Arte-Cultura

Gli "everymen" di Bill T. Jones

Gli "everymen" di Bill T. Jones
0

Eleonora Bianchi
 Trattandosi di un intellettuale della danza come Bill T. Jones, passato con coerenza e incisività attraverso spettacoli che erano in realtà battaglie sociali e politiche, non poteva esserci retorica nella sua nuova creazione, «Fondly Do We Hope, Fervently Do We Pray» - secondo appuntamento del festival ParmaDanza del Teatro Regio.
Eppure era difficile esimersi dal rischio di un’agiografia, visto che ad ispirare lo spettacolo -  creato oltretutto su commissione, in occasione del bicentenario della nascita - è la figura di Abramo Lincoln, il presidente che più ha segnato la storia americana.  Invece Bill T. Jones e i suoi interpreti - danzatori e musicisti, tutti in scena - scelgono sì di dare voce al sedicesimo presidente degli Stati Uniti, ma anche alle figure di tanti americani comuni, everyman di ieri, oggi e domani, che come lui credono semplicemente in «un lavoro incompiuto» al quale bisogna dedicarsi, fiduciosi «nei grandi uomini e nelle grandi donne», «anche se certe cose non cambiano mai».
 Ognuno di loro ha voce, in un paese che sembra ancora dare chances a chi le merita, e soprattutto, nello spettacolo di Bill T. Jones, ha un corpo che parla ancor più delle parole sulle quali danza: uomini, donne, neri, asiatici, bianchi. Ispirati dall’afflato etico degli spirituals neri, dei discorsi di Lincoln, delle poesie di Whitman, gli assoli ci fanno ammirare, nella loro possenza, tutta l’inconsueta bellezza e la nuova armonia dei corpi della danza americana, mentre i gruppi che si elettrizzano al suono delle ballate folk o si abbandonano alle note di Mendelssohn hanno una languida scultoreità. Che emergere con forza quieta in uno spettacolo in cui la danza è racchiusa in una drammaturgia testuale, musicale e visiva predominante.
Né «Fondly Do We Hope, Fervently Do We Pray» è un’esaltazione dello spirito americano - connaturata nei cittadini statunitensi, quasi incomprensibile a noi europei - perché troppo pesante è l’inesorabilità delle cadute della storia e la colpevole fragilità delle sue figure: i dibattiti dell’epoca su cosa fare degli schiavi africani sembrano quelli sugli immigrati di oggi, mentre di Lincoln come della moglie Mary Todd non si nascondono le bassezze.
In tal modo questo spettacolo ci restituisce la ritrovata fierezza di Bill T. Jones, dei suoi artisti e di tanti come loro di essere americani, oggi che un presidente nero, ideale erede di quel Lincoln che abrogò la schiavitù, siede alla Casa Bianca. Sembra di vederlo, nell’attore alto, bello e dalla voce profonda che in abiti presidenziali d’epoca fa da doppio al danzatore che impersona Lincoln. Mentre per un attimo, dietro al duetto quasi classico di Lincoln e Mary, si scorge quell’emozionato lento che danzarono Obama e Michelle alla festa dell’elezione.
Così che in fondo pare essere proprio questo il cuore emotivo dello spettacolo: il riscatto di quello che gli americani considerano il loro peccato originale: la schiavitù razziale. «La schiavitù è passato remoto, qualcosa che lui non può ricordare ma che, in qualche modo, non può dimenticare» recita in «Fondly Do We Hope, Fervently Do We Pray»  la biografia di un artista afroamericano che somiglia tanto a Bill T. Jones.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Orchestra dell'Opera Italiana stasera ospite di Mika su Rai Due

su Rai Due

L'Orchestra dell'Opera Italiana stasera ospite di Mika

Aniston rifila un "due di picche" a Pitt

invito a cena

Aniston rifila un "due di picche" a Pitt

Marito e moglie si incontrano per caso in villa di scambisti: scoppia rissa

ARICCIA

Marito e moglie si incontrano per caso in villa di scambisti: scoppia rissa

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Guida ai ristoranti 2017

nostre iniziative

Guida ai ristoranti 2017: ecco le novità

Lealtrenotizie

Parma Calcio

parma calcio

Nuovo ds, tramonta Vagnati e rispunta Faggiano

comune

Piano neve: oltre un milione e mezzo di euro e 225 mezzi pronti a partire

All'opera 110 tecnici e spalatori

martorano

Incornato da un toro: grave allevatore

Dramma

Rianimato dall'amico dopo essere stato investito: è gravissimo

PARTITI

La resa dei conti nel Pd e le elezioni

3commenti

q.re Pablo

Multa a una 78enne invalida, per i rifiuti si affidava ad un vicino

La denuncia della Cgil: “Serve più attenzione per le fasce deboli della popolazione”

22commenti

Psicologia

Bebè, il buon sonno incomincia dal lettone

collecchio-noceto

Truffa-furto del finto soccorso stradale: nuove segnalazioni

2commenti

BASSA

Lutto a Sorbolo per la morte di Ilaria, uccisa da una malattia a 30 anni

Cassazione

Omicidio Guarino, le motivazioni dell'ergastolo

Io parlo parmigiano

Un calendario tutto da ridere

ACCADEMIA

Maria Luigia e la fucina delle arti

fiere

Cibus “Connect”: ecco come sarà

Delineato il programma della nuova fiera che si terrà a Parma dal 12 al 13 aprile

traversetolo

Ucciso da forma di Parmigiano: condannato il produttore della "spazzolatrice"

Lutto

Borgotaro piange il maresciallo Bernardi

AL REGIO

Virginia Raffaele «ladra di facce»

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Gli errori, la sconfitta e la possibile rivincita

di Michele Brambilla

IL DIRETTORE RISPONDE

Il panino? Non famolo strano

ITALIA/MONDO

napoli

Stava per essere buttato nella spazzatura: neonato salvato

cagliari

Uccise i genitori adottivi, 28enne si impicca in carcere

1commento

SOCIETA'

televisione

Gabriele: da Medesano alla finale a L'eredità

storia

Scoperta la mummia della regina Nefertari al Museo di Torino

SPORT

Calciomercato

Vagnati, la Spal spaventa il Parma

16a giornata

Parma - Bassano 1-1 Gli highlights

ANIMALI

sos animali

Di chi è questo pappagallo?

sos animali

I due cagnolini Kay e Tata cercano una famiglia