorso comunitario che si rivolge ai più e che è riconoscibile nel suo successo tuttora esistente ma soprattutto di portata internazionale.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Tino attore hard? L'ennesima proposta arriva via Twitter dalla pornostar

storie di ex

Tino attore hard? L'ennesima proposta arriva via Twitter da una pornostar

Primo evento ufficiale per il principe Harry e la fidanzata

gossip reale

Primo evento ufficiale per il principe Harry e la fidanzata Foto

Rolling Stones: gli highlander del rock

Il concerto

Stones: immortali! (Jagger canta in italiano)(Le polemiche)

Notiziepiùlette

Ultime notizie

La parola all'esperto

ECONOMIA

Torna "La parola all'esperto". Inviate i vostri quesiti

Lealtrenotizie

Tetti in eternit nell'ex fornace di Felegara: la paura dei cittadini

Allarme

Tetti in eternit nell'ex fornace di Felegara: la paura dei cittadini

Furto

Ennesimo raid al centro diurno Fiordaliso

boretto

La sorella di Bebe Brown: «Ancora troppi misteri sulla sua morte»

Sabato 7 ottobre il funerale

L'INTERVISTA

Tajani: «Candidarmi? No, il mio posto è a Bruxelles»

CANTIERI

Tangenziale Sud di Fidenza: iniziati i lavori

FIDENZA

Uova contro le vetrine dei negozi

COLORNO

Ponte inagibile e treni insufficienti

Volontariato

Assistenza pubblica, numeri da record

FACCIA A FACCIA

Ateneo al voto, candidati a confronto

CARABINIERI

Entrano i ladri, donna finge di dormire per paura di violenze: arrestato 32enne di Sorbolo Video

Arrestato a Reggio Emilia un albanese che abita nel paese della Bassa. I due complici sono riusciti a fuggire

2commenti

COLLECCHIO

Gli agenti fermano un camionista ubriaco e scoprono una storia di sfruttamento 

Un 48enne romeno è stato multato e gli è stata ritirata la patente. Lavora in condizioni molto dure e per pochi soldi per un'agenzia intestata a un italiano

4commenti

Tuttaparma

Portinerie e portinai di un tempo

1commento

COMUNE

Sauro Fontanesi è il nuovo delegato alla Sicurezza del Comune

Fontanesi lascerà il comando della Municipale di Castelnovo Monti. Il suo ruolo: affiancherà l'assessore nella gestione degli interventi

2commenti

ANTEPRIMA GAZZETTA

San Leonardo: furto al centro diurno, nel laboratorio dei disabili

Le anticipazioni della Gazzetta di Parma di domani

tg parma

San Michele Tiorre, trasferiti da Parma i primi 8 migranti Video

4commenti

Via Burla

Rissa fra detenuti, agente ferito a Parma. Il Sappe: "Carcere praticamente in mano ai detenuti"

Il sindacato Sappe ribadisce i problemi di organico della polizia penitenziaria

2commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

La piccola vittoria di una grande Merkel

di Paolo Ferrandi

CONTROLLI

Autovelox, autodetector, speedcheck: la mappa della settimana

ITALIA/MONDO

PIACENZA

Colpita da un ramo tagliato dal marito: muore una 70enne

COMO

Morta con fazzoletti in bocca: giallo alla casa di riposo

SPORT

serie B

Verso la Salernitana: il Parma già al lavoro a Collecchio Video

RUGBY

Zebre nella storia: prima squadra italiana a vincere in Sudafrica Le foto

SOCIETA'

Fisco

Spesometro: una settimana di proroga

russia

Fermata una coppia di cannibali: resti umani nel frigo

MOTORI

LA NOVITA'

Al volante della nuova Volvo XC60. Ecco come va

auto&moda

Jaguar E-Pace, Debutto con Palm Angels Fotogallery