21°

Arte-Cultura

Giornalisti, luci e ombre

Giornalisti, luci e ombre
0

Giuseppe Marchetti

Sempre meglio fare i giornalisti che lavorare!», diceva Mario Missiroli. E così pare proprio che sia. Anche se i giornali finiscono, il giorno dopo la loro pubblicazione, quasi tutti in carta straccia, utili per avvolgere scarpe vecchie, ritagli di verdura, palle umide da pulivetri e altri poco nobili impieghi, se non addirittura calpestati per strada. Eppure, la categoria dei giornalisti si sente particolarmente privilegiata sino a porsi talvolta oltre le regole per diritto di chissà quale giustificazione libertaria. Ora arriva Giampaolo Pansa che ci dice la sua nelle più di quattrocento pagine del suo «Carta straccia» (Rizzoli editore) sottintitolato «Il potere inutile dei giornalisti». L'autore ci spiega: «Questo è un libraccio molto personale, zeppo di ricordi, di personaggi, di situazioni. Tutta merce spacciata alla buona, quasi sempre in modo sornione e allegro. Ma con un bel po' di pagine toste, scritte all'arma bianca, da vera carogna». In verità, Pansa non è una carogna, e semmai usa quale termine quasi come una captatio benevolentiae, cioè per farsi dire che non è vero, che anche lui spara sulla categoria amandola però d'infinito affetto come un innamorato deluso e ostinato. Il racconto che ci troviamo davanti è appassionante, non è nuovo, ma appassionante lo è davvero, specialmente per tutti coloro che non si sono ancora iscritti al partito dell'indifferenza o a quello dell'odio. Disposto in otto parti, «Carta straccia» attraversa a luce radente tutto il mondo del giornalismo nostrano: quello di carta e quello radiotelevisivo. Ne rivela le contraddizioni, le intemperanze, le sciocchezze, le malignità, le vergogne e qualche seminascosto eroismo. Il tutto, accompagnato da una sincera e pulita fede nella voglia di scrivere, nel saper scrivere e nel mostrarsi degni di poterlo e di saperlo fare. Inguaribile sentimentale com'è, Pansa prende a narrare da lontano e da un personaggio che gli è caro, la nonna Caterina, già comparsa con la sua popolare saggezza contadina in altri libri. E' una specie di certificazione d'origine cui Pansa tiene molto, e giustamente. «Carta straccia» riparte da quella semplicità e, procedendo, scende sempre più nel terreno melmoso dell'oggi, anche se «la grinta fa bene». Ma quale bene? A questo interrogativo - perché? E a chi? - Pansa comincia a rispondere come sempre partendo da sé, dalla propria esperienza e dalla storia di una militanza che, tra giornalistica e politica, ha attraversato ormai tutto il mondo della carta stampata. Mentre faceva il proprio mestiere, Pansa si voltava indietro, setacciava il passato, lo rimetteva sotto gli occhi; lo revisionava e lo interrogata. Ne sono nati libri che hanno avuto molto successo e molte polemiche, libri «di un giornalista» che sa dove mettere le mani per trovare cose nuove e che viaggia, se si può dire così, a occhi aperti. La fatica, le amare sorprese, la faziosità premiata, i dubbi sbeffeggiati e derisi, le buone intenzioni condannate, i poteri intoccabili, le interviste ruffiane: tutto un complesso di avvenimenti e personaggi che tutti i giorni ci stanno davanti agli occhi, con la politica acida sempre in primo piano, da Bersani a Berlusconi, da Prodi a Veltroni, da Santoro a Fede, a Mauro, da Fazio alla Gelmini, da Ottone a Lerner, da Ferrara a Floris, da Mario Sechi a Saviano. Mamma mia, verrebbe voglia di esclamare che stuolo di personaggi! E poi i giornali e i periodici: «Corriere», «Repubblica», «Libero», «L'Espresso», «Panorama», «Annozero», «Ballarò», «Il Giornale» e altri minori e minimi.

 Pansa s'aggira in questo universo pieno di trabocchetti e di foibe morali con la sicurezza del giornalista, non ha altra chiave e altra forza. Ma sa usarle bene, ricorda tutto, infila ritratti e profili (magistrale quello dedicato a Travaglio) senza tema di smentite, possiede «le carte», le date, le ore, le testimonianze e i giudizi adatti a configurare l'atmosfera che in campo giornalistico, politico ed editoriale si respira e la velenosa confusione che vi regna. Più che mai, quindi «il potere inutile dei giornalisti italiani» si trasforma qui in vera utilità. Per più di trecento pagine, Pansa ha narrato, dunque, lo stato dei fatti e i caratteri dei protagonisti, ma giunto agli ultimi capitoli della storia avverte anche il bisogno di procedere sulla scorta del diario nel suo «Taccuino scabroso» e sul piatto caldo di ogni giorno, qui dove la cronaca ribolle di esiti, voci, denunce, assalti, voltafaccia, accuse e ritorsioni che i cittadini (la famosa «gente» alla quale tutti s'appellano) non capiscono e quindi non giustificano in alcun modo. La gente è davvero disorientata, la lascia che le cose se le sbrighino «loro». In quel «loro» c'è tutto il disprezzo che un pubblico disgustato dalla trivialità della politica getta in faccia ai politici e ai giornalisti. Pansa cerca di spiegare e di capire, attraverso lo scetticismo, come stiano le cose e quale futuro esse ci preparino. Anche lui ci lancia, come fece Radio Londra, «alcuni messaggi». Capiremo?

Carta straccia 
    Rizzoli, pag. 412, € 19,90

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Scocca l'ora di nove bellissime 50enni:  Cindy Crawford

L'INDISCRETO

Riuscireste a dire di no a queste nove bellissime 50enni?

1commento

American Airlines

rissa sfiorata

Steward colpisce con un passeggino una donna con il bimbo

1commento

Aktion T4: dal 25 aprile Lenz racconta l'olocausto dei piu' deboli

tg parma

Aktion T4: Lenz racconta l'olocausto dei più deboli Video

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Camminare in Lunigiana Escursioni per tutte le stagioni

NOSTRE INIZIATIVE

Camminare in Lunigiana Escursioni per tutte le stagioni

Lealtrenotizie

Pedone investito in via Spezia: è grave

incidente

Pedone investito in via Spezia: è grave

Lutto

Trovato morto in casa l'avvocato Alberto Quaini

lega pro

D'Aversa: "Ora deve tornare a scattare la scintilla dell'entusiasmo" Video

FORNOVO

Pochi iscritti alle elementari, è polemica

l'agenda

Una domenica tra feste di primavera, aquiloni e treni storici

LANGHIRANO

Il comandante dei vigili: «Massese pattugliata»

2commenti

gazzareporter

Un lettore: "Ma i vigili controlleranno anche le Harley Davidson?"

SORBOLO

Quegli attori anti-truffa che educano i cittadini

Finto carabiniere

Truffati altri due anziani

Lavori pubblici

Ecco il rinato «Lauro Grossi»

EMILIAMBIENTE

Massari: «Piena fiducia nel cda»

cadute

Incidenti in moto a Noceto e Berceto, grave una 46enne di Salso Video

Sanità

Visite «bucate», arrivano le prime multe

5commenti

verso il 25 Aprile

"Bella ciao!": in centinaia a celebrare la Resistenza delle donne Foto

unione parmense

Il wifi copre la Pedemontana

fidenza

Positivo all'alcotest, aggredisce i carabinieri insieme all'amico: arrestati

2commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

I vecchi partiti? Meglio di oggi

2commenti

EDITORIALE

Francia: l'Isis cerca di dirottare il voto

di Paolo Ferrandi

ITALIA/MONDO

televisione

Morta a 56 anni Erin Moran, la Joanie di Happy Days

francia nel terrore

Panico a Parigi per un uomo con un coltello

WEEKEND

foto dei lettori

Aspettando la 1000 Miglia: lo sguardo di Paolo Gandolfi Foto

la peppa propone

Ricetta della domenica - Tortino tricolore: uno spuntino patriottico

SPORT

Ciclismo

Michele Scarponi è morto, post toccante della moglie

lega pro

Verso il Sudtirol (lunedì 20.45): Parma in ritiro anticipato. I convocati Video

MOTORI

TOP10

Auto: il lusso delle limited edition

ANTEPRIMA

Audi e-tron Sportback Concept, nel 2019 il Suv-coupé "digitale"