Arte-Cultura

Teatro della vita tra Dio e il nulla

Teatro della vita tra Dio e il nulla
0

Giuseppe Marchetti

La prima affermazione perentoria è nel titolo: «Il mondo è rappresentazione» (Mondadori editore) di Ferruccio Parazzoli. La seconda, non di minor peso, è nel fascino della leggenda, nel fascino, cioè, che la leggenda comunque narrata esercita e consacra. La terza, è pur essa manifestamente dichiarata: «Tutto ciò che accade è racchiuso nel fato come in un cerchio e pur procedendo da un infinito, quello del futuro, è però racchiuso nel fato». Attorno a queste sicurezze si struttura il magnifico e sorprendente nuovo romanzo  di Parazzoli, l'opera sua forse più completa  e complessa che egli pubblica adesso a settantasei anni, dopo un'operosa e ricca attività di scrittore, lettore, critico ed editore. «Il mondo è rappresentazione» ricalca in parte un altro titolo  famoso, quello di Schopenhauer «Il mondo come rappresentazione  e volontà» (Die Welt als Wille und Vorsetellung) e in parte - ma senza intenti dichiaratamente filosofici - ad essa si riconduce quando  possiamo osservare che all'interno del racconto la rappresentazione  non si struttura né per gradi né per tempi, ma secondo una energia creatrice che associa passato, presente e futuro, la leggenda  come dicevamo, l'adesso della nostra storia e un possibile  e probabile futuro già in buona misura consegnato al «carro dei vagabondi»  che siamo in perenne trasferimento da una vita ad un'altra sul nostro carro Leviatano. Non è facile dar conto di questo romanzo che sfugge a tutte le categorie  del nostro presente letterario. Non è facile e non è neanche  giusto, poiché se ne sacrificherebbe certamente qualche importante  segmento per segnalarne altri. Ma tuttavia occorre osservare come questo libro  così tanto a lungo progettato e pensato costituisca davvero oggi una pietra d'inciampo nel nostro povero e mediocre territorio della narrativa: una pietra che fa male ma esaltante (ci si permetta l'immagine!) che fonda non solo una solida proposta di lettura, ma anche una forte suggestione letteraria e di stile. La quale suggestione viene corroborata da una vivacissima tensione squisitamente narrativa che coinvolge dentro si sé l'atto della passione, quello della sorpresa, il timbro del poema, la paradossale verità della leggenda, il ritmo vertiginoso della cronaca e quello tremendamente macabro e sarcastico dell'infinita varietà degli episodi. Da qui, dunque, non solo la scoperta del  territorio di Euroland con il monaco Brendano, il teatrante capocomico Wulferio, la badessa Horoswita, Doppio Sombrero, Ossosacro, Ronaldino, Albino, Igino, Angelina, Testa nera e padre Crescenzio  (ma gli attori sono molti di più), ma soprattutto l'invenzione di un mondo parallelo al nostro (al mio, al loro e a quello dello scrittore  Ferruccio Parazzoli) che si leva dal tritume della realtà  per fantasticarne vieppiù realisticamente un'altra, quella che potremmo  definire con onesta approssimazione del poema. Scandiscono i cento passaggi dell'opera i versetti latini che Prazzoli  si è divertito ad infilare tra un episodio e l'altro al modo delle sacre  rappresentazioni studiate da Alessandro D'Ancora nel suo monumento  volume appunto sulle sacre rappresentazioni medioevale,  ma qua e là trapela lo spirito di Jacopone e quello di Feo Belcari,  spuntano i suggerimenti di Duby e di Freud, il teatro della Horoswitha, le novelle del Sacchetti e persino il film di Herzog «Fitzcarraldo»: la confusione pare inestricabile, ma Parazzoli abilmente invece la districa ed è capace di restituirci una fluidità di racconto  molto affascinante: cosa del tutto estranea alla nostra narrativa di oggi che se non s'insudicia di sangue e di sperma, non riesce  a formulare, in gran parte dei romanzi, una passabile eleganza di contenuti e di stili. Il monaco Brendano è il gran motore delle vicende qui narrate e come tutti i raccontatori interpreti oscilla tra Dio e il Nulla, tra le singole storie di Ognuno e il Mondo che l'arte avvincente di Parazzoli ha stipato in questa sua «Commedia» dai risvolti tragici e comici sapientemente alternati, in balìa dei quali tutta la narrazione si trova come una «pedina dell'eterno gioco tra Dio e l'Avversario». Nella realtà dei fatti, quindi, Parazzoli ci confessa di essere, come alcuni dei suoi personaggi, dentro il monastero di Gandersheim, ma parimenti di sorvolare il mondo con la festosa irrazionalità di una rappresentazione che abbraccia l'intero territorio della storia e dell'espressione letteraria, un poco con la voce e la vocazione di Cassandra e un poco con la gioia di una rivelazione che va dall'Imperatore, un Ottone III di Turingia, al carro dei vagabondi Leviatano con Tempestaria e Wulferio. Ma le nostre semplici parole non possono circoscrivere adeguatamente la maoticità preziosa del romanzo che richiede un assoluto abbandono da parte del lettore il quale se ne troverà alla fine ben ricompensato.

Il mondo è rappresentazione
Mondadori ed., pag. 379, € 20,00

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Dal 2017 WhatsApp non funzionerà più sui vecchi telefonini

social

Dal 2017 WhatsApp non funzionerà più sui vecchi telefonini

1commento

La trollata epica del rapper di Parma sui profughi

tv

La "trollata epica" del rapper parmigiano Bello FiGo sui profughi Video

4commenti

20enne si schianta a folle velocità mentre fa diretta Fb

usa

Si schianta a velocità folle: in diretta Facebook Video

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Nidi di rondine di nonna Ida

GUSTO

La ricetta della Peppa- Nidi di rondine di nonna Ida

Lealtrenotizie

referendum

seggi

Referendum, urne aperte e discreta affluenza. Istruzioni per l'uso

Carabinieri

Vendono iPhone: ma è una truffa

1commento

Il nuovo allenatore

D'Aversa: "Mi hanno chiesto di giocare a calcio". Il suo staff

L'intervista: "Ora miglioriamo giorno per giorno. Ritroviamo la serenità" (Video) - Ferrari: "Scelti non i nomi, ma gentre che avesse "fame"" (Video) - Lunedì o martedì l'annuncio del nuovo ds: è una corsa a tre

5commenti

Calcio

Brodino per il Parma. E intanto parte l'era D'Aversa

l'agenda

Atmosfere natalizie e sapori della tradizione: cosa fare oggi

RICERCA

Prevedere i terremoti: a che punto siamo

Salsomaggiore

«Lorenzo, un ragazzo speciale»

MISSIONARI

Saveriani, da sempre tra gli ultimi

PERSONAGGI

Gandini, il pistard d'oro eroe di Melbourne

elezione

Beltrami nuovo vicepresidente nazionale della Federazione medici sportivi

Intervista

Virginia Raffaele: «Ecco perché i miei personaggi fanno ridere»

1commento

Fidenza

La giunta: «L'aggregazione aiuterà il Solari»

al mercato

Sorpreso a rubare, ferisce con un cutter i titolari di un banco in Ghiaia Foto

6commenti

via mazzini

Un altro pezzo di storia che se ne va: chiude Zuccheri

10commenti

dal tardini

Il Parma va sotto, poi si rialza: 1-1 col Bassano. E finale incandescente Foto

Anche al Tardini un minuto di raccoglimento per la Chapecoense (Video

2commenti

sala baganza

Preso il 18enne che faceva da pusher ai ragazzini della Pedemontana

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

La verità può nascondersi ma c'è

COMMENTO

Un post per i posteri

di Patrizia Ginepri

ITALIA/MONDO

alessandria

Ruba fidanzatino a figlia, condannata per violenza sessuale

CALIFORNIA

Incendio al concerto: si temono 40 vittime

WEEKEND

IL CINEFILO

I film della settimana, da Sully a Agnus Dei  Video

VERNISSAGE

90 anni di Arnaldo Pomodoro: la sua arte invade Milano

1commento

SPORT

SERIE A

La Juve domina: battuta l'Atalanta (3-1)

formula uno

Mercedes: dopo il ritiro di Rosberg, Alonso tra le ipotesi

SOCIETA'

salerno

"Novemila euro alla Arcuri per accendere l'albero di Natale"

1commento

rifiuti abbandonati

Via Anedda e la montagna di scatole (cinesi) Foto

2commenti