21°

Arte-Cultura

Guanda, editore di punta

Guanda, editore di punta
0

Giuseppe Marchetti
Ugo Guandalini moriva a Parma nell'aprile del '71, quarant'anni fa lasciando nel mondo sempre piuttosto neghittoso della nostra editoria un ricordo di ombre e di luci difficilmente distinguibili.
Era nato nel marzo del 1905 e si era incamminato sulla strada della carriera universitaria sotto la guida del geologo professor Mario Anelli un «parmigiano del sasso» con il quale si era laureato e che poi lo chiamerà a Parma come assistente.
La sua storia l'abbiamo raccontata tante volte, l'abbiamo voltata a rivoltata come un abito di lusso che non si deve buttar via, e ne abbiamo ovviamente tratti tutti quei suggerimenti e riflessioni che tale interesse comporta, poiché quella di Ugo Guandalini (un bel cognome modenese) non è  una vicenda così scontata come potrebbe sembrare.
Ugo è un uomo anzi, allora, un ragazzo, tormentato beneficamente da molti dubbi: il primo, come sempre accade, è quello del lavoro e della professione da intraprendere.
Il secondo è lo stimolo della letteratura e della filosofia che sente dentro.
Il terzo è una persona che diventa sua amica, un giovanotto che si chiama Antonio Delfini, definito sbrigativamente a Modena «una macia», cioè una macchietta, un perdigiorno, una figura simpatica, ma da non prendere troppo sul serio, anche perché l'Antonio è figlio di ricchi proprietari terrieri e può disporre di belle somme di denaro senza doverne render conto a qualcuno.
Alla fine degli Anni Venti, Ugo Guandalini che ne ha ventidue e Delfini venti, sfidano la provincia e fanno nascere «L'Ariete», otto pagine tutte scritte da loro.
Modena rimane indifferente, ma i due «letterati» coraggiosi e sprovveduti non mollano e scrivono: «Mentre troppi uomini perseguono facili ideali e abbondano i sacerdoti attorno al dio Oro e troppi credono facile diventar qualche cosa, noi eleviamo il nostro altare fuori dall'acefala folla inchinevole, proclamando la superiorità e il diritto dell'intelligenza e della volontà».
Retorica giovanile, si dirà: ed è vero, ma la sostanza c'è, e c'è l'uomo.
Gli anni e le occasioni passano, viene il momento de «Lo spettatore italiano», cominciano i guai con la censura fascista, siamo nel '28, e Guanda capisce che il gioco non può durare a lungo.
Più che produrre opere sue,  pensa allora a sollecitare attorno a sé l'attenzione di altri possibili autori, come Pietro Zanfrognini, filosofo gentiliano, pensatore di sottile fascino e già scrittore di un saggio che s'intitola «Itinerario di uno spirito che si cerca». Qui si crea un provvidenziale corto circuito e Ugo capisce d'esser sulla buona strada, anche se faticosa e dalle svolte imprevedibili.
Si sposta a Parma, città che l'affascina più della sua natale, e accorcia il nome in Guanda.
Poi comincia a scrivere anche in proprio, siamo nel '32 e concepisce «Adamo».
Non è un romanzo, né un saggio, né propriamente un diario: è semmai tutti questi tre elementi insieme.
Ed è anche il suo messaggio al mondo culturale ed editoriale italiano, risente di uno spirito «vociano» ben conservato, tra scetticismo e provocazione, un po' al modo di Papini, un po' al modo di Jahier, un po' al modo di Slataper.
E l'attività editoriale magnificamente s'adatta a tale tipo di ricerca e di sperimentazione. Filosofia - e religione, ma molto discussa - e poesia, dunque.
Guanda diventa così in pochi anni quel «piccolo grande editore» che resterà per sempre, come Gobetti, come l'altro modenese Formiggini che si butterà dalla Ghirlandina per sfuggire alle leggi razziali fasciste del '38.
I suoi autori diventano gli irregolari, i «vitandi» Buonaiuti, Tilgher, Martinetti, Rensi, Boine, e poi Luzi, Lorca, Eliot, Blok, John Donne, Macrì, Leone Traverso, Poggioli, Berti, Spagnoletti e molti altri.
Nel '55, chiudendo il catalogo che certificava questo straordinario successo culturale, Guanda scriveva: «Gli amici vecchi e nuovi sfogliando questo catalogo ci sentiranno, spero, il profumo che forse soltanto la provincia può ancora dare, e anche battere il cuore di un uomo che si ostina a credere in qualche cosa che è un tantino diversa dai fumetti e dai libri gialli. «Sante parole amare, verrebbe da dire!
Se vedesse come è ridotta oggi l'editoria italiana tranne alcune lodevoli eccezioni, l'editore de «La Fenice» prenderebbe la via della foresta per non fare più ritorno.
Con Bertolucci, Mattioli, Vigorelli, Gabriele Baldini, Carlo Bo, Adolfo Jenni, Angelo Maria Ripellino, Pasolini, Roberto Sanesi, Artoni, Cusatelli e altri scrittori che sapevano aspirare il «profumo che forse soltanto la provincia può dare», Ugo Guanda aveva costruito quel sicuro punto di riferimento cui egli si riferisce quando scrive: «Ci fa un momento, credo, che non ancora apparso Einaudi, la mia insegna di editore fu la sola cosa giovane e viva che palpitasse nel nostro paese».
Ci sentiamo perciò in dovere, oggi, a quarant'anni dalla sua morte di ricordarne l'esempio, la sollecitudine culturale e l'acutezza delle scelte.
Il suo nome vive e palpita ancora, ma i tempi sono molto cambiati, e purtroppo gli uomini che più sopra abbiamo nominato sono quasi tutti spariti. Le loro opere, invece, e la sigla di quell'editore in parma, no.

 

 

 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

La tata dell'ex Spice Girl Mel B: "Relazione a tre con suo marito"

gossip

La tata dell'ex Spice Girl Mel B: "Relazione a tre con suo marito" Foto

Ghepardo, turista imprudente

VIDEO

Il ghepardo attacca la turista e cerca di azzannarla

Scocca l'ora di nove bellissime 50enni:  Cindy Crawford

L'INDISCRETO

Riuscireste a dire di no a queste nove bellissime 50enni?

1commento

Notiziepiùlette

Ultime notizie

«La Forchetta»: pesce, carne e un po' di tradizione

CHICHIBIO

«La Forchetta»: pesce, carne e un po' di tradizione

Lealtrenotizie

Pedone investito in via Spezia: è grave

incidente

Pedone investito in via Spezia: è grave

Lutto

Trovato morto in casa l'avvocato Alberto Quaini

lega pro

D'Aversa: "Ora deve tornare a scattare la scintilla dell'entusiasmo" Video

FORNOVO

Pochi iscritti alle elementari, è polemica

cibo on the road

Castle Street Food, continua l'assedio a Fontanellato Gallery

l'agenda

Una domenica tra feste di primavera, aquiloni e treni storici

LANGHIRANO

Il comandante dei vigili: «Massese pattugliata»

2commenti

gazzareporter

Un lettore: "Ma i vigili controlleranno anche le Harley Davidson?"

SORBOLO

Quegli attori anti-truffa che educano i cittadini

Finto carabiniere

Truffati altri due anziani

Lavori pubblici

Ecco il rinato «Lauro Grossi»

EMILIAMBIENTE

Massari: «Piena fiducia nel cda»

cadute

Incidenti in moto a Noceto e Berceto, grave una 46enne di Salso Video

Sanità

Visite «bucate», arrivano le prime multe

7commenti

verso il 25 Aprile

"Bella ciao!": in centinaia a celebrare la Resistenza delle donne Foto

unione parmense

Il wifi copre la Pedemontana

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

I vecchi partiti? Meglio di oggi

2commenti

EDITORIALE

Francia: l'Isis cerca di dirottare il voto

di Paolo Ferrandi

ITALIA/MONDO

televisione

Morta a 56 anni Erin Moran, la Joanie di Happy Days

1commento

nairobi

Difende gli animali, spari contro la scrittrice Kuki Gallmann: ferita

WEEKEND

foto dei lettori

Aspettando la 1000 Miglia: lo sguardo di Paolo Gandolfi Foto

la peppa propone

Ricetta della domenica - Tortino tricolore: uno spuntino patriottico

SPORT

calcio

Dramma per Vidal: cognato ucciso a colpi di pistola alla testa

Ciclismo

Michele Scarponi è morto, post toccante della moglie

MOTORI

TOP10

Auto: il lusso delle limited edition

ANTEPRIMA

Audi e-tron Sportback Concept, nel 2019 il Suv-coupé "digitale"