12°

Arte-Cultura

Leggi razziali, orrori anche a Parma

Leggi razziali, orrori anche a Parma
1

 Lisa Oppici

A pochi mesi dall’uscita del suo ultimo volume (dedicato ai «quarantacinque giorni» nel Parmense) Fiorenzo Sicuri torna in libreria con una nuova pubblicazione: sempre di storiografia locale, sempre «grosso modo» su quel torno d’anni. Lo studioso parmigiano punta l’attenzione sul periodo compreso tra il 1938, l’anno delle leggi razziali, e il 1943, l’anno della caduta del fascismo: e si occupa in particolare della discriminazione degli ebrei nel nostro territorio, provando a mettere nero su bianco nomi e cifre e a delineare un quadro il più possibile analitico di un fenomeno tragico che ha interessato anche il Parmense. «L'ebreo nella soffitta. La discriminazione degli ebrei parmensi 1938-1943», pubblicato da Mattioli 1885, sarà presentato domani  alle 18 alla Libreria Feltrinelli di strada della Repubblica. Con l’autore ci saranno Ercole Camurani, curatore della collana di Mattioli 1885 «Strumenti per il lavoro storico», il direttore del Museo ebraico di Bologna Franco Bonilauri e la ricercatrice Brunella Manotti. Si comincia nell’agosto del 1938 con i primi provvedimenti (il ritiro di alcune tessere del Pnf) e poi si va avanti, privazione dopo privazione. Il tutto, almeno nei primi mesi, in una sostanziale indifferenza della popolazione, come Sicuri sottolinea in diversi passaggi. «Nel complesso, l’indifferenza quasi totale sembrava regnare nella provincia: non si colgono, nei rapporti dei questori, elementi di critica, di sdegno o di dissenso da parte della popolazione. Una collettività ebraica integrata, con robuste propensioni verso il fascismo, entrava così nella soffitta della provincia: ''l'elemento ebraico si è appartato'', come scriveva il questore e come scriverà negli anni successivi, compiendo un curioso lapsus nel declinare il verbo ''appartare'' nella forma riflessiva invece che passiva». La destituzione dal servizio di alcuni professori dell’Università, l’esclusione da circoli e associazioni, il cambio di denominazione del Teatro Reinach (che «portando un nome ebraico» dal febbraio del 1939 fu intitolato a Niccolò Paganini), le ripercussioni delle leggi razziali sulla scuola, e tanto altro ancora. Privazione dopo privazione, passo dopo passo, sempre più giù. Fino allo scoppio della guerra e ai campi di concentramento nel Parmense. In un progressivo inasprirsi della situazione, anche nelle relazioni dei questori: «Otto mesi dopo l’ingresso dell’Italia nella guerra mondiale, col febbraio 1941, le relazioni dei questori assumeranno altri toni e gli ebrei cominceranno a essere visti come ''acerrimi nemici del Regime'' e ''accaniti antifascisti''». Poi la presenza degli «internati liberi» nel Parmense e, dopo l’8 settembre, con l’occupazione tedesca, l’avvio della fase estrema della persecuzione degli ebrei: «Fra il settembre 1943 e l’aprile 1945, sappiamo che almeno settanta ebrei furono deportati dalla provincia nei campi di sterminio. [...] Fra i deportati all’estero e i carcerati in Italia che perirono, quattordici avevano fatto parte degli iscritti alla comunità ebraica parmense nell’estate del 1938: circa il dieci per cento dell’intera comunità, così com'era nell’anno delle leggi antisemite, perse la vita fra il 1943 e il 1945». Articoli usciti su quotidiani e periodici (tra questi anche quelli delle diocesi di Parma e Fidenza, in un interessante capitolo dedicato alla posizione della chiesa cattolica parmense di fronte alle leggi antiebraiche), fonti di polizia (in particolare i rapporti dei questori al Ministero dell’interno) e altri documenti: tanti. Come al solito l’attenzione alle fonti e la cura documentaria sono i tratti distintivi dell’opera di Sicuri, che proprio in questa ricchezza ha senz'altro il suo primo pregio (pregio metodologico e sostanziale) e che anche in questo caso si pone come mattone di rilievo in un percorso di ricostruzione storica che per il Parmense in alcuni tratti è ancora lacunoso. 
L'ebreo nella soffitta - Mattioli 1885, pag. 9012,00

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • bongo

    05 Maggio @ 13.55

    Un altro libro sulle ingiustizie e sofferenze patite dagli israeliti nella II guerra, anche a Parma! Il tema comincia francamente a stufare: sembra che abbiano sofferto solo loro. Una sofferenza speciale, unica, superiore, a cui bisogna dedicare sempre nuovi libri. E le sofferenze degli altri popoli, vincitori e vinti? E le sofferenze e ingiustizie subite dalle altre minoranze? Hanno meno valore? Ecco l'ennesimo tomo sulle sofferenze degli ebrei , proprio quelli che in Palestina stanno umiliando e segregando quei poveracci dei palestinesi (a casa loro!), rubando loro la terra e costruendo muri divisori alti nove metri. Altro che leggi razziali!! Ad ogni modo,visto che il libro presentato è di 9012 pagine e peserà un quintale - e dunque servirà una carretta per portarselo a casa - ne farò a meno!

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

«Leone di Lernia, non mollare»

E' grave

«Leone di Lernia, non mollare»

Canale 5, Ceccherini abbandona l'Isola dei Famosi

Foto Ansa

isola dei famosi

Ceccherini litiga con Raz Degan e se ne va. Televoto: sms risarciti

1commento

Velluto rosso

VELLUTO ROSSO

Il rugby irrompe in scena. E arriva il "bello" Sergio Muniz

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Il Carnevale della Pappa

LA PEPPA

Ricette in video: Nodini dell'amore per carnevale Video

di Paola Guatelli

Lealtrenotizie

Via Venezia, pensionata scippata

CRIMINALITA'

Via Venezia, pensionata scippata

Finto tecnico

Ancora un'anziana truffata

Ospedale Maggiore

La nuova vita di Denis inizia a Parma

Salsomaggiore

Gli ambulanti protestano: «Troppo sacrificati»

CARABINIERI

Sid, il cane antidroga a caccia di dosi nel greto della Parma

Vandalismi

Si sveglia e trova l'auto devastata

Traversetolo

Cazzola, i ladri tornano per la terza volta

Associazioni

Arci Golese, la casa comune di Baganzola

Estorsione

Chiede soldi all'ex amante per non pubblicare foto "compromettenti": 28enne parmigiana patteggia

Inchiesta

Multe, Parma fra le città che incassano di più: è terza in Italia Dati 

Quattroruote pubblica la top ten 2016 delle città dove gli automobilisti sono più "tartassati"

5commenti

Il fatto del giorno

L'ultima verità sulla legionella

2commenti

Allarme

Quei 40 bambini «scomparsi» dalle classi

6commenti

Parma

La Corte dei Conti contesta a Pizzarotti la nomina del Dg del Comune

Lo ha annunciato il sindaco su Facebook: "Esposto di un esponente dei Pd. Sono tranquillo"

4commenti

Giustizia

Tar in via di estinzione? I ricorsi calano del 20% all'anno Video

Intervista: Sergio Conti, presidente del Tar di Parma, fa il punto nel giorno dell'apertura dell'anno giudiziario

3commenti

Marche

Due parmigiane fra le macerie per salvare le opere d'arte: "Situazione inimmaginabile"

PARMA

Si fa prestare lo scooter e scippa tre anziane: arrestato giovane indiano

Una delle vittime, cadendo, è finita al Maggiore con il bacino fratturato e oltre un mese di prognosi

5commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Le deprimenti liti dei politici

11commenti

EDITORIALE

L'avventura di un giorno senza telefonino

di Patrizia Ginepri

ITALIA/MONDO

SPAGNA

Discoteca offre 100 euro alle donne senza slip, è polemica

tv

Rai: anche per gli artisti arriva il tetto degli stipendi

SOCIETA'

CHICHIBIO

«Trattoria al Teatro», tutto il buono della tradizione

Fotografia

Scatti al bar per impersonare... la quotidianità

SPORT

Europa League

Harakiri Fiorentina: il Borussia vince 4-2 e passa il turno

Calcio

I play-off di Lega Pro: ecco come funzionano

MOTORI

ALFA ROMEO

Stelvio, il Suv del Biscione. Da 50.800 euro Video

SALONE

Ginevra, 126 anteprime La guida