16°

31°

Arte-Cultura

Il suo cuore batteva in dialetto

Il suo cuore batteva in dialetto
Ricevi gratis le news
0

di Antonio Battei

D’estate si va a Barbiano: una trattoria con pergola è il ritrovo. Arriva in sella ad un motorino rosso, occhiali e berretto (il casco ancora non esiste) e a vederlo così pare un signore non più giovane con un problema ad un braccio: è Luigi Vicini. Ad attenderlo, una compagnia un poco chiassosa ed eterogenea: Benvenuto Azzoni (il tipografo), Renato Prada, Pierino Balbiani, Ninetto Camattini, Luigi Tonelli (il «segretario»  di Baldassarre Molossi) poi monsignor Arnaldo Marocchi prefetto della chiesa magistrale della Steccata, Goliardo (tipografo della Gazzetta) ed altri ora nella mia memoria un poco evanescenti, come il bianco gesso sulle nere lavagne di quando andavamo a scuola. Nella stagione delle nebbie gli amici erano gli stessi, solo cambiano i luoghi: da Stiliano, Fiaschetteria toscana, l’Aurora ci sembra un po’ troppo cara e allora meglio, per le nostre tasche, l’Imelde o il Canon d’oro. Sono la mascotte: tutti amici, troppo presto ereditati da mio padre e da mio nonno. Scrive le sue poesie con una vecchia Olivetti Lettera 22, per intenderci quella usata da Indro Montanelli e celebrata da una fotografia che ha fatto il giro del mondo. A tavola Luigi è il più riservato e sobrio: insieme si chiacchiera di cucina (parmigiana, naturalmente), ma lui della tavola ama soprattutto la convivialità, spesso espressa in dialetto, la sua (la nostra) lingua del cuore. Sono trascorsi quasi cinquant’anni dal nostro primo incontro a Leivi da Pepèn: grazie ad un passaggio in auto (non ricordo più di chi)… e non si finisce più di «assaggiare» e per me, magro come una canna, mi pare un’esagerazione ma presto mi rendo conto che la tavola ha i suoi tempi, la sua ritualità, e a Leivi, tra gli altri, incontro Giovanna They, una maestra anche lei innamorata della poesia. Mia madre è contenta che mi «distragga» con persone che lei conosce da tanto tempo, da quando i miei genitori frequentano il «Consolato dei Parmigiani a Milano» (il «capo» è l’avvocato Manlio Corradi e, a Parma, un altro avvocato, Giacomo Miazzi) e a me mancano un poco amici della mia età ma, a quello, ci pensa la scuola. Vicini ha una sensibilità e una discrezione d’altri tempi e da subito diventiamo amici, e tutti i giorni c’incontriamo in libreria: lui a scrivere poesie che cantano sentimenti persi in una nostalgia tutta parmigiana, difficile ora da ritrovare, ed io pronto a pubblicare quelle parole a volte strane, moltiplicandole in libri illustrati da Luigi Tessoni e commentati da don Gino Marchi e da Giuseppe Marchetti, mentre la «voce» è quella di Ilario Torniolo, anche loro amici di una tavola che unisce, affratella, una tavola che sa «perdonare» con un sorriso una cottura sbagliata, un servizio approssimativo. Vicini arriva al mattino in strada Cavour con la sua inseparabile bicicletta, e mi dona un foglio con una poesia, ma prima passa dal Parco Ducale: una delle sue fonti d’ispirazione. Ho sempre creduto in lui come continuatore della poetica di Renzo Pezzani: ha una nobiltà d’animo non comune, un desiderio di scrivere poesie che lo porta ad essere il nostro poeta in vernacolo più prolifico. Innamorato della sua terra, con un’innocenza tutta fanciullesca, mi parla dei suoi «viaggi» col motorino rosso: Felino, Sala Baganza, Langhirano, arriva persino a Pastorello… Scrive col cuore poesie che a volte magari parlano di piccole cose ma lui sa farle diventare grandi con il suo amore per la vita quotidiana, con quel suo talento, a volte ironico, nel saper cogliere l’intenso profumo d’una violetta accarezzata con mano delicata. Nelle sue pagine, a noi, ridà colori, aromi, sensazioni perdute e ferma quell’attimo fuggente eppur così intenso, indimenticabile come il rumore dell’acqua di sorgente, come il volo alto di rondini che annunciano un’eterna primavera in un cielo dalle nuvole a volte lontane. Nei suoi libri delinea la vita di Parma, delle nostre tradizioni e usanze, le sue rime hanno uno sguardo tra il sereno ed il melanconico: non canta un sole agostano, bensì un sole primaverile che già all’orizzonte scorge un ineludibile tramonto a ricordare, con dolce rimpianto, un amore lontano. Nei titoli delle raccolte poetiche la parabola della sua vita: «La primma viöla» (1950), «Vol äd parpaji» (1955), «Al zardén däl cel» (1961), «Parma l’è fata acsì» (1969), «Sgagnaciufén» (1973), «Acqua äd sorzìa» (1976), «Nuvli e steli» (1979), «Coriandoli» (1980), «Artaj» (1988), «Memorii däl cor» (1989), «Cära al me Sgnor», «Am togh adrè» (1991), «Ultmi rimmi» (1994), «Föra dal temp» (1998); nei suoi libri coglie ciò che conta davvero, al di là della cronaca fissa, nero su bianco, i veri valori immutabili della vita. Ha molto sofferto quando,  venticinquenne, l’otto settembre del ’43, un soldato tedesco lo colpisce con la mitraglia e resta tra la vita e la morte e le preghiere d’una candida suora affinché Gesù salvi quel soldatino. Le ferite le porta con sé fino alla fine dei suoi giorni senza mai lamentarsi, nemmeno quando assiste la sua sposa, lui con un braccio offeso fino alla paralisi. Ma il suo largo abbraccio poetico ancora ci protegge da quei colpi che, a ognuno di noi, inevitabilmente la vita riserva in un otto settembre non ancora trascorso tra menzogne ed imbrogli camuffati dalla sete di denaro. Luigi è sì un poeta ma, prima ancora, un uomo buono: e la Provvidenza, per quelle schegge d’acciaio ancora conficcate nella carne viva, lo ha largamente ricompensato, la Provvidenza ha ripagato il sangue versato per la Patria col dono della Poesia, e la Poesia asciuga quelle ferite e gli dona speciali occhi capaci di scrutare il proprio cuore e diventa così un Poeta che quotidianamente ho frequentato e frequento in quelle sue pagine che profumano di pulito. E ancora lo vedo dieci anni dopo, con quel suo motorino rosso fuoco… come certi tramonti e pare che, là in fondo, mi aspetti, fuori dal tempo ma non fuori dal cuore.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Telefono hackerato: on line la Vonn e Woods nudi

Il caso

Telefono hackerato: on line la Vonn e Woods nudi

Paura per Minghi: ricoverato per un'intossicazione. Tour sospeso

Lecce

Paura per Minghi: ricoverato per un'intossicazione. Tour sospeso

Hydro jet

estate

Fa il "figo" con l'hydrojet, ma finisce male

1commento

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Osteria dl’Andrea

CHICHIBIO

«Osteria dl’Andrea», cucina casalinga della tradizione

di Chichibio

Lealtrenotizie

Ladri ancora in azione all'ospedale

ospedale

Ladri ancora in azione: rubati dei computer al Rasori Video

Il furto è stato compiuto nella notte al Day hospital pneumologico

polizia

Blitz nella notte nelle zone calde a Parma: 82 grammi di droga sequestrati, 5 espulsioni

7commenti

COLORNO

"E' morto assiderato", il piranha del canale Galasso diventa un caso giudiziario

13commenti

Anteprima Gazzetta

Emergenza terrorismo a Parma: il punto con l'assessore Casa

calcio

Antiterrorismo e viabilità, cambia la zona-Tardini (venerdì il "debutto") - La mappa

Posizionate le fioriere anti intrusione in centro - Video

mercato

Matri, è il giorno della firma? Ma il Parma non molla per Ceravolo Video

opening day

Sport, italianità e lealtà: venerdì taglio del nastro della B al Tardini

Prima del match Parma-Cremonese cerimonia con giuramento dei capitani e inno nazionale

1commento

serie B

Sondaggio: vi piace il tris di maglie del Parma?

6commenti

IL CASO

Il laghetto di Scurano potrebbe sparire

Vignali: "I boschi dell'Appennino stanno seccando" Video

Governo

Politiche sull’acqua: Berselli nominato alla guida del nuovo distretto padano

Accorpate le vecchie autorità di bacino, la sede del nuovo distretto resterà a Parma

LA STORIA

Traversetolese salva un uomo che sta annegando e lo rianima

2commenti

Fontevivo

Tre rottweiler liberi: paura in paese

1commento

via Spezia

Scoppia la gomma del bus: paura e...ritardo

3commenti

Fontevivo

Arrivano i nomadi: sgombero lampo

11commenti

tardini

Il Parma si presenta: sotto la Nord cori e festa per la squadra e le nuove maglie

Faggiano: "Matri, abbiamo il sì del giocatore ma il Sassuolo se lo vuole tenere"

stadio tardini

Una "passione" lunga 40 anni: i Boys e i ricordi in mostra Gallery

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

I terroristi di ieri e quelli di oggi

di Michele Brambilla

EDITORIALE

La nuova mafia che occupa Parma

di Francesco Bandini

13commenti

ITALIA/MONDO

TRAGEDIA

Avvistati tre alpinisti morti sul Monte Bianco

Italia

Terrorismo, forze dell'ordine armate anche fuori servizio

SPORT

basket nba

Clamoroso scambio: Irving a Boston, Isaiah Thomas a Cleveland

Ciclismo

Vuelta, ancora un italiano: Trentin

SOCIETA'

Usa

Lo squalo attacca, panico in spiaggia

hi-tech

Twitter: l'hashtag ha 10 anni, se ne usano 125 mln al giorno

MOTORI

AUTO

Ferrari: ecco la nuova Gran Turismo V8, un omaggio a Portofino

VACANZE

Attenzione a come caricate i bagagli: si rischiano punti patente