15°

Arte-Cultura

Gli "everymen" di Bill T. Jones

Gli "everymen" di Bill T. Jones
0

Eleonora Bianchi
 Trattandosi di un intellettuale della danza come Bill T. Jones, passato con coerenza e incisività attraverso spettacoli che erano in realtà battaglie sociali e politiche, non poteva esserci retorica nella sua nuova creazione, «Fondly Do We Hope, Fervently Do We Pray» - secondo appuntamento del festival ParmaDanza del Teatro Regio.
Eppure era difficile esimersi dal rischio di un’agiografia, visto che ad ispirare lo spettacolo -  creato oltretutto su commissione, in occasione del bicentenario della nascita - è la figura di Abramo Lincoln, il presidente che più ha segnato la storia americana.  Invece Bill T. Jones e i suoi interpreti - danzatori e musicisti, tutti in scena - scelgono sì di dare voce al sedicesimo presidente degli Stati Uniti, ma anche alle figure di tanti americani comuni, everyman di ieri, oggi e domani, che come lui credono semplicemente in «un lavoro incompiuto» al quale bisogna dedicarsi, fiduciosi «nei grandi uomini e nelle grandi donne», «anche se certe cose non cambiano mai».
 Ognuno di loro ha voce, in un paese che sembra ancora dare chances a chi le merita, e soprattutto, nello spettacolo di Bill T. Jones, ha un corpo che parla ancor più delle parole sulle quali danza: uomini, donne, neri, asiatici, bianchi. Ispirati dall’afflato etico degli spirituals neri, dei discorsi di Lincoln, delle poesie di Whitman, gli assoli ci fanno ammirare, nella loro possenza, tutta l’inconsueta bellezza e la nuova armonia dei corpi della danza americana, mentre i gruppi che si elettrizzano al suono delle ballate folk o si abbandonano alle note di Mendelssohn hanno una languida scultoreità. Che emergere con forza quieta in uno spettacolo in cui la danza è racchiusa in una drammaturgia testuale, musicale e visiva predominante.
Né «Fondly Do We Hope, Fervently Do We Pray» è un’esaltazione dello spirito americano - connaturata nei cittadini statunitensi, quasi incomprensibile a noi europei - perché troppo pesante è l’inesorabilità delle cadute della storia e la colpevole fragilità delle sue figure: i dibattiti dell’epoca su cosa fare degli schiavi africani sembrano quelli sugli immigrati di oggi, mentre di Lincoln come della moglie Mary Todd non si nascondono le bassezze.
In tal modo questo spettacolo ci restituisce la ritrovata fierezza di Bill T. Jones, dei suoi artisti e di tanti come loro di essere americani, oggi che un presidente nero, ideale erede di quel Lincoln che abrogò la schiavitù, siede alla Casa Bianca. Sembra di vederlo, nell’attore alto, bello e dalla voce profonda che in abiti presidenziali d’epoca fa da doppio al danzatore che impersona Lincoln. Mentre per un attimo, dietro al duetto quasi classico di Lincoln e Mary, si scorge quell’emozionato lento che danzarono Obama e Michelle alla festa dell’elezione.
Così che in fondo pare essere proprio questo il cuore emotivo dello spettacolo: il riscatto di quello che gli americani considerano il loro peccato originale: la schiavitù razziale. «La schiavitù è passato remoto, qualcosa che lui non può ricordare ma che, in qualche modo, non può dimenticare» recita in «Fondly Do We Hope, Fervently Do We Pray»  la biografia di un artista afroamericano che somiglia tanto a Bill T. Jones.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Il lago Santo visto dal drone

Fotografia

Il lago Santo visto dal drone Foto

Velluto rosso

VELLUTO ROSSO

Il rugby irrompe in scena. E arriva il "bello" Sergio Muniz

Serenate al balcone: i vicini protestano ma "Topolino" canta ancora

Napoli

Serenate al balcone: i vicini protestano ma "Topolino" canta ancora Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

«Vini da scoprire», guida sentimentale che porta da Ancarani

IL VINO

«Vini da scoprire», guida sentimentale che porta da Ancarani

di Andrea Grignaffini

Lealtrenotizie

Maxi traffico di auto, chiesti 88 rinvii a giudizio

L'INCHIESTA

Maxi traffico di auto, chiesti 88 rinvii a giudizio

Allarme

Quei 40 bambini «scomparsi» dalle classi

Il caso

Rifiuti e videopoker nel parco

TRAFFICO METEO NEWS

Buongiorno Parma!

Traffico-Meteo-News: tutte le informazioni utili prima di uscire di casa

Lega Pro

Nuove date per i play-off

Spettacoli

Alessandro Nidi: «Sissi diventa un musical»

Salso

Maestro e alunno si ritrovano dopo 50 anni

Sicurezza

A Pilastro spuntano i dossi

Terremoto

Due parmigiane in missione per salvare l'arte dalle macerie

Parma

Investe una donna in via Venezia e si dilegua: caccia all'auto pirata

Il conducente si è fermato dopo l'incidente ma poi è ripartito: ora la polizia municipale lo cerca

1commento

TG PARMA

Corniglio: un tir resta bloccato fra le case Video

Anteprima Gazzetta

Auto di lusso rubate e rivendute all'estero: 88 richieste di rinvio a giudizio Video

Parma

"Spazio verde": quinto furto in tre anni Foto

Ricerca

Top 500: imprenditoria sana, buoni risultati per tutti i settori a Parma Video Foto

Il presidente dell'Upi Alberto Figna spiega i contenuti della ricerca

parmense

Commercialista dalla vita agiata ed evasore totale: incastrato dalla Finanza

5commenti

Inchiesta

Tecnici Bonatti uccisi in Libia: rischio di processo per 6 persone

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Le deprimenti liti dei politici

9commenti

GAZZETTA

Enogastronomia: un inserto di 6 pagine

ITALIA/MONDO

NASA

Scoperto un sistema solare con 7 pianeti simili alla Terra Foto

BIELLA

Crolla la copertura di un pilastro, muore una bambina

SOCIETA'

modena

Travestito da water, era alla guida completamente ubriaco

3commenti

Fotografia

Scatti al bar per impersonare... la quotidianità

SPORT

RUGBY

Palazzani: "Sei Nazioni, un'emozione unica. Zebre: domenica c'è l'Ulster" Video

LEGA PRO

Parma-Samb 4-2:
il film del match Video

MOTORI

motori

Ecco Stelvio, il primo suv Alfa Romeo Video

SUPERCAR

Ferrari 812 Superfast,
la nuova berlinetta da 800 Cv