Arte-Cultura

Il racconto della domenica - Tra le rughe della memoria

Ricevi gratis le news
0

Marta Silvi Bergamaschi

Ore otto. Non ricordava esattamente quale giorno di maggio fosse: non importa, pensò Manuela. Infilò uno dei suoi borghi preferiti e prese a camminare. Le case allineate basse, le persiane antiche spalancate, i davanzali fioriti di colori accesi, le severe porte chiuse le procuravano un senso di pace. Nessuna stravaganza edilizia aveva disturbato la semplice austera bellezza delle vetuste case. Per fortuna! Ma dove era diretta Manuela? «Si deve utilizzare il tempo giacché rapidi fuggono i giorni». Parole di Ovidio. Ha perfettamente ragione. «Utendum est aetate… ecc». Manuela s’inceppa: pazienza! Innamorata del primo mattino, percorreva i borghi dove ancora esistevano piccoli negozi amici a quell’ora non aperti. L’estate imminente già si dondolava lieve nell’aria, come una neonata farfalla. Ed ecco uscire da un portone spalancato, cupo e solitario, un intenso, secco odore di polvere misto a un languore dolce, lontanissimo e così vicino che le salì in gola. Un rigurgito del passato che non riusciva a razionalizzare? Sentì dentro se stessa un minuscolo sorcio che cercava di afferrare un dono prezioso: frugava e incontrava nei fluidi cieli della memoria vaghi ghirigori, dorate fantasie.
Manuela udì improvvisa la voce di sua madre: la bella, limpida voce, giovane e armoniosa. «Ti raccomando le bambine - diceva a una cugina più grande di lei e di sua sorella, la cugina anziana, la chiamavano: aveva forse vent’anni _ il bagno sia corto, cortissimo. E’ maggio, ancora non è estate, lo sai bene». Andavano al fiume, un chilometro circa fuori paese. Le biciclette erano pronte, cariche di borse gonfie di salviette e di merende. Quale dono prezioso! Il fiume splendido e misterioso scorreva limpido tra bianchi sassi e cespugli di fiori selvatici. E i boschi, dove profumavano lunghi grappoli di gaggie e crescevano piante di amarene e more e uva spina (gratuiti regali dell’intonsa natura) pareva lo volessero proteggere da voci e presenze. Il fiume! L’amico più caro, luogo di giochi, di libertà e di gioia. Appena fuori paese aspettava Filiberto, l’amico di Rosa «la cugina anziana». Filiberto mostrava, con dignitosa spavalderia, una nuova bicicletta a motore. Toccava uno strano «arnese» e … via , la bicicletta andava senza bisogno di pedalare. Filiberto diceva: «Ecco, vi presento il mio motorino». Si esibiva in brevi corse, in frenate improvvise: loro guardavano ammirate sulla strada di polvere, che s’alzava da terra soffice come borotalco con l’odore secco, arso che preannunciava l’estate. Il grano era già alto, le spighe gonfie, con un lento ondeggiar delle reste , evocavano il candido, gonfio pane che si faceva in casa: e il forno di Ovidio lo cuoceva. Manuela era felice, così felice di vivere che prese a cantare. La sua voce volò sui prati, lungo la strada stupita: brani di canzoni erano sospesi nell’aria come bolle di sapone. Quindi si fermò e riprendendo a cantare, chiese a Filiberto: «Me – lo – fai – provare – il – tuo – motorino?» – Calò un attimo di silenzio. Si fermarono lungo l’argine, sotto un sole alto e rosso come un’arancia matura. La sorellina di Manuela, Clio, scrollava la testa, le lunghe trecce dondolavano come due serpentelli, i grandi occhi castani s’incupirono. Clio era preoccupata. Filiberto e Rosa decisero che Manuela sarebbe salita sul motorino. Infatti ci salì e dopo pochi metri, cadde, proprio davanti agli enormi zoccoli di un paio di buoi che trainavano un carro, un urlo tagliò l’intatto silenzio. Filiberto corse, la rialzò, i capelli e il viso bianchi di polvere, un ginocchio malamente ferito. Addio fantastico fiume!
Tornarono a casa. La mamma le fece il bagno, la disinfettò; un’alta fascia bianca le ornò il ginocchio. Lei ne era fiera. Non aveva pianto. Mi sono fatta male, pensò. Ne era contenta. Era, di colpo, diventata grande! Ora che una vita era trascorsa Manuela si chiese: perché ero contenta? Nessuna risposta. Concluse: i bambini sono imprevedibili. E, tra le rughe della memoria, i ricordi diventano sprazzi luminosi, fiumi d’immaginazione, sogni bellissimi e strazianti. L’accompagnarono lungo il borgo quel mattino di maggio così celeste e intenso.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

L'annuncio di Ilary Blasi: "Nadia Toffa è tornata a casa"

Nadia Toffa

LE IENE

L'annuncio di Ilary Blasi: "Nadia Toffa è tornata a casa"

Jurassic world

CINEMA

In missione per salvare i dinosauri: ecco il nuovo Jurassic World Video

Seredova su Buffon: "Sto meglio da cornuta"

Gossip Sportivo

Seredova su Buffon: "Sto meglio da cornuta"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Autovelox

PARMA

Autovelox e autodetector: ecco dove sono

1commento

Lealtrenotizie

E' morta Giulia, la 15enne investita da un'auto a Corcagnano

I rilievi dopo l'incidente

PARMA

Non ce l'ha fatta Giulia, la 15enne investita da un'auto a Corcagnano

I genitori hanno autorizzato la donazione degli organi

1commento

violenza sessuale

Arrestato insegnante di musica parmigiano: i due anni da incubo di un'allieva

2commenti

protagonista

Colorno, il maresciallo si getta nel torrente e salva un 35enne

Ieri mattina la storia a lieto fine nella frazione di Copermio

1commento

dopo la piena

Ecco com'è oggi Colorno: il video dall'alto

bassa

Reggia devastata dall'acqua: studenti Alma e volontari al lavoro Video

Sospesa l'attività didattica della scuola di cucina italiana

solidarietà

"Chi vuole ospitare sfollati di Lentigione?": Sorbolo e Mezzani aprono uno sportello

Tre giorni per ripristinare l'argine dell'Enza. Boretto: revocato l'ordine di evacuazione di Santa Croce

dopo l'alluvione

Lentigione, 100 carabinieri per evitare sciacallaggi. Risveglio nel fango: il video

colorno

Approfittano del caos dovuto alla piena per svaligiare due case Video

ALLUVIONE

Piene record, perché e come è successo

7commenti

Piena Enza

Immergas, danni ingenti. Amadei: «Ripartiremo con più forza»

TEATRO REGIO

La fotogallery del concerto della Mannoia

polizia municipale

Irregolarità e cibi avariati: 11 sospensioni di attività e 100 persone identificate in tre mesi Video

Due esercizi sono stati chiusi definitivamente, per altri 9 è scattata la chiusura temporanea

MORI' 31 ANNI FA

Mora: perché Parma non capì il suo talento?

118

Altro incidente sulla Massese: schianto a Torrechiara, un ferito

5commenti

parma calcio

Verso Parma-Cesena, D'Aversa si affida a difesa e Insigne Video

CAPODANNO

Fedez verso la Piazza

3commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

I bitcoin spiegati a tutti. Ecco perché sono da maneggiare con cura

di Aldo Tagliaferro

CHICHIBIO

«Trattoria I Du Matt», cucina parmigiana di qualità

di Chichibio

ITALIA/MONDO

SVIZZERA

Scontro auto-camion: due morti nel tunnel del San Gottardo

usa

Il democratico Jones sconfigge Moore, schiaffo per Trump

SPORT

Ciclismo

Choc nel ciclismo, Chris Froome positivo

VIDEO

La Cittadella del Rugby ospita la Rugby Reggio. Parla il coach Manghi

SOCIETA'

social network

Il selfie della ragazza con cancro alla pelle: la campagna di prevenzione è virale

ospedale

A casa dopo 57 giorni il 15enne in arresto cardiaco salvato al Maggiore

4commenti

MOTORI

VOLKSWAGEN

La Polo? Con 200 Cv diventa GTI Fotogallery

SICUREZZA

Crash test EuroNCAP, alla cara vecchia Fiat Punto zero stelle