Arte-Cultura

Arbasino, Usa e non getta

Arbasino, Usa e non getta
0

di Giuseppe Marchetti

Il massiccio volume in bianco e nero che Alberto Arbasino ha dedicato alla sua America della fine degli anni Cinquanta «America amore» (Adelphi editore) ci ha richiamato alla memoria altri celebri libri di questo genere, a cominciare da «America primo amore» di Mario Soldati (1935), per proseguire con «America con gli stivali» (1954) e «Tutta l'America» (1958) di Giuseppe Prezzolini e poi l'indimenticabile «De America» di Guido Piovene del '62. Il quale Piovene, giunto a Chicago via Filadelfia anch'egli in quel torno di tempo, viene informato che in America «c'è un detto popolare che suona così: a New York ti chiedono quanto possiedi, a Chicago che cosa fai, a Boston che cosa sei, a Filadelfia chi è tuo padre, a Baltimora chi era tuo nonno». Beata America, vien da dire! E non è molto cambiata: facile agli entusiasmi, curiosa come i bambini che distruggono il giocattolo per capire come è congegnato; innocente come chi crede ai miracoli, crudele come chi non ci crede, sempre alla ricerca di fantocci da adorare e di invenzioni pubblicitarie da celebrare come capolavori d'arte, l'America è intimamente divisa - come scriveva Prezzolini - tra il credersi «il futuro seggio della civiltà mondiale» e la sua democrazia - scriveva ancora Prezzolini - che è «una creazione originale, che naturalmente non può ripetersi o copiarsi». Quando Arbasino arriva in America ha suppergiù trent'anni, un buon bagaglio culturale, una gran voglia di scrivere, di farsi vedere, di partecipare come si dice, e di costruirsi non i soliti giudizi e pregiudizi su quel Paese, ma di andare a cercarne i protagonisti  e  i personaggi.  Ha voglia, una voglia matta insomma, di entrare a far parte della società dello spettacolo, e di superare semmai i malintesi per concedersi al divertimento di scommettere sulla realtà che gli pullula intorno: una realtà quanto mai complessa e dilagante, commedia, farsa e poesia, una testimonianza vivacissima, che ben s'adatta al detto popolare riferito da Piovene, alla letteratura e al cinema americani di quegli anni, forse i più intensi, ricchi di sensazioni e di scoperte, di romanzi e di saggi del pieno Novecento. Arbasino passa una stagione a Harvard, mentre frequenta i teatri di Broadway, incontra i mostri sacri della letteratura, del cinema e dello spettacolo, tra cui Paul Newman, s'infila nei ritagli dei luoghi, dei tempi, degli spazi pubblici e privati di giornalisti, attori e scrittori, ascolta, interroga, si fa ora parte diligente, ora invece parte più esigente, e calcola così quel suo «off-off» che nel '68 diventerà un libro non di circostanza ma di precisa misura. «America amore» è, in fondo, un gran circo di aristocratica e surreale, a tratti, esistenza che per scoppiare con riti improvvisi dopo la fine della seconda grande guerra, riti magici, di contemplazione, di sfida, di tormento e finanche d'interminabile vacanza, ma con una buona dose di ironia e un sorriso a mezza bocca che non annulla gli stupori quotidiani del giovanotto vogherese andato ben oltre il confine di Chiasso. Non è un caso, dunque, che «America amore» trovi oggi a più di quarant'anni di distanza il proprio posto accanto a «Certi romanzi» ('64), «Super-Eliogabolo» ('69), «Settanta posizioni» ('71) e l'immancabile «Fratelli d'Italia» ('63) più e più volte scritto e riscritto per via di una incontentabile voglia di dire tutto, di dirlo bene ed efficacemente: cosa che in verità non è mai riuscita del tutto ad Arbasino che - diceva Angelo Guglielmi - «dovunque fuggi o ti nascondi lui è sempre lì». Il taccuino è immenso e la conversazione infinita. Dentro c'è anche quella «America amara» di Emilio Cecchi curioso viaggiatore e scrittore che insegnò Letteratura italiana all'università di Berkeley  fra il 1930  e il '31, ma Arbasino dilaga se può (e può!) sui giornali e non si arrende al tumulto dell'attualità che in America lo trascina e lo sconvolge. Anzi, ci gode. Quanta sana invidia genera in noi, oggi, questo Arbasino col suo contrabbando culturale e le sue «belle pagine» da inviato speciale! Ma il senso, cioè la rivelazione, delle «novità» e delle «costanti antropologiche» che finirono poi tra i «Fantasmi italiani» del '77; qui sono soltanto una citazione erudita che resta al di qua delle letture appassionate di Edmund Wilson, Jack Kerouac, Truman Capote, Susan Sontag, Saul Bellow e Saul Steinberg, mentre il paesaggio urbano di St. Mark's Place e dell'East Village «dove attualmente succede di tutto ogni sera, fra negozietti di divise e giornalini e bottoni-con-slogan e vertiginosi edifici gremiti di registi ventenni, di commediografi adolescenti... sembra la Parma visionaria di Bruno Barilli».

America amore
Adelphi, pag. 867, euro 19,00
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Dal 2017 WhatsApp non funzionerà più sui vecchi telefonini

social

Dal 2017 WhatsApp non funzionerà più sui vecchi telefonini

La trollata epica del rapper di Parma sui profughi

tv

La "trollata epica" del rapper parmigiano Bello FiGo sui profughi Video

3commenti

20enne si schianta a folle velocità mentre fa diretta Fb

usa

Si schianta a velocità folle: in diretta Facebook Video

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Terremoto: cosa rischia Parma

TERREMOTO

Ma Parma quanto rischia?

1commento

Lealtrenotizie

Roberto D'Aversa

Il nuovo allenatore

D'Aversa: "Mi hanno chiesto di giocare a calcio". Il suo staff

L'intervista: "Ora miglioriamo giorno per giorno. Ritroviamo la serenità" (Video) - Ferrari: "Scelti non i nomi, ma gentre che avesse "fame"" (Video) - Lunedì o martedì l'annuncio del nuovo ds: è una corsa a tre

4commenti

dal tardini

Il Parma va sotto, poi si rialza: 1-1 col Bassano. E finale incandescente Foto

Anche al Tardini un minuto di raccoglimento per la Chapecoense (Video

2commenti

al mercato

Sorpreso a rubare, ferisce con un cutter i titolari di un banco in Ghiaia Foto

6commenti

sala baganza

Preso il 18enne che faceva da pusher ai ragazzini della Pedemontana

degrado

Nuove luci e marciapiedi più larghi e "vivibili": così sarà via Mazzini Foto

17commenti

via toscana

Urta due auto in sosta e poi fugge: è caccia al conducente

1commento

SAN LEONARDO

Arriva la sala scommesse, scoppia la polemica

14commenti

Solidarietà

Sisma, il cuore di Parma c'è

agenda

Un weekend di colori, musica, gusto e cultura

Salsomaggiore

Addio a Lorenzo, aveva solo 15 anni

1commento

Anga Parma

l calendario dei giovani imprenditori agricoli

Per raccogliere fondi a favore delle aziende agricole colpite dal terremoto nel Centro Italia

social network

Via D'Azeglio, quando scopri che i ladri ti hanno preceduto...Foto

2commenti

via mazzini

Un altro pezzo di storia che se ne va: chiude Zuccheri

10commenti

controlli

Autovelox e autodetector: la mappa della settimana

PENSIONI

Novità sul ricongiungimento dei contributi

1commento

gazzareporter

Scia e aerei: mistero nel cielo di Parma Video

7commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Un po' più di mezzo bicchiere

EDITORIALE

Dal sexting al ricatto: pericoli on line

di Filiberto Molossi

1commento

ITALIA/MONDO

alessandria

Ruba fidanzatino a figlia, condannata per violenza sessuale

CALIFORNIA

Incendio al concerto: si temono 40 vittime

WEEKEND

IL CINEFILO

I film della settimana, da Sully a Agnus Dei  Video

VERNISSAGE

90 anni di Arnaldo Pomodoro: la sua arte invade Milano

1commento

SPORT

SERIE A

La Juve domina: battuta l'Atalanta (3-1)

formula uno

Mercedes: dopo il ritiro di Rosberg, Alonso tra le ipotesi

SOCIETA'

salerno

"Novemila euro alla Arcuri per accendere l'albero di Natale"

1commento

rifiuti abbandonati

Via Anedda e la montagna di scatole (cinesi) Foto

2commenti