16°

Arte-Cultura

Resurrezione di Cristo

Resurrezione di Cristo
0

di Maria Pia Forte

I frutti d’oro amati da Goethe pendono ancora - se qualcuno non si è risolto a coglierli tutti per poter continuare a godere del loro risplendere nel sole - dai rami dei limoni, che generano già nuovi boccioli rosati. I mandorli sono fioriti da tempo e gli aranci sono nuvole di bianchi batuffoli. Margherite gialle danzano nel vento insieme a pensées gialle e viola. I prati sono innevati di pratoline, nei boschi i ciclamini proclamano la rivincita dei timidi, l’epifania della forza nascosta della terra. E’ l'immodestia della primavera che riprende il suo ciclo dopo l’umiltà dell’inverno.
Come conciliare un simile vitale tripudio con l’incombere della morte che ci accompagna in questa settimana, scandita dalle ultime ore di Gesù su questa Terra, dal precipitare degli eventi verso la sua barbara esecuzione, inchiodato a una croce nel venerdì vigilia della Pasqua ebraica? 
Eppure morte e vita non sono condizioni opposte: lo sa bene chi ha sofferto un lutto recente e intrattiene un continuo dialogo con chi non c'è più, segno che colui che è assente è tuttora presente; o chi, colpito da una malattia grave, racchiude nel suo intimo, come un prezioso ostensorio in un tabernacolo inviolabile, la consapevolezza della finitudine di ogni soggiorno terreno, e facendo convivere in sé vita e morte trae dalla prima lo slancio per non rinunciare a fare progetti e dalla seconda un’immensa serenità. La finitudine è essa stessa vita. La breve allegria dell’ingresso di Gesù a Gerusalemme, la malinconica cena pasquale con gli amati discepoli, tra i quali Egli sa che ce n'è uno che lo venderà ai propri persecutori per una manciata d’argento; l’angoscia e la solitudine dell’Orto del Getsemani, dove i discepoli più fedeli anziché sostenerlo con la preghiera sprofondano nel sonno; il timore della imminente sofferenza che attanaglia Gesù uomo come noi, l’amarezza per i tradimenti e la codardia dei suoi e per l’incomprensione, il disprezzo e la prepotenza con cui il suo messaggio di amore viene accolto da tanti; e poi i dileggi, i colpi di «flagellum» e le altre sevizie e umiliazioni inflittigli prima di sottoporlo alla «più crudele e orribile di tutte le pene» come Cicerone bollò la crocefissione, prevista dal diritto romano per schiavi, disertori e colpevoli di lesa maestà - ebbene, tutto ciò confluisce verso quella massima affermazione della vita e vittoria sulla morte che è la Resurrezione di Cristo.
E' una settimana di dramma e di trionfo, di silenzi riflessivi e di un urlo di gioia, del «Cristo morto» del Mantegna deformato dal supplizio e dell’atletico «Cristo risorto» di Piero della Francesca.
Con la Resurrezione Gesù vince sulla morte nel senso che fa della morte il preludio di una Vita più vera e più luminosa di quella che tocca in sorte sulla terra ad ogni uomo e donna, anche i più fortunati.
Rende la morte umana la porta di accesso a quella completezza invano inseguita in questo mondo.
Se si ha il coraggio non solo di prendere su di sé la propria croce, ma addirittura di salire sulla croce con Gesù, accettando l’invito delle sue braccia spalancate, ci si trova a tu per tu con una morte nuova: non ha la falce sulla spalla, né ha il volto livido sotto un cappuccio nero come nel film «Il settimo sigillo» di Bergman.
Quella era una morte nordica, nutrita di rigidità protestanti e di severi paesaggi, una morte senza misericordia.
Gesù, invece, cresciuto tra ulivi e palme, cieli assolati, greggi dal musicale belato e biondi campi di cereali, tra donne della famiglia e discepole dalla morbidezza mediterranea, ci ha lasciato in dono una morte vestita di bianco come il sudario con cui viene sepolto da Giuseppe di Arimatea e che Maria Maddalena e le sue compagne trovano, abbandonato nel suo sepolcro spalancato e vuoto, la seconda mattina successiva all’assassinio che rese per sempre il mondo diverso da quello che era.
E' domenica.
 Finite le sofferenze della salita sul Golgota, affrontata come un agnello sacrificale, senza un lamento (quale esempio per tutti noi!), da un Gesù provato dalla lunga veglia e dai maltrattamenti, e poi quelle inimmaginabili sulla croce - il dolore delle ferite, il lento soffocamento dovuto alla posizione delle braccia, la dilaniante sete, il delirio culminante nel grido «Dio mio, Dio mio, perché mi hai abbandonato?», - la morte ci traghetta per mano, premurosa, verso la Resurrezione. 
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Belen tra bacio passionale e vestito d'oro: il web impazzisce

social

Belen tra bacio passionale e vestito (sexy) d'oro: il web impazzisce Gallery

Alessia sposa Michele, prima trans a dire 'sì'

CASERTA

Alessia sposa Michele, prima trans a dire sì

Giovanni Lindo Ferretti

Giovanni Lindo Ferretti

Parma

Rimandato il concerto di Giovanni Lindo Ferretti

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Senza colori: la vita in bianco e nero dei daltonici

SALUTE

Senza colori: la vita in bianco e nero dei daltonici

di Patrizia Celi

Lealtrenotizie

Laminam: il caso arriva alla commissione ambiente della Regione

tg parma

Laminam: il caso arriva alla commissione ambiente della Regione Video

foto dei lettori

Spettacolo (della natura) nei cieli di Parma Gallery

1commento

Parma

Maltempo: vento forte in Appennino

Tribunale

Molotov contro gli spacciatori: patteggiano in tre

anteprima gazzetta

La nuova (spregevole) trovata dei truffatori? Il rilevatore del gas

36a giornata

I play-off se il campionato finisse oggi: rientra l'Albinoleffe (partite e date)

parma

Si rompe un tubo: strada allagata in via Montebello, operai al lavoro e traffico deviato Foto

4commenti

foto dei lettori

Parcheggio intelligente

LUTTO

Addio a "Valo", San Lazzaro nel cuore

Roberto Valenti, 66 anni, aveva giocato anche in B

2commenti

tribunale

Il pm: "Delinquente abituale". Carminati (dal carcere di Parma) esulta

tg parma

Cinque trapianti di rene in due giorni all'ospedale Maggiore Video

mafia

Aemilia: una "squadra" di quattro Pm per l'appello

Dda chiede sentire chi ha indagato su dichiarazioni di Giglio

Carabinieri

Spacciava in Oltretorrente: un altro arresto

In manette un 31enne tunisino

1commento

Gazzareporter

La pioggia ha ingrossato il torrente Video

Parma

Dopo un borseggio abbandona il portafogli fra la merce di un negozio

La Municipale indaga su una donna. Allontanato anche un gruppo di persone sospette che si aggiravano in Ghiaia

3commenti

tg parma

Proseguono i lavori sullo Stradone Video

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Vale di più un morto o 100 morti?

EDITORIALE

Alitalia, perché sono tutti colpevoli

di Aldo Tagliaferro

1commento

ITALIA/MONDO

francia

Baby gang circonda il pensionato al bancomat ma... 

2commenti

polizia

Paura a Londra e Berlino: tensione a Westminster (terrorismo) e spari in un ospedale (un ferito) Foto

SOCIETA'

trump-macri

Melania e Juliana: le first lady (bellissime) rubano la scena ai presidenti Foto

Bologna

Pranza al ristorante e si sente male: donna muore dopo 5 giorni

SPORT

calcio

Ecco la nuova maglia della Juve: ce la svela (con gaffe) Cuadrado

calcio

Moggi, radiato in Italia, riparte dall'Albania

MOTORI

PSA

DS 7 Crossback, in vendita la versione di lancio "La Premiére"

NOVITA'

Toyota Yaris: l'ora del restyling