15°

28°

Arte-Cultura

Le illusioni di un'anima ferita

Le illusioni di un'anima ferita
Ricevi gratis le news
0

Anna Folli
Bastano poche pagine a Irène Némirovsky per delineare con inarrivabile sottigliezza psicologica e senza una sola sbavatura, atmosfere e stati d’animo dei suoi personaggi.
Lo dimostra ancora una volta nell’ultimo romanzo appena uscito da Adelphi, la casa editrice che da alcuni anni, dopo lo straordinario successo di «Suite Francese», sta pubblicando tutte le opere dell’autrice russo-francese.
E sempre, a rischio di sembrare banali, viene da chiedersi quante pagine straordinarie sarebbero potute ancora nascere se la Némirovsky non fosse scomparsa a trentanove anni nello sterminio di Auschwitz.
«Il vino della solitudine» inizia con un’immagine apparentemente serena: fiori di tabacco e di reseda che ingombrano la terrazza, le acacie del cortile illuminato dalla luna e una lampada a petrolio alla cui fiamma si bruciano le ali delicate delle falene. In questa casa di Kiev, nella sonnolenta provincia sperduta nel cuore della Russia, si consuma la triste infanzia della protagonista: Hélène Karol.
A causare la sua infelicità è la mancanza d’affetto dalla madre e la noncuranza del padre. Bella, la madre, è presa solo da sé stessa e dai propri amanti, mentre Boris Karol cerca il riscatto dalla condizione di «piccolo ebreo oscuro», accumulando denaro che poi perde ai tavoli da gioco. In questo triangolo familiare, Irène mette molto di sé stessa. «Il vino della solitudine» è infatti il più autobiografico dei romanzi della Némirovsky, anche se in altre opere precedenti, come «Il ballo» e «David Golger», aveva già ricreato questa sua dolorosa solitudine affettiva che corrisponde ad una ferita reale e mai cicatrizzata della sua esistenza.
Questa volta, però, colpisce la durezza del ritratto materno: la donna frivola e annoiata che conosciamo nelle prime pagine del libro si trasforma in una figura tragica che insegue inutilmente l’amore del giovane amante: «Nessun belletto – scrive l’autrice – poteva nascondere l’anima di quella donna che Hélène aveva conosciuto egoista, dura, piena di difetti, ma umana, capace di tenerezza, se non altro verso Max, e che la vecchiaia aveva come impietrito, trasformato in un mostro».
Nella prima delle quattro parti del romanzo (ognuna delle quali si conclude simmetricamente con una partenza) Hélène è una bambina insignificante e «invisibile» agli occhi materni. Ma è nella seconda, che si svolge a San Pietroburgo, che Hélène conosce la disperazione quando le viene tolta l’amata bambinaia francese, ingiustamente licenziata, che poi muore durante i disordini della rivoluzione d’ottobre.
Sono queste, forse, le pagine più belle del romanzo, in cui la Némirovsky riesce a far coincidere la piccola storia della famiglia Karol, con la grande storia che sta sconvolgendo il mondo. Nei capitoli successivi Hélène, che si sta trasformando in una giovane donna ormai consapevole del proprio fascino, decide di vendicarsi della madre e di farle scontare le sofferenze patite. Ma, arrivata a Parigi dove i Karol fuggono dalla rivoluzione bolscevica, il trionfo della propria giovinezza non procura a Hélène la soddisfazione immaginata.
L’odio non ha il gusto inebriante che da tanto tempo voleva assaporare. Ancora una volta, ad attenderla, c’è soltanto la solitudine.
Il vino della solitudine - Adelphi, pag. 245, 18,00

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

La domenica al Colle San Giuseppe Foto

estate

La domenica al Colle San Giuseppe Foto

Belen fuma in aereo privato, scalo emergenza a Lamezia

gossip

Belen fuma in aereo privato, scalo emergenza a Lamezia

1commento

Tutti al Begio day a Berceto

Era qui la festa

Tutti al Begio day a Berceto Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Programmazione dal 21/08/2017 al 25/08/2017 delle postazioni di accertamenti strumentali di velocità e irregolarità alla circolazione

VIABILITA'

Autovelox, speedcheck e autodetector: la mappa della settimana

Lealtrenotizie

Via Langhirano, la razzia "chirurgica" degli specchietti retrovisori Foto

gazzareporter

Via Langhirano, la razzia "chirurgica" degli specchietti retrovisori Foto

1commento

Novità

Il caffè? Lo pago con la carta

7commenti

IL CASO

Vaccini obbligatori e verifiche, la protesta dei presidi

incidente

Paurosa caduta in moto: 5 km di coda in A1 al bivio con l'A15 Traffico tempo reale

Felino

Chiusa fra le polemiche la fiera d'agosto

cittadella

Cittadella da giocare: raddoppiano i tappeti elastici Foto

tg parma

Sicurezza in ospedale: oltre 100 telecamere entro il 2018 Video

gazzareporter

"In infradito sul Penna: a proposito di escursionisti sprovveduti..." Foto

2commenti

CALCIO

D'Aversa si racconta

polizia municipale

Bocconi avvelenati: nuova allerta

BERCETO

L'epopea degli Scout dal primo campo estivo

IL PERSONAGGIO

Lo Sceriffo, il pilota di drifting che si prepara a Varano

FIDENZA

Matteo e Caterina alla conquista del Canada in bicicletta

ONESTA'

Perde la borsa da fotografo nel parcheggio: immigrato la porta ai carabinieri

17commenti

IN CORSIVO

Ghirardi, il crac Parma e il "negazionista" Cellino

1commento

Fidenza

Olio davanti ai negozi, lo sfogo dei commercianti: "Baby gang sempre in azione"

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

I terroristi di ieri e quelli di oggi

di Michele Brambilla

EDITORIALE

Colpito il simbolo della gioia di vivere

di Paolo Ferrandi

ITALIA/MONDO

dai video

Barcellona, ci sono le immagini del terrorista in fuga dopo strage

1commento

modena

Sgozzato durante una rissa a Sassuolo, inutili i soccorsi

1commento

SPORT

SERIE A

Partenza sprint per Inter e Milan, la Roma vince a Bergamo

Moto

Paolo Simoncelli: "Marco sarebbe campione del mondo"

SOCIETA'

cinema

E' morto Jerry Lewis, aveva 91 anni

Marina di pietrasanta

Rapina all'alba al Twiga di Briatore, banditi armati

MOTORI

VACANZE

Attenzione a come caricate i bagagli: si rischiano punti patente

MERCATO

Bmw Italia, 2000 euro per la permuta di diesel Euro4 e precedenti