16°

Arte-Cultura

Julia e le tracce del passato

Julia e le tracce del passato
0

di Anna Folli

«La metà di niente», «La moglie che dorme», «Una vita diversa»,  «L’amore o quasi», «Se stasera siamo qui», «Donna alla finestra»… Negli ultimi quattordici anni, Catherine Dunne si è dimostrata una  scrittrice estremamente prolifica, molto amata soprattutto dalle  lettrici che nelle sue storie trovano rispecchiati le loro emozioni e  le loro paure. Nei suoi romanzi, l’autrice irlandese parla d’amore,  di amicizia, di figli, di tradimenti e separazioni e nel parlare dei problemi di tutte le donne riesce a farle sentire tutte un po’ meno  sole. Ed è proprio in questa sua capacità di raccontare la  quotidianità e i lati più intimi dell’esistenza che sta forse il  segreto del suo successo. Nelle pagine della Dunne la vita «normale»  di persone «normali» diventa in qualche modo eccezionale e aiuta il  lettore a capire meglio sé stesso. Ma negli anni (il suo primo  romanzo che le è ha dato il successo internazionale è «La metà di  niente» del 1997) sono via via cambiati non solo i personaggi e le  situazioni, ma anche i temi affrontati. Il nuovo libro di    Catherine Dunne, «Tutto per amore»  (Guanda),  sarà presentato domani,  alle 17,30, nel  Palazzo del Governatore, in piazza Garibaldi: l'autrice  dialogherà con la scrittrice e giornalista Iaia Caputo per il primo  appuntamento della quinta edizione di «Incontri d’autore», la rassegna promossa dall’assessorato alla Cultura del Comune di Parma e organizzata da Ugo Guanda editore.
In questo nuovo romanzo la scrittrice irlandese affronta argomenti  difficili come la malattia, la morte, l’eutanasia, senza mai perdere  il suo tocco magico nel raccontare le sfumature più nascoste della  psicologia dei suoi personaggi e riuscendo a mantenere la sua  proverbiale leggerezza, che non è mai mancanza di profondità. E da  più punti di vista «Tutto per amore» è paradigmatico della capacità  della Dunne di essere sempre al passo dei tempi. La sua protagonista,  Julia, non è più, come Rose, una donna che ha dedicato la sua vita al  marito e ai figli senza trovare sbocchi nel lavoro, ma è un medico  affermato che viaggia da sola per il mondo e può contare su una  stretta rete di amiche che l’hanno supportata quando il suo adorato  marito è morto a soli cinquant’anni. Con il tempo, e dopo qualche  anno di solitudine sentimentale, Julia ha incontrato William,  scrittore di thriller di un certo successo, che ha alle spalle un  matrimonio finito male. E anche nel loro rapporto paritario, che  mescola in modo inscindibile amore e rispetto, si è molto lontani  dall’iniziale rapporto di sudditanza psicologica che, nel romanzo che  l’ha portata al successo, legava Rose al marito Ben. Allora c’era il  diario drammatico di una donna che, improvvisamente abbandonata dal  marito, si trova sola, senza soldi e con una famiglia da mantenere. 
In «Tutto per amore», invece, anche gli uomini sono cambiati e hanno  imparato la lezione del femminismo: sanno essere compagni di vita,  oltre che amanti, e hanno mutuato dalle donne una diversa  consapevolezza di sé. Forse grazie e questo la Dunne ha deciso di  elevare i personaggi maschili dal ruolo di comprimari a quello di co-protagonisti. Pur essendo scritto in terza persona, «Tutto per amore»  alterna capitoli in cui la storia è narrata dal punto di vista di  Julia a quelli in cui, invece, la prospettiva è quella di William. E  rovesciando la situazione che avevamo conosciuto in «La metà di  niente» è l’uomo, questa volta, ad essere abbandonato dalla compagna. 
Proprio quando William stava per chiedere a Julia di sposarlo, e dopo  tre anni di amore senza ombre, lei scompare senza una parola né un  biglietto di spiegazione. La sua fuga senza testimoni lascia sia  William che la figlia di Julia, Melissa, completamente smarriti. Ma  mentre Melissa si abbandona al risentimento, William si aggrappa a  labili tracce che Julia ha volutamente lasciato dietro di sé come  messaggi nella bottiglia perché lui la ritrovi. E Wiliam parte senza  esitazione per trovare la donna che ama e riportarla a casa, o almeno  cercare di capire.
La verità, pagina dopo pagina, arriverà attraverso una serie di  flashback della vita passata, che Julia sfoglia come un album di fotografie. Questa verità è legata a un segreto sconvolgente che  Julia ha sempre nascosto e che ha a che fare con problemi molto  attuali come il suicidio assistito, l’eutanasia, la qualità della  vita anche durante la malattia. Senza voler dare insegnamenti, ma  grazie alla consueta autenticità di linguaggio e a una resa quasi  fotografica degli stati d'animo dei suoi personaggi, con «Tutto per  amore» Catherine Dunne dimostra ancora una volta di saper parlare  delle donne e alle donne come pochi scrittori contemporanei.
La  novità, questa volta, è che il suo messaggio è diretto con  altrettanta efficacia anche all’universo maschile.
Tutto per amore -  Guanda, pag. 358, 18,00

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Belen in vestaglia in Qatar

Moto Gp

Belen in vestaglia in Qatar Foto

L'attore posta video dopo l'infarto: "Pericolo passato"

salvato

Lopez, il video dopo l'infarto, dopo la paura: "Tutto passato"

Premio Gazzarock 2017: sono aperte le iscrizioni

MUSICA

Premio Gazzarock 2017: sono aperte le iscrizioni

Notiziepiùlette

Ultime notizie

«Mastroianni's»: piatti moderni, curati e fantasiosi

Foto tratta dal sito ufficiale del ristorante

CHICHIBIO

«Mastroianni's»: piatti moderni, curati e fantasiosi

Lealtrenotizie

nas

carabinieri

Sushi senza "targa", sequestrati 55 chili di prodotti alimentari

Nas e Polizia municipale multano ristorante giapponese

Parma

Ponte Romano: al via la riqualificazione. Previsto parcheggio da 40 posti sotto la Ghiaia

Lavori fino all'autunno: posata la prima pietra

10commenti

Parma

Spacciatore arrestato dai carabinieri dopo sei anni di "lavoro"

Accertate almeno 750 cessioni di eroina dal 2011: in cella 36enne tunisino

9commenti

polizia municipale

Passante aggredito da un pitbull in zona stazione

5commenti

Corniglio

Lupo morto avvelenato

12commenti

TORRILE

San Polo, rubano un'auto e la «riportano» distrutta

Degrado

Gli spacciatori ora assediano Piazzale Dalla Chiesa

22commenti

Carabinieri

Fidenza: donna trovata morta in piazza Gioberti

LEGA PRO

Il Parma riparte dal poker di Gubbio

Parma

Il nuovo volto della diocesi: 56 maxi parrocchie per unire i fedeli 

Bologna

Prostituta uccisa a colpi di pistola: confessa un 55enne di Parma

Francesco Serra si era invaghito della 30enne romena Ana Maria Stativa, trovata senza vita a casa sua

Intervista esclusiva

Raffaele Sollecito: «Ho scelto Parma per lavoro»

Il delitto di Meredith, il processo, l'assoluzione, il rapporto con Amanda. Ecco l'intervista completa

24commenti

foto dei lettori

Materassi, mobili, elettrodomestici abbandonati in via Nello Brambilla Foto

tg parma

Giuseppe Buttarelli ce l'ha fatta: da Colorno a Fontanellato contro la Sla Video

Parma

Autovelox e autodetector: ecco dove saranno fino a venerdì

Noceto

«Al Pioppo», quel luogo dell'anima

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Chi ha interesse a volere la realtà percepita

2commenti

EDITORIALE

L'esempio di Londra contro il terrorismo

di Francesco Bandini

ITALIA/MONDO

Rimini

Cadavere nel trolley: non è la cinese scomparsa in crociera. La vittima è morta di stenti

frosinone

Difende la fidanzata, massacrato di botte: muore 20enne 

3commenti

SOCIETA'

Tecnologia

Samsung "spegne" definitivamente il Galaxy Note 7

CONSIGLI

Incontri ravvicinati con i cinghiali? Usate la strategia del torero

SPORT

SPECIALE F1

Buona la prima: la Ferrari di Vettel è davanti a tutti

MOTOGP

Moto: mondiale si apre all'insegna di Viñales, suo gp Qatar

MOTORI

innovazione

La Fiat 500? Adesso si può noleggiare su Amazon

NOVITA'

Non solo Suv: ecco le nuove berline e wagon del 2017