Arte-Cultura

Tricolore senza simboli

Tricolore senza simboli
0

Egidio Bandini

Il tanto atteso d-day del 150° anniversario dell’Unità d’Italia è passato, ma prosegue da parte del Presidente Napolitano il «giro» di quello Stato che mosse i primi passi come Regno d’Italia e che, dal 1946, è la Repubblica italiana. La cronaca che a noi interessa, però, è quella di 50 anni or sono, quando a celebrarsi era il centenario dell’Unità d’Italia, ovvero il 27 marzo del 1961. Per la giornata celebrativa venne scelto, infatti, non il giorno della proclamazione dello Stato Italiano (come accade quest’anno), ma quello della proclamazione di Roma Capitale. La cronaca della giornata la riferisce puntualmente «Candido» n° 15 del 9 aprile: «Le celebrazioni del 27 marzo sono iniziate con un atto di coraggio: il presidente del Consiglio, on. Fanfani, recatosi al Pantheon, ha deposto davanti alla tomba del “Re galantuomo” una corona ornata di nastro azzurro-Savoia sul quale si leggeva: “La Repubblica italiana a Vittorio Emanuele II, padre della Patria”». Seguiva la cerimonia all’Altare della Patria, con il Presidente Gronchi e l’esecuzione degli inni, al pomeriggio cerimonia solenne in Campidoglio con tutti i sindaci d’Italia, 600 gonfaloni, le bandiere tricolori decorate, discorso del sindaco di Roma ed esecuzione degli inni. Nel contempo, a Genova, «il ministro Scelba, con accompagnamento degli inni di rito, sistemava Mazzini, Nino Bixio, i Mille di Quarto, Mameli, Vittorio Emanuele II e i caduti della Resistenza. A Torino, il ministro Pella sistemava Camillo Benso di Cavour, sempre con adeguato commento musicale, mentre, a Caprera, il ministro Taviani sistemava Giuseppe Garibaldi. Considerando che i centenari cadono una volta ogni cento anni, è opportuno celebrarli con un certo distacco. Nel caso del centenario dell’Unità d’Italia, trattandosi del primo, si doveva avere – come ha fatto il governo Fanfani – la mano particolarmente leggera per evitare ogni polemica». La polemica, però, doveva scoppiare pochi mesi dopo. Il 30 luglio «Candido» scrive: «La Bandiera italiana, così com’è adesso, non piace a molta gente. Oggi, finalmente, troviamo il problema della Bandiera affrontato di petto da un foglio altamente qualificato per il suo nobilissimo passato: la torinese “Gazzetta del Popolo”, il giornale del Risorgimento. Rispondendo alle numerose lettere ricevute dai lettori, la “Gazzetta del Popolo” riconosce che “così com’è diventata la bandiera dopo la proclamazione della Repubblica e dopo che il bianco è stato ripulito dello stemma sabaudo” non piace a un sacco di persone… il quotidiano torinese ha aperto “un dibattito fra uomini di scienza, amministratori, personalità italiane e straniere” sulla faccenda della bandiera da completare, invitando i lettori a scrivere offrendo il contributo delle loro proposte. La “Gazzetta del Popolo” è ottimista e spera che “alla fine scaturisca un’idea valida e accettabile, popolare, che riesca a imporsi e a fare sì che gli italiani abbiano una bandiera che piace a tutti.” Comunque, non abbiamo parlato dell’iniziativa della “Gazzetta del Popolo” per criticarla ma, al contrario, per affiancarla con tutte le nostre modeste forze… inviteremo i nostri ventiquattro lettori a suggerirci un simbolo da collocare nella bandiera della rep. Per esempio una forchetta, un cucchiaio e un coltello artisticamente incrociati. Oppure un motto come quello celebre proposto da Longanesi: “Ho famiglia”. Non possiamo lasciare così la bandiera della rep.: mettiamoci dentro qualcosa. Così nuda e cruda, sembra la bandiera di una repubblica provvisoria».  Oggi, a cinquant’anni di distanza, pare che l’invito sia stato colto a Roncole Verdi dove il tricolore che sventola su quasi tutte le case, reca nel bianco ben evidente la scritta Viva Verdi, intendendo omaggiare sia il Cigno di Busseto che l’acronimo risorgimentale Vittorio Emanuele Re D’Italia. C’è voluto mezzo secolo, ma il risultato, ne siamo certi, a Guareschi e al «Candido» sarebbe piaciuto.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Mirante è il nuovo amore di Ludovica Valli?

Ex tronista

Mirante è il nuovo amore di Ludovica Valli?

"Butterfly", questa volta è un trionfo

Una scena della "Madama Butterfly" andata in scena ieri alla Scala

La Scala

"Butterfly", questa volta è un trionfo

Il Taro Taro  story al Marisol

Pgn

Il Taro Taro story al Marisol Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Velluto rosso 6 dicembre

VELLUTO ROSSO

Da Shakespeare a Peter Pan: gli spettacoli da non perdere a teatro

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

Crescono le truffe agli anziani

Emergenza

Crescono le truffe agli anziani

Ospedale

Borghi: «Giusto razionalizzare i reparti»

LEGA PRO

Oggi Sudtirol-Parma

Sala Baganza

Un cinquantesimo nel segno dell'altruismo

Sicurezza

Diciassette nuovi «occhi» a Noceto

Carabinieri

Con Rey il labrador «a caccia» di droga

Lutto

Tina Varani, una vita per la famiglia

Luminarie

Casa: spesi 125 mila euro

allarme

Sterpaglie in fiamme, rogo a Ponte Italia

Attorno alle 22

SQUADRA MOBILE

Presi due spacciatori con la pistola

4commenti

Ospedale

Reparti soppressi, allarme al Maggiore

Sono cinque le strutture coinvolte: semeiotica, ortopedia, centro cefalee e due chirurgie. E arriva la replica dell'Ospedale

4commenti

Polizia municipale

Controlli a San Leonardo: 22 multe ad automobilisti, 2 a ciclisti non in regola

Controlli anche sui veicoli: fermate 2 auto senza assicurazione e 5 senza revisione

8commenti

Anteprima Gazzetta

Truffe, ecco come difendersi Video

Un'inchiesta di due pagine sulle truffe più frequenti

Guardia di Finanza

Incassa poco ma solo per il fisco: sequestrati beni a un evasore "seriale" di Sorbolo

3commenti

Parma Calcio

Il ds Faggiano si presenta: "Voglio un rapporto vero con la squadra" Video

1commento

Calcio

LegaPro: pari del Pordenone, Venezia primo

Guarda i risultati delle partite e la classifica aggiornata

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Renzi: perché ha perso, perché può rivincere

di Michele Brambilla

13commenti

IL DIRETTORE RISPONDE

Il panino? Non famolo strano

2commenti

ITALIA/MONDO

Governo

Renzi si è dimesso

PIACENZA

Sequestrate ville e auto a due famiglie rom

SOCIETA'

GIORNALISMO

Gramellini passa dalla Stampa al Corriere

dialetto

"Io parlo parmigiano" lancia un Lunäri... da Ufo Video

SPORT

Colombia

Disastro Chapecoense: primi arresti

promozione

Il Fidenza chiama Massimo Barbuti in panchina

CURIOSITA'  

Gazzareporter

Lavori in corso sul marciapiedi di viale Mariotti

Tg Parma

A Fidenza la pista di pattinaggio su ghiaccio più grande della provincia Video