20°

31°

Arte-Cultura

Arbasino, Usa e non getta

Arbasino, Usa e non getta
0

di Giuseppe Marchetti

Il massiccio volume in bianco e nero che Alberto Arbasino ha dedicato alla sua America della fine degli anni Cinquanta «America amore» (Adelphi editore) ci ha richiamato alla memoria altri celebri libri di questo genere, a cominciare da «America primo amore» di Mario Soldati (1935), per proseguire con «America con gli stivali» (1954) e «Tutta l'America» (1958) di Giuseppe Prezzolini e poi l'indimenticabile «De America» di Guido Piovene del '62. Il quale Piovene, giunto a Chicago via Filadelfia anch'egli in quel torno di tempo, viene informato che in America «c'è un detto popolare che suona così: a New York ti chiedono quanto possiedi, a Chicago che cosa fai, a Boston che cosa sei, a Filadelfia chi è tuo padre, a Baltimora chi era tuo nonno». Beata America, vien da dire! E non è molto cambiata: facile agli entusiasmi, curiosa come i bambini che distruggono il giocattolo per capire come è congegnato; innocente come chi crede ai miracoli, crudele come chi non ci crede, sempre alla ricerca di fantocci da adorare e di invenzioni pubblicitarie da celebrare come capolavori d'arte, l'America è intimamente divisa - come scriveva Prezzolini - tra il credersi «il futuro seggio della civiltà mondiale» e la sua democrazia - scriveva ancora Prezzolini - che è «una creazione originale, che naturalmente non può ripetersi o copiarsi». Quando Arbasino arriva in America ha suppergiù trent'anni, un buon bagaglio culturale, una gran voglia di scrivere, di farsi vedere, di partecipare come si dice, e di costruirsi non i soliti giudizi e pregiudizi su quel Paese, ma di andare a cercarne i protagonisti  e  i personaggi.  Ha voglia, una voglia matta insomma, di entrare a far parte della società dello spettacolo, e di superare semmai i malintesi per concedersi al divertimento di scommettere sulla realtà che gli pullula intorno: una realtà quanto mai complessa e dilagante, commedia, farsa e poesia, una testimonianza vivacissima, che ben s'adatta al detto popolare riferito da Piovene, alla letteratura e al cinema americani di quegli anni, forse i più intensi, ricchi di sensazioni e di scoperte, di romanzi e di saggi del pieno Novecento. Arbasino passa una stagione a Harvard, mentre frequenta i teatri di Broadway, incontra i mostri sacri della letteratura, del cinema e dello spettacolo, tra cui Paul Newman, s'infila nei ritagli dei luoghi, dei tempi, degli spazi pubblici e privati di giornalisti, attori e scrittori, ascolta, interroga, si fa ora parte diligente, ora invece parte più esigente, e calcola così quel suo «off-off» che nel '68 diventerà un libro non di circostanza ma di precisa misura. «America amore» è, in fondo, un gran circo di aristocratica e surreale, a tratti, esistenza che per scoppiare con riti improvvisi dopo la fine della seconda grande guerra, riti magici, di contemplazione, di sfida, di tormento e finanche d'interminabile vacanza, ma con una buona dose di ironia e un sorriso a mezza bocca che non annulla gli stupori quotidiani del giovanotto vogherese andato ben oltre il confine di Chiasso. Non è un caso, dunque, che «America amore» trovi oggi a più di quarant'anni di distanza il proprio posto accanto a «Certi romanzi» ('64), «Super-Eliogabolo» ('69), «Settanta posizioni» ('71) e l'immancabile «Fratelli d'Italia» ('63) più e più volte scritto e riscritto per via di una incontentabile voglia di dire tutto, di dirlo bene ed efficacemente: cosa che in verità non è mai riuscita del tutto ad Arbasino che - diceva Angelo Guglielmi - «dovunque fuggi o ti nascondi lui è sempre lì». Il taccuino è immenso e la conversazione infinita. Dentro c'è anche quella «America amara» di Emilio Cecchi curioso viaggiatore e scrittore che insegnò Letteratura italiana all'università di Berkeley  fra il 1930  e il '31, ma Arbasino dilaga se può (e può!) sui giornali e non si arrende al tumulto dell'attualità che in America lo trascina e lo sconvolge. Anzi, ci gode. Quanta sana invidia genera in noi, oggi, questo Arbasino col suo contrabbando culturale e le sue «belle pagine» da inviato speciale! Ma il senso, cioè la rivelazione, delle «novità» e delle «costanti antropologiche» che finirono poi tra i «Fantasmi italiani» del '77; qui sono soltanto una citazione erudita che resta al di qua delle letture appassionate di Edmund Wilson, Jack Kerouac, Truman Capote, Susan Sontag, Saul Bellow e Saul Steinberg, mentre il paesaggio urbano di St. Mark's Place e dell'East Village «dove attualmente succede di tutto ogni sera, fra negozietti di divise e giornalini e bottoni-con-slogan e vertiginosi edifici gremiti di registi ventenni, di commediografi adolescenti... sembra la Parma visionaria di Bruno Barilli».

America amore
Adelphi, pag. 867, euro 19,00
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

«Io, pastore di giorno e pole dancer di sera»

PERSONAGGI

«Io, pastore di giorno e pole dancer di sera» Foto

Grande Fratello UK

televisione

Rissa al Grande Fratello UK: interviene la security Video

1commento

Silvia Olari

musica

Torna Silvia Olari con il nuovo singolo: "Fuori di Testa"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Cani da adottare

ANIMALI

Cani da adottare

Lealtrenotizie

Spaccata nella notte al barino: i ladri se ne vanno con la cassa  (vuota)

furto

Spaccata nella notte al Barino Video: i ladri se ne vanno con la cassa

1commento

Il personaggio

Spadi, il maturando che dirigerà il Consiglio

3commenti

Consigliera marocchina

Nabila: «Io, al servizio di Parma»

4commenti

L'INTERVISTA

Pizzarotti: «Bocciata la politica che sa solo criticare»

2commenti

musica

Silvia Olari ci racconta "Fuori di Testa" Videointervista

Lutto

Di Camillo, il sorriso sopra il camice

Via Venezia

Devastati gli orti sociali

1commento

l'attimo

Ballando sotto la pioggia La foto fa boom di clic

FIDENZA

Bagno notturno alla Guatelli: giovani multati

1commento

IL CASO

Omicidio di Alessia, nessun accordo per l'estradizione: Jella processato in Tunisia

Poggio di Sant'Ilario

L'ivoriano temeva di essere lasciato dalla moglie

PARMA

Vento e forte pioggia: danni a Marore e Monticelli, rami in strada in città Foto

Le foto dei lettori (scarica l'app Gazzareporter per inviarci foto e video)

4commenti

PARMA

Scontro auto-bici in via Europa: grave una 16enne

10commenti

Assemblea Upi

Figna al ministro Delrio: "Si trovino le risorse per TiBre, Pontremolese e aeroporto Verdi"

Bene l'economia di Parma, fiducia delle imprese ai massimi. Delrio promette defiscalizzazione e sostegno al lavoro

2commenti

Asessuali

Vivere senza sesso: il documentario della parmigiana Soresini

5commenti

Lo sconfitto

Scarpa: "Il Pd ha adottato Pizzarotti, trattandolo come enfant prodige"

Il Pd regionale: "Impariamo dalle sconfitte in Emilia-Romagna"

25commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Il Parma è l'esempio per la rinascita della città

di Michele Brambilla

3commenti

EDITORIALE

Cinque anni fa vinse Grillo. Questa volta ha vinto lui

di Stefano Pileri

1commento

ITALIA/MONDO

lutto

E' morto Paolo Limiti: conduttore e paroliere. Scrisse per Mina - Gallery

guardia di finanza

Indagine appalti, dipendente del Comune di Piacenza ai domiciliari

SOCIETA'

MALTEMPO

Albero sradicato a Monticelli: la foto di una lettrice

archeologia

Scoperta una piccola Pompei sotto la metro di Roma Gallery Video

SPORT

vela

America's Cup, trionfo New Zealand

Moto

Viñales ringrazia Dovizioso: "Grazie per avermi evitato"

2commenti

MOTORI

OPEL

Grandland X, via agli ordini. Si parte da 26 mila euro

MINI SUV

Citroën: la C3 Aircross in tre mosse