12°

Arte-Cultura

Arbasino, Usa e non getta

Arbasino, Usa e non getta
0

di Giuseppe Marchetti

Il massiccio volume in bianco e nero che Alberto Arbasino ha dedicato alla sua America della fine degli anni Cinquanta «America amore» (Adelphi editore) ci ha richiamato alla memoria altri celebri libri di questo genere, a cominciare da «America primo amore» di Mario Soldati (1935), per proseguire con «America con gli stivali» (1954) e «Tutta l'America» (1958) di Giuseppe Prezzolini e poi l'indimenticabile «De America» di Guido Piovene del '62. Il quale Piovene, giunto a Chicago via Filadelfia anch'egli in quel torno di tempo, viene informato che in America «c'è un detto popolare che suona così: a New York ti chiedono quanto possiedi, a Chicago che cosa fai, a Boston che cosa sei, a Filadelfia chi è tuo padre, a Baltimora chi era tuo nonno». Beata America, vien da dire! E non è molto cambiata: facile agli entusiasmi, curiosa come i bambini che distruggono il giocattolo per capire come è congegnato; innocente come chi crede ai miracoli, crudele come chi non ci crede, sempre alla ricerca di fantocci da adorare e di invenzioni pubblicitarie da celebrare come capolavori d'arte, l'America è intimamente divisa - come scriveva Prezzolini - tra il credersi «il futuro seggio della civiltà mondiale» e la sua democrazia - scriveva ancora Prezzolini - che è «una creazione originale, che naturalmente non può ripetersi o copiarsi». Quando Arbasino arriva in America ha suppergiù trent'anni, un buon bagaglio culturale, una gran voglia di scrivere, di farsi vedere, di partecipare come si dice, e di costruirsi non i soliti giudizi e pregiudizi su quel Paese, ma di andare a cercarne i protagonisti  e  i personaggi.  Ha voglia, una voglia matta insomma, di entrare a far parte della società dello spettacolo, e di superare semmai i malintesi per concedersi al divertimento di scommettere sulla realtà che gli pullula intorno: una realtà quanto mai complessa e dilagante, commedia, farsa e poesia, una testimonianza vivacissima, che ben s'adatta al detto popolare riferito da Piovene, alla letteratura e al cinema americani di quegli anni, forse i più intensi, ricchi di sensazioni e di scoperte, di romanzi e di saggi del pieno Novecento. Arbasino passa una stagione a Harvard, mentre frequenta i teatri di Broadway, incontra i mostri sacri della letteratura, del cinema e dello spettacolo, tra cui Paul Newman, s'infila nei ritagli dei luoghi, dei tempi, degli spazi pubblici e privati di giornalisti, attori e scrittori, ascolta, interroga, si fa ora parte diligente, ora invece parte più esigente, e calcola così quel suo «off-off» che nel '68 diventerà un libro non di circostanza ma di precisa misura. «America amore» è, in fondo, un gran circo di aristocratica e surreale, a tratti, esistenza che per scoppiare con riti improvvisi dopo la fine della seconda grande guerra, riti magici, di contemplazione, di sfida, di tormento e finanche d'interminabile vacanza, ma con una buona dose di ironia e un sorriso a mezza bocca che non annulla gli stupori quotidiani del giovanotto vogherese andato ben oltre il confine di Chiasso. Non è un caso, dunque, che «America amore» trovi oggi a più di quarant'anni di distanza il proprio posto accanto a «Certi romanzi» ('64), «Super-Eliogabolo» ('69), «Settanta posizioni» ('71) e l'immancabile «Fratelli d'Italia» ('63) più e più volte scritto e riscritto per via di una incontentabile voglia di dire tutto, di dirlo bene ed efficacemente: cosa che in verità non è mai riuscita del tutto ad Arbasino che - diceva Angelo Guglielmi - «dovunque fuggi o ti nascondi lui è sempre lì». Il taccuino è immenso e la conversazione infinita. Dentro c'è anche quella «America amara» di Emilio Cecchi curioso viaggiatore e scrittore che insegnò Letteratura italiana all'università di Berkeley  fra il 1930  e il '31, ma Arbasino dilaga se può (e può!) sui giornali e non si arrende al tumulto dell'attualità che in America lo trascina e lo sconvolge. Anzi, ci gode. Quanta sana invidia genera in noi, oggi, questo Arbasino col suo contrabbando culturale e le sue «belle pagine» da inviato speciale! Ma il senso, cioè la rivelazione, delle «novità» e delle «costanti antropologiche» che finirono poi tra i «Fantasmi italiani» del '77; qui sono soltanto una citazione erudita che resta al di qua delle letture appassionate di Edmund Wilson, Jack Kerouac, Truman Capote, Susan Sontag, Saul Bellow e Saul Steinberg, mentre il paesaggio urbano di St. Mark's Place e dell'East Village «dove attualmente succede di tutto ogni sera, fra negozietti di divise e giornalini e bottoni-con-slogan e vertiginosi edifici gremiti di registi ventenni, di commediografi adolescenti... sembra la Parma visionaria di Bruno Barilli».

America amore
Adelphi, pag. 867, euro 19,00
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Hub Cafè: vestiti anni '50

Pgn feste

Hub Cafè: vestiti anni '50 Foto

Morto il fratello dell'inviato Valerio Staffelli

Striscia la notizia

Morto il fratello dell'inviato Valerio Staffelli

«Ok il prezzo è giusto», alla presentatrice cede il vestito in diretta tv

Australia

Cede il vestito in diretta: esce il seno

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Velluto rosso

VELLUTO ROSSO

Il rugby irrompe in scena. E arriva il "bello" Sergio Muniz

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

Tre ragazzi con la scabbia alle superiori

Malattie

Tre ragazzi con la scabbia alle superiori

Borseggio

«Tenetevi i soldi, ma ridatemi la foto del nipotino»

agenda

Una domenica con i mille colori del Carnevale

SALSOMAGGIORE

Addio a Renzo Tosi, il re della focaccia di Natale

TRAFFICO METEO NEWS

Buongiorno Parma!

Traffico-Meteo-News: tutte le informazioni utili prima di uscire di casa

Spettacoli

Agnese Scotti: «Il mio teatro è fisico»

CALCIO

A Salò un Parma affamato

EVENTO

I 70 anni della Famija Pramzana

SORBOLO

Se n'è andato Giuliano Rosati, poliedrico e infaticabile

Lesioni

Borgotaro, carnevale insanguinato

Parma

Carnevale, carri e maschere dal Battistero alla Cittadella Foto Video

Parma

Concerto benefico con Frisina e il coro di Roma: coda per entrare in Duomo

Evento per i 10 anni dell'Hospice delle Piccole Figlie e per ricordare il vescovo Bonicelli, scomparso nel 2009

Parma

Straordinari non pagati: Poste condannate a risarcire portalettere Video

Prima sentenza in Italia

1commento

lutto

Collecchio piange Massimiliano Ori, lo sportivo dall'animo gentile

Aveva 51 anni

1commento

carabinieri

Inseguimento a Vicofertile, recuperato bottino da 15mila euro Video

viabilità

Il calendario e la mappa degli autovelox della settimana

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IMPRESE

Top500 Parma, ecco la classifica completa

IL DIRETTORE RISPONDE

Le multe facili e quelle difficili

5commenti

ITALIA/MONDO

loreto mare

I furbetti del cartellino sono stati traditi dai loro telefonini

Padova

Curava le pazienti con "orgasmi terapeutici": medico condannato

1commento

WEEKEND

FIERE

E' iniziato Mercanteinfiera: curiosità fra gli stand Foto

45 anni fa: il disco

Catch bull at four - Quando Cat Stevens cantava in latino

SPORT

lega pro

La Reggiana vince e si fa sotto. Il Gubbio si allontana

sport

Inaugurato il Parma Golf Show Videointerviste

MOTORI

ALFA ROMEO

Stelvio, il Suv del Biscione. Da 50.800 euro Video

NOVITA'

Bmw, la nuova Serie 5 ragiona da ammiraglia