-2°

Arte-Cultura

Camicia rossa e penna

Camicia rossa e penna
0

 di Paolo Ferrandi

 

Per molti italiani il nome associato alla nascita del «Corriere della Sera», il più autorevole e venduto quotidiano italiano, è quello di Luigi Albertini, il giornalista che portò all’inizio del secolo scorso il giornale milanese al primato e che fu - assieme al fratello Alberto - costretto ad abbandonare la sua «creatura» dal fascismo. Benito Mussolini, ormai al potere e il cui movimento stava consolidandosi in regime, infatti, costrinse i fratelli Crespi, proprietari della maggioranza delle quote societarie del «Corriere», a sbarazzarsi di Albertini, considerato un giornalista troppo indipendente per sopportare la mordacchia che stava per essere imposta a tutta la stampa italiana. Non molti sanno, però, che il «Corriere della Sera» fu fondato il 5 marzo del 1876, molti anni prima dell’arrivo di Albertini a Milano, da un giornalista di origini napoletane, Eugenio Torelli Viollier. Fu Torelli, tra l’altro, ad assumere Albertini al «Corriere» nel 1896 come segretario di redazione e a far capire - poco prima della sua morte, avvenuta il 26 aprile 1900 - di considerarlo il suo successore. Il libro di Massimo Nava, che ricostruisce la vita avventurosa di Torelli Viollier, colma quindi un importante vuoto, anche perché il «Corriere» di Albertini non è pensabile senza il «Corriere» di Torelli Viollier; anzi, per molti versi, Albertini porta a compimento il disegno originario di Torelli, cioè quello di fare un quotidiano «conservatore e moderato, ma al tempo stesso attento al progresso» come auspicato dalla dichiarazione d’intenti scritta dal fondatore sul primo numero del giornale.  Nava descrive, però, anche la prima parte della vita di Torelli che - nato a Napoli il 26 marzo 1842 e rimasto orfano giovanissimo - fu allevato, assieme ai fratelli, dalla sorellastra Luisa. Il giovane nel 1860 si unì ai garibaldini e prese parte alla campagna che portò alla fine dello stato borbonico. Per un breve periodo entrò a far parte della pubblica amministrazione, ma la svolta della sua vita fu l’incontro con Alexandre Dumas padre. Lo scrittore francese, infatti, aveva seguito la spedizione di Garibaldi ed era diventato direttore di un quotidiano pubblicato a Napoli, l’«Indipendente». Torelli, che era di madre francese, divenne il suo segretario personale, una specie di factotum che si occupava di tutto: dal disbrigo della corrispondenza, alla traduzione degli articoli di Dumas; dalla cura delle pratiche amministrative, alla fattura del giornale. L’«Indipendente» era dominato dalla statura gigantesca del direttore e - per la maggior parte «fatto con le forbici», cioè prendendo le notizie dalle altre gazzette - viveva grazie gli articoli di Dumas, che con il suo stile denso e torrenziale, costituiva la vera attrattiva per i lettori. Il quotidiano, naturalmente, non era autonomo dal punto di vista finanziario e dipendeva dai soldi messi a disposizione da Garibaldi. Quando il progetto mostrò la corda, Dumas decise di tornare a Parigi e Torelli lo seguì. Il giovane patriota napoletano venne in contatto con un ambiente cosmopolita e cominciò a capire - grazie all’esempio dei quotidiani che si pubblicavano nella capitale francese - che il giornalismo stava professionalizzandosi e che l’editoria poteva diventare un’importante attività industriale. Torelli decise di lasciare il lavoro con Dumas, che progettava un viaggio negli Stati Uniti, e, accentando un’offerta di Sonzogno che aveva conosciuto a Parigi, tornò in Italia e si trasferì a Milano come direttore di due riviste dell’editore milanese. La prima direzione di Torelli non ebbe il successo sperato e ben presto il giornalista napoletano si ritrovò redattore del «Secolo», il quotidiano più importante di Milano, sempre di proprietà di Sonzogno. Ma l’orientamento progressista e «scapigliato» della testata non si addiceva al suo carattere e alle sue convinzioni, che con gli anni erano diventate sempre più moderate, quindi Torelli se ne andò, innescando una polemica con la redazione del «Secolo» che con l’andare degli anni assunse toni sempre più personali e sgradevoli, tra accuse, cause in tribunale e duelli al primo sangue. Alla fine, dopo alcuni anni difficili, Torelli ebbe l’opportunità di diventare direttore di un giornale nuovo, il «Corriere della Sera», appunto. Il libro di Nava, però, non ricostruisce solo la vita professionale di Torelli, le sue idee che stanno alla base della professionalizzazione - sull'esempio inglese e francese - del giornalismo italiano, ma tratteggia con molta finezza anche la difficile vita privata del giornalista, il matrimonio fallito con Maria Antonietta Torriani - giornalista e scrittrice che si firmava con lo pseudonimo di Marchesa Colombi -, il suicidio penosissimo di una giovane nipote, i lunghi soggiorni al lago o nelle località più alla moda (soprattutto a Salsomaggiore), la malattia agli occhi che alla fine lo costringerà - assieme alle divergenze con una parte della redazione - a lasciare la direzione del «Corriere». Eugenio Torelli Viollier morì il 26 aprile 1900, all’alba del nuovo secolo, per un attacco cardiaco. Il «Corriere della Sera» sotto la sua direzione era diventato adulto. Albertini lo avrebbe fatto diventare grande. 

Il garibaldino che fece -  il Corriere della Sera - Rizzoli, pag. 28419,50

 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Malore alle prove del concerto: operato Al Bano

Roma

Malore alle prove del concerto: operato Al Bano

Chiara Ferragni regina Instagram 2016, in top Papa e Fedez

2016

La Ferragni regina di Instagram. Secondo? Vacchi. C'è il Papa

Raffaella Fico: "Sposerò Moggi"

Gossip Sportivo

Raffaella Fico: "Sposerò Moggi"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Ristoranti - La Zagara

CHICHIBIO

Ristoranti - La Zagara: cucina, pizza e dolci di qualità

di Chichibio

Lealtrenotizie

Arrivano i carabinieri: ladri in fuga

TRAVERSETOLO

Ladri in azione a colpi di mazza nel negozio. Poi la fuga

Rugby

Zebre sconfitte dal Tolosa e... dalla nebbia. Partita sospesa dopo 63 minuti

Poviglio

Fanno esplodere il bancomat: filiale semidistrutta, caccia all'uomo fra Parma e Reggio  Video

1commento

Parma Calcio

D'Aversa: "Vinta una partita, non risolto i problemi". I convocati

Domani, al Tardini (14.30) il Teramo. Le altre partite del Girone B

Polemica

In via d'Azeglio scoppia il caso «supermarket»

11commenti

Parma

Elvis e Raffaele hanno celebrato l'unione civile: "Ora siamo una famiglia"

Cerimonia nella Palazzina dei matrimoni con il vicesindaco

"Veterani dello sport"

A Malori il premio Atleta dell'anno

Per il 2015: a febbraio non aveva potuto ritirarlo per l'incidente

WEEKEND

Bancarelle, spongate, cioccolato: gli appuntamenti a Parma e provincia

Parma

Il «Galà dell'anolino» diventa un reality show Video

Una giuria formata da grandi esperti sceglierà il miglior galleggiante

viabilità

Ecco dove saranno gli autovelox la prossima settimana

1commento

Tg Parma

Polveri sottili, bilancio positivo: metà sforamenti rispetto al 2015 Video

Sorbolo

Sedicenne terribile autore di due «spaccate»

13commenti

Scuola

Il Romagnosi compie 156 anni

1commento

Fidenza

Ubriaco si schianta contro un albero. Poi la bugia: "Rapito e costretto a bere" 

4commenti

IL CASO

Spray urticante, ennesimo caso in discoteca

E' accaduto mercoledì al Campus Industry

3commenti

Gazzareporter

Un sabato gelido con la nebbia

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Quando le notizie false diventano un'epidemia

di Paolo Ferrandi

IL DIRETTORE RISPONDE

Quelli che «Io? Mai stato renziano»

4commenti

ITALIA/MONDO

PIACENZA

Fanno la saltare cassa ma bruciano i soldi e rompono l'auto per la fuga

Brescia

Neonata abbandonata in strada

WEEKEND

IL CINEFILO

Da "Captain Fantastic" a "Non c'è più religione": i film della settimana

45 ANNI DOPO

Tarkus, il capolavoro di Emerson Lake & Palmer

SPORT

sci cdm

Goggia 2ª in gigante Sestriere, vince Worley

IL RICORDO

Trent'anni senza Bruno Mora

MOTORI

AL VOLANTE

I consigli utili per guidare nella nebbia

3commenti

novità

Dal cilindro di Toyota esce C-HR, il Suv per tutti