10°

23°

Arte-Cultura

"Al cavàl pisst", piatto antico

Ricevi gratis le news
0

Lorenzo Sartorio
Solitamente, quando si parla di gastronomia parmigiana, si citano i piatti più blasonati, ma raramente  vengono celebrati   gli umili comprimari della nostra cucina come, ad esempio, quelli  a base di carne di cavallo che nella nostra città, da tempo immemorabile si mangia cruda, o cucinata in varie versioni. Comunque, il piatto forte a base di carne equina, per  noi parmigiani,  è il «cavàl pisst».
Per sgombrare il campo da ogni dubbio, è bene chiarire che a Parma, fin dai tempi più remoti, la carne di cavallo è sempre stata molto amata dal popolo. Anzi, erano solo ed esclusivamente le fasce popolari che fruivano di questo tipo di alimento snobbato, ma più che altro evitato, dalla borghesia. Altra  zona, oltre il mantovano, reggiano, piacentino e cremonese, dove si mangia carne di cavallo è il Salento dove le «rezdore» salentine cucinano in padella i famosi «straccetti» di carne unitamente ai pomodorini locali e agli aromi degli orti salentini  accarezzati dalla brezza del mare.
 Nella nostra città si ha notizia della prima macelleria di cavallo nel 1881, mentre la normativa sul consumo risale al 1873. E la prima bottega di cavallo, almeno secondo le testimonianze dei vecchi,  sarebbe quella ubicata in Via dei Farnese cuore «dedlà dal'àcua».  In questa bottega, che ha chiuso i battenti qualche anno fa, un tempo, ai lati della porta lignea, venivano appese al muro due salviette bianche e fresche di bucato («boràs») alle quali erano appesi i pezzi di carne che un barroccio, arrancando sul Ponte di Mezzo, portava a destinazione.
 Una bella testa di purosangue in muratura campeggia ancora sopra la porta del negozio (ora destinato ad altri usi) incastonato nel secentesco Palazzo Roccon, proprio ad indicare che lì si vendeva  «al pisst».   Una bottega, quella di via dei Farnese,  che per tanti anni vide dietro il banco due anime belle: Marco e Rosetta Fedi. Altra storica macelleria equina, grazie a Dio ancora in funzione, è quella di Borgo del Gesso (Via Ferdinando Maestri) incastonata in quella fettina di casa antica dove un tempo,  abitò Giovannino Guareschi e che qualche anno fa  Giuliano Montagna Guareschi, figlio dello scrittore, fece ricordare con una lapide.
Una bottega, quella di borgo del Gesso, dove i simpatici «pcär» Gianni e Marcello,  dispensano «badilädi äd pisst» e tanta simpatia. Altre due macellerie antiche sono quelle dell’Olga,  da sempre nel «pianeta Ghiaia»,  e quella di strada D’Azeglio  davanti alla «céza di Stimatèn» dove gli arzilli «cavalär»,  marito e moglie, fanno onore alle tradizioni parmigiane con il loro dialetto e il loro sorriso.
 In tutti i modi la carne di cavallo, a Parma, è sempre stata un cibo molto gradito sia crudo (condito con olio e limone), che cotto (bistecche, «vécia» con pevrón e pòmm da téra») oppure anche stracotto per il ripieno degli anolini secondo un’antica ricetta popolare riscoperta da Laura Terenzani.  «Al pisst», comunque,  ha sempre rivestito un ruolo importante nella cucina parmigiana.
A parte le robuste colazioni  di fornai,  ortolani, scariolanti, facchini, spazzini,  che necessitavano di un buon pasto a base di macinato e pane fresco dopo levatacce ad orari antelucani,  il «cavallo pesto»,  era l'indispensabile «base» per  cucinare la «vécia»: quel piatto che un tempo profumava di vita e di buone cose i borghi della nostra Parma sia di qua che di là dal torrente.
E che dire delle polpette, sempre di carne di cavallo, patata, parmigiano, con quella magica spruzzata «äd bonjérbi» (prezzemolo) che comparivano nelle mense dei parmigiani, ma anche nelle osterie, quali fedeli compagne di frizzanti bicchieri di lambrusco?  Gli ex giovani di ieri che hanno vissuto « in diretta» l’epopea «sessantottina» ricorderanno le leggendarie polpette del «Sordo»: il mitico oste di Borgo Sorgo che le teneva addirittura nella saccoccia del suo  «impadellato» grembiule nero, mentre con l’inseparabile coppola in testa, girava fra i banchi offrendole ai clienti. 
Una tradizione, quella delle polpette di cavallo, che ora porta avanti un’altra oasi di parmigianità, il circolo «Aquila-Longhi» grazie al mitico Corradino impareggiabile facitore di polpette di cavallo all’antica e di  un risotto,  arricchito con polpettine di cavallo, che non sbaglieremmo definire al «savarin dedlà dal’ àcua».


 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Ricoverato Sobral, vincitore Eurovision 2017

Eurovision 2017

Salvador Sobral ricoverato in gravi condizioni

Tutto pronto per gli Stones a Lucca. Mozzarella compresa Le set list del tour

L'evento

Tutto pronto per gli Stones a Lucca. Mozzarella compresa Le set list del tour

Orietta Berti batte il Fisco: l’Irap le sarà rimborsata dal 1998

MONTECCHIO

Orietta Berti vince sul Fisco: le sarà restituita l'Irap pagata negli ultimi 19 anni

Notiziepiùlette

Ultime notizie

«Bagno Gelosia», il pesce secondo tradizione

Ristorante Bagno Gelosia

CHICHIBIO

«Bagno Gelosia», il pesce secondo tradizione

Lealtrenotizie

Fiamme tra Parola e Sanguinaro: alta colonna di fumo, spente le fiamme

in serata

Fiamme tra Parola e Sanguinaro: alta colonna di fumo, spente le fiamme

PARMA

Finti poliziotti picchiano e rapinano prostitute in via Emilia Ovest

Gli agenti delle Volanti sono stati contattati da una "unità di strada anti-tratta"

3commenti

OLTRETORRENTE

Scoperto a rubare biciclette, si nasconde sotto a un'auto ma la polizia lo blocca: arrestato

Un residente ha visto un 24enne marocchino, di notte, dal videocitofono e ha chiamato il 113

10commenti

anteprima gazzetta

Caso Villa Alba: nuovi sospetti

I prossimi avversari

Non solo ottimismo in laguna: "Parma, nuova rivalità"

Anticipi/posticipi

Parma-Avellino domenica 29 ottobre Il calendario fino alla 13a

arezzo

Furto di una collana d'oro, auto affittata a Parma. 27enne nei guai

Crocetta

Insegue due ladri e viene preso a pugni

8commenti

fotografia

Gazzareporter "Vacanze": vince un romantico paesaggio

nel pomeriggio

Incidente auto-minicar in p.le Volta: un 38enne al pronto soccorso

Sant'Ilario d'Enza

Si appostano in strada con ascia e coltello per un regolamento di conti: denunciati due russi

Ai carabinieri, i due uomini hanno detto "Siamo di passaggio". In realtà, da oltre un'ora si aggiravano per il paese

1commento

FIDENZA

Addio commosso a Filippo Nencini

Danza

Rebecca Bianchi nominata ètoile dell'Opera di Roma

gazzareporter

"Scena giornaliera del Maria Luigia"

AGROINDUSTRIA

Rainieri e Fabbri: “Il Ceta danneggia l’agricoltura dell’Emilia-Romagna”

PARMA

Incidente in via Rondizzoni

Sul posto il personale del 118 e i vigili del fuoco

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

GAZZAFUN

Dalla margherita alla "frutti di mare": vota le 10 pizze più buone

EDITORIALE

Migranti e tensioni, i fronti parmigiani

di Francesco Bandini

5commenti

ITALIA/MONDO

Francia

E' morta Liliane Bettencourt, lady L’Oreal: la donna più ricca del mondo aveva 94 anni

legge elettorale

Presentato il Rosatellum bis. Come funziona Video

SPORT

Aragon

Vale "idoneo", sarà in pista. L'arrivo in stampelle Video

STATI UNITI

E' morto il pugile Jake La Motta, "Toro Scatenato"

SOCIETA'

osservatorio permanente

5 Governatori di Banche centrali nell'International Advisory Board Board dei Giovani-Editori

lite a seattle

Svastica al braccio: steso con un pugno da un afroamericano

MOTORI

auto&moda

Jaguar E-Pace, Debutto con Palm Angels Fotogallery

IL DEBUTTO

Nuova Suzuki Swift, nel weekend il porte aperte