10°

20°

Arte-Cultura

Camicia rossa e penna

Camicia rossa e penna
0

 di Paolo Ferrandi

 

Per molti italiani il nome associato alla nascita del «Corriere della Sera», il più autorevole e venduto quotidiano italiano, è quello di Luigi Albertini, il giornalista che portò all’inizio del secolo scorso il giornale milanese al primato e che fu - assieme al fratello Alberto - costretto ad abbandonare la sua «creatura» dal fascismo. Benito Mussolini, ormai al potere e il cui movimento stava consolidandosi in regime, infatti, costrinse i fratelli Crespi, proprietari della maggioranza delle quote societarie del «Corriere», a sbarazzarsi di Albertini, considerato un giornalista troppo indipendente per sopportare la mordacchia che stava per essere imposta a tutta la stampa italiana. Non molti sanno, però, che il «Corriere della Sera» fu fondato il 5 marzo del 1876, molti anni prima dell’arrivo di Albertini a Milano, da un giornalista di origini napoletane, Eugenio Torelli Viollier. Fu Torelli, tra l’altro, ad assumere Albertini al «Corriere» nel 1896 come segretario di redazione e a far capire - poco prima della sua morte, avvenuta il 26 aprile 1900 - di considerarlo il suo successore. Il libro di Massimo Nava, che ricostruisce la vita avventurosa di Torelli Viollier, colma quindi un importante vuoto, anche perché il «Corriere» di Albertini non è pensabile senza il «Corriere» di Torelli Viollier; anzi, per molti versi, Albertini porta a compimento il disegno originario di Torelli, cioè quello di fare un quotidiano «conservatore e moderato, ma al tempo stesso attento al progresso» come auspicato dalla dichiarazione d’intenti scritta dal fondatore sul primo numero del giornale.  Nava descrive, però, anche la prima parte della vita di Torelli che - nato a Napoli il 26 marzo 1842 e rimasto orfano giovanissimo - fu allevato, assieme ai fratelli, dalla sorellastra Luisa. Il giovane nel 1860 si unì ai garibaldini e prese parte alla campagna che portò alla fine dello stato borbonico. Per un breve periodo entrò a far parte della pubblica amministrazione, ma la svolta della sua vita fu l’incontro con Alexandre Dumas padre. Lo scrittore francese, infatti, aveva seguito la spedizione di Garibaldi ed era diventato direttore di un quotidiano pubblicato a Napoli, l’«Indipendente». Torelli, che era di madre francese, divenne il suo segretario personale, una specie di factotum che si occupava di tutto: dal disbrigo della corrispondenza, alla traduzione degli articoli di Dumas; dalla cura delle pratiche amministrative, alla fattura del giornale. L’«Indipendente» era dominato dalla statura gigantesca del direttore e - per la maggior parte «fatto con le forbici», cioè prendendo le notizie dalle altre gazzette - viveva grazie gli articoli di Dumas, che con il suo stile denso e torrenziale, costituiva la vera attrattiva per i lettori. Il quotidiano, naturalmente, non era autonomo dal punto di vista finanziario e dipendeva dai soldi messi a disposizione da Garibaldi. Quando il progetto mostrò la corda, Dumas decise di tornare a Parigi e Torelli lo seguì. Il giovane patriota napoletano venne in contatto con un ambiente cosmopolita e cominciò a capire - grazie all’esempio dei quotidiani che si pubblicavano nella capitale francese - che il giornalismo stava professionalizzandosi e che l’editoria poteva diventare un’importante attività industriale. Torelli decise di lasciare il lavoro con Dumas, che progettava un viaggio negli Stati Uniti, e, accentando un’offerta di Sonzogno che aveva conosciuto a Parigi, tornò in Italia e si trasferì a Milano come direttore di due riviste dell’editore milanese. La prima direzione di Torelli non ebbe il successo sperato e ben presto il giornalista napoletano si ritrovò redattore del «Secolo», il quotidiano più importante di Milano, sempre di proprietà di Sonzogno. Ma l’orientamento progressista e «scapigliato» della testata non si addiceva al suo carattere e alle sue convinzioni, che con gli anni erano diventate sempre più moderate, quindi Torelli se ne andò, innescando una polemica con la redazione del «Secolo» che con l’andare degli anni assunse toni sempre più personali e sgradevoli, tra accuse, cause in tribunale e duelli al primo sangue. Alla fine, dopo alcuni anni difficili, Torelli ebbe l’opportunità di diventare direttore di un giornale nuovo, il «Corriere della Sera», appunto. Il libro di Nava, però, non ricostruisce solo la vita professionale di Torelli, le sue idee che stanno alla base della professionalizzazione - sull'esempio inglese e francese - del giornalismo italiano, ma tratteggia con molta finezza anche la difficile vita privata del giornalista, il matrimonio fallito con Maria Antonietta Torriani - giornalista e scrittrice che si firmava con lo pseudonimo di Marchesa Colombi -, il suicidio penosissimo di una giovane nipote, i lunghi soggiorni al lago o nelle località più alla moda (soprattutto a Salsomaggiore), la malattia agli occhi che alla fine lo costringerà - assieme alle divergenze con una parte della redazione - a lasciare la direzione del «Corriere». Eugenio Torelli Viollier morì il 26 aprile 1900, all’alba del nuovo secolo, per un attacco cardiaco. Il «Corriere della Sera» sotto la sua direzione era diventato adulto. Albertini lo avrebbe fatto diventare grande. 

Il garibaldino che fece -  il Corriere della Sera - Rizzoli, pag. 28419,50

 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Blu Trieste

Gazzareporter

Blu Trieste: le foto di Ruggero Maggi

Giovedì nozze per Alessia, prima trans a sposarsi

gossip

Giovedì nozze per Alessia, prima trans a sposarsi Gallery

Brigitte, la prof che sposò l'allievo e ora sogna l’Eliseo con Emmanuel

macron

Brigitte, la prof che sposò l'allievo e ora sogna l’Eliseo Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Fare, vedere, mangiare: ecco l'App Pgn

GIOVANI

L'App Pgn è più ricca: scaricala e scopri le novità

Lealtrenotizie

Auto ribaltata a San Ruffino: 4 feriti

Parma

Auto ribaltata a San Ruffino: 4 feriti

Comune

Ultimo Consiglio: scintille sulla questione Fiera. Bilancio comunale: avanzo di 54 milioni

Dall'Olio: "Multe per 13 milioni, il massimo di sempre". Scontro Bosi-Nuzzo. Parcheggi sotterranei mai costruiti: il Comune pagherà 661mila euro anziché 192mila

6commenti

Anteprima Gazzetta

Bocconi killer: avvelenato un cane al Parco Ducale

droga

Spacciava cocaina a Colorno: arrestato

3commenti

CREMONA

Grande commozione all'addio a Alberto Quaini

INCHIESTA

Nessun soccorso per gli animali selvatici. I cittadini: "Telefonate a vuoto mentre muoiono"

L'assessore regionale Caselli spiega che nessuna associazione del Parmense ha risposto al bando 

6commenti

lettere al direttore

"Quei ragazzini che lanciano sassi a Traversetolo"

6commenti

Parma

Coppini, sì del Consiglio all'iter per l'ampliamento della sede di strada Vallazza

La minoranza si divide fra astenuti e favorevoli

Gazzareporter

Strada Beneceto: raccolta... poco "differenziata"

il caso

«Mio nipote sequestrato», scatta la denuncia della nonna

1commento

CRIMINALITA'

Scippo, anziana ferita in via Palestro

3commenti

La storia

San Secondo, a scuola in trattore

LEGA PRO

Via alla prevendita dei biglietti per il derby Parma-Reggiana

tg parma

1° Maggio: presentati gli appuntamenti di Cgil, Cisl e Uil. Manca il concertone.. Video

Università

I volti dei cadaveri diventavano maschere: libro e mostra sullo studioso Lorenzo Tenchini

In un volume la collezione ottocentesca dell’anatomico dell’Ateneo di Parma. E a ottobre al Palazzo del Governatore la mostra. “La Fabrica dei Corpi. Dall’anatomia alla robotica”

Parma

Finto dipendente dell'acquedotto truffò un'anziana: condannato a 8 mesi

L'uomo era riuscito a farsi aprire la porta di casa e a prendere gioielli in oro per un valore di circa 10mila euro. a una 80enne

4commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

La storia ci insegna. Purtroppo

1commento

REPORTAGE

La guerra delle cipolle nella sfida per l'Eliseo

di Luca Pelagatti

ITALIA/MONDO

Primarie Pd

Renzi, Emiliano e Orlando: divisi su tutto nel dibattito tv

BOLOGNA

Killer ricercato: rubato nella zona un kit di pronto soccorso

SOCIETA'

medicina

Tre tazzine di caffè al giorno diminuiscono il rischio di cancro alla prostata

IL VINO

La Freisa compie cinquecento anni. Festa con Kyè di Vajra

SPORT

BASEBALL

Gilberto Gerali general manager della Nazionale

Moto

Tragedia nel motociclismo, morto Dario Cecconi

MOTORI

NOVITA'

Toyota Yaris: l'ora del restyling

OPEL

La Insignia tutta nuova è Grand Sport