22°

34°

Arte-Cultura

Tutto il mondo in riva al Tamigi

Tutto il mondo in riva al Tamigi
0

Sergio Caroli

Nel 1777 lo scrittore inglese Samuel Johnson scriveva che «chi è stanco di Londra è stanco della vita, perché a Londra trova tutto ciò che la vita può offrire». Poco meno di un secolo dopo, il Primo ministro Disraeli definirà Londra «nuova Babilonia, una nazione, non una città». Chissà che direbbero oggi dalla metropoli quelle due glorie della nazione britannica.
«Con 7 milioni e mezzo di abitanti Londra ha le popolazioni di Roma, Parigi, Vienna, e Bruxelles messe insieme; e arriva a 20 milioni con gli sterminati sobborghi. E’ la più popolosa città d’Europa, e la più grande per estensione: si espande su un’area che è il doppio di New York. E’ una delle città più verdi: il 39 per cento è fatto di parchi e giardini. E poi 300 lingue e dialetti, 183 sinagoghe, 130 moschee, 12.200 ristoranti, 5.200 pub, 600 cinema, 400 teatri». Chi registra queste cose è Enrico Franceschini in «Londra Babilonia» (Laterza, pagine 175, euro 15); un saggio che è una miniera d’informazioni storiche, statistiche, sociologiche e di costume, tanto originale nella scelta dei temi - alieni da passatempi turistici - quanto brillante nell’esposizione, e soprattutto pronto a cogliere, attraverso l’occhio disincantato dell’osservatore straniero, l’anima segreta che si cela dietro i grandi numeri.

Nell’ultimo ventennio  quasi due milioni di cittadini britannici hanno lasciato Londra e altrettanti stranieri ci sono arrivati. Li unisce tutti una sola cosa: la lingua inglese. «Parliamo 300 idiomi - lei scrive -, siamo una torre di Babele, ma grazie alla lingua di Shakespeare e della regina Elisabetta, opportunamente storpiata, mal pronunciata, semplificata, riusciamo a comunicare benissimo tra noi e anche un po' meno bene con la popolazione indigena». Ma qual è l’«animus» della popolazione indigena verso di voi?
I londinesi  sono una specie a parte, come i newyorkesi, abituati da sempre al mix di popoli e lingue. C'è tolleranza verso lo straniero o perfino indifferenza, non lo si nota più. Abito vicino a una moschea e nessuno si gira a guardare le donne velate da capo a piedi che vengono a pregare il venerdì. Ci sono scuole elementari con allievi di 64 lingue diverse. A Londra questo viene considerato un arricchimento, non un problema.

Lei scrive che il multiculturalismo si affermerà o verrà sconfitto sulle rive del Tamigi. Quali le sue previsioni?
Si affermerà. Lo dico non solo perché sono ottimista, ma perché i muri, una volta abbattuti, non si possono rialzare. Pensare che torneremo a nazioni monoculturali è come pensare che torneremo tutti ad andare a cavallo. Basta guardare l’esempio dell’America per capire che un mondo senza frontiere fa bene a tutti, una volta che ci si abitui e si accettino regole condivise.

Nel 1960, 300 milioni di persone parlavano l’inglese; oggi lo parlano più di due miliardi di individui. L’inglese ha il primato planetario in tutti i campi, compreso il vocabolario: nel 2009 ha stabilito un nuovo record mondiale, un milione di parole. E’ la lingua delle e-mail e di Twitter.  E’ stata la globalizzazione a diffondere l’inglese, o è stato l’inglese a facilitare la globalizzazione?
E' nato prima l’uovo o la gallina? Impossibile dirlo, nel caso di inglese e globalizzazione: diciamo che si sono nutriti l’uno dell’altra, c'era bisogno di entrambi per arrivare ad entrambi gli obiettivi.

E tuttavia un’estrema povertà caratterizza la lingua inglese comune. Che avesse ragione Orwell quando parlava di neo-lingua?
Aveva ragione Orwell. E pure il principe Carlo d’Inghilterra, il quale dice che non è l’inglese la lingua più parlata del mondo, bensì il «broken English», l’inglese sgrammaticato degli immigrati. Ma per tornare a capirsi fra tutti, come prima della Torre di Babele, va bene anche quello. Per laurearsi a Oxford, ovviamente, non basta, ma è un primo passo per permettere a tutti di provarci.

E perché si torna a studiare il latino?
Perché l’Inghilterra è il Paese della tradizione e dell’avanguardia, del vecchio e del nuovo, del passato e del futuro, del classismo e dell’interclassismo. Perciò, se lo studiano loro, dovremmo studiarlo con un po' di amore e orgoglio anche noi, che lo abbiamo inventato.

Lei scrive: «L'unione di Elisabetta II e del duca di Edimburgo dura da sessant'anni. Il mondo non solo è cambiato, è irriconoscibile, tranne che per quei due». Perché?
Perché tutti abbiamo bisogno delle favole. E perché quei due, nonostante scandali e gaffes, hanno fatto il loro mestiere tutto sommato meglio di tanti altri capi di Stato stranieri.

Il tessuto della città - leggo - è fatto di giornali e di giornalismo, nemmeno a New York se ne pubblicano tanti. Ma come giudica la loro qualità in termini di obiettività e indipendenza?
Come per ogni altro aspetto di Londra, il suo giornalismo offre di tutto: il meglio, il 'Financial Times', miglior quotidiano d’Europa, e il peggio, i tabloid scandalistici che raccontano balle pur di avere un titolone in prima pagina. Ma ai lettori è ben chiaro cosa comprano: possono scegliere tra informazione autorevole e intrattenimento da pub.

Secondo una stima, vi sono a Londra diecimila volpi. Quali problemi creano?
Molto raramente, gravi problemi: una volpe è entrata in una casa e ha azzannato un bebè, lo scorso anno. Per lo più rovistano nei rifiuti e li spargono intorno. Si dice diffondano malattie, ma non ho letto di persone ammalatesi per causa loro. Una volta una è passata davanti al 10 di Downing street, pochi giorni dopo che Blair aveva messo al bando la caccia alla volpe. Forse voleva ringraziarlo.

Londra Babilonia
    Laterza, pag. 175, € 15,00

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

La Rai propone a Fazio un contratto da 2,2 milioni l'anno

Fabio Fazio, in una foto d'archivio

Tv

La Rai propone a Fazio un contratto da 2,2 milioni l'anno

1commento

Esplode bomboletta di panna: colpita al petto muore modella blogger

francia

Esplode bomboletta di panna: colpita al petto muore modella blogger

elefantino che rincorre gli uccelli

natura

L'elefantino che rincorre gli uccelli Video

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Da ovest a est il meglio degli itinerari in montagna

La presentazione dei volumi in vendita in abbinamento con la Gazzetta di Parma

NOSTRE INIZIATIVE

Da ovest a est il meglio degli itinerari in montagna

Lealtrenotizie

Siccità mai così grave dal 1878

EMERGENZA

Siccità mai così grave dal 1878

Al Campus

Ladri in azione a Biologia e Fisica

L'AGENDA

Il primo sabato d'estate da vivere nel Parmense

DUE FOSCARI

Busseto piange il ristoratore Roberto Morsia

L'INTERVISTA

Cassano: «Parma vorrei riportati in A»

Langhirano

I 5 stelle contro il fuoriuscito: proteste in consiglio

Fidenza

Ballotta, un restyling da 200mila euro

Suore

Due vietnamite diventano Orsoline

TRAFFICO METEO NEWS

Buongiorno Parma!

Traffico-Meteo-News: tutte le informazioni utili prima di uscire di casa

Lutto

Colorno piange Cadmo Padovani

Tg Parma

Samboseto, 75enne esce di strada e muore Video

polizia

Minacciato con coltello, sequestrato e rapinato in stazione: in carcere due dei tre aggressori Video

8commenti

mercato

Cassano: "Vorrei riportare il Parma in A" Audio Faggiano: "Fantantonio qui? Non lo escludo" Video

4commenti

Protezione civile

Ondata di caldo: allerta "arancione" fino a domenica - I consigli - Video

2commenti

Anteprima Gazzetta

Domenica il voto, appello a recarsi alle urne

fiamme gialle

Guardia di finanza: in 5 mesi scoperti 20 evasori totali. Tutti i numeri della Gdf

Durante la cerimonia del 240° della fondazione del Corpo 

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Il Parma è l'esempio per la rinascita della città

di Michele Brambilla

2commenti

EDITORIALE

Maturità, temi lontani dalla realtà della scuola

di Stefano Pileri

ITALIA/MONDO

Lutto

E' morto il giurista Stefano Rodotà

FERRARA

Bimba di 4 mesi cade dal secondo piano e muore

SOCIETA'

il disco

“Amused to death”, ha 25 anni il disco di Roger Waters

ferrovie

Lavori sulla Bologna-Rimini, sabato 24 e domenica 25. Ripercussione sui collegamenti con la Riviera Romagnola.

SPORT

Calcio

Messi, convertita in multa (455 mila euro) la condanna per frode fiscale

calcio

Rivoluzione: la U20 cinese giocherà la serie D tedesca

MOTORI

anteprima

Volkswagen, la sesta Polo è diventata grande

SERIE SPECIALE

695 Rivale Abarth: lo scorpione sullo yacht...