-5°

Arte-Cultura

Raffinatezza femminile lungo il '900

Raffinatezza femminile lungo il '900
0

Serena Faganello

 «Non contestiamo che la disinvoltura sia un dono innato; ma questa grazia naturale, quest’oblio di se stessi, questo sentirsi a proprio agio in qualsiasi circostanza può essere ostacolato, come invece può essere ravvivato, aiutato e magari suggerito da un modo disinvolto di vestire. E nessun abito sarà mai tanto disinvolto quanto quello a maglia».
Delibera così la sagace maglierista fiorentina Albertina nel 1964 sulla rivista «La fiera letteraria» durante un’intervista con Vanessa, pseudonimo giornalistico della scrittrice Gianna Manzini, mirifica e immaginifica penna capace di sciabordare meditazioni stilistiche in cronache di moda intessute di sfumate ombreggiature tra ciuffi di piume e corolle di perle. E avvolte in incantevoli filati, modelli d’imperituro stile, sono alcune figure femminili dell’iconografia cinematografica musicale mondana del jet set internazionale, novellate in leggiadre sinossi da Antonio Mancinelli - caporedattore del mensile Marie Claire e titolare della cattedra di Analisi del Sistema Moda presso la Domus Academy di Milano - nel selezionato florilegio fotografico «Fashion: Box.  I classici della moda, le icone che li hanno resi immortali» (Contrasto, pp. 479, euro 28,00): la scabrosa Jeanne Moreau («Jules et Jim», 1962) infagottata in un informe maglione maschile a orli slabbrati; l’altera Grace Kelly («La finestra sul cortile», 1954) adornata del golfino del twin set adagiato sulle spalle con ponderata nonchalance; la felina Juliette Gréco, archetipo dell’esistenzialismo francese negli anni Quaranta e Cinquanta, assediata dall’icastico dolcevita nero, ieratico come una turrita gorgiera a guardia della sua voce tigrata. Invero il baldo fruitore di questo ferace excursus può, quindi, trastullarsi con un’ingorda scorribanda nella storia del costume occidentale novecentesco, peregrinando come un placido flâneur tra le rappresentazioni di 16 capi d’abbigliamento deificati dall’avvenente allure delle diuturne muse dello star system, titillate in quasi 500 tra illustri scatti d’autore e noti frame da cineteca.
Così il sofisticato tubino nero - celeberrimo quello ideato da Hubert de Givenchy per Audrey Hepburn («Colazione da Tiffany», 1961) - decanta l’esprit chic della versatilità con quel suo eclettico rigore di avveduta eleganza e pratico comfort: inventato da Coco Chanel nel 1926 e smaliziato da Vogue America in «Ford», come l’automobile passapartout del pragmatismo statunitense, è divenuto poi, nell’industre sintassi anglosassone, il little black dress, ossia l’essenziale cardine di ogni muliebre guardaroba. Oppure avvampa il formale e insieme disinvolto charme della camicia bianca: prima emblema sia dell’anticonformista Katharine Hepburn («Il lungo viaggio verso la notte», 1962) sia dell’androgina Diane Keaton («Io e Annie», 1977), magneticamente carismatica l’una e autorevolmente disinvolta l’altra, seppure entrambe ammantate di un inappuntabile look «à la garçonne»; poi magnificata, negli anni Ottanta e Novanta, dalla somma maestria sartoriale dell’architetto Gianfranco Ferrè, perito nel sussumerla nell’assoluto simbolo di un iconico femminino in limine tra aristocratico e democratico candore. Inoltre barbagliano altre indelebili espressioni estetiche in questa sapida antologia dell’estroso ingegno dei designer e della sfavillante nomea delle celebrities: gli operosi hot pants dell’impetuosa Silvana Mangano («Riso amaro», 1949 ), gli allusivi jeans della vulnerabile Marilyn Monroe («Gli spostati», 1960), lo sfrontato bikini della deflagrante Ursula Andress («Agente 007 - Licenza d’uccidere», 1962), la lasciva T-shirt dell’ansimante Jane Birkin («Je t'aime moi non plus», 1976), la lubrica guêpière rosa del ludico Jean- Paul Gaultier e della discinta Madonna («Blond Ambition Tour», 1990), la sediziosa minigonna di Mary Quant e la filiforme silhouette di Twiggy nella Swinging London del 1963. E ancora: i volitivi capri pants della biondiforme Sandra Dee («Scandalo al sole», 1959), il pugnace trench dell’enigmatica Marlene Dietrich («Testimone d’accusa», 1957), il conturbante castigato erotismo della longuette di Tippi Hedren («Gli uccelli», 1963) e Catherine Deneuve («Belle de jour», 1967), il sobrio american style dei garbati tailleur firmati da Oleg Cassini per il lezioso bon ton minimalistico di Jacqueline Lee Bouvier in Kennedy negli anni Sessanta.
Infine i sontuosi abiti da «grande soirée»: languido modello a sirena con lusingante spaccatura scoscesa sulle gambe e increspato pannello ondeggiante sull'addome quello escogitato dallo stilista Jean-Louis Berthault per una Rita Hayworth («Gilda», 1946) maliarda femme fatale di radiosa opulenza; raffinato corpetto a bustier, lunga gonna a colonna e surplus a guisa di pomposa corolla con caduta a strascico, per converso, quello creato dal couturier Hubert de Givenchy per una voluttuosa Audrey Hepburn («Sabrina», 1954), perpetuata così in un impalpabile nugolo di fatata delicatezza retrò.
Fashion: Box - Contrasto, pag. 479,  28,00

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Rigopiano: Charlie Hebdo, nuova (brutta) vignetta. Con risposta

polemica

Rigopiano: Charlie Hebdo, nuova (brutta) vignetta. Con risposta

"Cold Chairs": un inno alla vita"!

musica

Bataclan, da Collecchio l'omaggio dei "The Lemon Flavour" Video

Edoardo Bennato: «Sono sia Peter Pan che Capitan Uncino»

Intervista

Edoardo Bennato: «Sono sia Peter Pan che Capitan Uncino»

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Velluto rosso

VELLUTO ROSSO 

Prosa e Lirica, risate e emozioni a teatro: il meglio della settimana

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

Filippo, le lacrime e il colore dei ricordi sulla bara bianca

Langhirano

Filippo, le lacrime e il colore dei ricordi sulla bara bianca

2commenti

bedonia

Violenze sul padre per anni, arrestato un 40enne Video

commemorazione

Il liceo Bertolucci si prende per mano: "Ciao Filippo"

elezioni

Pizzarotti, la decisione è ufficiale: "Mi ricandido". Il video-annuncio. E Dall'Olio si ritira dalle primarie: "Sostengo Scarpa"

10commenti

Polemica

«Sulla legionella ci hanno preso in giro»

4commenti

Tg Parma

Tenta di truffare un anziano e gli strappa i soldi dal portafogli: denunciato

Weekend

Feste di Sant'Antonio, musica e fuoristrada: l'agenda

IL CASO

«Ci hanno tolto il figlio per uno schiaffo»

6commenti

Langhirano

Antonella, quel sorriso si è spento troppo presto

centro italia

Parma, un'altra partenza degli angeli del soccorso Foto

lega pro

D'Aversa: "In campo anche alcuni dei nuovi arrivati" Video

lirica

Roberto Abbado direttore del Festival Verdi dal 2018

E nasce a Parma il comitato scientifico per un 2017 più filologico 

fino al 23 febbraio

Al via le iscrizioni per la Maratona delle Terre verdiane

Lutto

Albino Rinaldi, il signore dei «Baci»

Parlano gli studenti

«La Maturità 2018? Premia chi non studia»

tg parma

Trentenne parmigiano aggredito e rapinato da una baby gang in centro

13commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

La neve, le parole e gli Uomini

EDITORIALE

Trump, il presidente del «Prima l'America»

di Paolo Ferrandi

ITALIA/MONDO

MODENA

Donna di 53 anni trovata mummificata in casa a Modena

si scava ancora

Rigopiano: si cercano tracce dei cellulari, è corsa contro il tempo

WEEKEND

CINEMA

Da "Arrival" a "Qua la zampa": i film della settimana Video

IL DISCO

Avalon, un sound sofisticato e una copertina leggendaria

1commento

SPORT

sport

Il Coni premia i suoi campioni parmigiani: le foto

Sport Invernali

Il cielo è azzurro a Kitzbühel: Paris fa l'impresa

MOTORI

IN PILLOLE

Dacia Sandero Stepway
model year 2017

ANTEPRIMA

Rivoluzione Micra: Nissan cambia tutto