16°

Arte-Cultura

Grace Kelly, la diva che divenne principessa

Grace Kelly, la diva che divenne principessa
0

 di Rita Guidi

L'’unico nudo è a tre mesi, e, a dirla tutta, non è granché. Pelata, birbona e sdentata: Grace Kelly quella? Ma già lo sappiamo che si farà (eccome se si farà!), e da far ombra a tutte le stelle del mondo. Sempre un gradino più su, senza bisogno di scandali o calendari; sempre un poco più in alto, a dirci quanto possa essere irraggiungibile e semplice la bellezza, Grace Kelly è la perfetta immagine di un equilibrio esatto e senza eccessi, come un cocktail tanto essenziale quanto sofisticato. Basta guardarla: non si deve aggiungere altro. Basta inseguirla, nei ritratti di scena come nelle foto in famiglia, per rimanere colpiti dalla (quasi) nessuna differenza. Basta sfogliarla, in questo straordinario volume ricco di foto a lei dedicato, «Grace Kelly, dalle scene di Hollywood al trono di Montecarlo» (Edizioni White Star, da oggi in vendita con la Gazzetta a 9,90 euro più il prezzo del quotidiano), per assaporarne il destino, più che di diva, di autentico mito.

Una ricognizione formidabile, questa curata da Yann Brice Dhebier e Pierre Henri Varlhac, per leggere la vita e lo sguardo di una Grace Kelly pubblica e privata, del mistero di una donna e della sua bellezza, nella quale spesso i ruoli si confondono. Nel senso? Che è forse più in posa in quel nudo infantile che nel naturalissimo «ruolo» di principessa. Perché «riccioli d’oro», lei, principessa lo era già. E lo era per la tosse, il suo segreto è la tosse. Terza dei quattro splendidi figli di Margaret Mayer e John B. Kelly, e insomma di una famiglia di stelle, la sua non è quella che brilla di più. Genitori olimpionici (il padre è medaglia d’oro nel canottaggio ai giochi del 1920), un fratello e due sorelle altrettanto atletici e dai sorrisi smaglianti, la gracile Grace vive uno splendore appartato.

Bellissima e fragile, per quella tosse guarda i muscoli d’America dalla finestra e rincorre le sue fiabe e i suoi sogni nelle quindici stanze della bella casa a Filadelfia. Sorridente e biondissima, è già «lei» a un anno e un po', ma con guance paffute e fioccone in testa. Perché Grace sorride in quelle foto al mare, nel salotto di casa o in vacanza. Sorride accanto a quella grande famiglia, così bella, «americana», solida e un poco austera, che continuerà a proteggerla sempre, come quando aveva la tosse, da bambina. «Calma, docile, timida, miope, impacciata, introversa, sognatrice e riservata, Grace dimostra fin dalla più tenera età tranquillità d’animo, come diceva sua madre - scrive Laurence Aiach nelle bella biografia introduttiva - Anche se coinvolta dalle sorelle, non lotta mai con loro. Non lotta contro alcunché, neanche davanti alla sorte (...) Grace si crea un proprio universo popolato di bambole ed eroi immaginari. Si racconta fiabe da sè, sola nella sua camera, nel giardino o nel ripostiglio, dove si rifugia spesso (...)

E’ senz'altro una bambina particolare. Non è affatto sportiva né mostra alcun desiderio di competizione». Inutile correre se il destino ti può far volare. Dalle «scene» di casa, a quelle di Hollywood, Grace non deve far altro che obbedire. L’Accademia a New York , qualche parte in tv, le basta un solo provino per farsi notare da John Ford e Alfred Hitchcock. Poi è storia del (grande) cinema. «Non creava mai distanze tra se stessa e gli altri. Tuttavia - diceva di lei Cary Grant, in una delle tante citazioni che si leggono qui, a scandire i capitoli d’immagini del libro - quando arrivava in palcoscenico, scendeva il silenzio». «Era essenziale. Irradiava luce. ..Meravigliosa...», insiste Tommy Hilfiger che al suo inimitabile look dedica l’introduzione. Eccolo là, il suo cocktail. Il mistero di un fascino puro, di un viso semplice e irraggiungibilmente sofisticato. Di una donna che recita il ruolo di se stessa, perché è impareggiabilmente se stessa, tra le mura di casa come in «Alta società».

Principessa Grace: poteva non essere così? Non lo era già allo specchio come nei suoi giochi di bambina? E’ quello il suo destino, cui corre incontro remissiva come sempre. Un abito a fiori, i capelli ancora umidi, Grace incontra Ranieri come da copione, in Costa Azzurra, in obbedienza al contratto che la lega all’eterno gioco di apparenze di Hollywood. Grace non ama quel gioco, spesso non lo sopporta, e forse anche per questo si innamora subito di quel Principe pacato e serio, che a distanza di poco la chiede in moglie. Curiose e tenere le foto di loro due in quella prima occasione, e davvero inconsueto (per l’innata classe di lei) quel vestito frou-frou... Eppure i giochi sono fatti. Perché solo lui, solo quel Principe di un regno tanto piccolo quanto prestigioso, riuscirà a vincere le riserve di quei Kelly che già avevano spento le passioni proibite di William Holden o Jean Pierre Aumont. Riccioli d’oro sarà Principessa. Di nuovo pronta al suo ruolo; di moglie, di madre, di regnante. Con tanti desideri da accudire in un altro palazzo: altre quindici stanze, lassù, a Roc-Agé. Invece delle bambole, i bellissimi figli. Un rifugio da raggiungere quando le viene la tosse, in cima a una strada tortuosa e brutta come una strega cattiva: un burrone per precipitare tra le stelle che brillano sempre. Perché le fiabe del mondo sono un altro copione, del quale nemmeno una principessa può scrivere il lieto fine.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Domenica di carnevale a Calestano con la sfilata

calestano

Domenica di carnevale a Calestano con la sfilata

Addio al gigante di «Trono di Spade»

MORTO FINGLETON

Addio al gigante di «Trono di Spade»

Amici, la Celentano dà della grassa alla ballerina che si mette a piangere

Video

"Sei grassa" e la ballerina piange: polemica ad Amici

4commenti

Notiziepiùlette

Ultime notizie

"Top500": la classifica

IMPRESE

Top500 Parma, ecco la classifica completa

Lealtrenotizie

Parma, Frattali out: arriva Davide Bassi in porta

LEGA PRO

Parma, Frattali out: in porta arriva Davide Bassi. Il Pordenone travolge il Bassano

L'estremo difensore era svincolato dall'Atalanta, nel suo passato anche Empoli e Torino

svariati casi a Parma

Ed ecco servita la truffa degli estintori (per i negozi)

1commento

il fatto del giorno

Droga, i numeri dell'emergenza Video

L'anteprima sulla Gazzetta di domani

1commento

in mattinata

Scippa in bici l'iphone ad una ragazza in via Farini: caccia al ladro

6commenti

Parma

Altri due incidenti questa mattina: quattro schianti in poche ore

1commento

INCHIESTA

Strada del Traglione: un viaggio nel degrado

8commenti

ieri sera

Pauroso incidente in Tangenziale Ovest, auto si ribalta: una donna ferita Foto

3commenti

crisi

Copador, settimana decisiva

1commento

questa mattina

Tamponamento in via Mantova: furgone nel fosso

comune

Dopo gli allagamenti: Duc, servizi ripristinati

gdf

Raccolta truffa per bimbi abbandonati: 60enne arrestato davanti al Maggiore

1commento

fotografia

Il "Mercante" secondo il fotografo Fabrizio Ferrari Gallery

comune

Casa: "Positivo il 2016, ma ci mancano 40 agenti" Tutti i numeri

L'assessore ha presentato, con i vertici dei vigili urbani i numeri e il bilancio degli interventi dello scorso anno

1commento

GAZZAREPORTER

Ancora rifiuti selvaggi a San Leonardo Fotogallery

AUTOSTRADA

A1: chiuso il casello di Parma per cinque notti consecutive

SANITA'

Scabbia, l'esperto: «In aumento altre malattie infettive»

3commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Le multe facili e quelle difficili

13commenti

EDITORIALE

Quei politici allergici alla libertà di stampa

di Filiberto Molossi

ITALIA/MONDO

MILANO

L'Italia della moda si ferma per Franca Sozzani Video

AREZZO

18enne uccide il padre: "Era quello che dovevo fare"

SOCIETA'

IL CASO

Cappato (che rischia 12 anni di carcere): "Dj Fabo è morto"

6commenti

Cinema

E' morto l'attore Bill Paxton

SPORT

Ciclismo

Grave caduta per la giovane promessa Marco Landi

rugby

L'amarezza di Villagra: "Potevamo vincere" Video

MOTORI

ALFA ROMEO

Stelvio, la nostra pagella

NOVITA'

Bmw, la nuova Serie 5 ragiona da ammiraglia