18°

33°

Arte-Cultura

Il racconto della domenica - Tra le rughe della memoria

Ricevi gratis le news
0

Marta Silvi Bergamaschi

Ore otto. Non ricordava esattamente quale giorno di maggio fosse: non importa, pensò Manuela. Infilò uno dei suoi borghi preferiti e prese a camminare. Le case allineate basse, le persiane antiche spalancate, i davanzali fioriti di colori accesi, le severe porte chiuse le procuravano un senso di pace. Nessuna stravaganza edilizia aveva disturbato la semplice austera bellezza delle vetuste case. Per fortuna! Ma dove era diretta Manuela? «Si deve utilizzare il tempo giacché rapidi fuggono i giorni». Parole di Ovidio. Ha perfettamente ragione. «Utendum est aetate… ecc». Manuela s’inceppa: pazienza! Innamorata del primo mattino, percorreva i borghi dove ancora esistevano piccoli negozi amici a quell’ora non aperti. L’estate imminente già si dondolava lieve nell’aria, come una neonata farfalla. Ed ecco uscire da un portone spalancato, cupo e solitario, un intenso, secco odore di polvere misto a un languore dolce, lontanissimo e così vicino che le salì in gola. Un rigurgito del passato che non riusciva a razionalizzare? Sentì dentro se stessa un minuscolo sorcio che cercava di afferrare un dono prezioso: frugava e incontrava nei fluidi cieli della memoria vaghi ghirigori, dorate fantasie.
Manuela udì improvvisa la voce di sua madre: la bella, limpida voce, giovane e armoniosa. «Ti raccomando le bambine - diceva a una cugina più grande di lei e di sua sorella, la cugina anziana, la chiamavano: aveva forse vent’anni _ il bagno sia corto, cortissimo. E’ maggio, ancora non è estate, lo sai bene». Andavano al fiume, un chilometro circa fuori paese. Le biciclette erano pronte, cariche di borse gonfie di salviette e di merende. Quale dono prezioso! Il fiume splendido e misterioso scorreva limpido tra bianchi sassi e cespugli di fiori selvatici. E i boschi, dove profumavano lunghi grappoli di gaggie e crescevano piante di amarene e more e uva spina (gratuiti regali dell’intonsa natura) pareva lo volessero proteggere da voci e presenze. Il fiume! L’amico più caro, luogo di giochi, di libertà e di gioia. Appena fuori paese aspettava Filiberto, l’amico di Rosa «la cugina anziana». Filiberto mostrava, con dignitosa spavalderia, una nuova bicicletta a motore. Toccava uno strano «arnese» e … via , la bicicletta andava senza bisogno di pedalare. Filiberto diceva: «Ecco, vi presento il mio motorino». Si esibiva in brevi corse, in frenate improvvise: loro guardavano ammirate sulla strada di polvere, che s’alzava da terra soffice come borotalco con l’odore secco, arso che preannunciava l’estate. Il grano era già alto, le spighe gonfie, con un lento ondeggiar delle reste , evocavano il candido, gonfio pane che si faceva in casa: e il forno di Ovidio lo cuoceva. Manuela era felice, così felice di vivere che prese a cantare. La sua voce volò sui prati, lungo la strada stupita: brani di canzoni erano sospesi nell’aria come bolle di sapone. Quindi si fermò e riprendendo a cantare, chiese a Filiberto: «Me – lo – fai – provare – il – tuo – motorino?» – Calò un attimo di silenzio. Si fermarono lungo l’argine, sotto un sole alto e rosso come un’arancia matura. La sorellina di Manuela, Clio, scrollava la testa, le lunghe trecce dondolavano come due serpentelli, i grandi occhi castani s’incupirono. Clio era preoccupata. Filiberto e Rosa decisero che Manuela sarebbe salita sul motorino. Infatti ci salì e dopo pochi metri, cadde, proprio davanti agli enormi zoccoli di un paio di buoi che trainavano un carro, un urlo tagliò l’intatto silenzio. Filiberto corse, la rialzò, i capelli e il viso bianchi di polvere, un ginocchio malamente ferito. Addio fantastico fiume!
Tornarono a casa. La mamma le fece il bagno, la disinfettò; un’alta fascia bianca le ornò il ginocchio. Lei ne era fiera. Non aveva pianto. Mi sono fatta male, pensò. Ne era contenta. Era, di colpo, diventata grande! Ora che una vita era trascorsa Manuela si chiese: perché ero contenta? Nessuna risposta. Concluse: i bambini sono imprevedibili. E, tra le rughe della memoria, i ricordi diventano sprazzi luminosi, fiumi d’immaginazione, sogni bellissimi e strazianti. L’accompagnarono lungo il borgo quel mattino di maggio così celeste e intenso.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Telefono hackerato: on line la Vonn e Woods nudi

Il caso

Telefono hackerato: on line la Vonn e Woods nudi

Paura per Minghi: ricoverato per un'intossicazione. Tour sospeso

Lecce

Paura per Minghi: ricoverato per un'intossicazione. Tour sospeso

Hydro jet

estate

Fa il "figo" con l'hydrojet, ma finisce male

1commento

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Osteria dl’Andrea

CHICHIBIO

«Osteria dl’Andrea», cucina casalinga della tradizione

di Chichibio

Lealtrenotizie

Ladri ancora in azione all'ospedale

ospedale

Ladri ancora in azione: rubati dei computer al Rasori Video

Il furto è stato compiuto nella notte al Day hospital pneumologico

1commento

polizia

Blitz nella notte nelle zone calde a Parma: 82 grammi di droga sequestrati, 5 espulsioni

7commenti

COLORNO

"E' morto assiderato", il piranha del canale Galasso diventa un caso giudiziario

14commenti

Anteprima Gazzetta

Emergenza terrorismo a Parma: il punto con l'assessore Casa

calcio

Antiterrorismo e viabilità, cambia la zona-Tardini (venerdì il "debutto") - La mappa

Posizionate le fioriere anti intrusione in centro - Video

mercato

Matri, è il giorno della firma? Ma il Parma non molla per Ceravolo Video

opening day

Sport, italianità e lealtà: venerdì taglio del nastro della B al Tardini

Prima del match Parma-Cremonese cerimonia con giuramento dei capitani e inno nazionale

1commento

serie B

Sondaggio: vi piace il tris di maglie del Parma?

6commenti

IL CASO

Il laghetto di Scurano potrebbe sparire

Vignali: "I boschi dell'Appennino stanno seccando" Video

Governo

Politiche sull’acqua: Berselli nominato alla guida del nuovo distretto padano

Accorpate le vecchie autorità di bacino, la sede del nuovo distretto resterà a Parma

LA STORIA

Traversetolese salva un uomo che sta annegando e lo rianima

2commenti

Fontevivo

Tre rottweiler liberi: paura in paese

1commento

via Spezia

Scoppia la gomma del bus: paura e...ritardo

4commenti

Fontevivo

Arrivano i nomadi: sgombero lampo

11commenti

tardini

Il Parma si presenta: sotto la Nord cori e festa per la squadra e le nuove maglie

Faggiano: "Matri, abbiamo il sì del giocatore ma il Sassuolo se lo vuole tenere"

stadio tardini

Una "passione" lunga 40 anni: i Boys e i ricordi in mostra Gallery

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

I terroristi di ieri e quelli di oggi

di Michele Brambilla

EDITORIALE

La nuova mafia che occupa Parma

di Francesco Bandini

13commenti

ITALIA/MONDO

SVIZZERA

Maxi frana al confine con Valchiavenna, 100 evacuati

TRAGEDIA

Avvistati tre alpinisti morti sul Monte Bianco

SPORT

basket nba

Clamoroso scambio: Irving a Boston, Isaiah Thomas a Cleveland

Ciclismo

Vuelta, ancora un italiano: Trentin

SOCIETA'

Usa

Lo squalo attacca, panico in spiaggia

hi-tech

Twitter: l'hashtag ha 10 anni, se ne usano 125 mln al giorno

MOTORI

AUTO

Ferrari: ecco la nuova Gran Turismo V8, un omaggio a Portofino

VACANZE

Attenzione a come caricate i bagagli: si rischiano punti patente