17°

30°

Arte-Cultura

Guanda, editore di punta

Guanda, editore di punta
0

Giuseppe Marchetti
Ugo Guandalini moriva a Parma nell'aprile del '71, quarant'anni fa lasciando nel mondo sempre piuttosto neghittoso della nostra editoria un ricordo di ombre e di luci difficilmente distinguibili.
Era nato nel marzo del 1905 e si era incamminato sulla strada della carriera universitaria sotto la guida del geologo professor Mario Anelli un «parmigiano del sasso» con il quale si era laureato e che poi lo chiamerà a Parma come assistente.
La sua storia l'abbiamo raccontata tante volte, l'abbiamo voltata a rivoltata come un abito di lusso che non si deve buttar via, e ne abbiamo ovviamente tratti tutti quei suggerimenti e riflessioni che tale interesse comporta, poiché quella di Ugo Guandalini (un bel cognome modenese) non è  una vicenda così scontata come potrebbe sembrare.
Ugo è un uomo anzi, allora, un ragazzo, tormentato beneficamente da molti dubbi: il primo, come sempre accade, è quello del lavoro e della professione da intraprendere.
Il secondo è lo stimolo della letteratura e della filosofia che sente dentro.
Il terzo è una persona che diventa sua amica, un giovanotto che si chiama Antonio Delfini, definito sbrigativamente a Modena «una macia», cioè una macchietta, un perdigiorno, una figura simpatica, ma da non prendere troppo sul serio, anche perché l'Antonio è figlio di ricchi proprietari terrieri e può disporre di belle somme di denaro senza doverne render conto a qualcuno.
Alla fine degli Anni Venti, Ugo Guandalini che ne ha ventidue e Delfini venti, sfidano la provincia e fanno nascere «L'Ariete», otto pagine tutte scritte da loro.
Modena rimane indifferente, ma i due «letterati» coraggiosi e sprovveduti non mollano e scrivono: «Mentre troppi uomini perseguono facili ideali e abbondano i sacerdoti attorno al dio Oro e troppi credono facile diventar qualche cosa, noi eleviamo il nostro altare fuori dall'acefala folla inchinevole, proclamando la superiorità e il diritto dell'intelligenza e della volontà».
Retorica giovanile, si dirà: ed è vero, ma la sostanza c'è, e c'è l'uomo.
Gli anni e le occasioni passano, viene il momento de «Lo spettatore italiano», cominciano i guai con la censura fascista, siamo nel '28, e Guanda capisce che il gioco non può durare a lungo.
Più che produrre opere sue,  pensa allora a sollecitare attorno a sé l'attenzione di altri possibili autori, come Pietro Zanfrognini, filosofo gentiliano, pensatore di sottile fascino e già scrittore di un saggio che s'intitola «Itinerario di uno spirito che si cerca». Qui si crea un provvidenziale corto circuito e Ugo capisce d'esser sulla buona strada, anche se faticosa e dalle svolte imprevedibili.
Si sposta a Parma, città che l'affascina più della sua natale, e accorcia il nome in Guanda.
Poi comincia a scrivere anche in proprio, siamo nel '32 e concepisce «Adamo».
Non è un romanzo, né un saggio, né propriamente un diario: è semmai tutti questi tre elementi insieme.
Ed è anche il suo messaggio al mondo culturale ed editoriale italiano, risente di uno spirito «vociano» ben conservato, tra scetticismo e provocazione, un po' al modo di Papini, un po' al modo di Jahier, un po' al modo di Slataper.
E l'attività editoriale magnificamente s'adatta a tale tipo di ricerca e di sperimentazione. Filosofia - e religione, ma molto discussa - e poesia, dunque.
Guanda diventa così in pochi anni quel «piccolo grande editore» che resterà per sempre, come Gobetti, come l'altro modenese Formiggini che si butterà dalla Ghirlandina per sfuggire alle leggi razziali fasciste del '38.
I suoi autori diventano gli irregolari, i «vitandi» Buonaiuti, Tilgher, Martinetti, Rensi, Boine, e poi Luzi, Lorca, Eliot, Blok, John Donne, Macrì, Leone Traverso, Poggioli, Berti, Spagnoletti e molti altri.
Nel '55, chiudendo il catalogo che certificava questo straordinario successo culturale, Guanda scriveva: «Gli amici vecchi e nuovi sfogliando questo catalogo ci sentiranno, spero, il profumo che forse soltanto la provincia può ancora dare, e anche battere il cuore di un uomo che si ostina a credere in qualche cosa che è un tantino diversa dai fumetti e dai libri gialli. «Sante parole amare, verrebbe da dire!
Se vedesse come è ridotta oggi l'editoria italiana tranne alcune lodevoli eccezioni, l'editore de «La Fenice» prenderebbe la via della foresta per non fare più ritorno.
Con Bertolucci, Mattioli, Vigorelli, Gabriele Baldini, Carlo Bo, Adolfo Jenni, Angelo Maria Ripellino, Pasolini, Roberto Sanesi, Artoni, Cusatelli e altri scrittori che sapevano aspirare il «profumo che forse soltanto la provincia può dare», Ugo Guanda aveva costruito quel sicuro punto di riferimento cui egli si riferisce quando scrive: «Ci fa un momento, credo, che non ancora apparso Einaudi, la mia insegna di editore fu la sola cosa giovane e viva che palpitasse nel nostro paese».
Ci sentiamo perciò in dovere, oggi, a quarant'anni dalla sua morte di ricordarne l'esempio, la sollecitudine culturale e l'acutezza delle scelte.
Il suo nome vive e palpita ancora, ma i tempi sono molto cambiati, e purtroppo gli uomini che più sopra abbiamo nominato sono quasi tutti spariti. Le loro opere, invece, e la sigla di quell'editore in parma, no.

 

 

 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

I Simple Minds salgono sul palco di Manchester

MUSICA

I Simple Minds salgono sul palco di Manchester Video

Esauriti ultimi 20mila biglietti per Vasco a Modena

MUSICA

Esauriti gli ultimi 20mila biglietti per Vasco a Modena

Il fiscalista di Corona: "faceva 130mila euro di nero al mese"

PROCESSO

Il fiscalista di Corona: "Faceva 130mila euro di nero al mese"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Il Vangelo di don Cocconiora diventa un libro

NOSTRE INIZIATIVE

Il Vangelo di don Cocconi ora diventa un libro

Lealtrenotizie

Ordinanza di riduzione dell’orario di vendita per asporto di bevande alcooliche e superalcooliche, nei confronti dell’esercizio commerciale ubicato in Parma, Via Trento n. 15/E.“

via trento

Alcol a chi era già ubriaco: negozio "punito" fino a fine ottobre

3commenti

lega pro

Parma, non far lo stupido stasera - Probabili formazioni

Play-off: alle 20.30 al Tardini arriva il Piacenza per il match di ritorno degli ottavi. Ai crociati basta non perdere

LA STORIA

Radio Deejay: love story autista bus - passeggera, impazza il gossip parmigiano

CALCIO

Parma-Piacenza: le modifiche alla viabilità. Vietata la vendita di alcolici

9commenti

tg parma

Ex scuola di Baganzola, rogo distrugge l'archivio "Magnanini". E' doloso? Video

allarme

Sorbolo, "quei ragazzini che fingono di finire sotto le auto"

5commenti

furto

Se i ladri rubano le magliette dedicate a un amico scomparso....

stradone

L'associazione dei writers: "Il Comune ci affidi il sottopasso: sarà spazio culturale"

2commenti

LA POLEMICA

Avversari all'attacco di Pizzarotti

13commenti

SPECIALE ELEZIONI 2017

Candidati sindaci, 15 risposte su Parma in 2' I video

1commento

sos animali

Via Aleotti, avvelenato un cane. Sospetto bocconi nell'area verde

Traversetolo

Spunta un villaggio neolitico sotto il futuro Conad

PROGETTI

Pilotta, l'alba di una nuova era. Già rinvenuti tre busti

1commento

polizia

L' "ordinaria" sequenza di furti nei supermercati: denunciati in tre

1commento

motori

Abarth Day, a Varano oltre 5 mila fan dello Scorpione

Fidenza

Bar «Spiga d'oro», due furti in quattro giorni

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

La balla dei soldi pubblici ai giornali

di Michele Brambilla

EDITORIALE

Loro criminali paranoici. Noi troppo deboli e divisi

di Paolo Ferrandi

ITALIA/MONDO

Italia

Melania Trump fa autografi e selfie con i bambini

terrorismo

Manchester, la famiglia di Abedi avvertì della sua pericolosità. Identificate le 22 vittime

1commento

SOCIETA'

SEMBRA IERI

Sembra ieri: taglio del nastro per la nuova Curva Nord (1992)

1commento

salute

Morbillo, tre fratellini ricoverati ad Arezzo con loro mamma

7commenti

SPORT

calcio

Torna a splendere il "Filadelfia", qui giocava il Grande Torino Gallery

Giro d'Italia

Dumoulin e i problemi intestinali: tappa a bordo strada Video

MOTORI

MOTORI

Nuova Volvo XC60, ancora più qualità e sicurezza

CAMBIO

L'automatico manda in pensione il manuale? I 5 miti da sfatare