21°

Arte-Cultura

Il suo cuore batteva in dialetto

Il suo cuore batteva in dialetto
0

di Antonio Battei

D’estate si va a Barbiano: una trattoria con pergola è il ritrovo. Arriva in sella ad un motorino rosso, occhiali e berretto (il casco ancora non esiste) e a vederlo così pare un signore non più giovane con un problema ad un braccio: è Luigi Vicini. Ad attenderlo, una compagnia un poco chiassosa ed eterogenea: Benvenuto Azzoni (il tipografo), Renato Prada, Pierino Balbiani, Ninetto Camattini, Luigi Tonelli (il «segretario»  di Baldassarre Molossi) poi monsignor Arnaldo Marocchi prefetto della chiesa magistrale della Steccata, Goliardo (tipografo della Gazzetta) ed altri ora nella mia memoria un poco evanescenti, come il bianco gesso sulle nere lavagne di quando andavamo a scuola. Nella stagione delle nebbie gli amici erano gli stessi, solo cambiano i luoghi: da Stiliano, Fiaschetteria toscana, l’Aurora ci sembra un po’ troppo cara e allora meglio, per le nostre tasche, l’Imelde o il Canon d’oro. Sono la mascotte: tutti amici, troppo presto ereditati da mio padre e da mio nonno. Scrive le sue poesie con una vecchia Olivetti Lettera 22, per intenderci quella usata da Indro Montanelli e celebrata da una fotografia che ha fatto il giro del mondo. A tavola Luigi è il più riservato e sobrio: insieme si chiacchiera di cucina (parmigiana, naturalmente), ma lui della tavola ama soprattutto la convivialità, spesso espressa in dialetto, la sua (la nostra) lingua del cuore. Sono trascorsi quasi cinquant’anni dal nostro primo incontro a Leivi da Pepèn: grazie ad un passaggio in auto (non ricordo più di chi)… e non si finisce più di «assaggiare» e per me, magro come una canna, mi pare un’esagerazione ma presto mi rendo conto che la tavola ha i suoi tempi, la sua ritualità, e a Leivi, tra gli altri, incontro Giovanna They, una maestra anche lei innamorata della poesia. Mia madre è contenta che mi «distragga» con persone che lei conosce da tanto tempo, da quando i miei genitori frequentano il «Consolato dei Parmigiani a Milano» (il «capo» è l’avvocato Manlio Corradi e, a Parma, un altro avvocato, Giacomo Miazzi) e a me mancano un poco amici della mia età ma, a quello, ci pensa la scuola. Vicini ha una sensibilità e una discrezione d’altri tempi e da subito diventiamo amici, e tutti i giorni c’incontriamo in libreria: lui a scrivere poesie che cantano sentimenti persi in una nostalgia tutta parmigiana, difficile ora da ritrovare, ed io pronto a pubblicare quelle parole a volte strane, moltiplicandole in libri illustrati da Luigi Tessoni e commentati da don Gino Marchi e da Giuseppe Marchetti, mentre la «voce» è quella di Ilario Torniolo, anche loro amici di una tavola che unisce, affratella, una tavola che sa «perdonare» con un sorriso una cottura sbagliata, un servizio approssimativo. Vicini arriva al mattino in strada Cavour con la sua inseparabile bicicletta, e mi dona un foglio con una poesia, ma prima passa dal Parco Ducale: una delle sue fonti d’ispirazione. Ho sempre creduto in lui come continuatore della poetica di Renzo Pezzani: ha una nobiltà d’animo non comune, un desiderio di scrivere poesie che lo porta ad essere il nostro poeta in vernacolo più prolifico. Innamorato della sua terra, con un’innocenza tutta fanciullesca, mi parla dei suoi «viaggi» col motorino rosso: Felino, Sala Baganza, Langhirano, arriva persino a Pastorello… Scrive col cuore poesie che a volte magari parlano di piccole cose ma lui sa farle diventare grandi con il suo amore per la vita quotidiana, con quel suo talento, a volte ironico, nel saper cogliere l’intenso profumo d’una violetta accarezzata con mano delicata. Nelle sue pagine, a noi, ridà colori, aromi, sensazioni perdute e ferma quell’attimo fuggente eppur così intenso, indimenticabile come il rumore dell’acqua di sorgente, come il volo alto di rondini che annunciano un’eterna primavera in un cielo dalle nuvole a volte lontane. Nei suoi libri delinea la vita di Parma, delle nostre tradizioni e usanze, le sue rime hanno uno sguardo tra il sereno ed il melanconico: non canta un sole agostano, bensì un sole primaverile che già all’orizzonte scorge un ineludibile tramonto a ricordare, con dolce rimpianto, un amore lontano. Nei titoli delle raccolte poetiche la parabola della sua vita: «La primma viöla» (1950), «Vol äd parpaji» (1955), «Al zardén däl cel» (1961), «Parma l’è fata acsì» (1969), «Sgagnaciufén» (1973), «Acqua äd sorzìa» (1976), «Nuvli e steli» (1979), «Coriandoli» (1980), «Artaj» (1988), «Memorii däl cor» (1989), «Cära al me Sgnor», «Am togh adrè» (1991), «Ultmi rimmi» (1994), «Föra dal temp» (1998); nei suoi libri coglie ciò che conta davvero, al di là della cronaca fissa, nero su bianco, i veri valori immutabili della vita. Ha molto sofferto quando,  venticinquenne, l’otto settembre del ’43, un soldato tedesco lo colpisce con la mitraglia e resta tra la vita e la morte e le preghiere d’una candida suora affinché Gesù salvi quel soldatino. Le ferite le porta con sé fino alla fine dei suoi giorni senza mai lamentarsi, nemmeno quando assiste la sua sposa, lui con un braccio offeso fino alla paralisi. Ma il suo largo abbraccio poetico ancora ci protegge da quei colpi che, a ognuno di noi, inevitabilmente la vita riserva in un otto settembre non ancora trascorso tra menzogne ed imbrogli camuffati dalla sete di denaro. Luigi è sì un poeta ma, prima ancora, un uomo buono: e la Provvidenza, per quelle schegge d’acciaio ancora conficcate nella carne viva, lo ha largamente ricompensato, la Provvidenza ha ripagato il sangue versato per la Patria col dono della Poesia, e la Poesia asciuga quelle ferite e gli dona speciali occhi capaci di scrutare il proprio cuore e diventa così un Poeta che quotidianamente ho frequentato e frequento in quelle sue pagine che profumano di pulito. E ancora lo vedo dieci anni dopo, con quel suo motorino rosso fuoco… come certi tramonti e pare che, là in fondo, mi aspetti, fuori dal tempo ma non fuori dal cuore.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Sembra ieri 1/1: 1984 - In piazza della Pace l'ippopotamo Pippo

TV PARMA

Sembra ieri: 1985 - Il "nuovo" Ponte Italia

Highlander: San Patrick's

Pgn

Highlander: San Patrick's, le foto della festa

Premio Gazzarock 2017: sono aperte le iscrizioni

musica

Premio Gazzarock 2017: sono aperte le iscrizioni

Notiziepiùlette

Ultime notizie

«Mastroianni's»: piatti moderni, curati e fantasiosi

Foto tratta dal sito ufficiale del ristorante

CHICHIBIO

«Mastroianni's»: piatti moderni, curati e fantasiosi

Lealtrenotizie

Emergenza furti spaccata al Centro Cittadella dello Spip

polizia

Emergenza furti: razzia di vestiti nella notte allo Spip Video

Dopo l'assoluzione

Raffaele Sollecito: «La mia vita riparte da Parma»

"Vivo a Barriera Bixio, lavoro e ho buoni amici"

3commenti

allarme

Piazzale Lubiana, trovata polpetta con chiodi: chiusa l'area cani

1commento

Autosole

L'ambulanza tampona, il paziente a bordo trasferito sull'elicottero

AGENDA

Un weekend alla scoperta dei castelli

elezioni 2017

Cavandoli, la Lega: "Aspettiamo il suo sì alla candidatura"

Profughi

«Lasciati senza cibo per 7 giorni»

5commenti

TRAFFICO

Baganzola, accesso alle fiere al rallentatore. Code per chi arriva dall'A1

Formaggio

La grana del grana

Salsomaggiore

Nozze indiane, fascino e colori al castello di Tabiano Foto Il video

Sentenza

Multa ingiusta, Equitalia condannata

Autostrada

Auto sbanda in A1: muore un 53enne, traffico in tilt per ore Video

Diversi chilometri di coda anche tra Fidenza e Fiorenzuola verso Milano a causa di un altro incidente

Testimonianza

Bloccata in coda in A1: "Ho spento la macchina, attesa senza fine"

6commenti

Bedonia

Domani riapre la stagione di pesca

PARMA

Suonava in Pilotta: multato per la terza volta il fisarmonicista Giovanni 

19commenti

gazzareporter

Fontanini o.... Corcagnano?

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Chi ha interesse a volere la realtà percepita

EDITORIALE

Truffe, anziani e soldi sotto il materasso

di Carlo Brugnoli

ITALIA/MONDO

stanotte

Torna l'ora legale: ricordarsi di mandare avanti le lancette

Treviso

Il giudice girerà armato: "Lo Stato non c'è, devo difendermi"

2commenti

WEEKEND

cinema

Weekend ricco al cinema: i due consigli del CineFilo Video

IL DISCO

Nasce il fenomeno Sex Pistols

SPORT

tv parma

La ricetta di D'Aversa "Dobbiamo metterci più cattiveria" Video

tg parma

Festa tra gli albanesi di Parma nonostante il ko con l'Italia Video

MOTORI

prova su strada

Kia Niro, il «nativo ibrido»

anteprima

Nuova Ferrari GTC4Lusso, il test drive Fotogallery