12°

Arte-Cultura

Solidarietà, vero orizzonte

Solidarietà, vero orizzonte
0

Stefano Lecchini

 Nato dall’onda anomala dello tsunami che, a Natale 2004, sconvolse le spiagge dell’Oceano indiano, anche quest’ultimo libro di Emmanuel Carrère («Vite che non sono la mia», Einaudi) è - suo modo - un testo anomalo. Non siamo nella fiction, tutt'altro: perché, al modo del precedente «La vita come un romanzo russo», Carrère racconta un’altra tranche del suo tempo recente - per l’esattezza, i mesi che vanno da quella drammatica vacanza natalizia nello Sri Lanka, con la compagna del momento, Hélène, e i due figli avuti dai rispettivi precedenti matrimoni, fino ai giorni di prima estate dell’anno seguente, quando la sorella di Hélène muore di cancro a soli trentatré anni. Ma la peculiarità del libro, all’interno della parabola letteraria del miglior narratore contemporaneo d’oltralpe, non sta in questo marcato carattere autobiografico. A prescindere dal fatto che anche ogni biografia, in quanto Letteratura, resta per suo stesso statuto «immaginaria», autobiografico era comunque, oltre a «La vita come un romanzo russo», «Facciamo un gioco»: mentre quali impareggiabili racconti di vita altrui continuano a stagliarsi «Io sono vivo, voi siete morti», definitivo omaggio al genio meravigliosamente maligno che impresse le sue ossessioni e i suoi incubi su tutta la prima parte dell’esistenza di Carrère, Philip K. Dick, e «L'avversario», dove si ricostruiva l’agghiacciante vicenda di Jean Claude Romand, l’uomo che per 18 anni riuscì a ingannare famigliari e vicini facendogli credere di possedere una laurea e di esercitare una professione viceversa inesistenti, e finendo per tentare di soffocare ogni disvelamento nel sangue. No. I motivi per cui questo libro è diverso sono altri. E’ Carrère a presentarsi radicalmente mutato. L’oscuro, incrinato cantore dell’indecidibile ambiguità del «reale», non si sa come né quando ma sembra aver trovato un suo punto di svolta e, ciò che più conta, di equilibrio. Quella che ci viene incontro è una voce non si dirà pacificata, ma sorprendentemente capace di affidarsi alla pura evidenza di ciò che un tempo sembrava nascondere abissali, insondabili, indicibili enigmi - mortali. Questa evidenza non è comunque priva di dolore. La tragedia (una giovane coppia che ha perso la figlioletta nel vortice dello tsunami e si affida alla solidarietà di un’altra coppia, meno giovane e in crisi; la morte dolorosissima della sorella di Hélène) stringe da ogni parte le pagine del libro. Ciò malgrado, il bisturi di Carrère affonda in queste piaghe senza lasciarsene sgomentare e travolgere. E non è la lucidità dello sguardo a impressionare (ci eravamo abituati), né la sua capacità di tradursi in una prosa adamantina, svelta e complessa, miracolosamente attenta al particolare, alle cose e all’ombra delle cose (come il cancro è quell'ombra di noi stessi che, volpe o ratto, ci divora da dentro) - ma il «pathos», la «pietas» ormai senza riserve, quasi che Carrère si fosse scrollato di dosso, non è dato sapere con quanto travaglio, il suo destino di esiliato dalle regioni privilegiate dell’Essere, per schiudersi definitivamente alla luce della compassione e dell’amore: «Sono stato a lungo infelice, e molto cosciente di esserlo; oggi amo quello che è il mio destino, e della sua amabilità non ho un grande merito, la mia filosofia si riassume nella frase che, la sera dell’incoronazione, avrebbe mormorato Madame Letizia, la madre di Napoleone: Speriamo che duri». Così Carrère investiga con un puntiglio che gli fa onore, in quanto - pur essendo consapevole che ciascuno di noi resta incapsulato in quella che, al momento, è la sua vita e solo la sua vita - confida che, raccogliendo ogni minima sfumatura delle vite altrui, a queste vite possa essere resa giustizia. E non è un caso che parlando del magnifico rapporto (di innamoramento inespresso) che lega il giudice Étienne alla collega Juliette, la sorella di Hélène (entrambi rimasti zoppi perché entrambi, seppur in tempi diversi, aggrediti dal cancro), Carrère si dilunghi a esaminare nei dettagli alcune delle cause che avevano affrontato insieme nel nome del riscatto «giurisdizionale» dei più deboli. Ammettiamolo: almeno ai tempi dell’inquietantissimo esordio di «Baffi» (1986) forse non sarebbe accaduto. Qui la ferita, la «faglia» che sconcia le nostre vite, può essere indagata nella consistenza della sua lealtà ontologica. Nessun sospetto che vi sia dietro chissà quale atroce beffa metafisica. Solo il corrompersi e lo sparire, «naturale» per quanto ingiusto e feroce, dei corpi, e del soffio irripetibile che li aveva animati. E, ancora, lo strazio di chi deve affrontare il vuoto che ne resta - vuoto cui questo libro esemplare cerca di offrire, dal fragile equilibrio della sua felicità conquistata, niente più che un’umile, radiosa, commossa apertura, capace di lenire quel che può essere ancora lenito. s
Vite che non sono la mia
Einaudi, pag. 236,  20,00

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

3commenti

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

parodia con Parma/Karma canzone vincitrice sanremo

parodia

Si sorride con il prosciutto di Parma in "salsa" Occidentali's Karma Video

Aereo intercettato sui cieli della Germania

germania

Il pilota non risponde: volo di linea scortato da jet da guerra

Jessica allena i glutei

GOSSIP

Sexy allenamento di Jessica Immobile: boom di clic 

Notiziepiùlette

Ultime notizie

I dieci errori da evitare in palestra

FITNESS

I dieci errori da evitare in palestra

Lealtrenotizie

Rapina alla Cariparma: giallo sui colpi di arma da fuoco

Collecchio

Rapina alla Cariparma: giallo sui colpi di arma da fuoco. Video: l'arresto dei ladri

Il servizio del Tg Parma: la testimonianza di un giovane - Video

CULTURA

Tahar Ben Jelloun a Parma: "Più educazione per sconfiggere l'Isis"

Palazzo del Governatore gremito

anteprima GAZZETTA

Pomeriggio di paura a Collecchio Video

GAZZAREPORTER

Degrado in Oltretorrente Foto

Un lettore racconta con le immagini una passeggiata abortita

LEGA PRO

Parma- Samb 4-2: il film del match Video

Via Mazzini

Le baby gang fanno paura: negozianti sotto assedio

11commenti

Parma

Trasporti, gara a BusItalia. Tep all'attacco: "Verificheremo se l'assegnazione è legittima"

Offerte eccessivamente al ribasso - dice la Tep - possono poi avere pesantissime ripercussioni sul servizio, sugli utenti e sui lavoratori

13commenti

enti

Allarme Provincia: "Rischiamo di non chiudere il bilancio" Video

autobus

Via Farini, modifica temporanea del percorso del 15

crocetta

Crocetta, il mistero dell'auto bruciata

tg parma

Il pugile Fragomeni dona 25mila euro all'Ospedale dei Bambini Video

Cocaina

Preso il pusher dei ragazzini

2commenti

La storia

Silvia, convertita all'ebraismo: mollo tutto e mi trasferisco in Israele

Polizia municipale

Autovelox e autodetector: la mappa dei controlli a Parma

Parma

Mattinata di incidenti: quattro feriti in poche ore Foto

BASSA

I truffatori arrestati risarciscono i negozianti raggirati

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Le deprimenti liti dei politici

4commenti

EDITORIALE

I figli, la droga e una mamma "condannata" per troppo amore

di Carlo Brugnoli

ITALIA/MONDO

SINISTRA

Dal Pci a Sel, la storia delle scissioni Video

Cremona

Napalm artigianale per incendiare la discoteca "rivale": denunciati due giovani

1commento

SOCIETA'

auto

Addio al libretto di circolazione: il documento sarà unico

1commento

IL CINEFILO

Ecco due film "Molto belli" Video

SPORT

Vietnam

Rigore inesistente: la squadra resta immobile per protesta

ATLETICA

"Ayo" Folorunso vince i 400: guarda la straordinaria rimonta Video

MOTORI

SUPERCAR

Ferrari 812 Superfast,
la nuova berlinetta da 800 Cv

nuovo kit

Mercedes Classe A Next, un passo più avanti