16°

Arte-Cultura

Giornalisti, luci e ombre

Giornalisti, luci e ombre
0

Giuseppe Marchetti

Sempre meglio fare i giornalisti che lavorare!», diceva Mario Missiroli. E così pare proprio che sia. Anche se i giornali finiscono, il giorno dopo la loro pubblicazione, quasi tutti in carta straccia, utili per avvolgere scarpe vecchie, ritagli di verdura, palle umide da pulivetri e altri poco nobili impieghi, se non addirittura calpestati per strada. Eppure, la categoria dei giornalisti si sente particolarmente privilegiata sino a porsi talvolta oltre le regole per diritto di chissà quale giustificazione libertaria. Ora arriva Giampaolo Pansa che ci dice la sua nelle più di quattrocento pagine del suo «Carta straccia» (Rizzoli editore) sottintitolato «Il potere inutile dei giornalisti». L'autore ci spiega: «Questo è un libraccio molto personale, zeppo di ricordi, di personaggi, di situazioni. Tutta merce spacciata alla buona, quasi sempre in modo sornione e allegro. Ma con un bel po' di pagine toste, scritte all'arma bianca, da vera carogna». In verità, Pansa non è una carogna, e semmai usa quale termine quasi come una captatio benevolentiae, cioè per farsi dire che non è vero, che anche lui spara sulla categoria amandola però d'infinito affetto come un innamorato deluso e ostinato. Il racconto che ci troviamo davanti è appassionante, non è nuovo, ma appassionante lo è davvero, specialmente per tutti coloro che non si sono ancora iscritti al partito dell'indifferenza o a quello dell'odio. Disposto in otto parti, «Carta straccia» attraversa a luce radente tutto il mondo del giornalismo nostrano: quello di carta e quello radiotelevisivo. Ne rivela le contraddizioni, le intemperanze, le sciocchezze, le malignità, le vergogne e qualche seminascosto eroismo. Il tutto, accompagnato da una sincera e pulita fede nella voglia di scrivere, nel saper scrivere e nel mostrarsi degni di poterlo e di saperlo fare. Inguaribile sentimentale com'è, Pansa prende a narrare da lontano e da un personaggio che gli è caro, la nonna Caterina, già comparsa con la sua popolare saggezza contadina in altri libri. E' una specie di certificazione d'origine cui Pansa tiene molto, e giustamente. «Carta straccia» riparte da quella semplicità e, procedendo, scende sempre più nel terreno melmoso dell'oggi, anche se «la grinta fa bene». Ma quale bene? A questo interrogativo - perché? E a chi? - Pansa comincia a rispondere come sempre partendo da sé, dalla propria esperienza e dalla storia di una militanza che, tra giornalistica e politica, ha attraversato ormai tutto il mondo della carta stampata. Mentre faceva il proprio mestiere, Pansa si voltava indietro, setacciava il passato, lo rimetteva sotto gli occhi; lo revisionava e lo interrogata. Ne sono nati libri che hanno avuto molto successo e molte polemiche, libri «di un giornalista» che sa dove mettere le mani per trovare cose nuove e che viaggia, se si può dire così, a occhi aperti. La fatica, le amare sorprese, la faziosità premiata, i dubbi sbeffeggiati e derisi, le buone intenzioni condannate, i poteri intoccabili, le interviste ruffiane: tutto un complesso di avvenimenti e personaggi che tutti i giorni ci stanno davanti agli occhi, con la politica acida sempre in primo piano, da Bersani a Berlusconi, da Prodi a Veltroni, da Santoro a Fede, a Mauro, da Fazio alla Gelmini, da Ottone a Lerner, da Ferrara a Floris, da Mario Sechi a Saviano. Mamma mia, verrebbe voglia di esclamare che stuolo di personaggi! E poi i giornali e i periodici: «Corriere», «Repubblica», «Libero», «L'Espresso», «Panorama», «Annozero», «Ballarò», «Il Giornale» e altri minori e minimi.

 Pansa s'aggira in questo universo pieno di trabocchetti e di foibe morali con la sicurezza del giornalista, non ha altra chiave e altra forza. Ma sa usarle bene, ricorda tutto, infila ritratti e profili (magistrale quello dedicato a Travaglio) senza tema di smentite, possiede «le carte», le date, le ore, le testimonianze e i giudizi adatti a configurare l'atmosfera che in campo giornalistico, politico ed editoriale si respira e la velenosa confusione che vi regna. Più che mai, quindi «il potere inutile dei giornalisti italiani» si trasforma qui in vera utilità. Per più di trecento pagine, Pansa ha narrato, dunque, lo stato dei fatti e i caratteri dei protagonisti, ma giunto agli ultimi capitoli della storia avverte anche il bisogno di procedere sulla scorta del diario nel suo «Taccuino scabroso» e sul piatto caldo di ogni giorno, qui dove la cronaca ribolle di esiti, voci, denunce, assalti, voltafaccia, accuse e ritorsioni che i cittadini (la famosa «gente» alla quale tutti s'appellano) non capiscono e quindi non giustificano in alcun modo. La gente è davvero disorientata, la lascia che le cose se le sbrighino «loro». In quel «loro» c'è tutto il disprezzo che un pubblico disgustato dalla trivialità della politica getta in faccia ai politici e ai giornalisti. Pansa cerca di spiegare e di capire, attraverso lo scetticismo, come stiano le cose e quale futuro esse ci preparino. Anche lui ci lancia, come fece Radio Londra, «alcuni messaggi». Capiremo?

Carta straccia 
    Rizzoli, pag. 412, € 19,90

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Duathlon Kids: festa al Campus con 500 bambini e ragazzi

Sport

Duathlon Kids: festa al Campus con 500 bambini e ragazzi Foto

Medesano: al Bar sport come in Cina

pgn

Medesano: al Bar sport come in Cina Foto

Belen in vestaglia in Qatar

Moto Gp

Belen in vestaglia in Qatar Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Premio Gazzarock 2017: sono aperte le iscrizioni

MUSICA

Premio Gazzarock 2017: sono aperte le iscrizioni

Lealtrenotizie

ponte romano

Parma

Ponte Romano: al via la riqualificazione. Previsto parcheggio da 40 posti sotto la Ghiaia

Lavori fino all'autunno: posata la prima pietra

1commento

Parma

Spacciatore arrestato dai carabinieri dopo sei anni di "lavoro"

Accertate almeno 750 cessioni di eroina dal 2011: in cella 36enne tunisino

2commenti

polizia municipale

Passante aggredito da un pitbull in zona stazione

2commenti

Corniglio

Lupo morto avvelenato

4commenti

TORRILE

San Polo, rubano un'auto e la «riportano» distrutta

Degrado

Gli spacciatori ora assediano Piazzale Dalla Chiesa

12commenti

Carabinieri

Fidenza: donna trovata morta in piazza Gioberti

LEGA PRO

Il Parma riparte dal poker di Gubbio

Parma

Il nuovo volto della diocesi: 56 maxi parrocchie per unire i fedeli 

Bologna

Prostituta uccisa a colpi di pistola: confessa un 55enne di Parma

Francesco Serra si era invaghito della 30enne romena Ana Maria Stativa, trovata senza vita a casa sua

Intervista esclusiva

Raffaele Sollecito: «Ho scelto Parma per lavoro»

Il delitto di Meredith, il processo, l'assoluzione, il rapporto con Amanda. Ecco l'intervista completa

24commenti

tg parma

Giuseppe Buttarelli ce l'ha fatta: da Colorno a Fontanellato contro la Sla Video

Gazzareporter

Campana del vetro con... piumino invernale Foto

Parma

Autovelox e autodetector: ecco dove saranno fino a venerdì

Noceto

«Al Pioppo», quel luogo dell'anima

Comune

Taglio alla Cosap del 10%

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Chi ha interesse a volere la realtà percepita

1commento

EDITORIALE

L'esempio di Londra contro il terrorismo

di Francesco Bandini

ITALIA/MONDO

Rimini

Cadavere nel trolley: non è la cinese scomparsa in crociera. La vittima è morta di stenti

frosinone

Difende la fidanzata, massacrato di botte: muore 20enne 

3commenti

SOCIETA'

CONSIGLI

Incontri ravvicinati con i cinghiali? Usate la strategia del torero

TV PARMA

Sembra ieri: 1988 - Ferragosto parmigiano

SPORT

MOTOGP

Moto: mondiale si apre all'insegna di Viñales, suo gp Qatar

formula 1

Per il trionfo di Vettel in Australia 10 milioni davanti a Rai1

MOTORI

innovazione

La Fiat 500? Adesso si può noleggiare su Amazon

NOVITA'

Non solo Suv: ecco le nuove berline e wagon del 2017