-0°

16°

Arte-Cultura

Un Codice all'avanguardia

Un Codice all'avanguardia
Ricevi gratis le news
1

Andrea Del Bue
Una delle novità più importanti, da un punto di vista storico e legislativo, del Codice di Parma, Piacenza e Guastalla, altrimenti detto Codice di Maria Luigia (promulgato con decreto sovrano il 5 novembre 1820 ed entrato in vigore l’1 gennaio 1821) è la disciplina in merito al vizio di mente, di cui si occupa l’articolo 62: («Non vanno soggette a pena le trasgressioni delle legge se l’imputato trovavasi quando commise l’azione in istato di assoluta imbecillità, di pazzia, o di morboso furore [...]») . E’ chiaro come la malattia mentale fosse - già allora e sulla lezione di diritto comune («Furiosi nullam habent voluntatem»), scriminante del reato: colui che commette un crimine o un delitto, in uno stato di malattia mentale, non può essere soggetto a pena. L’imputato dovrà essere prosciolto, perché alla base della sua azione non possono essere riconosciuti né colpa, né dolo, ossia nessun approccio volontario alla commissione dell’evento criminoso; non è possibile, infatti, individuare, nel presunto reo, la capacità di discernimento, cioè la capacità di distinguere il bene dal male, il giusto dall’ingiusto, l’onesto dal disonesto.
In altre parole, il soggetto in stato di infermità mentale non può essere punito, perché al momento dell’azione non è in grado di ricondurre alla propria condotta le conseguenze giuridiche che da essa possono scaturire. L'origine dell’articolo 62, per impostazione e contenuto, è sicuramente francese. La conferma è data anche dal «Trattato di Diritto Penalea», opera in tre manoscritti giunti fino a noi (mss. parm. 1503, 1504, 1505 collocati in Biblioteca Palatina di Parma) di Gaetano Godi (Parma, 17 aprile 1765 - Parma, 23 febbraio 1850; professore di Istituzioni di Diritto Criminale presso il nostro Ateneo e consigliere del Tribunale di Revisione del Ducato). In tale lavoro, è frequente scorgere riferimenti compiaciuti al legislatore francese, nonché parallelismi tra il Codice parmense (la cui commissione incaricata della redazione annoverava anche lo stesso professore) e quello napoleonico. D’altronde, del Code Pénal del 1810 basta leggere l’articolo dedicato all’istituto dell’infermità mentale, il 64, per cogliervi le numerose ed inequivocabili analogie: «Il n'y a ni crime ni délit, lorsque le prévenu était en état de démence au temps de l’action [...]». Il Ducato, però, va oltre quanto fatto in Francia, innovando l’istituto con una disciplina più moderna e completa. Tale spinta è dettata da più di un decennio in cui la dottrina francese in primis, ma anche i magistrati, hanno affrontato un immane lavoro di interpretazione estensiva del termine «démence», solo nel rappresentare l’ampio ventaglio di tipologie del vizio di mente.
 E’ così che Parma rifiuta l’utilizzazione del termine «demenza», sostituendolo con una tripartizione del vizio di mente: «assoluta imbecillità», «pazzia», «morboso furore». Si tratta, né più né meno, della medesima tripartizione utilizzata, sebbene con altra terminologia, dalla letteratura medico-legale dell’epoca; in essa si parla, rispettivamente, di «idiotismo», «demenza in senso stretto» e «mania». Non una novità da poco. Ma c'è altro. Ciò che rende, infatti, il Ducato di Maria Luigia, da un punto di vista giuridico (ma anche dal punto di vista sociale; si ricordi, a tal proposito, il brocardo di origine romanistica «Ubi societas, ibi ius»: dove c'è la società civile, lì c'è il diritto), unico nel dell’Italia preunitaria, è l’articolo 63: «Allorché la pazzia, l’imbecillità, il furore, o la forza non fossero giusta il retto e fondato giudizio dè tribunali a quel grado da rendere non imputabile affatto l’azione, potrà questa tuttavia essere punita, secondo le circostanze dè casi, colla prigionia, o colla custodia in casa di correzione».
 Si tratta di una forma embrionale dell’istituto di seminfermità mentale (così come ben rileva il professor Alberto Cadoppi, nella sua fondamentale introduzione al Codice penale per gli Stati di Parma, Piacenza e Guastalla, Cedam, Padova 1991), oggi cristallizzato, e ampiamente utilizzato, nel codice penale vigente, all’articolo 89, rubricato «Vizio parziale di mente»: l’infermità mentale non è tale da annientare, ma solo da scemare grandemente la capacità di intendere e di volere. Un principio sconosciuto nella prima metà del'Ottocento e codificato - per la prima volta in Italia - nel codice penale del Ducato. In Francia non v'è traccia riguardo la possibilità di considerare la malattia mentale solo parziale, tale da ridurre, e non togliere del tutto, la capacità di discernimento del reo, così da prevederne non la totale esclusione della colpevolezza, ma una mera circostanza attenuante. Altri codici preunitari portano in dote tale innovativo istituto; si tratta, però, di lavori successivi rispetto a quello parmense: il codice di Sardegna, datato 1837, e il codice estense, del 1851. Quest’ultimo, peraltro, redatto sulla falsariga di quello di Maria Luigia.I legislatori ducali, pertanto, furono i primi a codificare un istituto mai esplicato prima da un punto di vista legislativo? In termini così circostanziati pare proprio di sì, ma una fonte d’ispirazione potrebbe essere rappresentata dal precedente Codice penale austriaco del 1803, dove, all’articolo 39, tra le circostanze mitiganti la pena, si può rinvenire il caso del reo «debole di mente». Solo un’ipotesi, peraltro remota, che nulla toglie ad un Ducato all’avanguardia.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Marinella

    27 Aprile @ 19.23

    Molto interessante l'informazione di storia locale per se stessa ed in relazione ai contributi offerti alla storia delle nazioni e dell'Europa. Anche gli Estense, qui a Modena. hanno molto da dire nel diritto e nell'arte; senza di loro la città non sarebbe altro che un paesone di artigiani.

    Rispondi

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

La musica non c'è in 23 versioni - I Masa

musica

"La musica non c'è" nelle 23 versioni dei Masa Video

Ignazio Moser

Ignazio Moser

DADAUMPA

Moser, dal GF a Parma: «Qui sto bene, ho tanti amici»

Biondo e Filippo riammessi nella scuola di Amici

televisione

Biondo e Filippo riammessi nella scuola di Amici, espulso Nicolas

Notiziepiùlette

Ultime notizie

“Pat Garrett & Billy the Kid”, il mito secondo Dylan

IL DISCO

“Pat Garrett & Billy the Kid”, il mito western secondo Dylan

di Michele Ceparano

Lealtrenotizie

Nigeriano arrestato per detenzione materiale pedopornografico

(foto d'archivio)

carabinieri

Video pedopornografico sul cellulare: arrestato lui, denunciato l'amico che l'ha inoltrato

1commento

Criminalità

Borseggi, la paura viaggia sull'autobus

4commenti

FIDENZA

Voleva suicidarsi con una bombola di gas in auto: i carabinieri arrivano in tempo

1commento

IL CASO

Omicidio di Michelle, l'ex fidanzato «totalmente capace di intendere e volere»

2commenti

POLITICA

M5s, Ghirarduzzi replica a Pizzarotti: "Il suo è effetto cadrega"

WEEKEND

Bancarelle, musica e benedizioni degli animali: l'agenda della domenica

VIABILITA' E BUROCRAZIA

Strade pronte, ma restano chiuse

2commenti

LA STORIA

Aurora, 18enne con disabilità: «Nessun sogno è precluso»

2commenti

TORRILE

Fine dell'incubo per i vicini del piromane

SALUTE

Un test del sangue per otto tipi di tumore

Ko a Cremona

Anno nuovo, Parma vecchio

3commenti

Animali

«Delon sbaglia: non si uccide il proprio cane»

2commenti

PARMA

Oltretorrente: cori gospel in strada per contrastare lo spaccio Video

Iniziativa di "Oltretutto Oltretorrente" con il coro gospel Zoe Peculiar

10commenti

SERIE B

Cremonese-Parma 1-0: crociati sconfitti a pochi minuti dalla fine sotto gli occhi di Lizhang Foto Video

Nel primo tempo squadre equilibrate, poi i crociati calano. La Cremonese aumenta il pressing e fa gol con Cavion

9commenti

DIARIO DELLA TRASFERTA

"Tutti a Cremona!": quasi 2mila tifosi da Parma Foto Video

Uno dei pullman ha qualche problema al motore in autostrada ma riesce a raggiungere lo stadio di Cremona. Molti tifosi in auto

bologna

Cadavere su binari nel Modenese, traffico treni rallentato sulla Bologna-Piacenza

Tra stazioni Modena e Castelfranco, ritardi da 30 a 60 minuti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Perché Mattarella ha ragione sul voto

di Michele Brambilla

CHICHIBIO

«Timocenko», soprattutto pizza per tutti i gusti

di Chichibio

1commento

ITALIA/MONDO

praga

Rogo in hotel, l'attore Alessandro Bertolucci: "Salvo ma ho visto morire due persone"

kabul

Attacco all'hotel Intercontinental

SPORT

SCI

Schnarf, il podio che non t'aspetti

1commento

SERIE B

Cremonese-Parma 1-0: gli highlights della partita Video

SOCIETA'

MILANO

Sms ingiuriosi e diffamazione in un articolo, Sgarbi condannato

Turismo

Venezia, 1.100 euro di conto per 4 bistecche e una frittura di pesce

2commenti

MOTORI

LA NOVITA'

Nuova Dacia Duster: il low cost diventa un eroe borghese

NOVITA'

Gamma Fiat 500 Mirror, infotainment "allo specchio"