15°

Arte-Cultura

"Al cavàl pisst", piatto antico

0

Lorenzo Sartorio
Solitamente, quando si parla di gastronomia parmigiana, si citano i piatti più blasonati, ma raramente  vengono celebrati   gli umili comprimari della nostra cucina come, ad esempio, quelli  a base di carne di cavallo che nella nostra città, da tempo immemorabile si mangia cruda, o cucinata in varie versioni. Comunque, il piatto forte a base di carne equina, per  noi parmigiani,  è il «cavàl pisst».
Per sgombrare il campo da ogni dubbio, è bene chiarire che a Parma, fin dai tempi più remoti, la carne di cavallo è sempre stata molto amata dal popolo. Anzi, erano solo ed esclusivamente le fasce popolari che fruivano di questo tipo di alimento snobbato, ma più che altro evitato, dalla borghesia. Altra  zona, oltre il mantovano, reggiano, piacentino e cremonese, dove si mangia carne di cavallo è il Salento dove le «rezdore» salentine cucinano in padella i famosi «straccetti» di carne unitamente ai pomodorini locali e agli aromi degli orti salentini  accarezzati dalla brezza del mare.
 Nella nostra città si ha notizia della prima macelleria di cavallo nel 1881, mentre la normativa sul consumo risale al 1873. E la prima bottega di cavallo, almeno secondo le testimonianze dei vecchi,  sarebbe quella ubicata in Via dei Farnese cuore «dedlà dal'àcua».  In questa bottega, che ha chiuso i battenti qualche anno fa, un tempo, ai lati della porta lignea, venivano appese al muro due salviette bianche e fresche di bucato («boràs») alle quali erano appesi i pezzi di carne che un barroccio, arrancando sul Ponte di Mezzo, portava a destinazione.
 Una bella testa di purosangue in muratura campeggia ancora sopra la porta del negozio (ora destinato ad altri usi) incastonato nel secentesco Palazzo Roccon, proprio ad indicare che lì si vendeva  «al pisst».   Una bottega, quella di via dei Farnese,  che per tanti anni vide dietro il banco due anime belle: Marco e Rosetta Fedi. Altra storica macelleria equina, grazie a Dio ancora in funzione, è quella di Borgo del Gesso (Via Ferdinando Maestri) incastonata in quella fettina di casa antica dove un tempo,  abitò Giovannino Guareschi e che qualche anno fa  Giuliano Montagna Guareschi, figlio dello scrittore, fece ricordare con una lapide.
Una bottega, quella di borgo del Gesso, dove i simpatici «pcär» Gianni e Marcello,  dispensano «badilädi äd pisst» e tanta simpatia. Altre due macellerie antiche sono quelle dell’Olga,  da sempre nel «pianeta Ghiaia»,  e quella di strada D’Azeglio  davanti alla «céza di Stimatèn» dove gli arzilli «cavalär»,  marito e moglie, fanno onore alle tradizioni parmigiane con il loro dialetto e il loro sorriso.
 In tutti i modi la carne di cavallo, a Parma, è sempre stata un cibo molto gradito sia crudo (condito con olio e limone), che cotto (bistecche, «vécia» con pevrón e pòmm da téra») oppure anche stracotto per il ripieno degli anolini secondo un’antica ricetta popolare riscoperta da Laura Terenzani.  «Al pisst», comunque,  ha sempre rivestito un ruolo importante nella cucina parmigiana.
A parte le robuste colazioni  di fornai,  ortolani, scariolanti, facchini, spazzini,  che necessitavano di un buon pasto a base di macinato e pane fresco dopo levatacce ad orari antelucani,  il «cavallo pesto»,  era l'indispensabile «base» per  cucinare la «vécia»: quel piatto che un tempo profumava di vita e di buone cose i borghi della nostra Parma sia di qua che di là dal torrente.
E che dire delle polpette, sempre di carne di cavallo, patata, parmigiano, con quella magica spruzzata «äd bonjérbi» (prezzemolo) che comparivano nelle mense dei parmigiani, ma anche nelle osterie, quali fedeli compagne di frizzanti bicchieri di lambrusco?  Gli ex giovani di ieri che hanno vissuto « in diretta» l’epopea «sessantottina» ricorderanno le leggendarie polpette del «Sordo»: il mitico oste di Borgo Sorgo che le teneva addirittura nella saccoccia del suo  «impadellato» grembiule nero, mentre con l’inseparabile coppola in testa, girava fra i banchi offrendole ai clienti. 
Una tradizione, quella delle polpette di cavallo, che ora porta avanti un’altra oasi di parmigianità, il circolo «Aquila-Longhi» grazie al mitico Corradino impareggiabile facitore di polpette di cavallo all’antica e di  un risotto,  arricchito con polpettine di cavallo, che non sbaglieremmo definire al «savarin dedlà dal’ àcua».


 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Angelina Jolie mangia insetti con i figli

curiosità

Angelina Jolie ai fornelli: mangia insetti coi figli Video

arsenal

inghilterra

Mangia il panino in panchina. E il Sutton lo licenzia Video

Bebe Vio minacciata di violenza sessuale su social network

denuncia

Bebe Vio minacciata di violenza sessuale sui social network

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Lavagna, la droga e il troppo amore

EDITORIALE

I figli, la droga e una mamma "condannata" per troppo amore

di Carlo Brugnoli

12commenti

Lealtrenotizie

Collecchio, ecco come sono stati incastrati i rapinatori della Cariparma

carabinieri

Collecchio, ecco come sono stati incastrati i rapinatori della Cariparma

7commenti

procura

Bryan, nato senza gambe: chiesta l'archiviazione dell'indagine per lesioni colpose

agroalimentare

Falsi prosciutti Dop: indagati, perquisizioni. Consorzio "Parma": "Noi parte lesa"

1commento

solidarietà

Parma Facciamo Squadra: un risultato (super) da 162.700 euro

Al Regio, cerimonia di consegna dei fondi

Premio "donna sport"

Un "oro" sui libri per la Folorunso: è pure strabrava a scuola

il caso

Tep, la tempesta delle reazioni è politico-sindacale

Dalla Cgil o la Uil fino a Casapound, gli interventi sull'aggiudicazione del servizio di trasporto pubblico fa discutere

4commenti

Fisco

Condomini, l'Agenzia delle Entrate proroga la scadenza al 7 marzo

giudice

Crociati a Salò senza Baraye. Parma multato per lancio di bottigliette

1commento

Fidenza

Concari, la medicina come missione

L'intervista Il direttore dell'équipe di Ortopedia a Vaio racconta la sua esperienza: nove volte in Bangladesh

tg parma

Multe dei varchi: il Comune propone una risoluzione bonaria Video

6commenti

ente

Provincia, assegnate le deleghe. Bodria è vicepresidente

3commenti

IL CASO

Finto malato e assenteista, condannato ex infermiere del Maggiore

La corte dei conti: 24.824 euro di risarcimento

5commenti

GAZZAREPORTER

Degrado in Oltretorrente Foto

Un lettore racconta con le immagini una passeggiata abortita

8commenti

Salso

Righe blu, e la mezz'ora gratis che fine ha fatto?

1commento

Sicurezza

Parma, blitz nelle cattedrali del degrado

5commenti

scuola

Marconi, il consiglio di istituto boccia il sorteggio

La Gilda: "La politica trovi una soluzione e nuove aule"

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Le deprimenti liti dei politici

5commenti

EDITORIALE

L'ottusa burocrazia che blocca l'Italia

di Gian Luca Zurlini

ITALIA/MONDO

roma

Tassisti in piazza, cariche davanti alla sede Pd Video

avetrana

Omicidio di Sarah, confermato l'ergastolo per Cosima e Sabrina. E Michele Misseri torna in carcere

2commenti

SOCIETA'

modena

Travestito da water, era alla guida completamente ubriaco

Palermo

Blitz dei carabinieri, i rom rispondono cantando Bello Figo

4commenti

SPORT

LEGA PRO

Parma-Samb 4-2:
il film del match Video

storie di ex

Adriano, l'ultimo tabellino? Compleanno, festa da 91mila euro

MOTORI

anteprima

Nuova Kia Rio. Eccola in azione Video

SUPERCAR

Ferrari 812 Superfast,
la nuova berlinetta da 800 Cv